la-gioia-di-noe-dopo-la-semifinale-ci-ho-creduto
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
54 min

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
6 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
13 ore

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
13 ore

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
13 ore

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
14 ore

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
19 ore

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
19 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
21 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
21 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
31.07.2021 - 09:000
Aggiornamento : 01.08.2021 - 15:14

La gioia di Noè: ‘Dopo la semifinale ci ho creduto’

Il ticinese commenta lo straordinario bronzo conquistato nei 100 delfino: ‘Non ci sono parole per descrivere le sensazioni che una medaglia alle Olimpiadi dà’

Prima Jérémy Desplanches, poi Noè Ponti: il nuoto svizzero che nella sua storia aveva vinto una sola medaglia olimpica, con Etienne Dagon nei 200 rana a Los Angeles, nel breve arco temporale di un giorno ne ha messe in bacheca addirittura due. Se quella del ginevrino in qualche modo poteva essere attesa, o quantomeno rappresentare un obiettivo, il fantastico bronzo del 20enne ticinese è una bellissima sorpresa. O meglio: è stata un sogno fino alla conquista della finale con il terzo tempo (e relativo record svizzero stracciato). Poi, tutto sommato, alla luce del talento di Noè e della sua capacità di affrontare anche le gare più prestigiose con la serenità dei forti, un occhiolino al podio lo si è potuto fare. Pur consapevoli di quanto complicato fosse l’esercizio, non fosse che perché due posti su tre sul podio erano già stati prenotati (da Dressel e Milak che fanno corsa a sé).

Così, dalla medaglia già storica di Desplanches, la Svizzera sale di un gradino sulla scala delle emozioni e oggi celebra il bronzo folle ma terribilmente concreto di Noè Ponti, travolto dalle mille sensazioni che avvolgono chi compie un’impresa straordinaria. Già, perché per quanto, vedendolo sul blocchetto di partenza, si potesse sperare in una medaglia, un podio olimpico per un 20enne alla prima Olimpiade e alla prima finale, resta un’impresa straordinaria nel vero senso della parola, fuori dall'ordinario. «È incredibile - ha commentato Noè -. È un sogno, sono semplicemente felice e soddisfatto. Cosa devo dire? Non ci sono parole per una medaglia di bronzo ai Giochi olimpici».
Ma un pensiero al bronzo lo ha fatto, a un certo punto? «Dopo il terzo posto in semifinale (50’’76, ndr), mi sono ripetuto che con 50’’7 o 50’’8 avrei potuto vincere il bronzo, perché gli altri non sarebbero stati più veloci di me. Mentalmente non è stato facile, ma ho dato tutto e alla fine ce l’ho fatta».

Il bronzo di Jérémy Desplanches ti è stato d’aiuto? «Certo che sì, la sua prestazione è stata fantastica. Sono state finali velocissime. Due medaglie nel nuoto in 24 ore per la Svizzera, pazzesco».

Un doppio risultato che fa bene all’intero movimento svizzero. «Abbiamo una squadra molto forte che è come una grande famiglia. Questa compattezza ci stimola e contribuisce alla bontà delle prestazioni. La medaglia è un ottimo viatico per il futuro, ma dobbiamo continuare a lavorare duramente per fare altri progressi. La concorrenza di certo non dorme».

La sua fase subacquea è eccellente… « Non la alleno in modo specifico. È un’abilità naturale che fa parte del mio talento. Sono stato a mio agio sott’acqua, sin da bambino. Non la alleno in modo specifico».

Il sogno olimpico, da quando lo culla? «Quando da bambino cominci a fare sport, i Giochi olimpici diventano un sogno. Nel 2012 sono stato colpito da Michael Phelps. Mi ha ispirato. Oggi mi ritrovo a evolvere a quel livello, alle Olimpiadi che guardavo alla televisione. È incredibile».

Una medaglia olimpica è frutto di un lavoro condiviso… «Vi hanno contribuito tutti quelli che mi hanno sempre sostenuto, i miei genitori, mia sorella, la mia famiglia, i miei allenatori. Devo rivolgere un grandissimo ringraziamento al mio allenatore Massimo Meloni, che purtroppo non ha potuto seguirmi a Tokyo».

Tra tre settimane la partenza per affrontare gli studi nel North Carolina. Cambia qualcosa, partire con la medaglia al collo. « Tutti mi dicono che quando vinci una medaglia ti amano tutti. Mi auguro che questo bronzo aiuti me e la mia futura squadra a migliorare ancora e che dia una motivazione enorme a tutti i miei compagni».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved