(Keystone)
Svizzera
23.08.2019 - 17:350

Le Ffs trovano 512 difetti nelle porte dei treni

È quanto emerge dopo la morte di un capotreno rimasto incastrato. Per i responsabili non si tratterebbe comunque di problemi che minacciano la sicurezza

Dal 12 agosto sono stati 512 gli elementi difettosi riscontrati su 384 carrozze e 1.536 porte. In ogni caso la maggior parte dei difetti non sarebbe rilevante né per il funzionamento delle porte, né per la sicurezza di personale e passeggeri. Lo rendono noto le Ffs, che promettono di eliminare al più presto tutte le componenti difettose. In particolare, entro fine ottobre verrà rivisto il sistema di annuncio della chiusura porte, in modo che la spia luminosa di segnalazione si spenga solo a porte completamente chiuse. Sarà inoltre sostituito il sistema anti-incastro delle porte sui treni VU IV, ovvero il modello coinvolto nella morte di un capotreno rimasto incastrano nelle porte di un Interregio a Baden (Ag).

"La scorsa settimana le Ffs hanno riesaminato il processo di autorizzazione per la partenza dei treni che", a detta dei loro responsabili, "è risultato sicuro. Si sta ora valutando l’installazione di ulteriori elementi di sicurezza mediante il coinvolgimento di tutte le categorie professionali interessate e della commissione del personale".

Questa mattina l'Ufficio federale dei trasporti aveva però chiesto di adottare provvedimenti per garantire il corretto funzionamento delle porte delle carrozze e sottoporre all'esame di un organo esterno la manutenzione dei rotabili. Per completare l'adeguamento strutturale ci vorranno comunque circa 4 anni. Nella sua indagine, pubblicata mercoledì, il Servizio d'inchiesta sugli infortuni (Sisi) ha riscontrato il rischio che le porte delle carrozze di tipo CU IV, collegate in parallelo, vengano segnalate al macchinista erroneamente come chiuse. Dall'inchiesta sono inoltre emersi casi di malfunzionamento della protezione anti-incastro delle porte in questione.

Potrebbe interessarti anche
Tags
treni
difetti
ffs
porte
sicurezza
capotreno rimasto
capotreno
morte
responsabili
carrozze
© Regiopress, All rights reserved