DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
1
3 set
(4-6 : 7-6 : 3-5)
treni-a-due-piani-ffs-e-bombardier-collaborino-di-piu
(flickr.com)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Zurigo, uomo a piedi investito sull'autostrada A11: è grave

La dinamica dei fatti non è ancora stata chiarita. La procura di Winterthur/Unterland ha avviato un'indagine
Svizzera
14 ore

Axenstrasse chiusa per caduta massi

Gli strumenti di monitoraggio hanno rilevato movimenti di terreno e cadute di pietre. L'arteria resta chiusa fino a nuovo avviso
Svizzera
15 ore

Il commercio online continua a crescere in Svizzera

Si registra un rallentamento rispetto al 2020, ma la tendenza si mantiene. Commercio.swiss: affari raddoppiati nel giardinaggio, nel fai-da-te e nello sport.
Svizzera
18 ore

Infermieri non vaccinati in quarantena, no al taglio del salario

Secondo l'Associazione svizzera infermieri (Asi) è un brutto segnale per la categoria. Attualmente rischia il personale negli ospedali giurassiani
Svizzera
20 ore

Droni e termocamere per mettere in salvo cuccioli di capriolo

Salvati 2'569 cerbiatti in Svizzera, quasi il doppio dell'anno scorso, grazie all'impiego di droni per scovarli nei campi prima dell'arrivo delle falciatrici
Svizzera
20 ore

Comparis ha pagato il riscatto dopo l'attacco informatico

In una presa di posizione la compagnia rivela di aver trovato un accordo con gli hacker per il ripristino di alcuni dati essenziali
Svizzera
21 ore

Coronavirus, in Svizzera contagi e situazione ospedaliera stabili

Il tasso di positività scende sotto il 4%, mentre cala anche l'occupazione dei pazienti Covid nei reparti di cure intense
Svizzera
21 ore

Associazione infermieri favorevole ai test obbligatori

L’Asi: uno dei nostro obiettivi principali è di tenere i pazienti fuori pericolo. La vaccinazione obbligatoria? Sarebbe controproducente.
Svizzera
21 ore

‘No’ alle iniziative sui pesticidi fatale alla legge CO2

Decisive la forte mobilitazione nelle zone rurali e la preoccupazione per i costi, indicano i risultati dell’analisi Vox.
Svizzera
22 ore

Chagaev, divieto di entrata ridotto a 8 anni

Il Tribunale federale ha ridotto la sanzione della Segreteria di Stato della migrazione (Sem) contro l'ex presidente del Neuchâtel Xamax
Svizzera
1 gior

Ancora maltempo in Svizzera

Dopo un po' di tregua tornano i temporali, ma la perturbazione dovrebbe risparmiare Ticino e Grigioni
Svizzera
1 gior

In Svizzera 391 contagi su persone completamente vaccinate

Secondo l'Ufsp il numero è sottostimato ma resta basso e in linea con le cifre attese. In totale vaccinate completamente oltre 4 milioni di persone
Svizzera
1 gior

Più ricoveri settimanali, ma il livello decessi resta basso

La scorsa settimana +33% di pazienti in cure intense rispetto ai 7 giorni precedenti; incidenza più alta dei casi nella fascia fra i 20 e i 20 anni
Svizzera
11.02.2019 - 14:190

'Treni a due piani, Ffs e Bombardier collaborino di più'

L'esito dell'audit della Commissione dei trasporti del nazionale. Ferrovie e ditta costruttrice: “Entrata in servizio il più presto possibile”

Nella questione dei ritardi nella messa in servizio dei nuovi treni a due piani "Dosto", la Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (Ctt-N) si attende che le Ffs e Bombardier – l'azienda incaricata di fornire i convogli – non perdano tempo nell'accusarsi a vicenda, bensì risolvano al più presto i contrattempi tecnici che affliggono le nuove composizioni, soprattutto per quanto attiene all'accessibilità per i disabili. Lo ha dichiarato oggi ai media la presidente della Ctt-N, Edith Graf-Litscher (PS, Turgovia), spiegando che i problemi sono di mera natura tecnica e che i rappresentanti delle parti coinvolte non hanno detto nulla, anche perché non obbligate, circa eventuali penali che Bombardier dovrebbe pagare alle Ffs per i ritardi accumulati.

La Ctt-N, non essendo né un tribunale né un organo di sorveglianza, ha chiesto alla commissione della gestione di esaminare il mandato e il rischio finanziario di tutta l'operazione, ha aggiunto la consigliera nazionale. Le Ffs nel 2010 hanno ordinato a Bombardier 62 treni di tipo FV-Dosto per un valore di 1,9 miliardi di franchi (il più grosso contratto nella storia delle ferrovie svizzere). I primi convogli avrebbero dovuto essere forniti a partire dal 2013.

Secondo il consigliere nazionale argoviese Ulrich Giezendanner (Udc), intervistato dal SonntagsBlick all'inizio di gennaio, il produttore canadese dovrebbe pagare alle Ffs 500mila franchi per ogni convoglio e per ogni settimana di ritardo (circa 600 milioni di franchi). Queste cifre sono state smentite nel frattempo da Bombardier.

In una seduta precedente, ha ricordato Graf-Litscher, la Ctt-N si era detta preoccupata dei ritardi, specie per gli utenti dei trasporti pubblici, di quanto stava accadendo e inoltrato alle parti un catalogo di 54 domande a cui è stato risposto per iscritto. Durante la riunione odierna di due ore con rappresentanti delle Ffs, dell'amministrazione e della ditta appaltatrice si è discusso anche delle risposte ottenute, giungendo alla conclusione che i problemi sono di natura tecnica e che “le parti s'impegnano a cooperare in maniera costruttiva per risolvere al più presto i problemi nell'interesse dei clienti delle ferrovie, tra cui i figurano anche i disabili”, ha sottolineato la consigliera nazionale socialista. Per quanto attiene al ruolo dell'amministrazione, quest'ultima non ha un influsso diretto sul mandato, ma l'obbligo di fornire garanzie per un'infrastruttura all'altezza dei nuovi convogli, ha affermato la deputata turgoviese.

 

Ffs e Bombardier: “Vogliamo che questo treno sia un successo”

Alle domande della Ctt-N sull'introduzione del nuovo treno bipiano per il traffico a lunga percorrenza hanno risposto Andreas Meyer, Ceo delle FFS, e Laurent Troger, di Bombardier Transportation. Entrambe le aziende, si legge in una nota stampa congiunta, “stanno lavorando a pieno regime per risolvere i problemi tecnici e migliorare l'affidabilità di questi veicoli, in modo che possano entrare in servizio il più presto possibile sull'asse est-ovest della rete ferroviaria svizzera”.  Ffs e Bombardier deplorano “la situazione attuale e si scusano con i viaggiatori per i problemi di stabilità dei nuovi treni. Queste circostanze creano difficoltà non solo ai passeggeri, ma anche al personale e ai team di progetto.

Meyer e Troger affermano che l'obiettivo principale è superare insieme e il più rapidamente possibile la difficile fase d'introduzione del nuovo treno: “Vogliamo che il bipiano Tpl sia un successo. Occorrerà però ancora del tempo prima che risponda appieno alle elevate esigenze della clientela svizzera. Stiamo facendo del nostro meglio per riuscirci il più presto possibile. Per quanto riguarda le questioni commerciali, ci sono ancora punti in sospeso che chiariremo in un secondo tempo”.

Entrata in servizio il più presto possibile

Attualmente le Ffs sono in possesso di 12 veicoli: quattro InterCity 200 su un totale di 23, cinque InterRegio 200 su 30 e tre InterRegio 100 su nove, che circolano come InterRegio sulle linee Zurigo–Coira via San Gallo e Zurigo–Basilea (IR 13/37). Le Ffs integreranno altri veicoli non appena essi garantiranno la stabilità richiesta per una messa in servizio regolare e il numero delle perturbazioni sarà sceso a un livello accettabile. Meyer e Troger ribadiscono che stanno lavorando affinché questo treno possa circolare il più presto possibile anche come IC 1 tra Ginevra Aeroporto e San Gallo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved