laRegione
Nuovo abbonamento
assolti-gli-attivisti-vodesi-per-il-clima
Proteste davanti al sede del tribunale di Renens (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 gior

Il tribunale vallesano sconfessa Sion sul lupo

Nel 2018 il Consiglio di stato aveva rilasciato un'autorizzazione per l'abbattimento di un esemplare. Accettato il ricorso ambientalista
Svizzera
1 gior

Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte

Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
1 gior

Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette

Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
1 gior

Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
1 gior

Lavoro (e riposo), il Consiglio federale mette i puntini sulle 'i'

Disposta la modifica dell'ordinanza. Per i viaggi di servizio, andata e ritorno valgono come ore di attività, anche se non si fa nulla
Svizzera
1 gior

Effetto Covid: Croce Rossa svizzera taglia 95 posti a Ginevra

Difficoltà finanziarie dovute anche alla pandemia. I licenziamenti effettivi dovrebbero essere una sessantina. Minacciati altri posti sul campo
Svizzera
1 gior

Gruppo Blick, la nuova Ceo è Ladina Heimgartner

Ringier promuove la 40enne. Prende il posto di Thomas Spiegel, che lascia l'azienda per divergenze di vedute strategiche
Svizzera
1 gior

Roche: due grandi passi avanti contro il Covid

Annunciati nuovo test che rileva gli anticorpi e farmaco anti-artritico che avrebbe un effetto positivo sui malati
Svizzera
1 gior

Consiglio di sicurezza Onu, 'un seggio svizzero è un rischio'

L'ex ambasciatore alle Nazioni unite: 'Sicure le pressioni delle grandi potenze, e dibattiti virulenti interni. Situazione delicata entro 2 anni'
Svizzera
1 gior

Grave incidente stradale a Lucerna, diversi feriti

L'incidente è avvenuto verso le 17.30 sulla K10 nel tratto tra Schachen e Malters. Sono intervenute diverse ambulanze e un elicottero di soccorso
Svizzera
13.01.2020 - 17:130
Aggiornamento : 19:29

Assolti gli attivisti vodesi per il clima

In dodici avevano occupato i locali del Credit Suisse di Losanna nel novembre 2018 vestiti da tennisti per ricordare Roger Federer

Renens – Sono stati assolti i dodici attivisti per il clima a processo davanti al Tribunale distrettuale di Renens (VD) per un'azione condotta nel novembre 2018 nei locali di Credit Suisse a Losanna.

I dodici avevano occupato i locali per un'ora e mezza. Vestiti da tennisti, avevano denunciato "l'ipocrisia di una banca che utilizza l'immagine positiva di Roger Federer nelle sue campagne, perseguendo al tempo stesso una politica di investimenti dannosi per l'ambiente".

Credit Suisse aveva sporto denuncia nel dicembre 2018. Nella primavera del 2019, i dodici sono stati condannati tramite decreto d'accusa a 30 aliquote giornaliere sospese per due anni e a multe dai 400 ai 600 franchi ciascuno, convertibili in 13-20 giorni di reclusione, per violazione di domicilio e resistenza agli ordini della polizia. Gli attivisti hanno presentato ricorso e per questo sono finiti a processo. 

Il giudice ha riconosciuto lo stato di legittima necessità: "L'azione era proporzionata vista l'emergenza climatica”

Il presidente del tribunale e giudice unico Philippe Colelough ha riconosciuto lo stato di legittima necessità in cui gli attivisti hanno agito e ha giudicato l'azione "necessaria e proporzionata" vista l'emergenza climatica. A suo avviso la loro proposta era "l'unico modo efficace per far sì che la banca rispondesse" e "l'unico modo per ottenere la necessaria pubblicità" dai media e dal pubblico.

I dodici avevano occupato i locali per un'ora e mezza. Vestiti da tennisti, avevano denunciato "l'ipocrisia di una banca che utilizza l'immagine positiva di Roger Federer nelle sue campagne, perseguendo al tempo stesso una politica di investimenti dannosi per l'ambiente".

Credit Suisse aveva sporto denuncia nel dicembre 2018. Nella primavera del 2019, i dodici sono stati condannati tramite decreto d'accusa a 30 aliquote giornaliere sospese per due anni e a multe dai 400 ai 600 franchi ciascuno, convertibili in 13-20 giorni di reclusione, per violazione di domicilio e resistenza agli ordini della polizia. Gli attivisti hanno presentato ricorso e per questo sono finiti a processo.

La decisione odierna del tribunale è stata la prima dall'inizio della mobilitazione per il clima. Nei prossimi mesi sono previsti diversi altri processi per azioni a favore dell'ambiente.

Sentenza accolta con un'esplosione di gioia

L'assoluzione è stata accolta da un'esplosione di gioia nell'aula del tribunale cantonale di Renens, dove si erano riunite un centinaio di persone. "Questa sentenza dimostra che la nostra azione ha un significato. Deve essere ascoltata in tutto il mondo", ha commentato una delle attiviste assolte mentre lasciava l'aula. "È un segnale molto forte per questa generazione. Il loro futuro ha la precedenza sugli interessi finanziari di una banca", ha aggiunto Irene Wettstein, uno degli avvocati degli attivisti.

Questo verdetto "non osavamo neppure sognarlo", ha detto Raphaël Mahaim, un altro membro del collettivo di tredici legali che si sono messi a disposizione per difendere gli attivisti. Di fronte al riscaldamento globale, "il nostro modo di agire deve cambiare. Non possiamo più essere passivi e stare a guardare", ha continuato Mahaim, che è anche membro del gruppo dei Verdi nel Gran Consiglio vodese. Un portavoce del Credit Suisse ha dichiarato all'agenzia Keystone-ATS che la banca "prende atto della sentenza e analizzerà la decisione".

Al termine della lettura, il presidente del tribunale ha messo in guardia contro le "prospettive indesiderate" della sua decisione. Ha sottolineato che lo stato di necessità non può essere applicato a tutte le situazioni. Inoltre ha ricordato che gli attivisti processati a Renens non hanno ricorso alla violenza né hanno danneggiato alcun materiale durante la loro azione al Credit Suisse.


 

© Regiopress, All rights reserved