ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
18 ore

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior

Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa

Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
1 gior

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
2 gior

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
2 gior

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
2 gior

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
2 gior

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
2 gior

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
3 gior

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
3 gior

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
3 gior

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
3 gior

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
3 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
3 gior

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
3 gior

Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali

Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
3 gior

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
3 gior

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
3 gior

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
3 gior

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
21.06.2018 - 08:54
Aggiornamento: 17:30

Promozione della pace e migranti, i temi affrontati

Alain Berset ha accolto papa Francesco a Ginevra-Cointrin e si è intrattenuto con il Pontefice. Alle 17.30 la messa al Palexpo dove sono attesi 41mila fedeli

a cura de laRegione
promozione-della-pace-e-migranti-i-temi-affrontati
A colloquio con Berset (Keystone)
+3

Denuncia dell’indifferenza nei confronti del prossimo, in particolare delle persone disagiate ed escluse: papa Francesco nel corso dell’incontro ecumenico di questo pomeriggio al Consiglio ecumenico delle Chiese (Cec) è tornato insistere sui temi già menzionati nel suo primo discorso, stamani alla cappella del Cec. "C’è da inquietarsi quando alcuni cristiani si mostrano indifferenti nei confronti di chi è disagiato", ha detto il pontefice nel suo discorso. "Ancora più triste è la convinzione di quanti ritengono i propri benefici puri segni di predilezione divina. Sull’amore per il prossimo, per ogni prossimo, il Signore, buon samaritano dell’umanità ci interpellerà". "La credibilità del Vangelo è messa alla prova dal modo in cui i cristiani rispondono al grido di quanti, in ogni angolo della Terra, sono ingiustamente vittime del tragico aumento di un’esclusione che, generando povertà, fomenta i conflitti. I deboli sono sempre più emarginati, senza pane, lavoro e futuro, mentre i ricchi sono sempre di meno e sempre più ricchi. Sentiamoci interpellati dal pianto di coloro che soffrono, e proviamo compassione", ha aggiunto il papa, che ha parlato anche più specificatamente di ecumenismo. L’unità dei cristiani deve trovare un motivo di crescita anche da quello che vivono molti di essi a causa della fede: "Guardiamo anche a tanti nostri fratelli e sorelle che in varie parti del mondo, specialmente in Medio Oriente, soffrono perché sono cristiani". "Stiamo loro vicini. E ricordiamo che il nostro cammino ecumenico è preceduto e accompagnato da un ecumenismo già realizzato, l’ecumenismo del sangue, che ci esorta ad andare avanti", ha aggiunto papa Bergoglio.

È il 23esimo viaggio internazionale di Papa Francesco

Papa Francesco è atterrato alle 10.05 all’aeroporto di Ginevra-Cointrin con il volo Alitalia AZ4000. Questo in Svizzera è il suo 23esimo viaggio internazionale. Il Pontefice è stato accolto dal presidente della Confederazione Alain Berset e dal consigliere federale Ignazio Cassis. Presenti ad attenderlo anche il presidente del Consiglio nazionale Dominique de Buman e il presidente del Consiglio di Stato ginevrino Pierre Maudet, mentre la consigliera federale Doris Leuthard raggiungerà Ginevra solo fra qualche ora.

 

Durante il volo, il Papa parlando ai giornalisti ha indicato che si tratta di "un viaggio verso l’unità". Il dispositivo di sicurezza allestito per la visita è composto da forze dell’esercito svizzero e da numerosi rappresentanti di diverse polizie cantonali, fra cui quella ticinese. Obiettivo di questa visita "storica" è rafforzare i legami con le altre Chiese cristiane riunite in seno al Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC), giunto al 70esimo anno di esistenza. Organizzata a distanza di 14 anni dal passaggio di Giovanni Paolo II in Svizzera, la visita papale in territorio protestante durerà una decina d’ore.

'Non perdere di vista i compagni di viaggio'

Nella preghiera al Centro ecumenico di Ginevra, che coordina 350 chiese cristiane non cattoliche, papa Francesco ha affermato che se non segue la via dello Spirito, l’uomo cerca di "realizzarsi inseguendo la via del possesso, la logica dell’egoismo, accaparrando qui e ora tutto ciò che gli va. Non si lascia accompagnare docilmente dove Dio indica, ma persegue la propria rotta. Abbiamo sotto gli occhi – ha sottolineato – le conseguenze di questo tragico percorso: vorace di cose, l’uomo perde di vista i compagni di viaggio; allora sulle strade del mondo regna una grande indifferenza. Spinto dai propri istinti, diventa schiavo di un consumismo senza freni: allora la voce di Dio viene messa a tacere; allora gli altri, soprattutto se incapaci di camminare sulle loro gambe, come i piccoli e gli anziani, diventano scarti fastidiosi; allora il creato non ha più altro senso se non quello di soddisfare la produzione in funzione dei bisogni". E ancora: "Camminare secondo lo Spirito è rigettare la mondanità. È scegliere la logica del servizio e progredire nel perdono. È calarsi nella storia col passo di Dio: non col passo rimbombante della prevaricazione, ma con quello cadenzato da un solo precetto: Amerai il prossimo tuo come te stesso".

L’apice della visita sarà raggiunto con la messa celebrata al Palexpo (le porte sono state aperte alle 10), di fronte al quale, in queste ore, regna un’atmosfera di gioiosa attesa. Il papa celebrerà una messa alla quale assisteranno più di 40mila persone. A decine gli autobus riversano con costanza i fedeli. Provenienti da parrocchie di tutta la Svizzera, molti pullman sono partiti di primo mattino con a bordo viaggiatori di ogni età, dal più anziano al più piccolo. Giunti nei parcheggi organizzati appositamente, i fedeli sono trasferiti al Palexpo a bordo di autobus affittati dal vescovato. Anche i treni a destinazione dell’aeroporto di Cointrin, situato a poche centinaia di metri, straripano di pellegrini e curiosi. Tutti sono impazienti di partecipare dal vivo allo storico avvenimento, ma dovranno aspettare ancora ore prima di assistere alla messa, prevista alle 17.30.

Volontari, schermi giganti e 22 camion carichi di sedie

In totale sono 310 i volontari, provenienti per due terzi dalla Svizzera e per un terzo dalla Francia, in t-shirt gialla pronti ad accogliere il pubblico che sta arrivando man mano. Sul posto sono stati installati schemi giganti e anche due confessionali. Inoltre, per ricordare la storica visita vi sono in vendita diversi gadget con l’effige del Pontefice e del suo viaggio a Ginevra. Negli scorsi giorni sono arrivati dalla Francia anche 22 camion carichi di sedie, di tutti i colori e di diverse forme, per accomodare i fedeli che assisteranno alla messa.

I temi affrontati da Bergoglio e Berset nel faccia a faccia

Le discussioni, durate circa mezz’ora, tra Bergoglio e Berset hanno riguardato soprattutto la promozione della pace e la gestione dei profughi. Il papa ha auspicato un impegno della Svizzera per "disinnescare i conflitti" nel Medio Oriente e nel mondo intero approfittando delle sue competenze di dialogo, ha riferito Berset in una conferenza stampa dopo il bilaterale. "Ho avuto l’impressione che il papa conosca bene Ginevra" e il suo ruolo nel multilateralismo, ha aggiunto il friburghese. Il presidente della Confederazione e il capo della Chiesa cattolica hanno espresso soddisfazione per le eccellenti relazioni bilaterali e i numerosi punti in comune nella politica di pace, nei diritti umani, nello sviluppo sostenibile e nelle questioni umanitarie, indica un comunicato pubblicato a mezzogiorno dal Consiglio federale.

Accoglienza dei profughi

I due hanno sottolineato la "necessità di adottare una politica solidale paneuropea in materia di rifugiati". Interrogato dai giornalisti su un eventuale annuncio di ricollocamento dei profughi della nave Aquarius, a cui l’Italia ha recentissimamente vietato l’attracco, il capo del Dipartimento federale dell’interno (DFI) ha indicato che la Svizzera ha una responsabilità nei confronti dei rifugiati, ma non può "essere sola" di fronte al problema. Il pontefice e il ministro della socialità hanno affrontato altri temi come la situazione delle minoranze religiose, fra l’altro in Myanmar. Entrambi nel recente passato hanno visitato i campi dei rifugiati rohingya in Bangladesh.

Clima disteso

È stato menzionato anche l’impegno, ancora oggi importante, della Guardia svizzera pontificia che rappresenta un segno visibile del legame di lunga tradizione tra la Svizzera e la Santa Sede. L’incontro è stato "un momento molto intenso e allo stesso tempo molto disteso. Abbiamo riso molto", ha detto Berset, qualificando il papa come una "personalità impressionante". Al termine del colloquio si è svolto un incontro al quale hanno partecipato anche il consigliere federale Ignazio Cassis e il presidente del Consiglio nazionale Dominique de Buman (PPD/FR).

Cassis: mi chiamo Ignazio, ma non sono gesuita

Mi chiamo Ignazio, ma non sono gesuita, ha detto al pontefice il ministro degli esteri elvetico, stando a quanto da lui stesso indicato su Twitter. Il papa ha risposto con un sorriso. Prima dell’elezione sul trono di Pietro, Bergoglio apparteneva all’ordine dei Gesuiti, fondato da Ignazio di Loyola. Nella delegazione della Santa Sede c’erano tra gli altri il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, e il cardinale svizzero Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani. La presenza di quest’ultimo è stata voluta dal papa, che è venuto in Svizzera per visitare il Consiglio ecumenico delle Chiese in occasione del suo 70esimo anniversario. Questa sera, al termine del programma ecumenico e pastorale, il papa sarà congedato da Berset e dalla consigliera federale Doris Leuthard.

 

Allegati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved