Empoli
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
Sampdoria
0
Verona
1
1. tempo
(0-1)
abusi-nella-chiesa-segnalazioni-in-aumento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 min

Grigioni, è morto il parapendista caduto domenica ad Arosa

L’uomo era precipitato da un’altezza di una decina di metri ed era in seguito scivolato lungo un ripido pendio
Svizzera
45 min

Covid, nuove misure a Neuchâtel e San Gallo

Nel cantone romando il livello d’allerta è passato ad arancione, mentre il governo sangallese chiede più controlli nelle aziende e nella ristorazione
Svizzera
1 ora

Invito a sottoporsi al test tornando dal Sudafrica

Tutti i test PCR positivi saranno esaminati approfonditamente sul tipo di variante, rispettivamente sequenziati
Svizzera
2 ore

Cassis telefona al ministro degli esteri cinese

Il direttore del DFAE aveva dovuto rinviare la visita prevista per oggi a causa di un guasto al jet del Consiglio federale
Svizzera
3 ore

Argovia, con 2,6 per mille finisce su terrazza ristorante

La conducente è rimasta illesa. Le hanno ritirato la patente e sarà denunciata al ministero pubblico
Svizzera
4 ore

La selezione dei pazienti da curare è “eticamente devastante”

Lo afferma la sociologa Tanja Krones, secondo cui il triage indica che le risorse limitate non sono utilizzate in modo ottimale
Svizzera
4 ore

Rifiutano di vaccinarsi: l’esercito li licenzia

È successo a cinque militari professionisti del Comando forze speciali. Diversi di loro hanno presentato ricorso al Tribunale amministrativo federale
Svizzera
20 ore

Associazioni economiche svizzere stilano agenda ‘ricostituente’

Economiesuisse, Usam e Unione svizzera degli imprenditori delineano i contorni della politica economica post-Covid
Svizzera
21 ore

Covid, i Cantoni reagiscono con mascherine, certificati, booster

Dopo la decisione del governo federale di mercoledì 24 novembre di non introdurre restrizioni a livello nazionale, le autorità cantonali si attivano
Svizzera
21 ore

Covid, vietati voli diretti dall’Africa australe in Svizzera

La decisione è valida da oggi, venerdì 26 novembre dalle 20, ed è stata presa per evitare la diffusione della variante Omicron o “sudafricana”
Svizzera
22 ore

Interrotto il viaggio di Ignazio Cassis verso la Cina

Problemi tecnici al jet del Consiglio federale impongono al direttore del Dfae un atterraggio di fortuna in Russia: ‘Nessun pericolo per i viaggiatori’
Svizzera
22 ore

Svizzera, terza dose del vaccino raccomandata a tutti

Per la prima volta la raccomandazione dell’Ufficio della sanità è estesa a tutta la popolazione, non solo a coloro che hanno 65 anni e più
Svizzera
22 ore

I nuovi F-35 costeranno non 5 ma 6 miliardi

Pronti i contratti per l’acquisizione dei jet e del sistema di contraerea. L’inflazione fa lievitare la fattura annunciata di un miliardo
Svizzera
1 gior

In cure intense più di un letto su 5 è un paziente Covid

In 24 ore registrati 106 ricoveri e 12 decessi. Lieve abbassamento del tasso di riproduzione
Svizzera
1 gior

Nuova variante in Sudafrica, l’Ufsp monitora la situazione

Per il momento non viene presa alcuna misura. Lo specialista di varianti nella Task Force Richard Nieher l’ha definita degna di attenzione
Svizzera
1 gior

Anche se più lentamente, gli insediamenti aumentano ancora

La crescita nell’ultimo decennio è di 181 km quadrati, ovvero un po’ più del doppio del Lago di Zurigo
Svizzera
1 gior

Parmelin ai Cantoni: ‘Chi ha più contagi agisca in fretta’

Il presidente della Confederazione in una lettera: ‘Chi ha pochi contagi e molti vaccinati reagirebbe male ad altre misure a livello nazionale’
Svizzera
1 gior

Mascherine, test, booster, certificato: i Cantoni si attivano

Il Consiglio federale ha rinunciato ad adottare misure anti-Covid a livello nazionale. E così si moltiplicano le disposizioni sul piano regionale
Svizzera
07.09.2018 - 08:450
Aggiornamento : 09:27

Abusi nella Chiesa, segnalazioni in aumento

La Conferenza nazionale dei vescovi saluta positivamente il coinvolgimento delle vittime. Segnalati 65 casi. Inasprito l'obbligo di denuncia

a cura de laRegione

L'Assemblea della Conferenza episcopale svizzera (Ces), che dal 3 al 5 settembre ha riuniuto a San Gallo tutti i vescovi svizzeri, ha preso atto delle statistiche 2010-2017 relative ai casi di abusi sessuali commessi nella Chiesa e registrati dai servizi diocesani. Anche se queste informazioni riguardano gli anni 2010-2017, gli abusi denunciati toccano un periodo molto più lungo, cioè da prima del 1961 e fino al 2017. Il sondaggio mostra nel 2017 un notevole aumento dei casi annunciati.

I motivi dell'aumento

La Ces – tramite un comunicato diffuso stamane – si è data più spiegazioni, riguardo all'incremento: dapprima, la celebrazione della preghiera e della penitenza della Ces medesima nel dicembre 2016 a Sion “ha avuto un grande impatto e ha incoraggiato molte vittime ad annunciarsi, ciò che non avrebbero fatto altrimenti”. Inoltre dal 2017 l'opinione pubblica ha presso conoscenza dell'istituzione e del funzionamento di un fondo di compensazione per le vittime di abusi: molte persone hanno beneficiato di questa istituzione”. Non da ultimo, nel corso del 2017 “il tema degli abusi sessuali compiuti in ambienti ecclesiali non ha cessato di essere reso pubblico. A differenza degli anni precedenti – annotano i vescovi elvetici – si è fatto più riferimento a ciò che la Chiesa cattolica in Svizzera ha fatto e fa dal 2010 per far luce su questo oscuro capitolo e per prevenire ulteriori abusi. Si può presumere che alcune vittime si siano così convinte ad annunciarsi”. C'è inoltre da aggiungere che l'Ufficio informazioni della Ces, il Comitato di esperti della Ces e gli organismi corrispondenti a livello diocesano “si sono impegnati in tutte le direzioni (attività dei media, volantini, siti web, ecc.) per pubblicizzare la loro attività e coinvolgere un pubblico più ampio. Tutte le diocesi hanno peraltro preso provvedimenti per incoraggiare le vittime ad annunciarsi”.

'Sforzi ripagati'

In questo contesto – annota la Conferenza episcopale – l'alto numero di nuovi annunci dovrebbe essere interpretato positivamente: “Mostra che gli sforzi compiuti dalla Chiesa cattolica svizzera per raggiungere e incoraggiare le vittime stanno dando i loro frutti: indica anche che le commissioni degli esperti diocesani e la Commissione per le retribuzioni lavorano in modo efficiente”. In Romandia, ad esempio, l'attività svolta dalla Cecar (Commisisone ascolto, conciliazione, arbitraggio e risarcimento) “ha aumentato la consapevolezza pubblica delle richieste delle vittime di abusi sessuali. Dovrebbe essere chiarito che dal momento che la Cecar non è un'istituzione ecclesiastica, i casi registrati e trattati da essa non vengono presi in considerazione nelle statistiche che trattiamo. Va aggiunto che la Cecar ha giurisdizione solo sui casi di abuso sessuale prescritti e che interviene in vista di un risarcimento per le vittime”.

Cifre, spiegazioni e nuovo appello

La maggior parte degli eventi elencati “risale a 30 anni o più”. Dei 65 abusi annunciati – spiegano i vescovi – 56 si sono verificati prima del 1990. L'indagine mostra anche che le misure adottate dal 2002 “sono efficaci”. Dei 7 casi segnalati di abuso verificatisi tra il 1991 e la fine del 2017, è stato accertato che “in due casi non vi è stata violenza sessuale; tre abusi sono stati subiti da donne adulte in una situazione di dipendenza; in un caso vi era il rapporto tra un prete anziano e un diciassettenne; risale poi all'inizio degli anni '90 un caso che vede coinvolto un prete e una bambina di 7-10 anni, caso finito in prescrizione”. La Ces annota inoltre che “alcune vittime sono state vittime di abusi da parte di numerosi molestatori. Una vittima è stata abusata in momenti diversi da diversi attori. Questo spiega perché il numero totale di vittime, abusatori e abusi non sempre corrisponde”. La Ces invita nuovamente le vittime a rivolgersi a una commissione diocesana di esperti o servizi di assistenza alle vittime a livello cantonale.

Eliminato il diritto di veto 'per non soffocare i casi'

Le Linee guida della Ces e dell'Unione dei superiori religiosi della Svizzera in materia di abusi sessuali nel contesto Chiesa prevedono attualmente che la vittima adulta dovrebbe essere sistematicamente informata della possibilità sia di presentare una denuncia penale, sia di impedire che lo faccia anche la Chiesa. Ebbene, la Ces ha deciso di modificare le proprie direttive rimuovendo il diritto di veto della vittima: “I ministri della Chiesa devono ora denunciare tutti i casi alle autorità civili e penali quando vengono a conoscenza di un reato perseguibile d'ufficio”. La regola in vigore finoora “era stata adottata sulla raccomandazione dei terapeuti che avevano chiesto tale veto per le vittime”. Grazie all'esperienza sin qui acquisita – conclude la Ces – senza alcun obbligo di denuncia “persiste il rischio di soffocare il caso, oltre a mettere in pericolo le potenziali vittime future”.
Imponendo l'obbligo di denuncia, la Ces “vuole mostrare la chiara posizione della Chiesa cattolica in Svizzera e si augura che questo provvedimento non impedisca alle vittime di annunciarsi. L'obbligo di segnalazione rimane invariato se vi è il sospetto di pedofilia”. Prima che l'emendamento entri in vigore, l'Unione dei superiori maggiori religiosi svizzeri - secondo firmatario delle direttive - deve dichiararsi d'accordo.

Rimpolpato il fondo di compensazione

Alla fine del 2016 la Ces ha creato la Commissione per il risarcimento delle vittime di abusi sessuali nel contesto ecclesiale e anche per i periodi prescritti. Allo stesso tempo è stato creato un fondo di 500'000 franchi per il risarcimento alle vittime di abusi sessuali prescritti. Questo fondo di compensazione è finanziato dalla Ces, dall'Unione dei superiori religiosi e dalla Conferenza cattolica centro-romana della Svizzera. A fine 2017 la Ces ha deciso di aggiungere 300'000. Le stime suggeriscono, tuttavia, che il fondo sarà esaurito entro la fine del 2018, motivo per cui la Ces si è dichiarata favorevole ad aggiungere altri 300'000 franchi.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved