Ambrì
3
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 1-0)
Lakers
6
Zurigo
5
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 1-3)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-2)
Ambrì
3
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 1-0)
Lakers
6
Zurigo
5
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 1-3)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-2)
pini-e-vlhova-coppia-gia-vincente-ora-petra-scia-felice
Instagram
Petra Vlhova e Mauro Pini
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

L’Ambrì senza Conz per almeno un mese

Il portiere ha subito un infortunio a causa di uno scontro nel corso della partita casalinga disputata sabato scorso contro gli ZSC Lions.
Basket
4 ore

È di nuovo tempo di Olympic-Sam, ma stavolta in Coppa

Domani, per gli ottavi di finale, il Massagno rende visita al Friborgo nella replica del big-match di domenica. Lugano ospite del Morges
Hockey
7 ore

National League e Swiss League impongono il 2G

Per assistere alle partite sarà necessario essere vaccinati o guariti dal Covid–19
Hockey
9 ore

Hcap, 2G per tutte le partite casalinghe

Alla Gottardo Arena potranno accedere solo i tifosi vaccinati o guariti
Hockey
1 gior

‘Occasione ghiotta per tornare a vincere’

Zaccheo Dotti lancia la sfida al Langnau. ‘Le prestazioni ci sono, la differenza la fanno i dettagli’
Hockey
1 gior

Kristian Pospisil al Davos

Il 25enne nazionale slovacco arriva nei Grigioni proveniente dai campioni di Finlandia del Lukko Rauma
Gallery
Nuoto
1 gior

‘Svizzeri’ a squadre, sul podio Lugano e A-Club

Ai Campionati giovanili di Losanna quarto posto per la Turrita. Quinta la Nuoto Sport Locarno, ottavi i ragazzi di A-Club. Al femminile, ottava la Num
Minifootball
1 gior

Due su due per il Trevano e primato in classifica

Battuto anche il Kriens: i luganesi comandano la Prima Lega. Coach Demartini: ‘Ma non rilassiamoci: pensiamo già alla prossima sfida’
Gallery
Taekwondo
1 gior

Campionati svizzeri, bottino pieno per il Summit Lugano

Nel Kiorugi (combattimento olimpico) oro per Luca Tesanovic, campione svizzero juniores -63 kg; bronzo per il fratello Danilo fra gli élite -68 kg
l’angolo delle bocce
1 gior

Battute finali nella Coppa Ticino

Le semifinali vedranno di fronte da un lato Torchio-Agno e Ideal-Sb Lugano, dall’altro Riva San Vitale-San Gottardo e Gerla-Chiodi/Montagna
Gallery
Calcio
1 gior

Young Boys, vincere e sperare. Proprio come il Milan

Per accedere agli ottavi di Champions League i campioni svizzeri devono battere il Manchester United e sperare che il Villarreal superi l’Atalanta
Giornalisti sportivi
1 gior

Dall’Atsg 10’000 franchi a favore di Aiuto Sport Ticino

Premio Giuseppe Albertini a Giotto Morandi del Grasshopper, riconoscimento al Merito sportivo a Enzo Filippini e Boris Angelucci
Tiri liberi
1 gior

La triste coperta corta delle Tigri bianconere

La scialba prova contro il Monthey ha messo una volta di più a nudo i limiti di un Lugano costretto a... fare le nozze coi ‘fichi secchi’
Hockey
1 gior

Per Bullo, Vallario e Raselli Olimpiadi un po’ più vicine

Il selezionatore della Nazionale femminile convoca 23 giocatrici per le ultime amichevoli della Svizzera prima dei Giochi
Calcio
1 gior

Arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

Ferrero è stato arrestato dalla Guardia di finanza nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Paola per reati societari e bancarotta
Roller
1 gior

Il Biasca lotta e torna da Diessbach con un punto

Due volte in avanti, i rivieraschi si fanno riprendere e superare. Ma hanno comunque la forza di rimandare il verdetto al supplementare
Salto con gli sci
1 gior

Quattro trampolini, in Germania (ancora) senza spettatori

A porte chiuse le prove di Oberstdorf e Garmisch-Partenkirchen. Ancora da definire l’accesso al pubblico per i due concorsi austriaci
Hockey
1 gior

Jerôme Bachofner torna in riva alla Limmat

Dopo tre stagioni con lo Zugo, l’attaccante 25enne si accorda con i Lions, con cui nel 2018 aveva vinto il titolo
Podismo
1 gior

Delorenzi e Lucchina regolano il plotone di crossisti

Massiccia partecipazione alla quarta tappa di Coppa Ticino. Che ora si prende un mese di pausa e tornerà a metà gennaio
Hockey
1 gior

‘Contro il Davos ci è mancato un po’ di tutto’

Kneubuehler torna sulla sconfitta dell’Ambrì in casa dei grigionesi. ‘Stanchi dal giorno prima? No, è più mentalmente che non eravamo pronti”
Sci
25.11.2021 - 10:000
Aggiornamento : 10:38

Pini e Vlhova, coppia già vincente: ‘Ora Petra scia felice’

L’allenatore ticinese e l’avvio di stagione quasi perfetto della sua atleta: ‘Le ho detto, che merita di godersi ciò che fa’

Mauro Pini è un allenatore decisamente di buon umore. Bella forza, vien da dire: un terzo posto in gigante e due vittorie in slalom – bottino dell’atleta di cui è coach da alcuni mesi – rallegrerebbero chiunque. Lo stato d’animo del leventinese, però, più che una conseguenza di un avvio di stagione al fulmicotone, ne è la spiegazione. Perché la felicità è la nuova arma in più di Petra Vlhova.

È ancora a Levi, dove il team della slovacca ha deciso di rimanere anche dopo le gare del weekend, che lo raggiungiamo al telefono, al rientro da una sessione di allenamento. «Abbiamo scelto di restare qui fino a mercoledì (ieri, ndr), perché a Killington (dove sabato 27 è in programma un gigante e domenica 28 uno slalom, ndr) l’innevamento è scarso. Viaggeremo alla volta della località statunitense giovedì, dopo una notte a Helsinki. Io ero arrivato qui il 30 ottobre e avevamo iniziato a sciare il giorno seguente. Abbiamo trovato condizioni ideali: piste perfette e ben preparate, grazie sia ai depositi di neve della scorsa stagione, sia alle recenti precipitazioni. Rimanere per tutto questo tempo, si è rivelata un’ottima scelta».

Quasi un mese in Lapponia è stato complicato da gestire?

Non nascondo che questo aspetto costituiva un punto interrogativo. Oltre tre settimane nello stesso posto, oltretutto in condizioni di luce particolari (è chiaro dalle 10 alle 15), sarebbe potuto essere difficile. Però il team ha reagito molto bene, Petra in primis; e siamo riusciti a gestire ottimamente il soggiorno. Merito soprattutto della buona alchimia all’interno del nostro gruppo. C’è un magnifico equilibrio e per ora funziona tutto al meglio.

Lassù sono arrivate due vittorie in due giorni: aiutano, no?

Iniziare bene era il nostro scopo principale. Ripetere la doppietta della scorsa stagione, non era scontato. Anzi. Ma Petra è stata grandissima.

In televisione è sembrato di vedere una Vlhova che si stava godendo il momento. È stato così?

Sì ed era proprio uno dei miei obiettivi. Fin dall’inizio le ho detto: “Sarai una Petra 2.0”. Ancora oggi con lei discutevo del fatto che abbia tutto il diritto di vivere le giuste emozioni per sé stessa. Sto cercando di farle capire che ciò che fa, lo deve fare per lei con tanto piacere e il sorriso sulle labbra. E in effetti ridiamo, ridiamo parecchio. Lavoriamo anche parecchio, con gioia. È un approccio, quello di Petra di questo inizio stagione, notato da molti e che si rispecchia nella sua sciata: più fluida, fresca, leggera; capace di accarezzare la neve. Eravamo abituati a vedere una Petra aggressiva, fredda, spesso scura in volto; assicuro che è tutt’altro. Sta scoprendo questo poter essere ‘normale’ anche in una giornata di gara.

Imparare un nuovo modo di vivere lo sci dopo aver già vinto tanto, lei come lo vive?

È felice! Lo ha dimostrato anche in pista. Sta capendo che non solo è ancora capace di vincere, ma ha ulteriore margine di miglioramento. Proprio anche grazie a una conduzione più equilibrata del programma e a un dialogo più sereno.

È facile per un allenatore insegnare a una campionessa già affermata a ‘prendere’ il suo sport da un diverso punto di vista?

Non so se sia facile o difficile. Io con questo tipo di atleti sono sempre riuscito a trovare il giusto dialogo, a mettermi sullo stesso piano. Non impongo nulla; cerco, invece, di trasmettere il messaggio con coerenza. Ritengo infatti che occorrano proprio coerenza e convinzione, oltre che la capacità di esprimere le proprie idee con tranquillità. Una tranquillità che si ‘trasferisce’ sulla neve. Quando l’atleta avverte questo, il binomio funziona.

Quali sono state le tue emozioni durante le prime gare?

Io vivo la giornata di gara meno emotivamente, rispetto ai giorni di allenamento. A me piace davvero tanto la parte formativa, in cui riesco a seminare e far crescere qualcosa. È in quei frangenti che mi muovo con passione. Quella della competizione è la giornata dell’atleta, non dell’allenatore. Poi certo, la viviamo tutti con curiosità e intensità. È però nei momenti di preparazione, che mi posso esprimere di più. La gara è una verifica del lavoro fatto e un momento di gioia. E se arriva il risultato, tanto meglio.

Il terzo posto in gigante a Sölden ti ha stupito, o è già stata una conferma dei miglioramenti visti in estate?

Il gigante rimane il nostro cantiere. È lì, che Petra sa di dover migliorare; e ciò, indirettamente, ci aiuta a sostenere lo slalom, dal quale per ora arrivano i risultati più importanti. Sono sicuro che anche in gigante ritroverà un buon livello; cioè che può vincere. In quest’ottica dopo Killington faremo l’impasse sulle gare di velocità e andremo a Copper Mountain. In Colorado dedicheremo dieci giorni all’allenamento di velocità e gigante, anche per testare il materiale in vista delle Olimpiadi di Pechino. Sulle piste cinesi che, a causa della pandemia, nessuno ha potuto provare, si potrebbe trovare una neve simile a quella statunitense. Da qui la scelta di investire un ulteriore periodo nella preparazione. Da Courchevel in poi, invece, entreremo nella routine regolare della Coppa del Mondo, compresa la velocità da gennaio. Con Petra è stato bello affrontare il discorso della programmazione, che ci ha portati a saltare il parallelo di Lech, che in un primo momento era in programma. Eravamo già a Levi per l’allenamento e, più i giorni passavano, più ci rendevamo conto che le priorità erano altre. La scelta è maturata assieme e con la convinzione su quali siano le nostre priorità, siamo arrivati serenamente alla decisione anche di non essere al via a Lake Louise e molto probabilmente nemmeno a St. Moritz. Questa coerenza nel mantenere la roadmap stabilita a inizio stagione e nel portarla avanti con serenità, per Petra è un tema nuovo, da cui trae forza.

In che modo?

Guadagna in autostima. È più coinvolta nelle decisioni di pianificazione e strategia. Si sente importante: non è più solo l’atleta che deve andare in pista, seguendo una strada tracciata da altri; avverte di essere parte del progetto e per lei è fondamentale. È un aspetto che ho sempre vissuto con i grandi campioni: è importantissimo, che si sentano attori e autori del proprio percorso.

La stagione è dunque iniziata come avreste voluto; al di là degli ottimi risultati, che ovviamente non sono secondari?

Sì. Già il podio di Sölden, con una seconda parte in rimonta, è stata un’iniezione di fiducia. Un risultato negativo avrebbe potuto farla uscire dal primo gruppo nel gigante. Invece il podio ha permesso di partire con grande serenità. Uno stato d’animo portato anche nel campo di allenamento qui a Levi. Molti addetti ai lavori ci hanno chiesto come abbiamo fatto a stare qui così a lungo. Per me, basta essere sereni e avere bene in chiaro dove si vuole andare.

SPORT: Risultati e classifiche

Instagram
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved