BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
una-cura-per-gli-infermieri
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
14 ore

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
17 ore

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
18 ore

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
Svizzera
19 ore

Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera

Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
22 ore

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
22 ore

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
22 ore

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
23 ore

Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti

Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
23 ore

Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato

La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
1 gior

I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio

Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
1 gior

Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon

Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
18.12.2019 - 07:220
Aggiornamento : 08:31

Una cura per gli infermieri

Il Nazionale intende rendere più attrattiva la professione, sostenendo il personale e la formazione. C'è soddisfazione, ma 'solo in parte'

Valorizzare il lavoro degli infermieri, aumentando la responsabilità e sostenendone la formazione, per far fronte all’invecchiamento della popolazione. Ieri il Consiglio nazionale ha accolto – con 124 voti a 68 e 4 astensioni – il controprogetto indiretto all’iniziativa popolare ‘Per cure infermieristiche forti’, che è però stata respinta con 107 voti a 82 e 6 astensioni. Uno dei punti centrali a cui la Camera del popolo è andata incontro agli iniziativisti è il fatto di permettere al personale sanitario di fatturare direttamente le prestazioni alle casse malati. «È un passo nella giusta direzione, ma non siamo completamente soddisfatti», afferma a ‘laRegione’ Luzia Mariani-Abächerli, presidente della Sezione Ticino dell’Associazione svizzera infermieri (Asi).

L’iniziativa mira a garantire la formazione di un numero sufficiente di infermieri per assicurare la qualità delle cure. Attualmente vi è infatti «una carenza di personale», sottolinea Mariani-Abächerli: «Oggi la durata media di questo impiego è di 15 anni», poi di solito si abbandona la professione – lascia oltre il 40%, ha rilevato ieri durante il dibattito il deputato ticinese Bruno Storni (Ps) –. E questo perché si tratta di un lavoro spesso irregolare e molto impegnativo anche dal punto di vista emotivo, a volte difficilmente conciliabile con la vita privata. Un modo per invertire questa tendenza è quindi quello di «migliorare le condizioni di lavoro», precisa la presidente di Asi Ticino. In questo modo si rende più attrattiva la professione, mettendo anche in evidenza «la possibilità di fare carriera». A ciò va poi aggiunto che con l’invecchiamento della popolazione vi sarà una richiesta sempre maggiore di personale sanitario «non solo negli ospedali, ma anche nelle case per anziani o per le cure a domicilio». Non va poi dimenticato che aumentando la qualità del lavoro degli infermieri, a beneficiarne «saranno i pazienti e il loro benessere».

Il controprogetto accolto ieri dalla Camera del popolo va in effetti in questa direzione, anche se «non contiene tutte le richieste dell’Asi», rileva Mariani-Abächerli. In particolare «vorremmo che venga anche definito il numero di pazienti per infermieri». Su un punto chiave, però, il Nazionale è andato incontro agli iniziativisti: ovvero sul fatto di permettere agli infermieri di fatturare le prestazioni di cura direttamente alle casse malati. In questo modo gli infermieri potranno svolgere il loro lavoro abituale, ma senza dover richiedere una prescrizione medica, aumentando nel contempo la loro responsabilità individuale. Per la Commissione della sicurezza sociale e della sanità – fautrice del controprogetto – invece, il personale infermieristico avrebbe potuto fatturare solo determinate prestazioni stabilite dal Consiglio federale e in accordo con le casse malati.

Definire il numero di pazienti per infermieri

Ma questo basterà per far ritirare l’iniziativa ai promotori? «Dipenderà da quello che deciderà il parlamento». Infatti, il Consiglio degli Stati deve ancora esprimersi. «Quello che chiediamo in più», rispetto al disegno di legge attuale, «è di definire il numero di pazienti per infermieri», ribadisce Mariani-Abächerli. Il controprogetto prevede anche di implementare la formazione di infermieri, sostenendo gli studenti: i Cantoni dovranno definire il numero di posti di formazione che gli ospedali, le case di cura e le organizzazioni Spitex saranno tenuti a mettere a disposizione. Quale contropartita, la Confederazione metterà a disposizione 469 milioni di franchi per un periodo di otto anni.

«Un punto forte del Ticino sono i contratti collettivi di lavoro, mentre una lacuna è che gli studenti guadagnano molto meno rispetto ad altre regioni in Svizzera», sottolinea la presidente dell’Asi Ticino. Nel nostro cantone è quasi impossibile per un giovane che studia da infermiere «mantenersi da solo». In Ticino vi è poi anche la questione dei frontalieri, che in questo settore sono numerosi: in primo luogo, «non è corretto da un punto di vista etico sottrarre personale a un Paese che lo ha formato». Bisognerebbe quindi «rendere questo lavoro più attrattivo» in Svizzera, riuscendo così a formare più personale nella Confederazione, conclude Mariani-Abächerli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved