ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Disoccupazione? Per la Seco livelli mai così bassi

Situazione giudicata buona ma con dei lati negativi: manca infatti la manodopera qualificata e le aziende faticano a trovare personale adeguato
Svizzera
6 ore

Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino

Il tasso di iscritti negli uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
udc
16 ore

Anche Rickli si tira fuori per il dopo-Maurer

La consigliera di Stato zurighese non si candida alla successione. Finora nessuna candidatura ufficiale
energia
16 ore

Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio

La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
23 ore

Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale

Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
1 gior

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
1 gior

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
1 gior

Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino

In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
1 gior

Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera

Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
1 gior

Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse

L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
1 gior

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
18.12.2019 - 07:22
Aggiornamento: 08:31

Una cura per gli infermieri

Il Nazionale intende rendere più attrattiva la professione, sostenendo il personale e la formazione. C'è soddisfazione, ma 'solo in parte'

una-cura-per-gli-infermieri
Ti-Press

Valorizzare il lavoro degli infermieri, aumentando la responsabilità e sostenendone la formazione, per far fronte all’invecchiamento della popolazione. Ieri il Consiglio nazionale ha accolto – con 124 voti a 68 e 4 astensioni – il controprogetto indiretto all’iniziativa popolare ‘Per cure infermieristiche forti’, che è però stata respinta con 107 voti a 82 e 6 astensioni. Uno dei punti centrali a cui la Camera del popolo è andata incontro agli iniziativisti è il fatto di permettere al personale sanitario di fatturare direttamente le prestazioni alle casse malati. «È un passo nella giusta direzione, ma non siamo completamente soddisfatti», afferma a ‘laRegione’ Luzia Mariani-Abächerli, presidente della Sezione Ticino dell’Associazione svizzera infermieri (Asi).

L’iniziativa mira a garantire la formazione di un numero sufficiente di infermieri per assicurare la qualità delle cure. Attualmente vi è infatti «una carenza di personale», sottolinea Mariani-Abächerli: «Oggi la durata media di questo impiego è di 15 anni», poi di solito si abbandona la professione – lascia oltre il 40%, ha rilevato ieri durante il dibattito il deputato ticinese Bruno Storni (Ps) –. E questo perché si tratta di un lavoro spesso irregolare e molto impegnativo anche dal punto di vista emotivo, a volte difficilmente conciliabile con la vita privata. Un modo per invertire questa tendenza è quindi quello di «migliorare le condizioni di lavoro», precisa la presidente di Asi Ticino. In questo modo si rende più attrattiva la professione, mettendo anche in evidenza «la possibilità di fare carriera». A ciò va poi aggiunto che con l’invecchiamento della popolazione vi sarà una richiesta sempre maggiore di personale sanitario «non solo negli ospedali, ma anche nelle case per anziani o per le cure a domicilio». Non va poi dimenticato che aumentando la qualità del lavoro degli infermieri, a beneficiarne «saranno i pazienti e il loro benessere».

Il controprogetto accolto ieri dalla Camera del popolo va in effetti in questa direzione, anche se «non contiene tutte le richieste dell’Asi», rileva Mariani-Abächerli. In particolare «vorremmo che venga anche definito il numero di pazienti per infermieri». Su un punto chiave, però, il Nazionale è andato incontro agli iniziativisti: ovvero sul fatto di permettere agli infermieri di fatturare le prestazioni di cura direttamente alle casse malati. In questo modo gli infermieri potranno svolgere il loro lavoro abituale, ma senza dover richiedere una prescrizione medica, aumentando nel contempo la loro responsabilità individuale. Per la Commissione della sicurezza sociale e della sanità – fautrice del controprogetto – invece, il personale infermieristico avrebbe potuto fatturare solo determinate prestazioni stabilite dal Consiglio federale e in accordo con le casse malati.

Definire il numero di pazienti per infermieri

Ma questo basterà per far ritirare l’iniziativa ai promotori? «Dipenderà da quello che deciderà il parlamento». Infatti, il Consiglio degli Stati deve ancora esprimersi. «Quello che chiediamo in più», rispetto al disegno di legge attuale, «è di definire il numero di pazienti per infermieri», ribadisce Mariani-Abächerli. Il controprogetto prevede anche di implementare la formazione di infermieri, sostenendo gli studenti: i Cantoni dovranno definire il numero di posti di formazione che gli ospedali, le case di cura e le organizzazioni Spitex saranno tenuti a mettere a disposizione. Quale contropartita, la Confederazione metterà a disposizione 469 milioni di franchi per un periodo di otto anni.

«Un punto forte del Ticino sono i contratti collettivi di lavoro, mentre una lacuna è che gli studenti guadagnano molto meno rispetto ad altre regioni in Svizzera», sottolinea la presidente dell’Asi Ticino. Nel nostro cantone è quasi impossibile per un giovane che studia da infermiere «mantenersi da solo». In Ticino vi è poi anche la questione dei frontalieri, che in questo settore sono numerosi: in primo luogo, «non è corretto da un punto di vista etico sottrarre personale a un Paese che lo ha formato». Bisognerebbe quindi «rendere questo lavoro più attrattivo» in Svizzera, riuscendo così a formare più personale nella Confederazione, conclude Mariani-Abächerli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved