04.04.2016 - 10:51
Aggiornamento: 11.12.2017 - 18:15

Un po' meno cari gli affitti in Ticino, situazione opposta a Zurigo e Ginevra

a cura de laRegione
un-po-meno-cari-gli-affitti-in-ticino-situazione-opposta-a-zurigo-e-ginevra
Benedetto Galli

Le pigioni degli appartamenti in locazione inseriti sul portale ImmoScout24 sono aumentate in marzo: il costo annuo per metro quadrato si è attestato a 266,30 franchi, con una progressione dello 0,8% rispetto a febbraio e del 3,2% su base annua.

Non mancano comunque le differenze regionali, rivela l’indice "Swiss Real Estate Offer Index" calcolato da ImmoScout24 insieme alla società di consulenza Iazi e pubblicato oggi. In Ticino il prezzo richiesto – si parla naturalmente di appartamenti nuovi o nuovamente affittati – era di 249 franchi, il 2,4% in meno del mese precedente.In aumento sono per contro gli affitti delle regioni già oggi più care, vale a dire Zurigo (+0,6% a 316 franchi) e Lago Lemano (+0,8% a 304 franchi).

Secondo ImmoScout24 lo scarto di prezzo fra le varie zone della Svizzera dovrebbe però diminuire in futuro: questo perché a Zurigo e nella regione del Lemano è crollata la domanda di oggetti di lusso, spiega in un comunicato Martin Waeber, direttore dell’azienda con sede a Flamatt (FR).

I costi lievitano peraltro anche per chi si può permettere un’abitazione in proprietà. In marzo i prezzi richiesti dai venditori per una casa unifamiliare sono aumentati dell’1,1% rispetto a febbraio e dello 0,6% nel confronto con lo stesso mese dell’anno scorso, mentre per gli appartamenti il rincaro è stato rispettivamente dell1,5% e del 2,3%. I prezzi al metro quadrato il 31 marzo si sono attestati a 6026 franchi (case) e 7038 franchi (appartamenti). Dal gennaio 2011 la progressione è risultata rispettivamente del 10% e del 21%. (Ats) 

© Regiopress, All rights reserved