SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Fischer chiama Mirco Müller, Calvin Thürkauf (e Michael Fora)

A Friborgo, per gli Swiss Ice Hockey Days, il selezionatore dei rossocrociati schiererà due bianconeri
Ciclismo
4 ore

Charly Gaul, l’uomo delle imprese leggendarie

In occasione di ciò che sarebbe stato il suo 90° compleanno, ricordiamo la storia vincente ma triste del ciclista lussemburghese, scalatore leggendario
Qatar 2022
17 ore

Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’

Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
19 ore

Che umiliazione

La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
21 ore

I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa

Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
QATAR 2022
23 ore

La lunga marcia del calcio asiatico non è ancora finita

Dopo un Mondiale iniziato in maniera molto promettente, Australia, Giappone e Corea del Sud si sono infrante sul muro degli ottavi di finale
QATAR
1 gior

Eto’o colpisce uno youtuber, il video diventa virale

L’uomo, un algerino, lo aveva provocato sull’arbitro dello spareggio Algeria-Camerun che molti ritengono essere stato comperato
Angolo Bocce
1 gior

Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria

La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
QATAR 2022
1 gior

Il Manchester United vorrebbe Yann Sommer già da gennaio

L’accordo tra il portiere rossocrociato e il Borussia Mönchengladbach scadrà a fine stagione, proprio come quello di David de Gea con i Red Devils
Hockey
1 gior

Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler

Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
31.07.2021 - 09:00
Aggiornamento: 01.08.2021 - 15:14

La gioia di Noè: ‘Dopo la semifinale ci ho creduto’

Il ticinese commenta lo straordinario bronzo conquistato nei 100 delfino: ‘Non ci sono parole per descrivere le sensazioni che una medaglia alle Olimpiadi dà’

di Christian Finkbeiner (ats)
la-gioia-di-noe-dopo-la-semifinale-ci-ho-creduto

Prima Jérémy Desplanches, poi Noè Ponti: il nuoto svizzero che nella sua storia aveva vinto una sola medaglia olimpica, con Etienne Dagon nei 200 rana a Los Angeles, nel breve arco temporale di un giorno ne ha messe in bacheca addirittura due. Se quella del ginevrino in qualche modo poteva essere attesa, o quantomeno rappresentare un obiettivo, il fantastico bronzo del 20enne ticinese è una bellissima sorpresa. O meglio: è stata un sogno fino alla conquista della finale con il terzo tempo (e relativo record svizzero stracciato). Poi, tutto sommato, alla luce del talento di Noè e della sua capacità di affrontare anche le gare più prestigiose con la serenità dei forti, un occhiolino al podio lo si è potuto fare. Pur consapevoli di quanto complicato fosse l’esercizio, non fosse che perché due posti su tre sul podio erano già stati prenotati (da Dressel e Milak che fanno corsa a sé).

Così, dalla medaglia già storica di Desplanches, la Svizzera sale di un gradino sulla scala delle emozioni e oggi celebra il bronzo folle ma terribilmente concreto di Noè Ponti, travolto dalle mille sensazioni che avvolgono chi compie un’impresa straordinaria. Già, perché per quanto, vedendolo sul blocchetto di partenza, si potesse sperare in una medaglia, un podio olimpico per un 20enne alla prima Olimpiade e alla prima finale, resta un’impresa straordinaria nel vero senso della parola, fuori dall'ordinario. «È incredibile - ha commentato Noè -. È un sogno, sono semplicemente felice e soddisfatto. Cosa devo dire? Non ci sono parole per una medaglia di bronzo ai Giochi olimpici».
Ma un pensiero al bronzo lo ha fatto, a un certo punto? «Dopo il terzo posto in semifinale (50’’76, ndr), mi sono ripetuto che con 50’’7 o 50’’8 avrei potuto vincere il bronzo, perché gli altri non sarebbero stati più veloci di me. Mentalmente non è stato facile, ma ho dato tutto e alla fine ce l’ho fatta».

Il bronzo di Jérémy Desplanches ti è stato d’aiuto? «Certo che sì, la sua prestazione è stata fantastica. Sono state finali velocissime. Due medaglie nel nuoto in 24 ore per la Svizzera, pazzesco».

Un doppio risultato che fa bene all’intero movimento svizzero. «Abbiamo una squadra molto forte che è come una grande famiglia. Questa compattezza ci stimola e contribuisce alla bontà delle prestazioni. La medaglia è un ottimo viatico per il futuro, ma dobbiamo continuare a lavorare duramente per fare altri progressi. La concorrenza di certo non dorme».

La sua fase subacquea è eccellente… « Non la alleno in modo specifico. È un’abilità naturale che fa parte del mio talento. Sono stato a mio agio sott’acqua, sin da bambino. Non la alleno in modo specifico».

Il sogno olimpico, da quando lo culla? «Quando da bambino cominci a fare sport, i Giochi olimpici diventano un sogno. Nel 2012 sono stato colpito da Michael Phelps. Mi ha ispirato. Oggi mi ritrovo a evolvere a quel livello, alle Olimpiadi che guardavo alla televisione. È incredibile».

Una medaglia olimpica è frutto di un lavoro condiviso… «Vi hanno contribuito tutti quelli che mi hanno sempre sostenuto, i miei genitori, mia sorella, la mia famiglia, i miei allenatori. Devo rivolgere un grandissimo ringraziamento al mio allenatore Massimo Meloni, che purtroppo non ha potuto seguirmi a Tokyo».

Tra tre settimane la partenza per affrontare gli studi nel North Carolina. Cambia qualcosa, partire con la medaglia al collo. « Tutti mi dicono che quando vinci una medaglia ti amano tutti. Mi auguro che questo bronzo aiuti me e la mia futura squadra a migliorare ancora e che dia una motivazione enorme a tutti i miei compagni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved