SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
10 ore

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
10 ore

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
18 ore

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 gior

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 gior

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 gior

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
1 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
1 gior

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
1 gior

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
1 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
1 gior

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
1 gior

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
2 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
2 gior

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
SCI ALPINO
24.02.2022 - 14:47
Aggiornamento: 16:57

Marco Odermatt in corsa per quattro Coppe di cristallo

Dopo le Olimpiadi di Pechino, dense di soddisfazioni per la Svizzera, riparte la Coppa del mondo con due slalom maschili e due discese femminili

marco-odermatt-in-corsa-per-quattro-coppe-di-cristallo

Lo sci alpino svizzero è tornato da Pechino con al collo nove medaglie, cinque delle quali del metallo più prezioso. Ma per quanto il principale appuntamento sia ormai alle spalle, la stagione non è ancora conclusa e da assegnare vi sono ancora tutte le Coppe del mondo, tranne quella dello speciale femminile, già andata alla campionessa olimpica della specialità, la slovacca Petra Vlhova. E, proprio come alle Olimpiadi, pure nella corsa alle Coppe di cristallo la Svizzera potrebbe recitare la parte del leone.

A iniziare dalla classifica generale che sta lentamente (e nemmeno troppo) scivolando nelle mani di Marco Odermatt. Il nidvaldese nelle 25 gare sin qui in calendario, ha racimolato 1’200 punti e precede il norvegese Aleksander Kilde (825) e Matthias Mayer (692). Prima del meritato riposo primaverile rimangono tre discese, due superG, tre giganti e quattro slalom. Tra i paletti stretti, però, né il norvegese, né l’austriaco si sono mai cimentati, mentre in gigante Kilde in stagione vi ha rinunciato e Mayer non è andato a punti nella sua unica presenza, in ottobre a Sölden. Calcolatrice alla mano, se Odermatt dovesse uscire dal weekend del 4-6 marzo a Kvitfjell (tre gare di velocità) con un vantaggio superiore a 500 punti sugli inseguitori, diventerebbe il primo svizzero a conquistare la Coppa del mondo generale dopo Carlo Janka nel 2010.

Il giovane fuoriclasse elvetico non punta soltanto alla coppa più prestigiosa, ma ha teoricamente la possibilità di portarsi a casa pure le coppette della discesa, del gigante e del superG. Nella libera, però, non è lui il favorito. Attualmente occupa il quarto posto della classifica, con 44 punti di ritardo sul leader Kilde. Meglio piazzato di lui c’è un altro rossocrociato, il campione olimpico Beat Feuz che dal norvegese accusa soltanto otto lunghezze di ritardo (445 a 437). Il bernese avrà a sua disposizione ancora tre discese, due delle quali a Kvitfjell, dove nel 2011 aveva timbrato la prima delle sue 16 vittorie in Cdm e dove tra libera e superG è salito sul podio nove volte. Invischiato nella lotta per la vittoria, anche Mayer che su Odermatt vanta un punto di vantaggio (402 a 401).

Battaglia tra i soliti tre pure in superG. In calendario rimangono soltanto due prove e Kilde può contare su un vantaggio di 61 punti nei confronti di Odermatt (380-319), mentre Mayer segue a quota 290.

Molto più chiara la situazione nel gigante, dove Odermatt in stagione ha vinto cinque delle sei prove disputate (compresa quella olimpica). Il 12 marzo a Kranjska Gora, in occasione del primo dei due giganti in programma in Slovenia, il nidvaldese potrebbe mettere tutti d’accordo: gli basterà chiudere la prova davanti ai rivali per far sì che il suo attuale vantaggio (200 punti) diventi incolmabile nelle ultime due prove.

Il fine settimana entrante, con due slalom a Garmisch, potrebbe mettere chiarezza in una classifica nella quale i primi otto sono separati appena da 80 punti. Tra di loro, anche Daniel Yule (5º a 79 punti) e Loïc Meillard (8º a 90 punti). Comanda il giovane Lucas Braathen a quota 257, 37 lunghezze in più del connazionale Sebastian Foss-Solevaag.

Corinne Suter in corsa nella discesa

In campo femminile, la corsa alla conquista della Coppa della generale sembra ristretta a due nomi: quelli di Mikaela Shiffrin (1’026 punti) e Petra Vlhova (1’009). Con ancora tre discese e due superG in programma, Sofia Goggia (769) avrebbe tecnicamente ancora la possibilità di scavalcare la statunitense e la slovacca, e lo stesso si può dire per Federica Brignone (772) che potrà contare anche su tre giganti e due slalom. Difficile, però, pensare che né Shiffrin, né Vlhova riescano a incamerare punti da qui alle finali di Courchevel. Un’equazione nella quale rimane quale possibile variante il fatto che la protetta di Mauro Pini aveva lasciato Pechino dopo lo slalom per curare una tendinite (avrà recuperato?), mentre la statunitense ha preso parte a tutte le competizioni olimpiche senza conquistare nemmeno una medaglia. Tra le ragazze svizzere, la migliore è Corinne Suter (6ª) con 570 punti, 52 in più di Lara Gut-Behrami.

Suter che, però, ambisce alla conquista della coppetta di discesa. La campionessa olimpica si trova a 69 punti (400-331) da Sofia Goggia, vincitrice di quattro delle sei prove stagionali. Delle tre rimanenti, due si correranno nel weekend a Crans-Montana, dove l’italiana aveva vinto entrambe le prove di un anno fa, mentre l’elvetica era salita due volte sul podio nel 2020, alle spalle di Lara Gut-Behrami.

In superG, la Coppa è saldamente in mani italiane. Comanda Federica Brignone (477), davanti a Elena Curtoni (374) e a Sofia Goggia (332). Lara Gut-Behrami e Corinne Suter condividono il quinto posto a quota 226.

Il gigante ha invece in Sara Hector la grande favorita. La svedese guarda tutti dall’alto con 462 punti, 95 in più della francese Tessa Worley e 101 su Mikaela Shiffrin. La migliore delle elvetiche, Michelle Gisin, occupa soltanto la nona piazza con 133 punti. In palio rimangono 300 punti.

L’unica Coppa già assegnata è quella dello slalom, andata a Petra Vlhova sulla base di cinque vittorie e due secondi posti. La slovacca ha racimolato 660 punti, 220 in più di Mikaela Shiffrin e 339 in più di Wendy Holdener.

Resta la Coppa per nazioni, nella quale la Svizzera rincorre l’Austria, staccata di 734 punti. Margine per il recupero ce n’è, soprattutto se gli elvetici riusciranno a mantenere la forma mostrata nel corso delle Olimpiadi.

Tra l’altro, è quantomeno curioso che a Pechino la punta di lancia dello sci svizzero sia stata la squadra femminile (7 medaglie su 9), ma che in Coppa del mondo le ragazze rimangano in corsa soltanto per la coppetta della discesa, mentre gli uomini, andati a rimorchio in Cina, si ritrovino in corsa per la classifica della generale e per quelle delle quattro discipline.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved