novak-quasi-battuto-ma-si-va-al-quinto-set
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci freestyle
35 min

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita dagli infortuni nella sua carriera sulle gobbe.
SCI ALPINO
1 ora

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
13 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
14 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
14 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
17 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
17 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
18 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
18 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
19 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
20 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
22 ore

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
1 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
1 gior

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
1 gior

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
1 gior

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
1 gior

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
1 gior

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
1 gior

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
1 gior

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
1 gior

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
2 gior

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tabellone maschile o femminile a Melbourne
Tennis
2 gior

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
2 gior

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
2 gior

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
2 gior

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
Tennis
 
14.01.2022 - 17:330
Aggiornamento : 18:40

Novak quasi battuto, ma si va al quinto set

I legali del numero 1 al mondo contestano il provvedimento del ministro dell’Immigrazione: appello (con poche speranze) domenica alla Corte Federale

“Per motivi di salute e di ordine pubblico”. È questa la motivazione sulla quale si basa la decisione del ministero dell’immigrazione australiano di annullare per la seconda volta il visto di Novak Djokovic. Alle motivazioni del ministro australiano dell’Immigrazione, Alex Hawke, il premier Scott Morrison ha aggiunto che la scelta mira a proteggere il risultato dei “sacrifici” fatti dagli australiani durante la pandemia.

«Ho esercitato il mio potere ai sensi dell’articolo della legge sulla migrazione di annullare il visto di Novak Djokovic per motivi di salute e buon ordine – ha spiegato Hawke –, sulla base del fatto che ciò fosse nell’interesse pubblico. Questa decisione arriva dopo le ordinanze del Circuito federale e del tribunale della famiglia del 10 gennaio 2022 che ha annullato una precedente decisione per motivi di equità procedurale. Nel prendere questa decisione, ho considerato attentamente le informazioni fornitemi dal Dipartimento degli affari interni, dall’Australian Border Force e dal signor Djokovic. Il governo Morrison è fermamente impegnato a proteggere i confini dell’Australia, in particolare in relazione alla pandemia di Covid».

L’articolo 133 citato dal ministro è quello che potrebbe portare al divieto di ingresso in Australia per tre anni. «Prendo atto della decisione del ministro dell’Immigrazione su Novak Djokovic – ha poi rincarato il primo ministro australiano Scott Morrison – Questa pandemia è stata incredibilmente difficile per ogni australiano, ma siamo rimasti uniti e abbiamo salvato vite. Gli australiani hanno fatto molti sacrifici durante questa pandemia e giustamente si aspettano che il risultato di quei sacrifici venga protetto. Questo è ciò che il Ministro ha fatto compiendo questa azione».

Gli sviluppi

Rinvio alla Corte Federale

L’appello presentato dai legali del numero uno al mondo in un’udienza convocata d’urgenza dal giudice Anthony Kelly, lo stesso che aveva cancellato il primo annullamento del visto, ha fatto sì che il caso sia stato rinviato alla Corte federale. Secondo l’esperta di diritto pubblico australiano Janina Boughey ci sono poche possibilità che un appello di Djokovic possa essere accolto, a causa degli ampi poteri del ministro. A cambiare il destino potrebbero essere solo: un errore procedurale, una mancata conformità ai termini della legge o una decisione priva di fondamento. La sentenza finale è attesa domenica nelle prime ore del mattino, in Svizzera. La decisione di affidare il giudizio alla Corte federale va contro la richiesta degli avvocati del campione serbo, i quali avevano chiesto al giudice Kelly di prendersi carico della decisione finale.

I legali del ministero dell’Immigrazione australiano hanno acconsentito a non espellere Djokovic dal Paese fino a quando l’esame del ricorso del tennista non sarà terminato. Nessuna misura detentiva sarà applicata al giocatore fino al colloquio, previsto per domani alle 8 (le 22 di stasera in Svizzera), con i funzionari dell’immigrazione. Non dovrà quindi tornare, come paventato in un primo tempo, nel Park Hotel, centro detentivo per immigrati irregolari e richiedenti l’asilo dove era rimasto per quattro giorni in attesa di giudizio. Nole si recherà poi domani, scortato da due ufficiali dell’Immigrazione, in una sede concordata tra le parti, all’udienza finale davanti alla Corte Federale. Se il suo appello fosse accolto, Djokovic dovrebbe giocare il primo turno già lunedì: l’Australian Open ha annunciato che la metà alta del tabellone sarà in campo nel primo giorno del torneo.

‘Decisione irrazionale’

I legali di Djokovic hanno definito «palesemente irrazionale» la condotta che ha portato il ministro dell’Immigrazione australiano, Alex Hawke, ad annullare il visto a Djokovic e hanno chiesto che la decisione del Governo sia cancellata e che Nole non sia espulso. L’avvocato Nick Wood ha spiegato che evocare “il pericolo di favorire sentimenti No-vax” qualora il 34enne serbo restasse nel Paese è “in netto contrasto” con le motivazioni addotte dall’ufficio immigrazione che aveva parlato solo del rischio di contagio, visto che il tennista non è vaccinato.

Quella dei legali del serbo non è la sola voce critica che si è levata, alla lettura del provvedimento da parte di Hawke. Lo stesso Kelly, il giudice che aveva permesso a Djokovic di restare, ha definito la piega presa dagli eventi un “circo”. Vari esperti di diritto australiano sono critici nei confronti dei “pieni poteri” concentrati in una sola persona, il ministro dell’Immigrazione. «Quando è un solo ministro ad avere la facoltà di decidere da solo – ha detto l’esperto in materia di diritto Geg Barns –, significa una cosa sola: che le decisioni possono essere influenzate da considerazioni di ordine politico. È sorprendente che noi australiani concediamo che una sola persona abbia tutto questo potere». Ne va della trasparenza, ritiene il legale. Ciò fornisce al team di Djokovic uno spunto per appellarsi con argomentazioni valide.

Le reazioni

Murray: ‘Brutta storia, per tutti’


«Brutta storia per tutti, ma non è il momento di infierire su Novak». Andy Murray si è unito al gruppo di tennisti molto critici con il numero 1 al mondo. «Non è una buona situazione», ha commentato il tennista britannico, dopo aver raggiunto la finale del torneo Atp di Sydney, la prima per lui da due anni a questa parte. «Ma non ho intenzione di prendere a calci Novak mentre è a terra». È una situazione che si trascina da troppo tempo: non è un bene per il tennis, non lo è per gli Australian Open, men che meno per lui. Non so quale strada abbia percorso, quanto tempo ci voglia per il ricorso, se può allenarsi o giocare lunedì – ha aggiunto lo scozzese – ma so solo che serve una soluzione».

Murray ha assunto una posizione netta, sul tema vaccini, invitando tutti a immunizzarsi. «Quando in Gran Bretagna mi sono sottoposto all’iniezione di richiamo – ha raccontato – l’infermiere che me l’ha fatta mi ha rivelato che tutti i pazienti in terapia intensiva erano non vaccinati. Per me ha senso che si vaccinino tutti: perché per la maggior parte chi è giovane o atleta, se la passerà bene, ma dobbiamo fare tutti la nostra parte».

Dalla Serbia: ‘Decisione scandalosa’

Non poteva mancare la reazione di chi, buttandola in politica sulla falsa riga di quanto fatto dalla famiglia di Djokovic nei giorni scorsi, ha visto nel provvedimento un verdetto politico (appunto) prevedibile. Una sorta di pallata (per restare in tema) tra gli occhi alla Serbia. «La decisione di privare nuovamente Novak Djokovic del visto d’ingresso in Australia è scandalosa» ha riferito a una tv privata a Belgrado Dragan Markovic Palma, leader del partito Serbia Unita e politico molto popolare nel Paese balcanico. Stando a lui, tale decisione sarebbe «attesa poiché è noto l’atteggiamento poco amichevole dell’Australia nei confronti della Serbia. Evidentemente a qualcuno disturbava il fatto che Nole abbia vinto per nove volte gli Australian Open, e di certo li avrebbe vinti anche per la decima volta poiché dal punto di vista psicologico è uno dei migliori sportivi, e sappiamo quante volte ha vinto in incontri dati ormai per persi». Parole dai contenuti molti forti, la cui eco rischia di avere delle conseguenze, se cavalcate sull’onda del nazionalismo e sventolando le bandiere.

Il torneo

È ancora il numero uno

Fintanto che non verrà emesso il verdetto definitivo, il serbo resta nel tabellone degli Australian Open in veste di numero uno, anche se non può allenarsi per tutto il weekend. Se dovesse essere espulso, il sorteggio dell’Australian Open andrebbe incontro a un rimpasto: al posto di Djokovic si sposterebbe Andrey Rublev, a sua volta sostituito dal francese Gael Monfils, al quale subentrerebbe Alexander Bublik. Una serie di mosse che farebbero le fortune di un “lucky loser” estromesso all’ultimo dalle qualificazioni, inserito in tabellone quale ripescato.

La vicenda

L’esenzione, il confino

È la seconda volta che il visto di Djokovic viene cancellato da quando è arrivato a Melbourne la scorsa settimana per difendere il suo titolo agli Australian Open. La sua esenzione dall’obbligo di vaccinazione Covid per competere era stata approvata dal governo dello stato del Victoria e da Tennis Australia, l’organizzatore del torneo. Questo a quanto pare gli ha permesso di ricevere un visto per viaggiare. Ma l’Australian Border Force aveva rifiutato l’esenzione e annullato il suo visto all’arrivo a Melbourne. Djokovic aveva trascorso quattro notti in detenzione in hotel per richiedenti l’asilo prima che il giudice Kelly annullasse quella decisione. Si è poi regolarmente allenato al Melbourne Park per prepararsi al primo Slam della stagione.

TENNIS: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved