05.12.2021 - 19:33
Aggiornamento: 20:07

Sofia Goggia è addirittura da tris. Ma stavolta Lara c’è

L’italiana vince anche il superG di Lake Louise, dopo i trionfi nelle due libere, al termine di un testa a testa con la ticinese, battuta per 11 centesimi

sofia-goggia-e-addirittura-da-tris-ma-stavolta-lara-c-e
Keystone
La trentenne di Comano è tornata a vestire i panni da protagonista

Dopo due giornate incredibili, con distacchi davvero pesanti inflitti a tutte le altre nelle due discese sulle nevi canadesi di Lake Louise, l’italiana Sofia Goggia riesce a ripetersi anche di domenica, mettendo a segno una trionfale tripletta. Al termine di una lotta testa a testa con la nostra Lara.

Scesa come seconda atleta rossocrociata, con il pettorale numero 7, poco dopo una Corinne Suter lanciatasi con il numero 5 (e che arriva al traguardo con il tempo di 1’19’79’’), la ticinese stavolta dimostra di essere all’altezza della sua fama, in un superG di cui è la campionessa mondiale in carica e che è senza ombra di dubbio la sua gara preferita: la trentenne di Comano ferma i cronometri sull’1’18’39’’, sinonimo di primo posto provvisorio con un margine di trentanove centesimi rispetto alla migliore fino a quel momento, ovvero l’austriaca Tamara Tippler. Lara resiste agli attacchi delle sue rivali più accreditate, ovvero l’italiana Brignone, l’americana Johnson, la beniamina di casa Gagnon e la campionessa olimpica Ester Ledecka, ma nulla può sull’affondo della ventinovenne bergamasca, che dopo aver accusato del ritardo nella parte alta del tracciato, si è resa autrice di una gara tutta in progressione, fino ad arrivare a chiudere con un minuscolo margine, di appena undici centesimi, sull’elvetica. Prima di resistere a sua volta alle ambizioni di Mikaela Shiffrin, che deve dire addio alle ambizioni da podio per colpa dei centesimi persi per strada nella parte finale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved