FEDERER R./TSITSIPAS S.
0
ISNER J./SOCK J.
0
1 set
(6-5)
FEDERER R./TSITSIPAS S.
0 - 0
1 set
6-5
ISNER J./SOCK J.
6-5
LAVER CUP
LAVER CUP MEN DOUBLES
Team Europe - Team World 7-5.
Match 9.
Ultimo aggiornamento: 22.09.2019 13:00
Svizzera
01.11.2017 - 10:390
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:21

Scoperto pianeta extrasolare gigante

Un pianeta extrasolare gigante è stato individuato attorno a una piccola stella da una squadra internazionale con il contributo dell’Università di Ginevra. La scoperta apre nuovi scenari: finora gli scienziati erano convinti che solo piccoli pianeti potevano formarsi intorno a stelle di dimensioni ridotte.

NGTS-1b, grande all’incirca come Giove, orbita attorno a un corpo celeste di tipo "Nana M" – il più comune nell’universo – ha scritto ieri l’ateneo in un comunicato. Si trova a 600 anni luce di distanza dalla Terra ed è al momento il pianeta più grande mai rinvenuto considerando il rapporto fra la sua taglia e quella della stella alla quale ruota attorno.

Il pianeta è stato individuato dall’NGTS (Next Generation Transit Survey), dal quale prende anche il nome. Si tratta di un nuovo strumento installato da un anno e mezzo sul sito dell’osservatorio europeo di Paranal, in Cile. È composto da una batteria di dodici telescopi robotici di 20 centimetri di diametro che scrutano il cielo alla ricerca di transiti, vale a dire "mini eclissi" provocate dai pianeti quando passano davanti alla loro stella.

“Questa scoperta è una sorpresa, è il primo esopianeta rilevato con l’NGTS e ci permette già di mettere in dubbio le teorie comunemente considerate valide fino ad oggi”, indica Dan Bayliss, esperto del Polo nazionale di ricerca PlanetS di Ginevra e primo autore della ricerca, citato nella nota. Sebbene questi esopianeti giganti siano difficili da scovare, in quanto la loro stella è piccola e poco luminosa, vi sono indizi per cui si può immaginare che non siano così rari come si credeva. NGTS-1b completa un’orbita attorno alla propria stella in 2,6 giorni e ha una massa equivalente a 60 volte quella della Terra. 

© Regiopress, All rights reserved