PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
2
fine
(5-7 : 3-6)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
1
2 set
(1-6 : 2-5)
PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
2
fine
(5-7 : 3-6)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
1
2 set
(1-6 : 2-5)
l-altra-russia-quella-olimpica-sono-sportivi-non-politici
C'era una volta, qualche tempo fa (Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tokyo 2020
17 min

Djokovic-Zverev finale anticipata

L'altra semifinale mette di fronte domani Pablo Carreño Busta (Atp 12) e Karen Kachanov (Atp 25). Tutta croata la finale di doppio
Tokyo 2020
31 min

Belinda Bencic e Viktorija Golubic in finale di doppio

Giornata da due medaglie per la sangallese, in finale anche in singolare. Oro o argento, sabato, anche per la zurighese
Gallery
Tokyo 2020
2 ore

Noè Ponti in semifinale nei 100 delfino. Con margine...

Il 20enne ticinese quinto assoluto in 51''24. ‘Sono partito male, questo tempo lo posso ripetere, ma anche abbassare’
Gallery
Tokyo 2020
4 ore

Belinda Bencic in finale, una medaglia c'è: ‘Non ho parole’

La 24enne sangallese si è qualificata per la finale olimpica sconfiggendo al termine di una maratona (7-6 4-6 6-3) la kazaka Jelena Rybakina (Wta 20)
Hockey
4 ore

Brian Flynn lascia l'Ambrì Piotta e sceglie New Jersey

Tommaso Goi allenatore della U15 Elite, al posto del partente Benjamin Rogger. Patrick Incir biancoblù fino al 2022, Elia Mazzolini ai saluti
Ciclismo
5 ore

Fa paragoni razzisti, Moster rispedito in Germania

Il direttore sportivo della squadra tedesca si è scusato pubblicamente per aver incitato un proprio atleta
Calcio
17 ore

L'Acb vince il test con il Lugano grazie a Mozzone

Un gol al 12' decide la partita giocata a Bellinzona sul sintetico, a causa della pioggia incessante. Croci Torti: 'Amichevole importantissima'
Hockey
18 ore

Negli States impazza il mercato, e Bärtschi vola in Nevada

Il 29enne attaccante bernese lascia Vancouver per passare ai Las Vegas Golden Knights, dove ha staccato un two ways per la prossima stagione
Calcio
18 ore

Covid, tutti i giocatori in Svizzera dovranno avere il certificato

L'Sfl adegua i piani di protezione: nasce la figura degli 'agenti Covid', che da mercoledì 4 agosto dovranno controllare calciatori e membri dello staff
SKYRUNNING
20 ore

Marco Delorenzi e la voglia di medaglie

Il ticinese va ai Mondiali juniores in Italia, al Gran Sasso. ‘Cercherò di essere tra i primi tre, ma il livello sarà anche più alto che in passato'‘
Hockey
21 ore

Le strade di Müller e l'Ambrì si dividono: finirà a Zugo

Raggiunta un'intesa tra i biancoblù e i campioni, che passeranno alla cassa. 'Decisione difficile, combinazione di tre fattori e frutto di lunga analisi'
GINNASTICA ARTISTICA
23 ore

Top 15 per Gischard nel concorso completo

Buona prestazione del bernese, mentre Eddy Yusof ha pagato una caduta al volteggio. Il titolo al giapponese Daiki Hashimoto
CALCIO
23 ore

Luis Phelipe e Yuri, brasiliani a Lugano

L'attaccante classe 2001 arriva in prestito dal Salisburgo, mentre il laterale del 1996 era svincolato. Se ne vanno Sesere (in perstito) e Ardaiz
Hockey
1 gior

Il Lugano torna sul ghiaccio davanti ai suoi tifosi

La mattina di lunedì 2 agosto il nuovo tecnico Chris McSorley inaugura ufficialmente il suo ciclo, in una sessione di allenamento aperta al pubblico
CICLISMO
1 gior

L'argento di Reusser, il legno di Küng

Dalla gioia per il secondo posto della bernese, alla delusione per il quarto del turgoviese che ha perso il bronzo della cronometro per appena 40 centesimi
Tokyo 2020
 
21.07.2021 - 19:170
Aggiornamento : 22:46

L'altra Russia, quella olimpica. 'Sono sportivi, non politici'

Mosca resta ai margini, senza bandiera e con le note del grande Ciajkovskij al posto dell'inno, ma si aspetta molto dai Giochi. 'Possiamo far meglio di Rio'

A Tokyo 2020 non sventolerà il tricolore russo e nemmeno si ascolterà l’inno, come già successo a Pyeongchang 2018. La squadra federale parteciperà ai Giochi giapponesi ufficialmente in rappresentanza del suo Comitato olimpico nazionale. Sono sette anni, dalle Olimpiadi invernali di Sochi del 2014, che la Russia è in rotta di collisione con gli organi dirigenti dello sport internazionale. Allora, in riva al mar Nero fu scoperto un sistema di doping di Stato; successivamente – dopo lo scoppio dello scandalo, con tanto di testimoni-pentiti fuggiti all’estero – la situazione si è addirittura aggravata: i database del laboratorio di analisi di Mosca furono contraffatti prima del loro trasferimento all'Ama, l'Agenzia antidoping mondiale. Insomma, chiara reiterazione del reato: squalifica.

Giusto per non farsi mancare nulla, il 14 luglio scorso, due nuotatori (Veronica Andrusenko e Aleksandr Kudascev) già selezionati per le Olimpiadi, sono stati trovati positivi all'antidoping. A fine giugno erano stati scelti 335 atleti “puliti”, questo l’impegno preso. «Hanno tutte le possibilità di fare meglio che a Rio 2016» si è detto certo Stanislav Pozdnjakov, presidente del Comitato olimpico russo. All’edizione brasiliana dei Giochi, i suoi atleti – solo 271 superarono la selezione antidoping internazionale, mentre 118 furono bocciati – arrivarono al quarto posto del medagliere. Quanti degli attuali selezionati (inclusi i due nuotatori, riabilitati in extremis due giorni fa dal Tribunale arbitrale dello sport) riusciranno invece a prendere parte alle gare, non è chiaro. Infatti nuove amare sorprese per i russi potrebbero essere dietro l’angolo. Lo scontro non è più solo sportivo, ma politico. Il Cio non vuole che i successi sportivi vengano usati per altri scopi. In un primo momento Mosca aveva proposto di utilizzare la popolare canzone “Katjuscia” al posto dell’inno nazionale, ma l’idea è poi stata bocciata a livello internazionale, poiché quelle strofe sono troppo legate alla Russia. Così è stato approvato un brano estratto dal Concerto per pianoforte N.1 di Petr Ilic Ciajkovskij, mentre il vessillo utilizzato per le premiazioni sarà quello “neutrale” del Comitato olimpico russo.

Ma in alcune discipline, in pratica, il bando agli sportivi russi rimane. Nell'atletica leggera saranno in dieci, tra loro i campioni del mondo Marija Lasitsene, Serghej Shubenkov e Angelica Sidorova. Nel sollevamento pesi, invece, in gara saranno solo in due: Cristina Sobol nella categoria fino a 49 chilogrammi e Timur Naniev, in quella fino ai 109 kg. I russi sperano di fare incetta di medaglie nel nuoto sincronizzato, nella ginnastica artistica e nella scherma. Mosca si attende molto dagli sport di squadra, su tutti la pallamano, maschile e femminile. L’atleta più giovane sarà la sedicenne ginnasta Viktorija Listunova; quella più anziana, la cinquantaseienne amazzone Inessa Merkulovaja; quella più titolata, la cinque volte medaglia d’oro Svetlana Romashina nel nuoto sincronizzato. Alla cerimonia d'inaugurazione, la bandiera del Comitato olimpico russo sarà portata dai campioni olimpici Sofia Velikaja (scherma) e Maksim Mikhailov (pallavolo).

Risposte di Stato. 'Sono raccomandazioni, poi ognuno fa ciò che vuole'

Prima della partenza per il Giappone - ha appreso la stampa federale -, come ai tempi sovietici gli atleti sono stati istruiti su come comportarsi in caso di domande “provocatorie” da parte di giornalisti stranieri su questioni politiche, sulla crisi ucraina, sulla lotta al doping. Le risposte vanno dal «di politica non si parla durante le manifestazioni sportive», al «no comment» su questioni geopolitiche», fino a «il doping è un problema comune anche in altri Paesi». Il Comitato olimpico russo nega però di aver fornito vere istruzioni. «Le raccomandazioni non fanno mai male, ma poi ogni atleta fa quello che vuole – è intervenuto il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov -. Gli sportivi non sono politici, ma vengono coinvolti in certe questioni». Pur se le occasioni di discussione saranno minime, per la pandemia.

Massima allerta, invece, è stata decretata dalle istituzioni che hanno organizzato i Giochi. «È naturale che vi siano attacchi cibernetici contro Tokyo 2020 – ha commentato Isao Itabashi, esperto di sicurezza digitale –. Tuttavia è importante riparare in fretta i danni, e far sì che questi non lascino segni rilevanti».  A Rio 2016 e in Corea del Sud nel 2018 si registrarono intromissioni e manomissioni: allora il Dipartimento di Giustizia statunitense concluse che i responsabili furono uomini del Gru, una delle agenzie di intelligence russa, ma il Cremlino negò qualsiasi coinvolgimento. In Giappone però, Paese col quale la Russia non ha ancora firmato un trattato di pace dopo la fine della Seconda guerra mondiale, e dove gli atleti di Mosca partecipano senza inno e bandiera, certe “teste calde” potrebbero sfogare la loro rabbia.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved