TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
5 ore

Roman Josi grande protagonista a Berna con i suoi Predators

Il difensore elvetico ha firmato due reti e fornito un assist nella vittoria di Nashville nella sfida amichevole
CALCIO
7 ore

Un’indagine rivela abusi sistematici nel calcio femminile Usa

L’inchiesta è stata portata avanti dall’ex procuratrice generale Sally Yates che ha raccolto la testimonianza di oltre 200 giocatrici della Nwsl
CALCIO
8 ore

Gonzalo Higuain annuncia il ritiro

L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
11 ore

La settimana della verità per Gerardo Seoane

Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
RALLY
12 ore

Quarto successo di Gilardoni nel Rally del Ticino

Dopo la tripletta tra il 2016 e il 2018, si è imposto con la moglie Chiara Giardelli quale copilota. ‘Una vittoria unica e speciale’
BMX
13 ore

Zoé Claessens chiude una stagione di successi

A Bogotá l’elvetica ha colto il terzo posto nella finale di Cdm. Nel 2022 ha conquistato il titolo europeo, l’argento mondiale e due successi in Coppa
CALCIO
13 ore

Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang

Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
14 ore

Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni

I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
TENNIS
18 ore

Stan Wawrinka già eliminato dal Torneo di Astana

Lampo e buio (preciso solo nella prima mezz’ora di gioco) per il tennista elvetico, battuto per 6-1, 2-6, 3-6 da Adrian Mannarino
hockey
1 gior

Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo

Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
1 gior

L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata

Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
BMX FREESTYLE
1 gior

A Cadenazzo, Ducarroz e Sideris si confermano campioni

Riuscita la manifestazione organizzata da Swiss Cycling in collaborazione con l’associazione Freestyle Park Ticino
CALCIO
1 gior

Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia

Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
1 gior

Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano

I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
1 gior

A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp

Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez

Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
Tennis
13.10.2020 - 06:00

Nadal e Federer, una poltrona per due

Rafa e Roger appaiati a quota 20 Slam: così diversi in campo, così uguali nel porsi di fronte al loro grande amore, il tennis

nadal-e-federer-una-poltrona-per-due
+3

Quando Goran Ivanisevic si sbilanciò, prima delle semifinali del Roland Garros, con un azzardato «a queste condizioni, su questa terra e contro questo Djokovic, Nadal in finale non ha chance», non poteva certo conoscere in anticipo l'esito dell'ennesimo duello tra il maiorchino e il suo protetto. Né poteva immaginare che non ci sarebbe stata partita. Tuttavia, è uomo di tennis, il croato, vincitore a Wimbledon nel 2001, protagonista a sorpresa di un successo che a suo modo fece storia, per come riuscì a costruirlo ed ottenerlo. Quell’esperienza lì, quelle sensazioni che lui stesso ebbe il privilegio di provare, avrebbero dovuto guidarne la riflessione e illuminarne il giudizio. Lui dovrebbe sapere quanto si cela dietro un trionfo in uno Slam. E dovrebbe sapere molto bene quanto è disposto a lavorare Nadal per collezionarne altri, dopo averne già vinti tanti. Tanto quanto il suo assistito Novak Djokovic. Con una differenza non di poco conto, però: il serbo gioca con l’assillo del record di titoli, da strappare ora all’accoppiata Federer/Nadal. 

Il suo tennis giocoforza ne risente, di tanto in tanto. È in missione, Djokovic. La sue vittorie sono ugualmente meritate e sudate, ma sono soprattutto un obiettivo ben preciso. Quelle di Nadal, così come quelle di Federer, sono invece la conseguenza dei rispettivi percorsi, professionali e anche umani. Approntati e affrontati con un amore verso la disciplina che li ha portati e ancora li porta a salire sul tetto del mondo, a molti anni di distanza dalla prima volta, quando nessuno avrebbe potuto pronosticarne una longevità così rara e vincente. 

Emerge ancora la commozione

Come se fosse ancora la prima volta, tanta è la commozione che ancora viene svelata dal matchball andato a segno. Un amore sincero, incondizionato, soprattutto corrisposto. Ricambiato con finali come quella parigina di domenica, in cui Nadal - uno che di battaglie ne ha già vinte e combattute a migliaia, con serie ripercussioni su un fisico integro ma molto provato - per due set e mezzo ha rasentato la perfezione. L’ha usata per vincere, la perfezione. Contro il numero uno al mondo, contro un rivale di primissimo livello che imposta la parte finale della sua carriera in modalità “record”, al fine di passare alla storia come il tennista più titolato di sempre. Ambizione legittima, nello sport ai massimi livelli. Non che Nadal e Federer non ce l’abbiamo, al contrario. La perseguono anch’essi, ci mancherebbe, ma restano fedeli alla loro natura di campioni ormai navigati e prossimi al ritiro che della storia del tennis continuano a scrivere capitoli godibilissimi, con un amore che si sente, si vede. Che rende, anche in termini di vittorie. E continua a rendere proprio perché presuppone una leggerezza in grado di fare la differenza, se assistita da una preparazione all’altezza e da un tennis di quelli che rimpiangeremo, quando non ci sarà più occasione di vederlo. Al netto delle sue imperfezioni stilistiche, se parliamo di Nadal, che nulla tolgono al talento che lo ispira. 

Il maiorchino ha ammesso di sognare di passare alla storia come il tennista più vincente di sempre, ma non lo ha mai urlato. Né ci ha mai perso il sonno. Lo ha solo sussurrato e lo ha ribadito, una vittoria dopo l’altra. Del resto, alzare la voce non serve, né sbandierare ambizioni di vertice gli è mai stato d’aiuto. La differenza la fa l’attitudine, sapersi rimettere in gioco dopo le enormi difficoltà passate durante il lockdown («Non sapete nemmeno quanto grandi sono state», ha detto), restare coerenti con un cammino intrapreso poco meno di vent’anni fa, che lo ha portato a sbancare Parigi per la prima volta nel 2005, quindici anni fa. Un’intera carriera normale fa, e ancora siamo qui a celebrarne la forza. D’animo, fisica, tecnica, morale...

Congratulazioni reciproche

Ha fatto tredici, Rafa. Ha tenuto a distanza Djokovic che incalza a quota 17, ha agganciato Federer a 20 Slam, ha ottime possibilità di salire ancora, staccando il rivale nonché amico, del quale ha ricevuto sincere congratulazioni. Al quale ha rivolto a sua volta sentiti ringraziamenti. «Credo che sia felice quando vinco, così come sono felice io quando va bene a lui». Sono parole che contengono gran parte delle risposte alla domanda “ma quanto è forte?”.

Sono sintonizzati sulla medesima lunghezza d'onda, Rafa e Roger. Concorrono allo stesso titolo che eleverà l’uno a scapito dell'altro. È la legge dello sport che lo vuole, va bene all’uno come all’altro. Così diversi in campo, in ogni sfaccettatura del gioco, così uguali nel porsi di fronte al tennis, nell’interpretare il ruolo e la professione che il destino ha dato loro nel medesimo periodo storico. È una poltrona per due, al momento. Sono entrambi degni di accomodarvisi. Ma nessuno dei due ha intenzione di assopirsi su allori contesi loro dal terzo incomodo. Ugualmente qualificato, ma costretto a fare i conti con un “furore” colmo di orgoglio che lo condizione un po’ e lo pone un gradino sotto nell’indice di gradimento popolare. La scalata di Djokovic è più rabbiosa, quella di Nadal è lineare. La difesa di Federer è nobile, ma destinata a prestare il fianco e a cedere, per raggiunti limiti di età. 

Nel frattempo, però, i nomi sono ancora una volta questi. A Parigi, poi, il nome è sempre quello: Nadal è Parigi. Tredici successi nelle ultime sedici edizioni ne fanno un dittatore, più che un sovrano. Un dittatore decisamente atipico, in quanto umile, amato e mnatenuto al potere dall’amore del popolo del tennis. Federer e tifosi di Federer compresi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved