ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
13 ore

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
14 ore

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
15 ore

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
16 ore

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
17 ore

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
18 ore

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
10.09.2020 - 18:17
Aggiornamento: 18:39

Primo sì per il voto ai 16enni in Svizzera

Lo ha detto il Consigio nazionale, che ha approvato la proposta con 98 voti contro 85. Ora la palla passa agli Stati

Ats, a cura de laRegione
primo-si-per-il-voto-ai-16enni-in-svizzera
Foto Keystone

Il diritto di voto a livello federale va abbassato da 18 a 16 anni. È quanto chiede il Consiglio nazionale che ha approvato oggi, con 98 voti contro 85 e 2 astenuti, l'iniziativa parlamentare di Sibel Arslan (Verdi, Basilea). Il diritto di eleggibilità rimarrebbe invece invariato a 18 anni.

Un buon modo per iniziare i giovani alla politica

Per la maggioranza, la possibilità di partecipare a votazioni ed elezioni è un buon modo per iniziare i giovani alla vita politica. La Confederazione dovrebbe dare l'esempio e concedere ai giovani il diritto di voto attivo a 16 anni, anche perché saranno proprio loro a doversi fare carico delle decisioni politiche prese oggi, ha sottolineato Arslan.

L'evoluzione demografica, ha proseguito la basilese, determina un aumento costante del numero di aventi diritto di voto con più di 50 anni. Vi è quindi il rischio, ha sostenuto, di distorsione delle decisioni politiche. Concedere il diritto di voto ai 16enni permetterebbe di controbilanciare questa evoluzione.

Arslan ha poi invitato il Nazionale a cogliere l'occasione per "scrivere la storia svizzera". Il risultato della votazione è stato accolto con un applauso.

Contro il parere della commissione

La commissione preparatoria - di strettissima misura - raccomandava la bocciatura dell'atto parlamentare: "prima di agire a livello federale occorre seguire l'evoluzione nei Cantoni", ha detto il suo relatore Piero Marchesi (Udc). Problematico è anche il fatto di poter esercitare i propri diritti politici prima di aver raggiunto la maggiore età civile, ha aggiunto il ticinese.

Marchesi ha inoltre ritenuto poco opportuno separare diritto di voto e di eleggibilità. Oggi sono inoltre molte le opportunità di cui dispongono i giovani per partecipare al processo politico, ha spiegato, invano, il relatore commissionale.

Ora tocca agli Stati, poi al popolo

L'atto parlamentare passa ora al Consiglio degli Stati. Se dovesse anch'esso approvarlo, l'ultima parola spetterebbe in ogni caso al popolo essendo necessaria una modifica della Costituzione.

Se la riforma andrà in porto, i sedicenni - e i diciassettenni - potranno partecipare sia alle elezioni del Consiglio nazionale - senza avere diritto di eleggibilità - sia alle votazioni federali, nonché lanciare e firmare iniziative popolari e referendum in materia federale.

L'unico precedente: il canton Glarona

In Svizzera, oggi i 16enni possono votare solo nel canton Glarona (a livello comunale e cantonale). Anche qui il diritto di eleggibilità è però rimasto a 18 anni.

Tra i nostri vicini, i 16enni possono votare in Austria e in alcuni Länder tedeschi. In Francia si ottiene il diritto di voto a 18 anni, così come in Italia, dove però si deve avere 25 anni per partecipare alle elezioni del Senato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved