l-accordo-con-l-indonesia-e-un-modello-da-seguire
Keystone
Regazzi
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
18 min

Bus divorato dalle fiamme nei pressi di Rotsee

A bordo del torpedone, fortunatamente, vi era solo l’autista, che è riuscito a mettersi in salvo. Tragedia sfiorata oggi a mezzogiorno sulla A2
Svizzera
24 min

Nidvaldo si conferma il cantone più attrattivo per le imprese

Ticino al 24esimo posto della classifica, ma le cose stanno per cambiare. Per le persone fisiche, a svettare è sempre Zugo (davanti a Svitto)
Svizzera
2 ore

Panne di Skyguide, conseguenze milionarie per Swiss

Il Ceo Dieter Vranckx torna sul blackout di metà giugno: ‘Se subiamo un danno finanziario indipendente da noi, è giusto reclamare un risarcimento’
Svizzera
2 ore

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
3 ore

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
4 ore

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della Segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
5 ore

Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone

Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fori dall’aula la tensione resta alta
Svizzera
5 ore

Guardia alta a Berna in attesa della sentenza sui bikers

Vasto dispositivo di polizia nella capitale per l’ultimo atto del processo che vede imputati alcuni membri di Bandidos, Hells Angels e Broncos
Svizzera
15 ore

Munizioni nei laghi un rischio finanziario per la Confederazione

Da un rapporto del Controllo federale delle finanze (Cdf) sul risanamento dei siti contaminati emergono costi valutati in centinaia di milioni di franchi.
Svizzera
18 ore

Zurigo è al quarto posto delle città preferite dagli studenti

La città sulla Limmat si posiziona dopo Londra, Seul e Monaco. Lo racconta il sondaggio ‘Qs Best Student Cities Ranking’
Svizzera
20 ore

Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali

Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
21 ore

Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata

L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
21 ore

Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare

La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
22 ore

Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo

L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
22 ore

Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede

È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
22 ore

La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni

Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
laR
 
13.01.2021 - 12:51

L’accordo con l’Indonesia è un ‘modello da seguire’

Scende in campo il comitato interpartitico a favore dell’intesa. Ne parliamo con il consigliere nazionale Fabio Regazzi, presidente dell’Usam

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Molto più di un accordo doganale”, un accordo “pionieristico”, che allo stesso tempo favorisce gli scambi commerciali, rafforza l’economia svizzera e promuove la sostenibilità ambientale. Il, presidente dell’Unione svizzera delle arti e dei mestieri (Usam) e membro del comitato.

Libero scambio e sostenibilità ambientale fanno spesso a pugni. Perché invece questo accordo è un buon compromesso tra i due aspetti?

Questo è un buon accordo. Facilita gli scambi con un Paese da 265 milioni di abitanti, che conosce un forte sviluppo economico: si tratta di un mercato con un grosso potenziale per le nostre aziende. E ci permette di non focalizzare l’attenzione solo sulla Cina, che in Asia ha un ruolo dominante.

Servirà soprattutto alle grandi aziende legate all’esportazione. Cos’hanno da guadagnarci le piccole e medie imprese (Pmi) svizzere?

Non è vero. Bisogna sfatare il luogo comune secondo cui solo i grandi gruppi trarrebbero profitto dal libero scambio. Duecentomila Pmi fanno circa il 50% degli scambi commerciali [import ed export, ndr] della Svizzera. Per quanto riguarda l’Indonesia, un quarto delle esportazioni verso il Paese asiatico riguardano pezzi di meccanica, una produzione tipica delle piccole e medie imprese svizzere.

E la sostenibilità?

Tradizionalmente, gli accordi di liberi scambio si concentrano sugli aspetti prettamente economici (dazi, contingenti, ecc.). La Svizzera ha fatto un passo che non esito a definire pionieristico. Per la prima volta in un accordo di questo tipo – a livello svizzero ma, credo, anche sul piano internazionale – una riduzione dei dazi doganali viene concessa in cambio del rispetto di standard in materia di sostenibilità. E intendo sostenibilità in senso lato: non soltanto le norme ambientali, ma anche quelle sulla protezione dei lavoratori e sui diritti umani. I referendisti affermano che non è abbastanza. Io invito però a non sottovalutare il risultato raggiunto: siamo di fronte a un cambiamento di paradigma, stroncarlo sarebbe controproducente. Questo approccio innovativo potrebbe infatti fungere da modello, diventare lo standard di riferimento per future intese del genere, concluse dalla Svizzera (con il Mercosur o la Malaysia) o da altri.

Il viticoltore ginevrino Willy Cretegny, uno dei ‘padri’ del referendum, sostiene che le clausole sulla sostenibilità di questo accordo non sono altro che “fumo negli occhi”.

L’alternativa quale sarebbe?

L’olio di palma avrebbe potuto essere escluso dall’accordo. Ma è vero che l’Indonesia non ne voleva sapere...

Appunto. E allora, l’alternativa quale sarebbe? Niente. Avremmo magari potuto ottenere qualcosa di più, può darsi. Sta di fatto che questo è il risultato delle trattative. E questo accordo è indubbiamente un passo avanti, un salto di qualità rispetto alla situazione attuale. Ma soprattutto, apre nuove prospettive per i futuri accordi di libero scambio.

Il marchio Rspo, standard di riferimento per quanto riguarda la certificazione dell’olio di palma, è da molti ritenuta non all’altezza. Come si fa a fidarsi?

L’ordinanza, già messa in consultazione, contiene garanzie in questo senso.

Sempre sull’olio di palma: i referendisti deplorano l’assenza di controlli vincolanti, di sanzioni effettive e di un meccanismo per la composizione delle controversie.

Ripeto: questo è il risultato dei negoziati. Non sono in grado di dire se si poteva fare meglio. Non dimentichiamo però che l’olio di palma proveniente dall’Indonesia rappresenta una parte minima del volume complessivo di olio di palma importato in Svizzera [la materia prima viene importata in massima parte da Malaysia e Cambogia, ndr]. Se questo accordo verrà respinto, continueremo comunque a importare olio di palma dall’Indonesia; e lo faremo senza chiedere il rispetto degli standard sulla sostenibilità.

Meglio poco che niente, insomma.

Sì. La questione va vista in modo dinamico. Questo accordo pone le basi di un nuovo approccio al libero scambio. In futuro, l’asticella verrà alzata, passo dopo passo, man mano che la sensibilità dei consumatori si rafforzerà. Cominciamo adesso a mettere questa pietra angolare, così possiamo cominciare a costruire qualcosa in vista di future intese. Sarebbe miope buttare all’aria questo accordo. Miope e controproducente. Anche Mattea Meyer [consigliera nazionale e co-presidente del Ps svizzero, ndr] e Fabian Molina [consigliere nazionale del Ps e presidente dell’organizzazione di aiuto allo sviluppo Swissaid, ndr] se ne sono resi conto, cambiando idea nel frattempo. Persino Wwf, Greenpeace e Wahli [la maggiore organizzazione ambientalista indonesiana, ndr] si sono schierati a favore dell’accordo.

Non si corre il rischio di mettere ancora più sotto pressione i contadini svizzeri che producono olio di colza e girasole?

A me risulta che si tratti di prodotti complementari. L’olio di palma ha delle applicazioni che non possono essere coperte necessariamente da altri tipi di oli. I quantitativi in gioco, poi, sono esigui: l’accordo con l’Indonesia non farà triplicare i volumi di olio di palma importato in Svizzera. E se non prenderemo l’olio da lì, i bisogni della nostra economia verranno soddisfatti andando a prendere la materia prima dalla Malaysia, o da qualche altro Paese. E poi non parliamo di abrogare i dazi doganali: questi verranno semplicemente ridotti un po’, del 20-40%. Quindi sull’olio di palma rimarranno dei dazi doganali, proprio per tutelare i nostri agricoltori. Non a caso i vertici dell’Unione svizzera dei contadini sono favorevoli a quest’accordo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo libero scambio fabio regazzi indonesia olio palma
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved