KHACHANOV K. (RUS)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
1
2 set
(4-6 : 3-5)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
48 min

Euro 2024 inizia con il sorteggio per le qualificazioni

Svizzera testa di serie domenica a Francoforte nel primo atto della prossima competizione continentale
CICLISMO
1 ora

Giro di Lombardia, l’ultima passerella di Nibali e Valverde

Sabato pomeriggio a Como l’italiano e lo spagnolo metteranno fine a una carriera durata un ventennio. Pogacar alla caccia del bis
CALCIO
3 ore

L’Fc Chiasso prende posizione sulla sentenza del Tas

Il club sottocenerino precisa i termini della vicenda, la quale non avrà ripercussione sull’attuale gestione essendo di pertinenza della vecchia dirigenza
TRIATHLON
4 ore

Daniela Ryf cede il titolo mondiale dell’Ironman

Alle Hawaii la solettese ha chiuso all’ottavo posto, a 28’ dalla vincitrice, la statunitense Chelsea Sodaro
CALCIO
4 ore

Un morto negli scontri tra Gimnasia e Boca Juniors

A La Plata una persona è deceduta per infarto nel corso degli incidenti avvenuti sia all’esterno, sia all’interno dello stadio
calcio
10 ore

Haaland, il centravanti che polverizza i record

Ha segnato 14 reti (e tre triplette) in 8 partite di Premier League e 28 in 22 gare di Champions. Non ci si chiede più se batterà ogni primato, ma quando
calcio
16 ore

Giovedì europeo amaro per le svizzere

Zurigo demolito dal Psv Eindhoven, Basilea sorpreso dallo Slovan Bratislava
Hockey
19 ore

A Praga s’accendono i fari sulla Nhl. Con i russi in pista

Josi, Niederreiter e compagni pronti a dare spettacolo nell’avvio di stagione in Europa. A Denver si ricandidano per la Stanley, ma non sarà tanto facile
calcio
21 ore

Sei accuse per la tragedia allo stadio

Fra di loro tre poliziotti e il capo del comitato organizzatore della partita
17.12.2021 - 16:08
Aggiornamento: 19:33

Lara Gut-Behrami positiva al Covid e in isolamento

La ticinese dovrà saltare le gare di Coppa del mondo previste nel weekend a Val d’Isère e quelle della prossima settimana a Courchevel

lara-gut-behrami-positiva-al-covid-e-in-isolamento

Non era riuscita la bruttissima caduta di domenica a St. Moritz a fermare Lara Gut-Behrami, ce l’ha fatta il Covid. Sì, perché la ticinese è risultata positiva al coronavirus. E come lei altri due membri della delegazione rossocrociata (uno dei quali secondo la Rsi sarebbe il papà/allenatore Pauli) che si trova a Val d’Isère per le prove della Coppa del mondo femminile (una discesa domani e un superG domenica). Lo ha annunciato Swiss-Ski, precisando come le tre persone dopo aver accusato leggeri sintomi influenzali hanno lasciato la Francia per rientrare in Svizzera, dove i test Pcr a cui si sono sottoposte hanno dato esito positivo. La 30enne cresciuta a Comano si trova quindi in isolamento e salterà sicuramente le prove del weekend, così come quelle della settimana prossima a Courchevel (due slalom giganti il 21 e 22 dicembre), mentre si spera possa rientrare per il gigante in programma a Lienz il 28 dicembre. Hanno per contro dato esito negativo i test effettuati su tutti gli altri membri della squadra elvetica presenti a Val d’Isère e che potranno quindi presentarsi al cancelletto di partenza.

Prima le rassicurazioni, poi l’assenza forzata

Pensare che Gut-Behrami, reduce come detto dalla rovinosa uscita di pista nell’ultimo superG in Engadina – il giorno dopo aver colto la sua 33esima vittoria in Coppa del mondo, aveva perso il controllo degli sci finendo prima nelle reti di protezione e poi oltre, nella neve fresca, salvo poi arrivare comunque al traguardo sulle sue gambe –, aveva rassicurato sulle sue condizioni dapprima a parole, e in seguito nei fatti, ottenendo giovedì l’ottavo tempo (miglior rossocrociata) nel primo allenamento di discesa sulle nevi francesi. Il giorno dopo però, la ticinese non si è presentata al via della seconda sessione di prova, giustificando la mancata partenza dicendo di non sentirsi bene. Un’assenza poi spiegata dalla positività al Covid.

Ricordiamo che la vincitrice della Coppa del mondo generale del 2016, tornata sui suoi migliori livelli in una scorsa annata che l’aveva vista chiudere seconda sempre nella generale, prima nella classifica di superG e ottenere tre medaglie (due d’oro) ai Mondiali di Cortina, a inizio stagione aveva fatto parlare per l’iniziale ritrosia a vaccinarsi, tanto da mettere in dubbio la sua presenza nella tournée in Nord America, dove le autorità statunitensi e canadesi richiedevano la vaccinazione completa per entrare nei rispettivi Paesi. La prospettiva di perdere punti pesanti nella lotta per il grande globo di cristallo, nonché la consapevolezza che anche per i Giochi olimpici di Pechino del prossimo febbraio la vaccinazione sarà richiesta a tutti gli atleti (a meno di effettuare una quarantena di tre settimane), hanno però convinto la ticinese, che dopo aver ricevuto le due dosi tra ottobre e novembre, a inizio dicembre ha effettivamente preso parte alle tre gare sulle nevi di Lake Louise (sarebbe partita anche la settimana prima nel gigante di Killington, ma è stato annullato a causa del maltempo). Ironia della sorte, lo ha fatto debilitata da una forte influenza, dalla quale si è ripresa una volta rientrata in Europa. Giusto in tempo per vincere, cadere rovinosamente e finire in isolamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved