Brasile
4
Corea del Sud
1
2. tempo
(4-0)
Sierre
0
Dra.gosier-ga
2
3. tempo
(0-0 : 0-0 : 0-2)
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
1 ora

Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping

Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
2 ore

Ai rigori vince la Croazia

I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
2 ore

Tutti i numeri di Kylian Mbappé

Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
3 ore

Sotto indagine dirigenti e giocatori della Celeste

La Fifa apre una procedura per quanto avvenuto al termine della sfida vittoriosa contro il Ghana
QATAR 2022
3 ore

La Fifa ha deciso, gol di Griezmann da annullare

Respinto il ricorso della federazione francese, che riteneva scorretto l’uso del Var nella sconfitta contro la Tunisia
QATAR 2022
4 ore

La Fifa apre un’inchiesta disciplinare contro la Serbia

In merito alle tensioni venutesi a creare in campo nella partita con la Svizzera. Nessun procedimento contro l’Asf e Granit Xhaka
QATAR 2022
4 ore

Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti

Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
5 ore

Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica

Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
Nuoto
5 ore

Anche a Coira il Ticino c’è, e non teme confronti

Ai Campionati giovanili nazionali a squadre le formazioni della Svizzera italiana fanno incetta di podi, facendo addirittura ‘en-plein’ al maschile
Qatar 2022
6 ore

La Spagna non deve sottovalutare il Marocco

Fra le favorite per il successo finale, le Furie rosse agli ottavi trovano un avversario fastidioso
Qatar 2022
7 ore

Col Portogallo quinto assalto ai quarti di finale

Rossocrociati sempre sconfitti agli ottavi contro Spagna (1994), Ucraina (2006), Argentina (2014) e Svezia (2018): che questa sia la volta buona?
TENNIS
7 ore

È morto Nick Bollettieri, l’allenatore dei campioni

Il 91enne tecnico statunitense è deceduto in Florida, dove aveva la sua Accademy dalla quale sono usciti 12 numeri uno delle classifiche Atp
SERIE A
7 ore

«È l’indagine più pesante della storia della Juventus»

Mattia Grassani - uno fra i legali italiani più esperti di diritto sportivo - è convinto che la società rischi sanzioni pesantissime
L’INTERVISTA
14.09.2022 - 16:28

Susan Bandecchi: ‘Non dovrò operarmi’

La tennista ticinese, ferma per infortunio da metà luglio, ci racconta come procede la sua riabilitazione

susan-bandecchi-non-dovro-operarmi

Con la tennista ticinese Susan Bandecchi ci eravamo sentiti l’ultima volta verso la fine di luglio, poco dopo l’infortunio in cui era incappata a Losanna – una frattura da stress al piede – che l’aveva costretta a interrompere la stagione agonistica. Com’è evoluta la situazione, dopo circa due mesi di stop? «Le cose vanno abbastanza bene», dice la ventiquattrenne, «la riabilitazione procede bene. Qualche giorno fa sono stata a Basilea alla Rennbahnklinik, struttura all’avanguardia nella medicina dello sport, dove mi sono fatta visitare in modo approfondito da uno specialista del piede. Lassù ho fatto diversi test di forza, equilibrio e appoggio, grazie ai quali ho fra l’altro scoperto che con la gamba sinistra faccio più fatica: ho meno forza, meno equilibrio e appoggio il piede in maniera non ottimale. Questo infortunio, dunque, ha avuto anche risvolti positivi: queste cose infatti non le avrei mai scoperte, se non mi fossi fatta male. Ora so su cosa potrò e dovrò intervenire in futuro, quando riprenderò a giocare».

A proposito di interventi, e qui torniamo al tuo infortunio: alla fine dovrai davvero operarti, come si diceva qualche settimana fa? «Per fortuna non sarà necessario, me lo hanno assicurato a Basilea. Anche di questo sono contenta, perché ammetto che l’idea di un’operazione un po’ mi preoccupava. In cambio, mi hanno fatto un’iniezione di Prp, cioè plasma purificato, i cui effetti si vedranno solo fra tre o quattro settimane, vale a dire verso la metà di ottobre, quando dall’infortunio saranno passati circa tre mesi. E lì, in teoria, potrò riprendere a giocare».

Forme di tutela

Sai già a quali tornei parteciperai? «No, devo ancora decidere, anche perché ho la possibilità di richiedere il ranking protetto». Cioè? «Se ti fai male, o se ad esempio resti incinta, la WTA ti garantisce che – se stai fuori almeno sei mesi – al rientro potrai far valere il ranking che avevi al momento dell’infortunio, che nel mio caso sarebbe la 201a posizione. E puoi utilizzare questa sorta di assicurazione per nove tornei, di cui due Slam e due WTA 1000. Se poi vado a fare un torneo ITF 25000, userò invece ovviamente il mio ranking attuale: non avrebbe senso sprecare una delle nove chance datemi dal ranking protetto. Ad ogni modo, se farò richiesta di questa forma di protezione, dovrò stare senza giocare almeno fino a metà gennaio. Ma la decisione potrò prenderla solo quando potrò riprendere l’attività, come detto a metà ottobre. Se vedo che non avrò recuperato al meglio, ovviamente richiederò il ranking protetto, perché comunque l’Australian Open ormai è saltato pure quello».

Ne sei già sicura? «Praticamente sì, perché oggi, avendo perso punti, io sono al numero 228 al mondo, e quando tornerò ad allenarmi sarò scivolata ancora più indietro, circa alla 250a posizione. A novembre poi, se non riuscirò a fare tornei e a difendere un po’ di punti, perderò ancora un po’ di terreno, ed è probabile che accada, perché non è che, dopo tre mesi, una torna in campo e si mette subito a vincere i tornei. Facile dunque che io richieda il ranking protetto, così avrò la sicurezza di fare la prossima stagione sia il Roland Garros sia Wimbledon, visto che, come detto, quella soluzione mi tutela per due Slam».

L’ultimo Slam

Hai seguito l’Open statunitense che si è chiuso lo scorso weekend? «Prima dell’Open non ho seguito nulla, nessun torneo, per evitare di deprimermi ancora di più dal momento che non potevo parteciparvi. L’Open però l’ho seguito, si tratta pur sempre di uno Slam e quindi mi interessava, ho guardato le partite ogni volta che potevo». E cosa ti è piaciuto di più? Chi ti ha maggiormente impressionato? «Se devo essere onesta, non pensavo che Iga (Swiatek) vincesse, benché arrivasse da un’annata pazzesca, con 35 match vinti consecutivamente e molte grandissime prestazioni. Il fatto è che, sul cemento, aveva fatto fatica sia a Cincinnati sia a Toronto, quindi non credevo potesse andare così avanti a New York, mi ha davvero stupito. Ma in realtà non pensavo che potesse vincere il titolo nemmeno Alcaraz, pur riconoscendo che è fortissimo. Davvero non immaginavo che, così giovane, potesse reggere tanto bene la pressione di una finale Slam».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved