ISNER J. (USA)
Wawrinka S. (SUI)
11:00
 
ISNER J. (USA)
0 - 0
11:00
Wawrinka S. (SUI)
ATP-S
DIRIYAH SAUDI ARABIA
Consolation bracket.
Winner plays Struff or Pouille.
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 10:43
Carlo Reguzzi
Svizzera
22.08.2017 - 11:190

L'export svizzero è aumentato del 4,5% in luglio

Le esportazioni svizzere, corrette in base ai giorni lavorativi, sono aumentate in luglio del 4,5% in termini nominali rispetto allo stesso mese del 2016, mostrando tuttavia un rallentamento rispetto al dato di giugno (+6,5%). Per quanto riguarda le importazioni il saldo è risultato leggermente negativo (-0,5 %).

In termini reali, si legge in un comunicato dell’Amministrazione federale delle dogane, le esportazioni sono cresciute dello 0,6% a 19,1 miliardi di franchi, mentre l’import è calato dello 0,9% a 15,5 miliardi. La bilancia commerciale mensile ha così chiuso con un saldo ampiamente positivo di 3,6 miliardi di franchi (+0,9 miliardi).

Le esportazioni del settore tessile, abbigliamento e calzature sono state le più dinamiche (+26,9%), ma positivi sono risultati anche i dati relativi ai veicoli ferroviari e all’aeronautica (+15,7%), ai prodotti chimici e farmaceutici (+10,3%) e ai metalli (+8,8%). Il comparto dei gioielli ha invece registrato una contrazione delle vendite del 19,9%. Il settore orologiero ha proseguito la sua convalescenza, con esportazioni pari a 1,7 miliardi. La crescita su base annua del settore è stata del 3,6%.

Gli scambi con l’Ue, primo partner commerciale della Svizzera, hanno subito una battuta d’arresto (-4,4% nominale), con una flessione particolarmente accentuata in direzione della Francia (-23,4%) e in misura minore della Germania (-3,6%). L’Italia segna invece un +9%.

Verso l’Asia l’accelerazione è stata del 9,2%, ma i dati sono differenziati a seconda dei paesi: +0,9% per la Cina, +76,5% per Singapore, +26,5% per Hong Kong, mentre le vendite in Giappone sono scese del 5%.

L’America del nord ha messo a segno un balzo dell’export del 29,1%. Verso l’America del sud la progressione è stata dell’1,2% soltanto, con tuttavia una forte dinamica verso il Brasile (+19,5%). Da notare che verso gli USA l’export è stato pari a 3,4 miliardi di franchi, un livello superiore a quello registrato con la Germania.

Sul fronte delle importazioni le contrazioni più marcate hanno riguardato i veicoli (-18,1%), l’orologeria (-7,9%), la gioielleria (-17,1%) e i prodotti energetici (-4%). In progressione invece i metalli (+10%), i tessili, l’abbigliamento e la calzature (+9%), i prodotti chimici e farmaceutici (+7,6%), il settore delle macchine e dell’elettronica (+6%) nonché delle materie plastiche (pure +6%).

Tags
miliardi
esportazioni
export
luglio
miliardi franchi
prodotti
franchi
© Regiopress, All rights reserved