ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
39 min

Se la coda in autostrada fa perdere tempo... e soldi

Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
3 ore

Il passaggio alle nuove polizze con Qr è filato liscio

La Posta segnala pochi disagi. In molti hanno pagato le fatture nell’ultimo giorno di validità delle vecchie polizze
Svizzera
4 ore

Casse malati care, ma si risparmia con i giusti accorgimenti

Cambiare assicurazione, modificare la franchigia o scegliere un altro modello di cure può attenuare l’annunciato aumento dei premi
Svizzera
4 ore

Comprare casa costa sempre di più, nonostante i tassi all’insù

Il mercato rimane dominato dalla robusta domanda di alloggio e dall’offerta tuttora limitata
rincari
16 ore

Rallenta l’inflazione in Svizzera: +3,3%

I dati di settembre fanno segnare un lieve calo rispetto ad agosto. È la prima volta che accade dopo 20 mesi consecutivi di numeri in crescita o stabili
Svizzera
17 ore

Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’

Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
18 ore

Tentata rapina a mano armata a Crans Montana

Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
19 ore

Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario

Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
21 ore

All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata

In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
21 ore

Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco

Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
22 ore

Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse

Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
1 gior

Bloccata come nelle sabbie mobili, anziana tratta in salvo

Un’escursionista di 83 anni è stata soccorsa nell’Entlebuch, regione del Canton Lucerna, fra i comuni di Romoos ed Entlebuch
Svizzera
1 gior

Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano

Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
16.12.2019 - 19:23

Consiglio nazionale, considerare rivendicazioni infermieri

La Camera del popolo non ha ancora trovato una sintesi comune, le discussioni riprenderanno domani. La domanda: come ridare valore a questa professione?

a cura de laRegione
consiglio-nazionale-considerare-rivendicazioni-infermieri
Ti-Press

Come ridare valore alla professione di infermiere e fornire una risposa alla carenza di personale? A questa domanda il Consiglio nazionale, discutendo dell'iniziativa "Per cure infermieristiche forti", ha tentato oggi di dare una risposta non trovando però un denominatore comune.

La Camera del popolo era chiamata ad esprimersi sull'iniziativa popolare, lanciata dall'Associazione svizzera infermiere e infermieri (Asi), e dal relativo controprogetto indiretto, elaborato dalla Commissione della sicurezza sociale e della sanità.

La proposta di modifica costituzionale chiede che la Confederazione e i Cantoni investano nella formazione infermieristica, migliorino le condizioni quadro (tra cui orario di lavoro, servizi di picchetto e possibilità di formazioni continue) e riconoscano a livello di legge l'autonomia di lavoro degli infermieri.

Secondo molti oratori borghesi, l'iniziativa ha però un difetto fondamentale: inserisce per la prima volta nella Costituzione delle regole per un gruppo professionale. Da un punto di vista formale ciò non ammissibile, ha sostenuto Regine Sauter (Plr/ZH).

Tra le questioni, i compiti di Cantoni e Confederazioni su formazione e pianificazione ospedaliera

L'iniziativa, inoltre, rimette in questione la ripartizione dei compiti tra Cantoni e Confederazione, ad esempio nel campo della formazione e della pianificazione ospedaliera, ha sostenuto il relatore commissionale Philippe Nantermod (Plr/VS). Per Lorenzo Quadri la proposta dell'Asi si riassume in "un insieme di rivendicazioni di tipo sindacale che al cittadino concretamente portano poco o niente". Le cure mediche di base sono infatti già menzionate nella Costituzione nell'articolo 117a, ha aggiunto il ticinese.

La maggioranza di chi ha preso la parola ha però riconosciuto il rischio di una carenza di personale sanitario e la necessità di promuovere la formazione in Svizzera. Ad eccezione dell'Udc, tutti i gruppi parlamentari si sono infatti detti disposti a sostenere il controprogetto.

L'iniziativa, ha così sottolineato il relatore commissionale Nantermod, ha il merito di portare al centro dell'attualità un certo numero di problemi che incontra attualmente il settore delle cure in Svizzera. La penuria di personale è già oggi una realtà: negli ultimi quattro anni è stato formato solo il 43% del personale necessario e si stima che attualmente sono 25'000 i posti di lavoro liberi nel settore.

A causa della penuria la Confederazione si vede costretta a reclutare personale all'estero. Questa prassi, oltre ad essere eticamente discutibile - la formazione viene infatti pagata da uno Stato che poi non può trarre beneficio dall'investimento -, potrebbe diventare anche onerosa: l'Organizzazione mondiale della sanità sta infatti pensando di introdurre una tassa per risarcire i Paesi formatori, ha affermato Greta Gysin (Verdi/TI).

Essendo legislativo, il controprogetto, ha poi sintetizzato Lorenz Hess (Pbd/BE), permetterà di trovare delle soluzioni in modo molto più rapido dell'iniziativa popolare. I suoi contenuti esatti, che saranno decisi solo domani, così come la raccomandazione di voto all'iniziativa, non fanno però l'unanimità.

Se tutti (tranne, come detto, l'Udc) sostengono la necessità di rafforzare la formazione e le competenze degli infermieri, lo schieramento borghese ha criticato la possibilità data agli infermieri di farsi rimborsare le prestazioni direttamente dagli assicuratori malattie.

Ciò potrebbe generare aumenti dei costi indesiderati per le casse malattia, ha sottolineato Regine Sauter. Per la zurighese occorrono misure per contenere i costi del sistema sanitario, non per aumentarlo. Inoltre, ciò spalancherebbe la porta a rivendicazioni di altre professioni sanitarie per avere gli stessi diritti.

La questione della fatturazione diretta è quella che ha spinto l'Udc a bocciare sia l'iniziativa che il controprogetto. Dal suo punto di vista, come ha sottolineato Thomas de Courten (Udc/BL), le rivendicazioni degli infermieri possono già oggi essere tenute in considerazione anche se non vengono esplicitamente menzionate nella legislazione.

La sinistra punta invece per un doppio "sì" a iniziativa e controprogetto. Occorre rivalorizzare la professione che oggi soffre delle stesse ingiustizie di altri settori professionali occupati essenzialmente da donne, ha sostenuto Léonore Porchet (Verdi/VD). Per questo motivo la controproposta andrebbe completata prevedendo migliori condizioni lavorative, in particolare per quel che concerne la conciliabilità con i bisogni famigliari. Oggi, infatti, circa la metà delle infermiere abbandona la professione.

Le discussioni, interrotte alle 19.00, riprenderanno domani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved