casi-di-rigore-il-consiglio-federale-adotta-l-ordinanza
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 min

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo
Svizzera
59 min

Società digitale e inserimento socio-professionale, via a studio

La ricerca è avviata dalla Scuola universitaria professionale di Lavoro sociale di Friborgo
Svizzera
1 ora

I pazienti Long Covid contro Berna: non ci prende sul serio

Dure critiche a Consiglio federale e Ufsp: non quantificano le conseguenze a lungo termine e si concentrano solo sulla fase acuta
Svizzera
3 ore

Ffs, una vulnerabilità ha esposto un milione di dati SwissPass

Il problema, segnalato da uno specialista informatico, è stato immediatamente risolto senza alcun danno per i clienti
Svizzera
3 ore

Epatite E, boom anomalo a inizio 2021: occhi puntati sui maiali

Le infezioni, triplicate a inizio anno e poi tornate su livelli normali, sono state causate da un sottotipo del virus presente negli allevamenti suini
Svizzera
3 ore

Il 2 febbraio suoneranno le sirene per la prova annuale

Alle 13.30 verranno attivate le sirene per l’allarme generale, dalle 14.15 fino alle 15 sarà il turno delle sirene a valle di sbarramenti idrici
Svizzera
4 ore

Ancora basso il tasso di vaccinazioni sotto ai 12 anni

A livello nazionale la quota di bambini fra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose è del 5,2%, in Ticino è al 2,6
Svizzera
5 ore

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera
Svizzera
7 ore

Aziende svizzere, la sostenibilità una questione di reputazione

Secondo uno studio dell’ufficio di consulenza Deloitte le imprese svizzere si preoccupano dell’ambiente soprattutto perché temono per la loro reputazione
Svizzera
23 ore

Aiuti ai media, delegati di Pvl e Centro contro i presidenti

Alle assemblee online maggioranze piuttosto risicate a favore del pacchetto in votazione il 13 febbraio
Svizzera
23 ore

Horizon Europe, nuovo appello al Consiglio federale

Dal mondo della ricerca e dell’economia una risoluzione urgente all’esecutivo. Le conseguenze dell’esclusione della Svizzera cominciano a farsi sentire
Svizzera
1 gior

Tentativi di suicidio in netto aumento tra i giovani

Con la pandemia e le relative restrizioni imposte dalle autorità, le cifre sono schizzate verso l’alto. Oltre il 50% in più nel 2021
25.11.2020 - 15:330
Aggiornamento : 18:31

Casi di rigore, il Consiglio federale adotta l'ordinanza

Rispetto all'avamprogetto, aumentato il giro d'affari minimo da realizzare per accedere ai contributi e ritoccati o aboliti alcuni requisiti

Dopo una procedura di consultazione lampo condotta nella prima parte di novembre, il Consiglio federale ha adottato oggi l'ordinanza Covid-19 che disciplina i dettagli sui casi di rigore di Confederazione e Cantoni. All'avamprogetto sono state apportate alcune modifiche, ad esempio riguardo al fatturato minimo che un'impresa deve aver conseguito per poter richiedere i contributi.

L'ordinanza, sottolinea il governo in un comunicato, regola in particolare la modalità con cui le risorse della Confederazione saranno ripartite fra i Cantoni e le condizioni alle quali le aziende hanno diritto ad aiuti per i casi di rigore.

Dal 4 al 13 novembre, il Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha indetto una breve, a causa dell'urgenza della situazione, procedura di consultazione relativa all'ordinanza, durante la quale sono pervenuti oltre 100 pareri. L'entrata in vigore è pure prevista in tempi strettissimi, ovvero per il 1° dicembre.

Il progetto iniziale è stato modificato tenendo conto dei risultati della consultazione e del parere di entrambe le Commissioni dell'economia e dei tributi (CET). Come detto, uno dei cambiamenti concerne il giro d'affari minimo che un'impresa deve avere realizzato prima della pandemia per poter accedere ai contributi. Tale cifra è stata portata da 50'000 a 100'000 franchi: così facendo si intende evitare che le scarse risorse amministrative dei Cantoni siano utilizzate per evadere le richieste presentate dalle piccole società.

Inoltre, alcuni requisiti necessari per ricevere un aiuto sono stati ritoccati o aboliti. L'esecutivo rinuncia in particolare a quello secondo cui un eventuale credito per le fideiussioni solidali Covid-19 debba essere utilizzato integralmente. Anche i Cantoni potranno erogare a un'impresa contemporaneamente mutui e contributi a fondo perduto. L'avamprogetto invece non prevedeva la possibilità di cumulare i sostegni.

Conformemente alla legge in materia, un caso di rigore è dato quando il fatturato annuale è inferiore al 60% di quello media pluriennale. L'avamprogetto di ordinanza prevedeva che le indennità per lavoro ridotto e di perdita di guadagno per coronavirus venissero sommate al fatturato 2020, visto che questo modo di procedere permette a molti di compensare una parte degli utili mancati. Spetterà ai Cantoni il compito di stabilire precisamente la definizione di "cifra d'affari".

Le imprese che appartengono in parte ai Cantoni o ai Comuni devono poter continuare a richiedere aiuti per i casi di rigore soltanto se la partecipazione in mano allo Stato è inferiore al 10%. L'ordinanza contiene però ora un'eccezione: hanno diritto al sostegno finanziario le società il cui capitale è detenuto per oltre il tasso del 10% da Comuni con una popolazione uguale o inferiore a 12'000 abitanti. Rientrano in questa categoria ad esempio le sciovie e le seggiovie delle località alpine.

Infine, il divieto di distribuire dividendi e tantième per cinque anni in caso di ottenimento di contributi non rimborsabili deve ora decadere se i fondi vengono restituiti. L'ordinanza prevede poi semplificazioni nella procedura concordataria come misura a sostegno delle imprese nei casi di rigore.

Berna contava inizialmente di mettere sul tavolo contributi per un massimo di 200 milioni di franchi in favore delle aziende colpite dalla crisi scaturita dall'epidemia. Se si considera anche l'apporto dei Cantoni, per i casi di rigore vi sarebbero stati a disposizione 400 milioni. Tuttavia, in consultazione il pacchetto è stato ritenuto generalmente troppo modesto, con la maggioranza dei partecipanti che spingeva per un importo ben superiore. Settimana scorsa l'esecutivo ha quindi deciso di portare il totale a un miliardo, sbloccando una seconda tranche da 600 milioni, l'80% dei quali a carico della Confederazione e il 20% dei Cantoni.

Da ricordare come l'impostazione degli aiuti sia di competenza dei Cantoni, che possono prevedere contributi in diverse salse: a fondo perso oppure sotto forma di fideiussioni, garanzie e mutui. In questi ultimi tre casi è prevista una durata non oltre i 10 anni e possono ammontare fino al 25% del giro d'affari medio degli anni 2018-19 di un'impresa, ma al massimo a 10 milioni.

I contributi a fondo perso possono dal canto loro spingersi fino al 10% del fatturato medio 2018-19 e non oltre i 500'000 franchi per ogni singola azienda.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved