WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
overtime
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
4
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-0)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
3
ANA Ducks
3
overtime
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0)
Detroit Red Wings
3
CHI Blackhawks
4
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 0-0)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
caso-djokovic-il-tennista-libero-e-gia-sul-campo
La famiglia Djokovic
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
5 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
6 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
9 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
10 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
10 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
11 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
11 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
TENNIS
10.01.2022 - 16:230
Aggiornamento : 18:48

Caso Djokovic, il tennista libero e già sul campo

Conferenza stampa della famiglia. La madre Dijana: ‘È la sua più grande vittoria’. Il padre Srdan: ‘L’ultima partita è stata giocata e abbiamo vinto noi’

a cura de laRegione

«Novak è libero e pochi istanti fa si è allenato su un campo da tennis. In Australia è venuto per giocare a tennis». Inizia con queste parole la conferenza stampa organizzata dalla famiglia dell’atleta serbo.

Ad aprire il collegamento coi giornalisti, il direttore del torneo di Belgrado, nonché fratello di Djokovic, Djordje: «Amiamo l’Australia, Novak ama l’Australia. Non abbiamo altro che amore per questo paese. Sono sicuro che il sistema giudiziario australiano era sotto pressione enorme, il mondo intero stava guardando – afferma, per poi continuare –: verità e giustizia sono finalmente emerse. Vogliamo ringraziare il sistema giudiziario australiano e il giudice Kelly, che ha condotto la sentenza in modo neutrale, prestando attenzione ai dettagli. Ha esaminato ogni aspetto di questa storia. E infine vogliamo ringraziare anche le persone che hanno dato sostegno a Nole in tutto il mondo, a coloro che si sono sollevate in sua difesa».

Giustizia e libertà sono affermazioni che ritornano spesso durante i vari interventi della famiglia Djokovic, seduta davanti a uno schermo che – a rotazione – espone tutti i gesti generosi portati avanti dal tennista serbo, primo fra tutti, la donazione fatta agli ospedali italiani durante la prima ondata pandemica.

«Novak è un uomo onesto ed eccezionale. Siamo molto felici che la giustizia e la verità abbiano prevalso. E io sono molto felice che lo stato di giustizia esista e che possiamo ancora lottare per la verità e i diritti umani», ha poi detto con decisione il fratello.

Poi e toccato alla madre, Dijana, prendere parola: «Questa è stata la sua più grande vittoria. Novak Djokovic non è colpevole, ma è stato esposto alle malelingue e molestato. È stato interrogato per diverse ore e poi lasciato solo per altrettante ore, senza cellulare, senza poter parlare con il suo staff o la sua famiglia. L’hanno giudicato come un criminale».

Dal canto suo, il padre Srdan continua a mettere l’accento su una possibile motivazione politica dietro all’agire delle autorità australiane. «Nonostante certi atteggiamenti, Nole non si è lasciato mettere in ginocchio. Negli ultimi giorni sono successe varie cose ed è stato molto difficile. Ma è mentalmente forte, un giovane straordinario che racchiude in sé tutte le qualità migliori che un uomo possa avere», ha detto. Poi, l’affondo allo Stato australiano: «Non ha mai offeso o trattato male nessuno, è sempre stato in buoni rapporti con tutti. Ma ovviamente il fatto che provenga da un paese piccolo e impoverito come la Serbia non era qualcosa che piaceva ai grandi potenti, e pensavano di avere poteri dati da Dio».

Il padre di Djokovic, ha poi aggiunto, sempre in riferimento al governo australiano: «L’ultima partita è stata giocata e abbiamo vinto noi. Ora hanno bisogno di inventare una partita diversa. L’unica cosa che devono fare, però, è lasciarlo libero. Libero di giocare a tennis, motivo per cui era venuto in Australia e cosa che sa fare meglio di tutti».

E dopo la lingua serba, si è passati all’inglese, con alcune domande poste dai giornalisti presenti in sala. Una parte, questa, passata velocemente, soprattutto quando è stato chiesto perché, nonostante il tennista sapesse della sua positività già il 16 dicembre, avesse comunque deciso di partecipare a eventi pubblici. A rispondere (o meglio, in questo caso, a non rispondere) il fratello: «Grazie, la conferenza stampa termina qui».

TENNIS: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved