tassazione-frontalieri-firmato-l-accordo
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Revoca della situazione particolare, ‘no’ dal Nazionale

La Camera del popolo ha respinto la mozione dell’Udc. Fra gli altri temi trattati oggi: la riforma Avs 21 e quella del Secondo pilastro
Svizzera
13 ore

Winterthur, sette feriti in un grave incidente sull’A1

Gli occupanti della macchina che si è schiantata contro il guardrail hanno fra i 13 e i 52 anni
Svizzera
1 gior

Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio

Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
1 gior

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
1 gior

Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti

I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
1 gior

Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria

Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
1 gior

L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi

Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
1 gior

‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’

Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
1 gior

Pochissime le morti fra i vaccinati

A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
1 gior

In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend

Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Svizzera
23.12.2020 - 14:290
Aggiornamento : 18:17

Tassazione frontalieri, firmato l'accordo

I dettagli saranno presentati alle 16.00 in conferenza stampa. L'imposta svizzera passa all'80%. La nuova intesa si applicherà solo ai "nuovi" frontalieri

a cura de laRegione

Dopo anni di discussioni, polemiche e rinvii, il nuovo accordo tra la Svizzera e l'Italia sull'imposizione dei frontalieri è stato firmato oggi a Roma dalla Segretaria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, Daniela Stoffel, e dal viceministro italiano dell'economia e delle finanze, Antonio Misiani.

La nuova intesa - alla cui negoziazione hanno partecipato anche le autorità ticinesi, vallesane e grigionesi nonché le organizzazioni sindacali e l'Associazione dei comuni italiani di frontiera - si applicherà solo ai "nuovi frontalieri", ossia coloro che giungeranno in Ticino per lavorare a partire dal momento dell'entrata in vigore dell'accordo dopo la ratifica dei rispettivi parlamenti.

Riesame ogni 5 anni

L'intesa, precisa una nota odierna della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, sarà sottoposta a riesame ogni cinque anni. Inoltre, una clausola dispone che siano previste consultazioni ed eventuali adeguamenti periodici in materia di lavoro agile/telelavoro.

Parafato cinque anni fa, l'accordo è stato in parte affinato vista l'impossibilità di firmare il testo così come uscito dalle prime trattative (forti resistenze erano state espresse in particolare dai Comuni italiani di confine e dai sindacati, n.d.r)

I principali cambiamenti

Ma cosa cambia? Oggi, sul totale delle tasse prelevate in Svizzera, i Cantoni ne rendono il 40% ai Comuni di residenza dei frontalieri in Italia (i cosiddetti ‘ristorni’). Dall’entrata in vigore – prevista per inizio 2023, salvo referendum e altri intoppi – la Svizzera preleverebbe ‘solo’ l’80% dell’imposta, ma non verserebbe più ristorni. Starebbe quindi all’Italia, una volta dedotto tale esborso, prendersi direttamente la sua parte; ciò significa che potrà tassare il reddito dei frontalieri in via ordinaria, pur evitando una doppia imposizione. Per i ‘vecchi’ frontalieri (quelli già entrati o che entreranno entro il 2023) le cose restano come stanno fino al 2033, e poi saranno assoggettati al nuovo regime.

Nel concreto, questo dovrebbe consentire al Ticino di incassare sempre di più nel corso degli anni: impossibile fare stime adeguate, ma si punta a decine di milioni di franchi di introiti aggiuntivi. L’Italia manterrà comunque il gettito attuale grazie alle sue aliquote più alte, mentre si impegna a riversare l’eventuale gettito aggiuntivo a beneficio dei comuni di confine. A rimetterci saranno i nuovi frontalieri, che dovranno fare i conti con un regime fiscale notoriamente più pesante come quello italiano.

Regime transitorio

Stando all'intesa tra Roma e Berna, coloro i quali lavorano o hanno lavorato nei Cantoni dei Grigioni, del Ticino o del Vallese nel periodo compreso tra il 31 dicembre 2018 e la data di entrata in vigore del nuovo accordo saranno considerati "attuali frontalieri".

Costoro continueranno a essere assoggettati ad imposizione esclusivamente nella Confederazione. La Svizzera verserà fino alla fine del 2033 una compensazione finanziaria a favore dei Comuni italiani di confine pari al 40% dell'imposta alla fonte prelevata dalla Svizzera. Dopo questa data, la Svizzera conserverà la totalità del gettito fiscale.

Nuovo frontaliere e clausola antiabuso

Sempre secondo l'accordo, in futuro il "lavoratore frontaliere" includerà coloro che risiedono entro 20 km dalla frontiera e che, in linea di massima, rientrano ogni giorno al loro domicilio. Tale nuova definizione si applica a tutti i frontalieri (nuovi e attuali) a partire dall'entrata in vigore dell'accordo.

Il nuovo accordo contiene una disposizione finalizzata a impedire i potenziali casi di abuso in relazione allo status di "attuale frontaliere".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved