TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
1 ora

Il primo derby fa bello il Lugano. Bürgler: ‘Troppo impazienti’.

I biancoblù iniziano bene, i bianconeri proseguono meglio. McSorley: ‘Col nostro gioco li abbiamo messi in difficoltà. Meritiamo di stare più in alto’.
Calcio
2 ore

La Spagna espugna Braga e va alle Final-four

Nations League, il Portogallo è stato sconfitto in casa dagli iberici 1-0
CALCIO
2 ore

Una Svizzera poco brillante batte la Cechia e si salva

Nations League, i rossocrociati faticano ma alla fine si impongono con le reti di Freuler ed Embolo. Decisivo Sommer che para un rigore
hockey
3 ore

Il primo derby è tutto del Lugano

I bianconeri si impongono con autorità alla Gottardo Arena, grazie alla doppietta di Thürkauf e alle reti di Granlund e Andersson
COSE DELL'ALTRO MONDO
8 ore

Non basta fare bene i compiti, Las Vegas ne sa qualcosa

Un’accurata programmazione può portare dall’altare alla polvere, ma i Raiders, nonostante Adams e Jones, rimangono la sola squadra senza vittorie
TIRI LIBERI
8 ore

L’estate del basket, dagli Europei alle dimissioni arbitrali

Il prossimo weekend riparte il campionato svizzero per voli che si spera non siano pindarici. Facciamoci sorprendere
ADAC GT MASTERS
9 ore

Pole position e due secondi posti per Marciello

Grande ormai il vantaggio accumulato in classifica dal ticinese dopo le gare al Sachsenring
GINNASTICA ARTISTICA
9 ore

Prestigioso bronzo maschile per il Ticino

Si sono svolti a Bülach lo scorso weekend i Campionati svizzeri a squadre
INLINE HOCKEY
9 ore

Perdono Malcantone e Sayaluca

Sono sconfitte che non cambiano nulla ai fini della classifica
Hockey
9 ore

L’Ambrì perde anche Isacco Dotti

Dopo l’infortunio di Heed, si fa male un altro difensore
Storie mondiali
20 ore

Usa 94, gloria per la Svizzera e requiem per Escobar

Durante il Mondiale 1994, dove i rossocrociati tornavano dopo quasi trent’anni, un calciatore colombiano venne ucciso a causa di un’autorete
hockey
1 gior

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
1 gior

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
1 gior

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
1 gior

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
1 gior

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
1 gior

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
1 gior

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
1 gior

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
1 gior

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
1 gior

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
TENNIS
1 gior

L’ultimo sipario sulla fabbrica delle emozioni

‘Non mi piace perdere’, dice King Roger. Ma alla Laver Cup di Londra è così che va a finire, con la sua Europa costretta alla resa dal resto del mondo
BOCCE
2 gior

Ai Mondiali di Roma la giovane Svizzera non delude

I giovani rossocrociati tornano dalla competizione juniores con un argento e un bronzo, conquistati dai ticinesi Ryan Regazzoni e Giorgia Cavadini
ATLETICA
2 gior

Kipchoge batte se stesso A Berlino nuovo record

A trentasette anni il keniano si ripete sulle strade della capitale tedesca, dove aveva già stabilito il primato della maratona nel 2018
CICLISMO
2 gior

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
2 gior

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
2 gior

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
2 gior

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
3 gior

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
3 gior

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
3 gior

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
3 gior

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
3 gior

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
3 gior

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
4 gior

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
il ritratto
13.08.2022 - 05:25

Serena Williams, il tennis corpo a corpo

Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava

di Emanuele Atturo
serena-williams-il-tennis-corpo-a-corpo
Serena Williams al Roland Garros 2010 (Keystone)
+4

Quando è scesa in campo a Flushing Meadows per la sua prima finale in uno Slam, Serena Williams non aveva ancora compiuto 18 anni. Portava un completino giallo canarino e delle treccine bianche che durante il servizio ondulavano all’indietro come alghe sulla battigia. Questi servizi raggiungevano velocità mai viste nel tennis femminile: 195 km/h, 200, 210. Toccavano angoli interni ed esterni con una frequenza paurosa. Dall’altra parte della rete Martina Hingis sembrava in balia di una forza aliena, di un fenomeno naturale rispetto a cui l’essere umano è ridotto a spettatore.

Hingis passa alcuni game in risposta a passeggiare tra il lato della parità e quello del vantaggio senza sfiorare la palla; i suoi servizi invece sembrano appoggi innocui e amichevoli, e nemmeno il tempo di riabbassare gli occhi dall’altro lato del campo, che gli è arrivata una risposta vincente. Il campo da tennis sembra piccolo per Serena Williams, e gigante per Martina Hingis. Su certi servizi dell’avversaria l’americana si getta col corpo in avanti verso la pallina che sta ancora salendo. La colpisce con un’urgenza che va oltre il normale spirito competitivo, un desiderio sostanziale di affermazione nel mondo.

Tempi che cambiano

Nessuno, guardando oggi la partita a digiuno di informazioni, potrebbe dire che Martina Hingis, tra le due, era la campionessa favorita, mentre Serena Williams era la sfidante, l’intrusa, la sorpresa. Avevano solo un anno di differenza e Hingis, ad appena 18 anni, era già una pluricampionessa Slam. Serena, invece, era solo la versione minore e sgraziata di sua sorella Venus, numero tre del mondo e considerata la futura dominatrice del circuito.

Venus era stata sconfitta in semifinale da Hingis, che Serena in quella partita batte in due set lunghi meno di un’ora e mezza. Durante la premiazione Hingis guarda Serena dal basso verso l’alto, non avrebbe più vinto uno Slam in singolare. Era l’ultima campionessa di un tennis che non c’è più, Serena è invece la prima campionessa di un tennis che non c’è ancora.


Con la sorella Venus dopo la vittoria nel doppio a Wimbledon 2013 (Keystone)

Alla rincorsa di Venus

Cresciuta all’ombra della sorella, sotto la spinta zelante di un padre a metà tra il folle e il visionario, Serena non somiglia all’ideale femminile della tennista di successo. Ha origini modeste, un corpo massiccio e la pelle nera. Ha imparato a giocare sui campi pubblici in cemento di Compton. Il padre ha portato le sue figlie nel ghetto per farle indurire, rincorrendo la visione poco convenzionale di due campionesse di tennis afro-americane.

Da quando non era nemmeno adolescente circolano leggende sul suo conto, sulla sua forza fisica, sulla potenza che riesce a proiettare su una pallina da tennis. Si era guadagnata soprannomi come "pitbull", o "palla di fuoco", che cercavano di descrivere quest’energia eccessiva, debordante.

Esordisce a 14 anni nelle qualificazioni di un periferico torneo del Quebec. Il campo della sua prima partita da professionista è accanto a un bar dove si fumano sigarette, si mangiano gelati e si guarda distrattamente questa ragazzina perdere 6-1 6-1 contro Annie Miller (best ranking: 40). Ci mette tre anni a vincere il suo primo Slam, e poi altri tre a vincerne ancora, a diventare numero uno del mondo, a battere sua sorella nella finale del Roland Garros. Non si fermerà più, la batterà ancora e ancora: da piccola sognava di essere Venus, ma è diventata migliore di lei.

Vivisezionata

Le vittorie delle sorelle Williams non sono neutre, ovviamente, ma politiche, per questioni di genere, di razza, di classe. Quelle di Serena lo sono però ancora di più per una ragione evidente: il suo corpo.

Se il corpo di Venus, elegante e slanciato, coincide di più con l’immagine che un uomo può proiettare su una tennista, il corpo di Serena è eccezionale in tutti i sensi. È un corpo forte, esplosivo, maestoso. Da quando inizia a vincere il suo corpo diventa un argomento di discussione più o meno esplicito. È chiaro, le persone non hanno alcun problema col suo corpo, ma intanto commentano le dimensione dei suoi seni, dei suoi glutei, delle sue cosce, del suo collo, delle sue braccia. Persino della sua faccia, dei suoi zigomi, delle sue labbra. È un corpo vivisezionato e giudicato pezzo dopo pezzo dallo sguardo maschile e bianco. È un corpo che non poteva vestirsi come voleva, che a differenza di quello – bianco e biondo – di Maria Sharapova non avrebbe dovuto permettersi completini fluorescenti, gonne corte o capi troppo attillati.


Serena Williams nel 2012 (Keystone)

Stereotipi razziali

È un corpo su cui nessuno ha problemi, chiaro, ma intanto è un corpo che viene disapprovato negli stadi, con fischi e ululati razzisti. Nel 1997 la romena Irina Spirlea la urta volontariamente durante un cambio campo. Nel 2001, nello stadio di casa di Indian Wells, all’inizio della finale contro la belga e bianca Kim Clijsters, fischi e ululati ricoprono lei, sua sorella, suo padre. Ha 19 anni, vince il torneo e dopo la partita piange a dirotto, ferma nella macchina di famiglia fuori da una pompa di benzina. Quando perde un punto le persone applaudono, quando vince un punto rimangono in silenzio. "È diventato subito normale per me che le persone non facessero il tifo per me, perché ero diversa, il mio aspetto era diverso".

Oltre agli episodi più palesi ci sono quelli più sottili, una specie di distorsione percettiva che la circonda creata dal razzismo sistemico, quello più difficile da riconoscere. La difficoltà a parlare di lei come la migliore tennista al mondo, il cedere di continuo a stereotipi razziali persino in buona fede. Serena Williams vince perché grossa e atletica, le qualità tipiche degli atleti neri, non perché ha un braccio eccezionale, una grande capacità tattica e una forza mentale fuori scala, quelli sono attributi da bianchi. Ci sono, specie a inizio carriera, arbitraggi dubbi e controversi. Nei quarti di finale degli Us Open del 2004 perde da Jennifer Capriati, in una partita viziata da un numero esagerato di chiamate sbagliate.


Sulla spiaggia di Miami nel 2015 (Keystone)

Davanti a tutti questi episodi Serena ha provato a rimanere calma e composta, cercando di parlare attraverso il gioco. Non sempre ci è riuscita. Nel 2009, durante la semifinale degli Us Open contro Clijsters sbraita verso un giudice di linea: "Giuro su Dio, ti ficco questa pallina nella gola". Serena chiede scusa, ma non basta a evitarle la gogna pubblica. Negli anni viene definita irascibile, arrogante, poco rispettosa delle sue avversarie. Questo per il moralismo conservatore che affligge il tennis, ma anche perché una donna nera ha bisogno di essere più irreprensibile delle altre per essere davvero amata.

Serena invece ha sempre fatto le cose a modo suo, con toni spesso chiassosi, ostentando i lati più luminosi e non nascondendo quelli più oscuri. A differenze di altri atleti, non ha avuto paura di mostrarsi come una persona complessa e ricca di contraddizioni.

Spigolosa, pioniera

È stata una tennista divisiva, ma chi l’ha odiata ha finito per descrivere più sé stesso che Serena. Negli anni è diventata meno litigiosa, meno spigolosa, ma nel 2018 ha vissuto forse l’episodio peggiore per la propria reputazione. Col suo status di icona ormai consolidato, ha di nuovo perso la lucidità in campo contro un arbitro. Nella finale degli Us Open del 2018, di fronte a Naomi Osaka, una delle tenniste cresciute nel suo mito, alla sua prima finale Slam, Serena chiama l’arbitro "ladro" e lo accusa di sessismo. Cosa che ovviamente le attira la solita nuvola razzista.

Dopo la partita l’Herald Sun pubblica una vignetta in cui Serena appare trasfigurata con uno stile caricaturale da inizio ‘900, mentre la sua avversaria è bionda e bianca (e ci sarebbe da chiedersi chi è, di certo non Naomi Osaka). Rispetto ai suoi primi anni però il contesto attorno a lei è cambiato e la sensibilità su razzismo e sessismo, soprattutto negli Stati Uniti, è diversa.


Trionfatrice a Melbourne (Keystone)

Rispetto a questi temi a Serena Williams è stato riconosciuto un ruolo da pioniera, da persona che si è presa i proiettili prima degli altri. Non è stata la prima tennista nera di successo, ma è stata la prima tennista nera a essere diventata la migliore al mondo nell’epoca di maggiore esposizione mediatica dello sport, pagandone il prezzo. Serena ha portato avanti queste battaglie senza una particolare volontà politica, ma la sua semplice affermazione individuale, e della sua identità, si è stratificata di significati politici.

È difficile quantificare l’impatto di Serena Williams sul tema della body positivity, per esempio, ma di certo il suo corpo ha rappresentato uno dei messaggi più potenti nella cultura contemporanea. Un corpo che non ha dovuto rinunciare alla sua forza per esprimere la sua bellezza.

Le fotografie

Nel 2017 si ritira dal circuito per un anno, è incinta di una bambina, Olympia. Quando torna, al Roland Garros, è ancora attraverso il corpo che Serena decide di comunicare i propri significati politici. Indossa un completo ultra-aderente che le dà un’aria solenne e predatoria. Lo definisce "un messaggio per tutte le mamme del mondo".

Negli ultimi anni, in un contesto più celebrativo nei suoi confronti, è stata più a proprio agio a indossare i panni dell’icona mediatica. Non vince uno Slam dal 2017 e negli ultimi anni il suo corpo di quarantenne è sembrato sempre più stanco e incapace di trovare picchi competitivi. Nel servizio di Vogue in cui ha annunciato il suo ritiro, però, Serena mostra questo corpo ancora con orgoglio ed eleganza. Ci sono le foto di oggi, in cui indossa un’elegante abito da sera turchese, ma ci sono anche diverse foto che Annie Leibovitz le ha scattato negli anni, nel tentativo impossibile di imprigionare l’intensità plastica del suo corpo eccezionale.


Alla prima del film su suo padre "King Richard" (Keystone)

Tra qualche settimana Serena Williams tornerà a New York per l’ultima volta e tutto è cambiato attorno a lei rispetto da quando ha battuto Martina Hingis nel 1999. Nel frattempo ha vinto 73 titoli Wta, di cui 23 tornei dello Slam, è diventata un’icona, un esempio, "la più grande atleta della storia statunitense" l’ha definita il New Yorker. Da qualche anno vive l’esperienza paradossale di giocare contro avversarie cresciute col suo poster in camera. Un privilegio che capita solo alle atlete così longeve da diventare postume a sé stesse.

Tra la vita e il tennis

Nell’articolo di Vogue racconta che sua figlia non fa che chiederle una sorellina. Dice che se fosse stata un uomo, come Tom Brady, magari avrebbe potuto permettersi il lusso di continuare a inseguire il sogno del ventiquattresimo Slam con cui avrebbe eguagliato Margaret Court. Avrebbe potuto continuare a nutrire il suo immane spirito competitivo. Da donna però è stata costretta a prendere una decisione, tra la vita e il tennis.

A Toronto ha detto di non essere brava negli addii, e ripete che non le piace pensare molto alla propria legacy, alla propria storia ed eredità sportiva. Suonano come due bugie: Serena sa comunicare in modo maturo, ed è perfettamente consapevole del suo potere, sa come maneggiarlo. È stata la nostra fortuna e continuerà a esserla.


Serena Williams ha vinto in carriera 23 Slam (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved