migliora-la-qualita-del-lavoro-ma-non-dappertutto
Migliorano le condizioni (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 min

I ghiacciai svizzeri si riducono nonostante neve e estate fresca

Perso l’1% del volume nel 2021 a causa del cambiamento climatico. Il ritiro progressivo non rallenta nonostante la perdita sia contenuta
Svizzera
29 min

Camping Tcs, 2021 da incorniciare malgrado meteo estiva e Covid

In Ticino i pernottamenti nei campeggi sono aumentati del 60% rispetto al 2020, a livello nazionale del 30%. L’88% degli ospiti arriva dalla Svizzera
Svizzera
2 ore

La città di Berna autorizza un raduno contro il Covid Pass

Gli organizzatori della manifestazione hanno concordato piano di sicurezza e percorso del corteo, invitando a non partecipare a raduni non autorizzati
Svizzera
3 ore

Per la terza dose ‘la Svizzera non dovrà aspettare troppo’

Lo ha dichiarato Claus Bolte, capo della sezione autorizzazioni di Swissmedic. Probabile la somministrazione inizialmente solo alle persone a rischio
Svizzera
4 ore

Dalla Corea del Nord missile balistico verso il mar del Giappone

L’allarme è stato diffuso dai militari sudcoreani. Il missile è atterrato in mare senza fare danni né vittime
Svizzera
17 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
19 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
19 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
06.02.2020 - 17:310

Migliora la qualità del lavoro, ma non dappertutto

Ancora netto il divario dello stipendio medio tra uomini e donne. Diminuisce la durata del lavoro settimanale, ma solo per chi è impiegato a tempo pieno

Maggiore qualifica dei dipendenti, tempo di lavoro in diminuzione e donne un po' meno svantaggiate. La qualità dell'occupazione in Svizzera tra il 2008 e il 2018 è migliorata in molti ambiti.

L'immagine del mondo del lavoro che risulta dall'ultima pubblicazione dell'Ufficio federale di statistica risulta contrastata e non sempre è coerente.

Nel 2007, il 12,5% dei lavoratori in Svizzera aveva abbastanza o molta paura di perdere il lavoro, nel 2017 tale tasso era al 15,1%. Nel 2007 il 42,9%, tuttavia, non temeva per nulla di perdere il lavoro, dieci anni più tardi tale quota era addirittura al 43,8%.

Appare chiaro invece che la sicurezza dei lavoratori riguardo alla possibilità di trovare un'occupazione equivalente al lavoro perso è aumentata: nel 2007 il 60% riteneva ciò piuttosto o molto difficile e il 40% piuttosto o molto facile, contro rispettivamente il 54,6% e il 45,4% nel 2017.

Meno, ma ancora svantaggiate

A livello di stipendio le donne sono ancora fortemente svantaggiate, seppur si noti un leggero miglioramento: nel 2016 il salario medio mensile lordo standardizzato per gli uomini era di 6'830 franchi e per le donne di 6'011 franchi. E solo il 55% di questa differenza poggia su elementi giustificabili, secondo l'Ust. Tuttavia negli anni tra il 2008 e il 2016 il salario lordo mediano delle donne è cresciuto più fortemente di quello degli uomini (+11,7% contro +5,9%).

La probabilità che le donne siano interessate da salari bassi è doppia rispetto agli uomini, anche se la percentuale di esse è passata dal 19,6% al 17%. Quasi il triplo delle donne rispetto agli uomini vorrebbe lavorare di più e sono quindi sottoccupate.

Mezz'ora in meno. Ma solo per chi lavora a tempo pieno. Per gli altri... mezz'ora in più

L'analisi mostra inoltre che tra il 2008 e il 2016, l'orario di lavoro settimanale è diminuito di 28 minuti. Tuttavia, solo per i dipendenti a tempo pieno. I collaboratori a tempo parziale hanno lavorato in media 35 minuti in più alla settimana nel 2016 rispetto a otto anni prima. Ciò potrebbe essere legato a misure di riduzione dei costi: spesso i datori di lavoro riducono le ore di lavoro mantenendo un carico di lavoro costante.

Anche lo stress è aumentato: nel 2012 a essere talvolta o sempre stressato era oltre il 60% dei dipendenti, nel 2017 il tasso era aumentato di quasi 6 punti percentuali. Le persone che erano raramente o mai stressate è sceso da oltre il 40% al 34%.

Infine ciò che risulta chiaramente dai dati dell'Ust è che sono aumentate le professioni altamente qualificate: posti di direzione e professioni intellettuali e scientifiche rappresentavano il 45,9% degli impieghi nel 2008 e il 50,5% nel 2018. D'altra parte è aumentato in modo sproporzionato – dal 6% al 7,6% – il numero di quadri. Nel 2018 c'era un quarto di quadri in più rispetto al 2008.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved