da-berna-aiuti-allo-sport-e-agli-indipendenti
Maurer, Amherd e Berset in conferenza stampa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
commercio al dettaglio
3 ore

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
15 ore

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
15 ore

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
17 ore

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
17 ore

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
19 ore

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
19 ore

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
20 ore

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
21 ore

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
21 ore

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
1 gior

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
1 gior

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
1 gior

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
1 gior

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
1 gior

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
1 gior

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
1 gior

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
1 gior

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
1 gior

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
1 gior

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
1 gior

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
04.11.2020 - 15:04

Da Berna aiuti allo sport e agli indipendenti

Il Consiglio federale valuta l'erogazione di contributi a fondo perso per le società sportive. Esercito: 2'500 militari in appoggio al sistema sanitario

Ats, a cura de laRegione

I club sportivi verranno sostenuti dalla Confederazione con prestiti per un importo complessivo di 350 milioni di franchi. Il Parlamento ha già emanato le pertinenti basi legali, mentre il Consiglio federale ha approvato la relativa ordinanza e ha definito le direttive d’esecuzione. Inoltre, tenuto conto che alla luce dell’attuale situazione relativa alla pandemia di COVID-19 anche nei prossimi mesi gli eventi sportivi si svolgeranno con pochi o senza spettatori, Berna ha avviato una verifica per rendere possibile la concessione di contributi a fondo perso.

Questi prestiti, rende noto l'Esecutivo in una nota, servono esclusivamente a garantire la partecipazione dei club ai campionati.

Sostegno anche per i singoli club

Nella nuova ordinanza COVID-19 sport di squadra il Consiglio federale ha ora precisato le direttive per l’utilizzo di questi prestiti. Ecco i punti principali:

  • la Confederazione può concedere prestiti senza interessi direttamente ai singoli club fino al massimo al 25 per cento dei costi d’esercizio sostenuti dal club nella stagione 2018/2019. I club devono fornire garanzie per un importo pari ad almeno il 25 per cento dell’importo del prestito;
  • i club che non possono restituire il prestito entro tre anni, devono ridurre gli stipendi di al massimo un quinto. Ciò si limita agli stipendi che superano l’importo massimo del guadagno assicurato nell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni (attualmente circa 148 000 fr.);
  • i club hanno al massimo dieci anni di tempo per restituire i prestiti;
  • la Confederazione concede retrocessioni a un grado posteriore per i prestiti se ciò può permettere di migliorare la situazione per la restituzione alla Confederazione. Le retrocessioni servono quindi a stabilizzare la situazione finanziaria di un club; 
  • oltre ai club delle due leghe professionistiche di calcio e hockey su ghiaccio, anche le discipline sportive di squadra di livello semiprofessionistico possono ottenere un sostegno. Si tratta in particolare dei club di pallacanestro, unihockey, pallavolo come pure di calcio e hockey su ghiaccio femminile. Questi club devono partecipare con una squadra alle competizioni della massima lega del rispettivo sport; 
  • l’offerta di aiuti della Confederazione alle discipline sportive professionistiche e semiprofessionistiche scade alla fine del 2021.

Prolungato il diritto all'Ipg anche per gli indipendenti

I lavoratori indipendenti - colpiti dai provvedimenti per combattere il coronavirus, anche se non sono stati costretti a chiudere la loro impresa - potranno continuare a richiedere l'indennità di perdita di guadagno (IPG). Il Consiglio federale ha approvato oggi le relative modifiche dell'ordinanza in materia, prolungando e ampliando questo sostegno.

Il nuovo disciplinamento - che vale per gli indipendenti e per le persone la cui posizione è analoga a quella di un datore di lavoro - entra in vigore con effetto retroattivo al 17 settembre 2020 e avrà una durata limitata al 30 giugno 2021, indica una nota governativa odierna.

Il diritto all'IPG per il coronavirus è previsto quando l'attività lucrativa subisce una limitazione a causa di provvedimenti adottati per far fronte all'epidemia di COVID-19: in particolare, se le persone interessate hanno dovuto interrompere la loro attività (chiusura) su ordine delle autorità. Lo stesso dicasi nel caso di un divieto di svolgere manifestazioni imposto dalle autorità.

In futuro, avranno diritto all'IPG anche le persone la cui attività lucrativa subisce una limitazione considerevole a causa di provvedimenti adottati per far fronte alla pandemia e che subiscono una perdita salariale o di guadagno. Per limitazione considerevole s'intende una diminuzione del giro d'affari pari almeno al 55% rispetto al fatturato medio degli anni 2015-2019.

Le IPG saranno versate sulla base della dichiarazione della persona interessata. Verranno tuttavia eseguiti controlli, un punto sul quale in Parlamento la destra ha insistito molto per evitare abusi. Le richieste possono essere presentate già sin da ora, ma le persone interessate sono pregate di pazientare per il versamento delle prestazioni.

Attenuare l'impatto economico del Covid-19

La legge Covid-19 sostituisce i decreti urgenti adottati dal Consiglio federale durante il periodo acuto della pandemia. Dal 20 marzo 2020 in poi il Consiglio federale ha infatti preso una serie di provvedimenti per attenuare le ripercussioni economiche della lotta al coronavirus per le imprese e i lavoratori colpiti. Uno di questi provvedimenti è l'indennità di perdita di guadagno per il coronavirus, il cui versamento è terminato il 16 settembre 2020 per tutti gli aventi diritto.

Il 26 settembre è entrata in vigore la legge COVID-19. La nuova legislazione disciplina la prosecuzione mirata dei provvedimenti per attenuare le ripercussioni economiche della lotta al coronavirus. Oltre al prolungamento del diritto all’IPG per il coronavirus, sono previsti anche provvedimenti di sostegno specifici per i settori dello sport e della cultura.

Inoltre, le imprese continueranno a poter disporre degli strumenti dell'assicurazione contro la disoccupazione: il Consiglio federale ha infatti prolungato la durata massima di riscossione dell'indennità per lavoro ridotto da 12 a 18 mesi.

Per le aziende che necessitano di un aiuto supplementare, è prevista la possibilità di un sostegno nel quadro della regolamentazione dei casi di rigore. In questi casi, la Confederazione può partecipare per metà ai provvedimenti cantonali a sostegno delle imprese particolarmente colpite, che sono sostanzialmente quelle attive nell'organizzazione di eventi, i baracconisti, gli operatori del settore dei viaggi e le aziende turistiche. Al momento l'ordinanza d'esecuzione della legge è in fase di elaborazione, conclude la nota.

2'500 militari in appoggio a sanità pubblica

Nel contesto dell'espansione del Covid-19, il Consiglio federale ha deciso oggi che un massimo di 2500 militari potranno essere impiegati fino al 31 marzo 2021 in appoggio del settore sanitario civile. Per potervi far capo, i Cantoni dovranno dimostrare di aver esaurito tutti i mezzi di cui dispongono.

Le prestazioni di appoggio dell'esercito, che riguarderanno cura e trasporto di persone infettate dal coronavirus, saranno fornite da formazioni di professionisti, militari in ferma continuata, formazioni in servizio e volontari. Se necessario, saranno chiamate in servizio formazioni supplementari che potranno essere impiegate entro 96 ore dalla loro mobilitazione, indica una nota diramata oggi simultaneamente alla conferenza stampa di Viola Amherd, responsabile del Dipartimento federale della difesa e della protezione della popolazione (DDPS).

Sussidiarietà

Al fine di soddisfare il criterio di sussidiarietà, in occasione della presentazione delle richieste i Cantoni dovranno dimostrare che tutti gli strumenti civili a loro disposizione sono stati esauriti. Si tratta in particolare dei mezzi della protezione civile, del servizio civile e dei pompieri come anche quelli del settore privato.

Occorrerà, tra l'altro, fornire la prova che non è possibile reclutare personale supplementare sul mercato del lavoro, che la possibilità di impiegare disoccupati è stata esaurita e che gli studenti in medicina come pure i samaritani e altri volontari sono stati contattati in merito ma non sono più disponibili. I Cantoni dovranno inoltre provare che altre strutture ospedaliere non possono più accogliere pazienti e che gli interventi medici non urgenti devono essere rinviati per poter liberare capacità.
 
 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved