TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Storie mondiali
5 sec

Mondiali ’98, Jean-Marie Le Pen e la Francia multicolore

Il successo dei Galletti nel Mondiale del 1998, cavalcato o misconosciuto a seconda delle fazioni, si portò appresso diverse implicazioni politiche
HOCKEY
6 ore

Roman Josi grande protagonista a Berna con i suoi Predators

Il difensore elvetico ha firmato due reti e fornito un assist nella vittoria di Nashville nella sfida amichevole
CALCIO
8 ore

Un’indagine rivela abusi sistematici nel calcio femminile Usa

L’inchiesta è stata portata avanti dall’ex procuratrice generale Sally Yates che ha raccolto la testimonianza di oltre 200 giocatrici della Nwsl
CALCIO
9 ore

Gonzalo Higuain annuncia il ritiro

L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
12 ore

La settimana della verità per Gerardo Seoane

Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
RALLY
13 ore

Quarto successo di Gilardoni nel Rally del Ticino

Dopo la tripletta tra il 2016 e il 2018, si è imposto con la moglie Chiara Giardelli quale copilota. ‘Una vittoria unica e speciale’
BMX
13 ore

Zoé Claessens chiude una stagione di successi

A Bogotá l’elvetica ha colto il terzo posto nella finale di Cdm. Nel 2022 ha conquistato il titolo europeo, l’argento mondiale e due successi in Coppa
CALCIO
14 ore

Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang

Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
15 ore

Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni

I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
TENNIS
19 ore

Stan Wawrinka già eliminato dal Torneo di Astana

Lampo e buio (preciso solo nella prima mezz’ora di gioco) per il tennista elvetico, battuto per 6-1, 2-6, 3-6 da Adrian Mannarino
hockey
1 gior

Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo

Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
1 gior

L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata

Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
BMX FREESTYLE
1 gior

A Cadenazzo, Ducarroz e Sideris si confermano campioni

Riuscita la manifestazione organizzata da Swiss Cycling in collaborazione con l’associazione Freestyle Park Ticino
CALCIO
1 gior

Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia

Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
1 gior

Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano

I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
1 gior

A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp

Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez

Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
BASKET
1 gior

La stagione inizia nel segno della Spinelli

Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali
BMX
1 gior

Zoé Classens di nuovo sul podio

In Colombia la vodese chiude per la quarta volta in stagione nei primi 3
CALCIO
1 gior

Una brutta giornata per chiudere una brutta settimana

Promotion League, il Chiasso sconfitto a Nyon al culmine di giorni in cui si è parlato molto di aspetti che esulano dal campo. Tre espulsi tra i rossoblù
MOTOMONDIALE
1 gior

MotoGP, Quartararo braccato da Bagnaia

In Thailandia vince Oliveira, in Moto2 si impone Arbolino, in Moto3 successo per Foggia
Indonesia
1 gior

Calca dopo la partita di calcio, almeno 125 morti

I tifosi dell’Arema Fc erano arrabbiati per la sconfitta subita contro la squadra rivale, tanto da invadere il campo. Sceso il numero delle vittime
hockey
2 gior

L’Ambrì si prende due punti e ferma il Rapperswil

I biancoblù tornano al successo: sangallesi sconfitti 4-3 al supplementare alla Gottardo Arena.
hockey
2 gior

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten
FORMULA 1
2 gior

Singapore, nona pole stagionale per Leclerc

Il monegasco scatterà davanti a Perez e Hamilton. Giallo Verstappen (solo ottavo), probabili problemi alla benzina che stava... per finire.
motociclismo
2 gior

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
2 gior

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
2 gior

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
3 gior

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
3 gior

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
3 gior

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
3 gior

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
L’intervista
laR
 
04.01.2021 - 22:10

In attesa di Federer, i giovani sfidano Nadal e Djokovic

Il 2021 del tennis visto da Claudio Mezzadri: Federer, Nadal, Djokovic e molto altro ancora

in-attesa-di-federer-i-giovani-sfidano-nadal-e-djokovic
+1

Il tennis si rimette in moto. A tentoni, improvvisando un po’ e adattandosi alla straordinarietà del momento, ma riparte, con i primi appuntamenti a Delray Beach, Antalya e Abu Dhabi. Più o meno dieci mesi dopo l’annullamento del torneo di Indian Wells a causa della pandemia che mise i lucchetti ai circuiti Atp e Wta, si cerca di riprendere l’attività. L’auspicio è che si possa tornare a una sorta di normalità a partire dalla stagione europea sulla terra rossa dal mese di aprile, il cui culmine – tradizionalmente – è il Roland Garros di Parigi.

Gli interrogativi non mancano, e non sono tutti relativi all’emergenza sanitaria. Dominic Thiem saprà confermarsi vincitore di uno Slam? Ci sarà spazio, sempre in ambito “major”, per nuovi conquistatori? Che ne sarà di mostri sacri quali Roger Federer e Andy Murray? Quando torna il basilese? E quale sarà la sua condizione? Rafael Nadal riuscirà a superarlo salendo a quota 21 Slam, magari già a Melbourne, più probabilmente a Parigi? Sarebbe il secondo record di cui Federer si vedrebbe privato, giacché Djokovic con 302 settimane gli insidia quello delle settimane trascorse in vetta all’Atp, che per il basilese sono 310.

Stagione raffazzonata

Dagli interrogativi a una certezza: l’annata entrante sarà giocoforza condizionata da regole e protocolli. «Sarà anche questa una stagione raffazzonata, almeno per metà – analizza Claudio Mezzadri, commentatore televisivo e profondo conoscitore delle vicende di un tennis di cui è stato validissimo giocatore –. Non ci sarà pubblico, o ce ne sarà pochissimo, come stanno cercando di fare a Melbourne, in un calendario forzatissimo, comprendente solo i tornei che riescono a stare in piedi anche senza spettatori. Tanti appuntamenti sono già stati cancellati o rinviati, altri sono in forse. La situazione è questa. È un bene che qualcosa venga fatto, questo va ribadito. Per i giocatori, ma ancor di più per la gente a casa, affinché si possa tornare a vedere tennis, oltre che calcio, hockey, sci e altre discipline. Abbiamo tutti voglia di vedere competere, ne abbiamo abbastanza di partite registrate già viste tante volte. Dobbiamo resistere. Ribadisco: è un bene che il tennis riparta, ma si tenga conto che le modalità sono quelle testé descritte».

Una delle questioni più attuali e “scottanti” riguarda le condizioni di Roger Federer, il cui rientro è tanto atteso quanto incerto. «Spero che non abbia rinunciato all’Australia a causa delle condizioni del ginocchio. Se così fosse, mi preoccuperei molto. Non recuperare appieno ad un’artroscopia in un anno, non sarebbe un bel segnale. Mi auguro che non sia un problema atletico. Negli ultimi anni, per alleggerire un po’ il peso delle trasferte, delle settimane passate lontano da casa e dai suoi affetti, più in generale della carriera, era solito viaggiare con la famiglia appresso, moglie e figli, con i genitori. A Dubai ha comunque cercato di preparare il rientro, ma senza successo. In seguito si sarebbe spostato a Melbourne per la quarantena, da solo. Poi il torneo di preparazione, infine gli Australian Open. Più di un mese di lontananza, come minimo: è una cosa che oggi gli pesa. Mi auguro che sia piuttosto per questo motivo che abbia rinunciato, e non per il ginocchio».

Tanti chilometri nel motore di Roger

Non è per oggi, tuttavia il suo ritiro è diventato un tema. «Quest’anno compirà 40 anni, è logico che la questione sia attuale. Lui stesso lo sente avvicinarsi. Del resto, lui per primo si è meravigliato di quanto a lungo sia riuscito a prolungare la sua carriera. A inizio 2017 i discorsi su Federer, reduce da un infortunio, erano più o meno gli stessi di adesso, poi si presentò a Melbourne e sbancò gli Australian Open prima di trionfare anche a Indian Wells e Miami: pazzesco. Lui stesso rimase scioccato dalla sua prestazione. Ora ci sono tre anni in più con i quali fare i conti. Dovrà provare a se stesso di essere ancora in grado di reggere certi ritmi. Mentalmente è ancora fresco, ma i chilometri nel motore ormai sono tanti».

Ai primi tre appuntamenti stagionali non prende parte nessuna delle prime firme del tennis svizzero. Detto e ripetuto dell’assenza prolungata di Roger Federer, atteso sui circuiti non prima della fine di febbraio e assente quindi anche agli Australian Open, Belinda Bencic ha appena comunicato di preferire gli allenamenti dislocati a Dubai al torneo di Abu Dhabi al quale si era inizialmente iscritta. La sangallese, numero uno del tennis elvetico, dallo scorso lockdown del tennis ha disputato un solo incontro, a Roma, anche perché condizionato da dolori muscolari al braccio, perso oltretutto malamente. Che sia ancora la 12esima tennista al mondo si spiega con l’adattamento del sistema di ranking che tiene ancora conto dei risultati tra marzo e dicembre 2019.

Stan ancora competitivo

Come Belinda, anche Stan Wawrinka (Atp 18) ha optato per tornare a competere solo a fine mese, in uno dei tornei di avvicinamento agli Australian Open (8-21 febbraio). Il 35enne vodese riparte da un autunno non particolarmente prodigo di soddisfazioni. Tornato sul circuito in agosto con il successo al Challenger di Praga, in seguito non è mai andato oltre i quarti di finale. A settembre si è separato dal coach e amico Magnus Norman, grazie alla collaborazione del quale ha vinto tre titoli del Grande Slam. Ora Stan si affida a Daniel Vallverdu. «Tutto sommato il 2020 di Stan è stato discreto. Si è dimostrato ancora competitivo, in buona forma. Un’altra stagione a buoni livelli gliela si può ascrivere. Come con Federer, anche per Wawrinka il ragionamento va fatto stagione per stagione. La longevità funziona se riesci a essere costante, nel lavoro che fai, negli allenamenti, nei tornei intervallati dalle pause giuste. Gli stop forzati, la lontananza dai campi, le difficoltà ad allenarsi, sono ostacoli che chi non è più di primo pelo fatica di più a superare. Proprio come accade per gli infortuni».

Giovani rampanti contro i ‘grandi vecchi’

La maggior parte dei tennisti del top-10 mondiale rinuncia ai primi appuntamenti stagionali per concentrarsi sui tornei di preparazione agli Australian Open. Matteo Berrettini è iscritto ad Antalya, ma è il solo a scendere in campo così presto. Novak Djokovic, Rafael Nadal e Dominic Thiem, vincitori degli Slam del 2020, esordiranno all’Atp Cup di Melbourne (a inizio febbraio). Lo stesso farà Daniil Medvedev, trionfatore alle Atp Finals che per l’ultima volta si sono svolte alla O2 Arena. Nadal e Djokovic ce li aspettiamo ai soliti livelli. Che ne sarà invece della generazione rampante che qualche acuto l’ha nel frattempo piazzato? «Per una concomitanza di fattori, qualche volto nuovo è emerso: vuoi per i meriti di chi si è ormai affermato, vuoi anche perché Federer è fuori e gli altri hanno giocato poco. Medvedev ormai è una realtà, Thiem è un giocatore diverso da quando ha vinto il primo Slam, molto più consapevole. Zverev c’è, Tsitsipas pure. Auger-Aliassime cresce, Shapovalov un po’ meno ma è lì. Sinner è giovanissimo (2001) ma ha già fatto irruzione nel ranking. Musetti è un nome interessante. Non mancano i tennisti promettenti, e possono tutti migliorare. Ora i giovani sono chiamati a dimostrare il loro valore, ma devono fare i conti con Nadal e Djokovic che considero ancora gli uomini da battere. Da questo punto di vista, il confronto si annuncia molto ma molto interessante».

Covata di elvetici molto promettente

La nuova covata di giocatori elvetici lancia una sfida piena di fascino: imporsi all’attenzione del tennis che più conta dopo aver fatto intuire un potenziale molto interessante. Il plotoncino di giovani talenti rampanti è guidato da Dominic Stricker, vincitore del Roland Garros juniori. Classe 2002, il bernese di Münsingen, Leandro Riedi e Jeffrey von der Schulenburg, così come Jérôme Kym che però è di un anno più giovane (2003), sono tra i talenti più promettenti al mondo. Si affacciano al tennis dei grandi, ma lo fanno in condizioni molto particolari, con lo scopo di insediarsi e stabilirsi nelle gerarchie mondiali. Il calendario provvisorio dei Challenger dell’Atp stilato al momento solo fino alla fine di febbraio, mette loro a disposizione undici appuntamenti in Turchia, Francia, Sudafrica, Cile e Italia. «Non sarà facile, sono tappe pressoché obbligate e molto distanti tra loro geograficamente. Normalmente c'è una più ampia possibilità di scegliere dove andare. E non va scordato che questi tornei saranno presi d'assalto da tennisti di altissimo livello. Comunque sono loro il futuro della Svizzera del tennis. Sono ragazzi validi, tutti prodotti della formazione di Swiss Tennis sui quali è stato investito tanto negli ultimi 5 o 6 anni, che però devono ancora fare il salto di qualità. Tempo un anno o due, qualcosa da lì potrebbe venire fuori».

Donne: l’incertezza che giova al movimento

L’americana Sofia Kenin (22 anni) e la 19enne polacca Olga Swiatek (19) hanno apposto la loro firma su due Slam, candidandosi a un ruolo da protagonista al quale però in ambito femminile sembra essere tradizionalmente difficile dare continuità. Se la vedranno con la vincitrice degli Us Open Naomi Osaka (23), con Ashleigh Barty e Simona Halep, che guidano le gerarchie mondiali. «Regna la solita incertezza. È come se ogni tre o quattro mesi si rimescolassero le carte. C’è ancora Serena Williams (40 anni a settembre, ndr), anche se ormai fatica a tenere il passo. Non c’è una dominatrice, e questo aiuta il tennis femminile. Non c’è nulla di scontato: l’incertezza gioca a favore di un movimento che altrimenti accusa il colpo sul piano tecnico dello spettacolo. Tolte Kvitova e poche altre che giocano un tennis diverso, le atlete sono ben poco riconoscibili. Esprimono tutte le stesso gioco. L’evoluzione è questa, vedremo cosa ci riserverà il futuro. Oggi il tennis femminile subisce di più il contraccolpo delle attuali difficoltà, perché è meno attrattivo e convoglia meno soldi di quanto faccia invece il circuito maschile Atp. Ecco perché è utopico, e pure un tantino ipocrita, pensare a un’unificazione: l’Atp traina perché porta soldi veri. La Wta ha la sua struttura, ma non è paragonabile all’Atp. E sarebbe la sola ad avere un interesse a unire le forze. E che dire poi dei posti di lavoro in ballo nelle due associazioni e del ritorno economico che andrebbe poi diviso più equamente? Inoltre, è sbagliato pensare che l’unione debba avvenire solo tra Atp e Wta. La questione andrebbe allargata a tutti gli organi che gestiscono il tennis: Atp, Wta, Itf, Grande Slam (quattro entità ben distinte e ciascuna gelosa della propria indipendenza e ricchezza), Coppa Davis. Senza l’unione di tutte le forze in causa, a che servirebbe il matrimonio tra uomini e donne? A niente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved