SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
45 min

Non valido il contratto di Ziyech al Psg

I documenti relativi al trasferimento dal Chelsea sono giunti fuori tempo massimo alla Lega francese di calcio
Hockey
8 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
13 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
13 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
14 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
15 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
15 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
18 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
18 ore

Campionati regionali, vince un... varesino

Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
19 ore

Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’

La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
19 ore

Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno

La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
Tennis
19 ore

Golubic subito sconfitta a Lione

Ancora a secco di successi in un tabellone principale nel 2023 la trentenne tennista rossocrociata
Tennis
1 gior

Djokovic più forte di tutti e di tutto

Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
1 gior

Gattuso lascia il Valencia

Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
1 gior

Addio a Bobby Hull

Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
1 gior

‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’

Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
L’ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Ad Anna Giamboni la prima gara del circuito femminile 2023

A Dietikon, l’esponente della Gerla ha superato in finale la bleniese Lorella Ferrari con il punteggio di 12-2
CROSS
1 gior

Roberto Delorenzi vince a Moghegno

La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
SCI ALPINO
1 gior

Diciannove nomi nella selezione rossocrociata per i Mondiali

Rimangono liberi cinque posti che verranno assegnati dopo lo slalom maschile di sabato a Chamonix
VOLLEY
1 gior

Doppia sconfitta, ma il Bellinzona esce a testa alta

Le ragazze della capitale superate sabato in campionato dal Lucerna e domenica in Coppa dal Lugano
BASKET
1 gior

Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore

Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 gior

Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl

Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
1 gior

Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving

Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
ATLETICA
laR
 
03.08.2021 - 08:27
Aggiornamento: 14:43

I giorni di gloria della velocità rossocrociata

Enrico Cariboni analizza il momento dell'atletica svizzera, ponendo l'accento sulle prove di Ajla Del Ponte e di una Mujinga Kambunji in finale anche nei 200

i-giorni-di-gloria-della-velocita-rossocrociata

Dopo il sesto posto nei 100 metri, Mujinga Kambundji si è assicurata anche la finale dei 200, in programma oggi alle 14.50 ora svizzera. Alzi la mano chi avrebbe ritenuto realizzabile, anche solo qualche anno fa, il sogno di portare due velociste alle Olimpiadi e di piazzarle tra le migliori otto al mondo. Nel corso degli ultimi decenni, l’atletica rossocrociata ha conosciuto un progresso che in pochi potevano ipotizzare e del quale adesso si inizia a raccogliere i frutti. Le delusioni sono sempre dietro l’angolo, come l’eliminazione in semifinale di Lea Sprunger nei 400 ostacoli o quella di Angelica Moser nelle qualificazioni del salto dell’asta (concorso penalizzato dal diluvio caduto sullo stadio Olimpico di Tokyo), ma questi sono momenti che fanno parte della vita di uno sportivo e che, di norma, servono da sprone per un futuro miglioramento (non per la vodese, che al Galà dei Castelli scriverà l’ultimo capitolo di una brillante carriera). Nel complesso, la salute dell’atletica rossocrociata è più che buona, con la velocità che la sta facendo da padrona…

«Per lo meno, in campo femminile, perché tra i ragazzi siano un po’ fermi – commenta Enrico Cariboni, responsabile tecnico del Galà dei Castelli, allenatore del Gab ed ex mezzofondista –. A livello femminile, per contro, le prestazioni sono state eccezionali, a prescindere dal risultato di Mujinga nella finale. Seguendo l’atletica anche a livello giovanile, da qualche anno si palesava una sensibile crescita, ma credo che nessuno si aspettasse un’esplosione come quella degli ultimi giorni. Per la piccola Svizzera, avere due atlete nella finale dei 100 è un risultato fuori di testa. E alle spalle di Mujinga e Ajla stanno crescendo nuovi nomi. Magari non raggiungeranno il loro livello, ma è comunque il sintomo di un movimento sano. Sono diversi i fattori alla base di questi risultati. In primo luogo, ovviamente, la possibilità di avere a disposizione due talenti di questa caratura: ma anche la loro capacità di evitare infortuni gravi, la presenza di tecnici in grado di farle crescere con intelligenza, senza dimenticare l’eccezionale resilienza delle due ragazze. Tutti fattori che si sono amalgamati in quella che si può definire un tempesta perfetta. E non dimentichiamo Salomé Kora, uscita nei 100 metri, ma che darà un contributo importantissimo nella 4x100».

Il merito dei risultati ottenuti va in primo luogo a Del Ponte e Kambundji, ma le buone condizioni di salute dell’atletica svizzera sono pure frutto del lavoro di Swiss Athletic… «Dopo gli Europei 2014 di Zurigo, la federazione ha lavorato in modo eccellente. Ciò dimostra l’importanza dell’organizzazione di un grande evento: ha portato interesse per l’atletica, gli sponsor si sono mossi, molti giovani si sono avvicinati a questo sport facendo aumentare la possibilità di scovare talenti. A Tokyo, Swiss Athletic ha portato trenta ragazzi e ragazze, quando nel 2004 ad Atene erano soltanto in sette. E non stiamo parlando soltanto di quantità, ma, come dimostrato, soprattutto di qualità».

‘Saranno i 200 più veloci della storia’

Dopo le emozioni vissute sabato nei 100 metri, oggi è atteso il bis sulla distanza doppia. Mujinga Kambundji si è qualificata con il record svizzero eguagliato (22”26”) sia in batteria, sia in semifinale… «È andata benissimo. Farà parte di quella che potrebbe essere la finale più veloce della storia, in grado di far tremare addirittura il record del mondo di Florence Griffith-Joyner (21”34). Per salire sul podio bisognerà correre sotto i 22” e per Mujinga non sarà evidente. Molto dipenderà dalla corsia nella quale verrà inserita e da come saprà gestire l’avvicinamento alla gara. Le due giamaicane (Fraser-Pryce e Thompson-Herah, ndr) sono le più forti, ma alle loro spalle tutto sembra possibile. Sono convinto che, comunque vada, Mujinga non sarà molto lontana dal podio».

‘Ricky, un futuro da fenomeno’

Ajla Del Ponte è balzata agli onori della cronaca con il suo quinto posto nei 100 metri, ma non era l’unica ticinese impegnata sull’anello dello stadio Olimpico. Ricky Petrucciani, 21 anni, ha corso la semifinale dei 400 ostacoli, chiusa al sesto posto con il tempo di 45”26 (14.mo posto finale). Il suo primato personale (45”02) non sarebbe stato sufficiente per raggiungere la finale (l’ultimo ripescato ha chiuso in 44”62), ma il ticinese è comunque soddisfatto… «Non è arrivato il record svizzero (44”99 di Mathias Rusterholz, ndr), ma ho corso una semifinale alla mia prima Olimpiade. Torno a casa con il sorriso sulle labbra, anche perché so che tra una anno agli Europei potrò puntare a una medaglia. E di Olimpiadi spero di poterne fare almeno un altro paio...».

Enrico Cariboni condivide la soddisfazione di Petrucciani… «Era l’atleta più giovane in semifinale e ha chiuso al terzo posto tra gli europei. Per lui, un risultato impensabile fino a otto mesi fa. La sua progressione è stata incredibile e il margine di miglioramento è ancora ampio. Se riesce a rimanere al riparo dagli infortuni, ha davanti a sé una carriera da fenomeno. A Parigi 2024 avrà 24 anni e allora potremmo vederne delle belle. Può migliorare sotto tutti gli aspetti, dalla muscolatura alla tecnica di corsa. Possiede ampi margini, eppure è già arrivato a disputare una semifinale olimpica...».

‘Agli Europei divertimento assicurato’

Torniamo brevemente su Ajla Del Ponte. Per chi, come Enrico Cariboni, da una vita dedica tempo e risorse a questo sport, prima come atleta, poi da tecnico e da organizzatore di eventi, vedere una ticinese ai blocchi di partenza della prova regina ha fatto salire il cuore in gola… «E, oltretutto, poterla ammirare dal vivo allo stadio! Il suo quinto posto equivale a una medaglia, ha portato a termine una prova eccezionale. E pensare che, se fosse partita un po’ meglio, avrebbe potuto puntare addirittura al quarto posto. Ajla è ancora giovane e al momento non ha raggiunto l’apice della carriera, possiede ulteriori margini di miglioramento. E lo stesso discorso vale per Mujinga, nonostante un’età che l’avvicina ai trent'anni. Una cosa è certa: agli Europei 2022 di Monaco ci divertiremo».

Ma prima di pensare agli impegni della prossima stagione, c’è un’Olimpiade da portare a termine. Con una 4x100 che, a questo punto, stuzzica e non poco… «Assolutamente. L’Olanda è in difficoltà a causa delle condizioni precarie di Dafne Schippers, la Gran Bretagna ha perso la Asher-Smith, la sua punta di diamante, e persino gli Stati Uniti non sembrano sui livelli abituali. Ce la possiamo giocare a viso aperto. Ma non dimentichiamo che la staffetta propone sempre la spada di Damocle del passaggio del testimone: basta un piccolo errore e addio sogni di gloria».

Le lacrime di Moser, la caduta di Morris

La serata dell’atletica è stata perturbata da un diluvio scatenatosi subito dopo la semifinale dei 400 di Ricky Petrucciani. Condizioni meteo che hanno fortemente perturbato la finale del disco e le qualifiche dell’asta, momentaneamente sospese. Asta che non ha portato fortuna ad Angelica Moser, uscita tra le lacrime con tre errori a 4,40 metri e ad Andrina Hodel, fermatasi a 4,25. Da segnalare l’infortunio occorso alla statunitense Sandi Morris, la cui asta si è spezzata, facendola cadere rovinosamente. Colpita al fianco, ha provato a riprendere la competizione, ma si è dovuta arrendere al dolore.

Reduce da una primavera tribolata (dal Covid a un infortunio al tallone d’Achille), Lea Sprunger, eliminata nella semifinale dei 400 ostacoli con il tempo di 55”12, non ha potuto nascondere la sua delusione… «È un sogno che se ne va. Avrei tanto voluto mettere la ciliegina sulla torta – ha commentato con le lacrime agli occhi –, purtroppo è andata male. Mi occorrerà del tempo per realizzare tutto quanto successo in questi ultimi due anni».

La vodese, che a Tokyo tornerà in pista con la 4x400, dopo le Olimpiadi ha in programma gli ultimi cinque appuntamenti: correrà, sui 400 o sui 400 ostacoli, a Berna, La Chaux-de-Fonds, Losanna (Athletissima), Zurigo (Weltklasse) e, infine, Bellinzona (Galà dei Castelli), dove scriverà l'ultimo capitolo della sua brillante carriera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved