SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Qatar 2022
9 ore

L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea

Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
9 ore

L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’

L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
11 ore

Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping

Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
12 ore

Ai rigori vince la Croazia

I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
12 ore

Tutti i numeri di Kylian Mbappé

Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
13 ore

Sotto indagine dirigenti e giocatori della Celeste

La Fifa apre una procedura per quanto avvenuto al termine della sfida vittoriosa contro il Ghana
QATAR 2022
13 ore

La Fifa ha deciso, gol di Griezmann da annullare

Respinto il ricorso della federazione francese, che riteneva scorretto l’uso del Var nella sconfitta contro la Tunisia
QATAR 2022
14 ore

La Fifa apre un’inchiesta disciplinare contro la Serbia

In merito alle tensioni venutesi a creare in campo nella partita con la Svizzera. Nessun procedimento contro l’Asf e Granit Xhaka
QATAR 2022
14 ore

Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti

Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
15 ore

Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica

Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
Nuoto
15 ore

Anche a Coira il Ticino c’è, e non teme confronti

Ai Campionati giovanili nazionali a squadre le formazioni della Svizzera italiana fanno incetta di podi, facendo addirittura ‘en-plein’ al maschile
Qatar 2022
16 ore

La Spagna non deve sottovalutare il Marocco

Fra le favorite per il successo finale, le Furie rosse agli ottavi trovano un avversario fastidioso
Qatar 2022
17 ore

Col Portogallo quinto assalto ai quarti di finale

Rossocrociati sempre sconfitti agli ottavi contro Spagna (1994), Ucraina (2006), Argentina (2014) e Svezia (2018): che questa sia la volta buona?
TENNIS
17 ore

È morto Nick Bollettieri, l’allenatore dei campioni

Il 91enne tecnico statunitense è deceduto in Florida, dove aveva la sua Accademy dalla quale sono usciti 12 numeri uno delle classifiche Atp
SERIE A
17 ore

«È l’indagine più pesante della storia della Juventus»

Mattia Grassani - uno fra i legali italiani più esperti di diritto sportivo - è convinto che la società rischi sanzioni pesantissime
Qatar 2022
21 ore

Svizzera-Portogallo: nel segno premonitore... del fischietto

Il messicano Ramos designato a dirigere il match degli ottavi di finale fra gli elvetici e la squadra di Cristiano Ronaldo
il dopopartita
1 gior

È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’

A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
1 gior

I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’

Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
1 gior

Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti

Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
1 gior

La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi

Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
1 gior

Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese

Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Freestyle
28.01.2022 - 09:00
Aggiornamento: 16:44

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...

marco-tade-e-quei-cinque-cerchi-per-chiuderne-uno

Marco Tadè è un po’ più vicino a Coronare il suo sogno. O meglio, il suo obiettivo, come ha sempre preferito definirlo il 26enne di Tenero, atterrato proprio ieri a Pechino per disputare la sua prima Olimpiade. E chiudere così un cerchio che lo specialista delle gobbe aveva aperto nella stagione 2011/2012, quando era approdato in Coppa del mondo pieno di entusiasmo e aspettative, poi solo in parte confermate dai risultati. Non certo per mancanza di talento, bensì per un destino beffardo che dopo averlo messo in rampa di lancio con il bronzo mondiale conquistato nel 2017 a soli 21 anni (nel dual moguls, mentre nel moguls aveva chiuso la rassegna iridata in Sierra Nevada al quarto posto), l’anno seguente gli aveva presentato un conto salatissimo da pagare: infortunio al ginocchio nell’ultima prova prima dei Giochi di Pyeongchang e tanti saluti all’avventura a cinque cerchi, che aveva tra l’altro già solo accarezzato quattro anni prima a Sochi, quando invece del 20esimo posto necessario per qualificarsi si era fermato al 21esimo. È seguito un lungo percorso di riabilitazione, il rientro “soft” nell’inverno 2019/2020 e quello vero nel 2020/2021, come testimoniato dal terzo podio di Coppa del mondo della sua carriera (secondo nella gara di apertura di Ruka) e da altri quattro piazzamenti tra i migliori 17 (tra cui un 5o posto). E adesso, a sette giorni dalla cerimonia di apertura dei XXIV Giochi olimpici invernali, è a Pechino.

«Il viaggio è andato bene – ci ha raccontato poche ore dopo essere atterrato nella capitale cinese Marco, che assieme al suo allenatore Giacomo Matiz e ad altri componenti della delegazione rossocrociata ha approfittato di uno dei voli speciali operati da Swiss –. Il volo è stato tranquillo, poi all’aeroporto c’era un po’ di confusione e tra tamponi, dogana, eccetera, ci sono volute quasi due ore per avere i bagagli. In seguito siamo saliti su degli autobus e dopo un viaggio di circa tre ore e mezza siamo arrivati in uno dei villaggi olimpici, quello più lontano (Zhangjiakou, circa 2’800 posti letto 160 chilometri a nordovest di Pechino, ndr). Non ho ancora visto molto, ma una cosa la posso già dire: fuori fa freddo, molto freddo».

E dentro? Che emozioni stai vivendo a un passo dal tuo sogno?

«Per adesso sono ancora tranquillo. E più che di sogno parlerei di obiettivo. Che mi è sfuggito già due volte visto che otto anni fa non ero riuscito a qualificarmi e nel 2018 mi ero rotto, però proprio la voglia di continuare a inseguirlo mi ha aiutato, assieme ad altro, ad andare avanti e a non mollare, in particolare nei momenti difficili. Sì, essere qui è una bella soddisfazione».

I fantasmi del passato sono riaffiorati? Hai avuto paura di non farcela nemmeno stavolta?

«Paura no, più che altro magari ogni tanto sulla pista mi sono trattenuto un pochino, per non rischiare. Ormai sono tre anni che sono tornato, faccio attenzione ma sto bene. Nell’ultima tappa di Coppa del mondo (il 13 e 14 gennaio a Deer Valley, ndr) la neve era particolarmente dura e nella prima gara ho preso una botta a un piede, così il giorno, visto che anche con gli antidolorifici mi dava fastidio, ho preferito non partire, anche perché non c’era motivo di spingere fino in fondo. Se c’è una cosa che ho imparato in questi anni, è conoscere il mio corpo e sapere come gestirlo».

Ora come stai e in che stato di forma sei arrivato a Pechino?

«Sto bene, Il problema al piede è ormai superato e nell’ultima settimana prima di partire abbiamo deciso di non andare a sciare, concentrandoci sulla preparazione fisica. Mi sento in forma e pronto a dare tutto».

Sei uno che non si accontenta, sarà così anche stavolta o visto il passato sei già contento di esserci?

«No, anzi, se mi fossi qualificato già otto o quattro anni fa, magari stavolta avrei potuto affrontare questa Olimpiade in maniera diversa, godendomela senza troppe aspettative. Invece, pensando a quello che voglio anche in chiave futura, punto a fare risultato e per riuscirci darò tutto dal primo giorno di allenamento all’ultimo di gara».

Alle Olimpiadi fare risultato significa salire sul podio…

«Certo, perlomeno per il bronzo il discorso è molto aperto».

Ma com’è cambiato il Marco atleta in questi anni?

«Sicuramente gli infortuni ti cambiano e io ne ho avuti tanti. Come detto adesso devo un po’ gestirmi e anche il modo di sciare è diverso rispetto agli inizi. Nonostante tutto, trovo però che il livello che ho raggiunto sia più alto del 2017 (l’anno del bronzo mondiale, ndr). I risultati di questa stagione sono quello che sono (solo in due occasioni nella top 20, ndr) un po’ perché a volte ho sciato con il freno a mano tirato, un po’ perché mi è mancato sempre quel qualcosa per mettere insieme tutti i pezzi. Ma sono sicuro che è risolvibile, le sensazioni sono buone e abbiamo ancora diversi giorni per provare la pista e prepararci al meglio per la gara».

Nello specifico su cosa devi lavorare?

«Devo eseguire dei salti belli ampi, perché è quello che guardano tanto i giudici. Devo poi atterrare con le gambe ben chiuse e sciare pulito. Sono piccolezze ma che fanno la differenza. E so di poterle “sistemare”».

Rimanendo sui salti, presenterai qualcosa di particolare?

«A inizio stagione siamo partiti con delle idee ma strada facendo sono un po’ cambiate. Un salto nuovo, un Double full (doppio avvitamento), lo vorremmo portare in gara; l’altro, un Cork 1000 grab (con avvitamento fuori asse), probabilmente non lo faremo in quanto a Ruka avrei dovuto provarlo ma sono caduto qualche metro prima. Inoltre parlando con alcuni giudici, me l’hanno un po’ smontato, nel senso che non paga abbastanza rispetto alla difficoltà d’esecuzione».

A proposito di difficoltà, quanto ha pesato la delicata situazione sanitaria nell’avvicinamento a questi Giochi?

«Non poco, devo ammettere. Soprattutto in queste ultime settimane, abbiamo vissuta una sorta di terrorismo psicologico, perché un tampone positivo avrebbe compromesso tutto. Anche per questo abbiamo rinunciato ad andare sulle piste. Tutto quello che potevamo fare per proteggerci lo abbiamo messo in pratica, basti pensare che l’unica persona che ho visto ultimamente è Giacomo (Matiz, l’allenatore, mentre la parte acrobatica è affidata a Juan Domeniconi, ndr), con il quale ho condiviso l’appartamento negli ultimi dieci giorni».

Una situazione da gestire anche a livello mentale, ti sei fatto aiutare?

«Assolutamente sì ma come succedeva già prima, con un mental coach, perché nello sport la testa conta almeno tanto quanto gli altri aspetti come il fisico o la tecnica. Se non di più».

E adesso? Cosa succederà nei prossimi giorni e come si svolgerà la gara?

«Dovremmo poter iniziare ad allenarci sulla neve domenica, mentre giovedì 3 febbraio (il giorno prima delle cerimonia di apertura, ndr) ci sarà la qualifica uno, alla quale prenderanno parte trenta atleti: i dieci migliori si qualificheranno direttamente per la finale, gli altri venti sabato 5 affronteranno la qualifica due, dalla quale usciranno altri dieci finalisti. Le manche di finale, lo stesso giorno, saranno invece tre: da venti atleti nella prima si passerà a dodici nella seconda e infine ai sei che si giocheranno le medaglie nella terza. Spero di farne parte».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved