SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
42 min

Gianluca Ferrero nuovo presidente della Juve

L’uomo d’affari 59enne scelto dall’azionista principale per succedere ad Andrea Agnelli
Formula 1
2 ore

Mattia Binotto si è ufficialmente dimesso dalla Scuderia Ferrari

Il Team Principal lascerà il suo ruolo il 31 dicembre. ‘Giusto compiere questo passo, per quanto sia stata per me una decisione difficile’
Qatar 2022
4 ore

L’ombra delle minacce alle famiglie dei giocatori dell’Iran

La Cnn cita una fonte della sicurezza interna: decine di Pasdaran in Qatar per controllare i giocatori ed evitare proteste e contatti con stranieri
atletica
6 ore

Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’

La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’,
SERIE A
13 ore

Il CdA della Juve si è dimesso in blocco: lascia anche Agnelli

Il dirigente 46enne saluta il club bianconero dopo più di dodici anni: decisive le contestazioni sulle plusvalenze.
Qatar 2022
14 ore

La doppietta di Bruno Fernandes porta il Portogallo agli ottavi

Ottima prestazione che si meritano a pieno merito i tre punti con l’Uruguay, dopo la Corea ci sarà la seconda classificata del girone della Svizzera
volley
15 ore

Bellinzona chiaramente sconfitto dal Therwil

Le basilesi passano all’Arti e Mestieri con un secco 3-0. Valentina Mirandi: ‘Ci siamo fatte sopraffare dalle difficoltà’.
Qatar 2022
15 ore

Yakin: ‘Col Brasile serviva più coraggio’

Freuler: ‘Sapevamo che la gara decisiva sarebbe stata quella coi serbi’
volley
15 ore

Sesta vittoria consecutiva per il Lugano

Kanti Sciaffusa sconfitto al tie break, dopo aver sprecato un match point nel quarto set. Bianconere sempre terze in classifica.
QATAR 2022
16 ore

Il gol di Casemiro infrange il sogno della Svizzera

Elvetici battuti all’83’ di una sfida giocata con ordine e sacrificio e che avrebbero meritato di chiudere in parità. Ora si decide tutto contro la Serbia
Calcio
17 ore

Sanzionato Balotelli, assolto Constantin

L’attaccante del Sion aveva paragonato la Lega svizzera di calcio alla mafia: multa di 5mila franchi
Qatar 2022
18 ore

Incerto l’immediato futuro dell’interista Onana

Escluso dalla rosa prima di Camerun-Serbia, il portiere africano starebbe per lasciare il Qatar
Calcio
18 ore

Anche la Fiorentina fra gli avversari del Lugano

Fissate alcune amichevoli invernali dei bianconeri da sostenere dopo il 2 dicembre, giorno della ripresa degli allenamenti
Qatar 2022
20 ore

Il Ghana ridimensiona i sudcoreani

Imponendosi 3-2 in un match dal folle andamento, gli africani rilanciano le proprie ambizioni
QATAR 2022
20 ore

Yakin ha deciso, Shaqiri partirà dalla panchina

Al posto del fantasista di Chicago, alle prese con un problema alla coscia, il giovane Fabian Rieder. Akanji ed Elvedi regolarmente in campo
QATAR 2022
20 ore

I 90’ più laceranti della storia del calcio iraniano

La sfida con gli Stati Uniti, nemici giurati del regime degli ayatollah, vale l’accesso agli ottavi, sullo sfondo delle proteste che insanguinano Teheran
Calcio
22 ore

Amichevole a Menaggio per il Bellinzona

Incontro fissato per mercoledì 30 novembre alle ore 19
Qatar 2022
23 ore

Folle pareggio fra Camerun e Serbia

Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G
Calcio
1 gior

Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea

Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
1 gior

Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi

Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
1 gior

Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere

Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
1 gior

Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin

Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
QATAR 2022
1 gior

Camerun e Serbia, una vittoria per uscire dal tunnel

Da tempo immemore sia gli africani, sia i ‘brasiliani d’Europa’ non hanno più voce in capitolo sul palcoscenico dei Mondiali
Qatar 2022
1 gior

Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina

La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
1 gior

Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’

L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
1 gior

Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini

La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
Qatar 2022
1 gior

Censura cinese sugli spalti: tagliate le immagini dei tifosi

La forbice della tv statale sui supporter che non indossano la mascherina, dopo le proteste locali per i nuovi lockdown
QATAR 2022
1 gior

‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’

Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
1 gior

Marocco troppo forte per il Belgio

Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
1 gior

Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’

Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
1 gior

Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania

Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
laR
 
22.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 13:44

La Cdm riparte da Sölden, antipasto di un banchetto stellato

Con i giganti di sabato (le donne) e domenica (gli uomini) riparte il Circo Bianco, con Lara Gut-Behrami e Marco Odermatt a caccia delle ‘coppone’

la-cdm-riparte-da-solden-antipasto-di-un-banchetto-stellato

Se è vero che Sölden rappresenta ormai da tradizione l’antipasto della stagione di sci alpino, è arrivata l’ora di sedersi al tavolo di quello che si annuncia un banchetto lauto e succulento. Reso stellato non dalla guida Michelin ma dai tanti campioni che fungeranno da ingredienti principali di un inverno al via con i giganti di questo weekend in Austria e il cui piatto forte sarà l’appuntamento olimpico di febbraio, ma che solo a marzo con le finali di Courchevel/Méribel dirà a chi lascerà una nota dolce e chi invece dovrà accontentarsi di un amaro per digerire eventuali delusioni.

Nella scorsa stagione è toccato proprio ai rossocrociati Lara Gut-Behrami e Marco Odermatt dover alzare bandiera bianca nella lotta per la Coppa del mondo generale – rispettivamente contro Petra Vlhova e Alexis Pinturault – nella maniera più difficile da accettare, ovvero senza potersi giocare fino all’ultimo come avrebbero meritato le proprie chance, a causa del maltempo (e di un regolamento troppo rigido) che ha cancellato i superG e le discese delle finali di Lenzerheide da un calendario che già prevedeva più prove tecniche rispetto a quelle veloci sull’arco della stagione. Quest’anno la Fis è perlomeno corsa ai ripari, prevedendo una ripartizione inizialmente (prima di fare i conti con il meteo e nella consapevolezza che la velocità è più soggetta ad annullamenti) più equa: 9 per ogni disciplina tra le donne; 11 discese, 10 slalom, 8 giganti e 7 superG in campo maschile (oltre a un parallelo individuale e uno a squadre per entrambi i sessi). E una lotta per la vittoria finale che si annuncia più serrata ed entusiasmante che mai.

La ticinese pronta a tornare la regina del Circo Bianco, Shiffrin permettendo

Tra le protagoniste più attese c’è evidentemente ancora la ticinese, la quale in una recente intervista ci ha spiegato di aver nonostante tutto digerito l’amaro boccone piuttosto rapidamente, in quanto arrivato al termine di un’annata comunque straordinaria che l’ha vista, in uno splendido crescendo, tornare a livelli che non raggiungeva da prima dell’infortunio al ginocchio ai Mondiali di St. Moritz 2017. A certificarlo in Coppa del mondo ben dieci podi (6 successi) e la sua terza coppetta di supergigante, ma anche le tre medaglie iridate conquistate ai Mondiali di Cortina, con oltre al bronzo in discesa l’oro nella sua disciplina prediletta e in gigante, esercizio quest’ultimo che ha sempre rappresentato una sorta di cartina al tornasole per la ragazza nata a Comano. «Nella nuova stagione proverò a portare la sciata di quella passata», ci ha non a caso detto la diretta interessata, aggiungendo di sentirsi «bene» dopo un’estate nella quale una benefica pausa «più lunga del solito (ma il mio corpo mi ha sorpreso positivamente)» e una preparazione più che positiva le hanno permesso di «lavorare bene» e fare «il pieno di entusiasmo».

Come dire che a 30 anni compiuti (ad aprile), Lara sembra fisicamente e mentalmente pronta a tornare a mettere le mani su quel grande globo di cristallo già conquistato nel 2016, quando aveva però (anche) approfittato dell’assenza di alcune tra le sue rivali più accreditate, compresa una Lindsey Vonn tolta dai giochi da un infortunio a febbraio ma alla fine comunque seconda nella generale.

Stavolta, la sciatrice cresciuta sulle nevi di Airolo dovrà verosimilmente vedersela (ma come detto sembra matura per farlo) con una schiera decisamente ben nutrita di pretendenti al trono, a cominciare da quella Mikaela Shiffrin dominatrice della Cdm tra il 2017 e il 2019 e che sembra infine pronta a tornare a spingere sull’acceleratore, dopo che l’improvvisa e tragica scomparsa del padre nel febbraio 2020 l’aveva fatta rallentare. C’è poi colei che difende il titolo, Petra Vlhova, ora allenata dal ticinese Mauro Pini e che non abbiamo citato per prima proprio per quanto ci ha confessato il ticinese, ossia che il bis nella generale di Cdm «non è una nostra priorità, l’obiettivo principale di questa stagione sono i Giochi di Pechino e anche per questo abbiamo deciso di concentrarci sulle discipline tecniche». Di dar retta però a quel “volpone” delle piste che è Pini ed escludere a priori dalla lotta la 26enne slovacca, proprio non ce la sentiamo, anzi. A guidare il terzetto azzurro composto anche dalla trionfatrice 2020 Federica Brignone e dalla specialista del gigante Marta Bassino, l’imprevedibile Sofia Goggia, reduce da due stagioni condizionate dagli infortuni ma assetata di prendersi una rivincita su quel destino che qualche mese fa le ha negato i Mondiali casalinghi.

No, non ci siamo dimenticati delle altre rossocrociate, che sulla carta sarebbero forse appena dietro al trio Gut-Behrami, Shiffrin e Vlhova, ma purtroppo Michelle Gisin (reduce da una mononucleosi debilitante, deciderà all’ultimo se presentarsi al cancelletto di partenza sabato), Wendy Holdener (fratturatasi le due mani un paio di settimane fa) e Fabienne Suter (che deve ancora riprendersi dopo essere caduta malamente in allenamento a Zermatt) non sono ancora pronte e rischiano di perdere subito terreno prezioso. Che non per forza vorranno a tutti i costi recuperare, considerando anche l’appuntamento a cinque cerchi.

Il nidvaldese non si nasconde ma deve guardarsi anche dall’incognita Kilde

A differenza di Lara Gut-Behrami, Marco Odermatt non ha avuto la consolazione degli allori mondiali (l’unica medaglia che ha portato a casa da Cortina è stata quella di legno in discesa) e come ci ha lui stesso spiegato, «ci ho messo un po’ a digerire il finale di stagione» che lo ha visto battuto da Pinturault. Il 24enne del Canton Nidvaldo non si è però perso d’animo e anzi, con più esperienza (data anche, se non soprattutto, dalle delusioni) e dopo una preparazione andata secondo i piani, è pronto a riprovarci e non ha paura di affermare che «se nella scorsa stagione la conquista della generale di Coppa del mondo non è mai stata una priorità o un obiettivo per me, stavolta sarà diverso, non mi nascondo».

Calcolando il livellamento tra prove tecniche e veloci, anche in questo caso l’avversario principale dell’elvetico potrebbe non essere il detentore della “Coppona” Pinturault (che è comunque agguerrito, come dimostra il fatto che dopo sei anni di assenza tornerà a Lake Louise, dove ha gareggiato due volte in superG senza mai entrare nei 30), bensì quell’Aleksander Aamodt Kilde trionfatore nel 2020 (inverno lo ricordiamo condizionato dallo scoppio della pandemia di Covid) e al rientro dopo aver saltato la seconda parte della scorsa stagione per la rottura del crociato. Molto dipenderà da come fisico e mente del norvegese risponderanno, ma di sicuro il 29enne ha le qualità per trasformare il punto di domanda che lo sovrasta in esclamativo. Sempre per il discorso del maggior peso conferito alla velocità, oltre agli austriaci Matthias Mayer e Vincent Kriechmayr, non si possono escludere dalla lotta perlomeno al podio due atleti scafati come Beat Feuz e Dominik Paris, anche se a rispettivamente 34 e 32 anni, il bernese e l’italiano potrebbero decidere di preservare qualche energia per le Olimpiadi.

Chi invece di energia (e ambizione) ne ha da vendere è un Loïc Meillard quarto nell’ultima generale (dietro anche a Marco Schwarz, il quale però dipende quasi esclusivamente dai paletti stretti) e che se dovesse riuscire a compiere quell’ulteriore scalino che in molti si aspettano dal quasi 25enne nelle prove rapide ma soprattutto dal punto di vista mentale, potrebbe davvero lottare con i migliori. E aiutare così la Svizzera assieme ai vari Zenhäusern, Murisier, Caviezel, Yule, così come tra le donne Nufer, Flury e Rast – troppo lontani dai migliori per il discorso generale ma certamente, in particolare gli uomini, con le carte in regola nelle rispettive discipline – ad andare a caccia del primato nella classifica per nazioni, riconquistato nella stagione 2019/2020 dopo 31 anni di dominio austriaco e confermato anche nello scorso inverno, sempre davanti alle Aquile.

Il Covid resta una variabile nonostante i vaccini, ma perlomeno torna il pubblico

Al netto di possibili infortuni, del maltempo e detto del livellamento tra prove tecniche e veloci, rimangono diverse le variabili che potranno influenzare la nuova stagione. A cominciare ahinoi dall’ormai onnipresente coronavirus, che costringerà anche quest’anno il Circo Bianco a vivere in una sorta di bolla, alla quale si potrà accedere unicamente con un certificato Covid e solo dopo aver effettuato, per quel che riguarda atleti e addetti ai lavori, un test Pcr, che i non vaccinati dovranno poi ripetere ogni 48 ore. Nonostante ciò rimane comunque un punto di domanda a proposito ad esempio delle gare previste a Lake Louise a fine novembre (due discese e un superG maschili tra il 26 e il 28, femminili dal 3 al 5 dicembre), in quanto il Canada esenta dall’obbligo di quarantena unicamente i vaccinati con doppia dose, regola che metterebbe in difficoltà non solo gli atleti non vaccinati ma anche quelli guariti e sottopostisi a un’unica iniezione. Ad ogni modo Fis e autorità canadesi sono da tempo al lavoro per studiare una soluzione, anche perché sei gare (veloci oltretutto) sono molte e potrebbero avere un peso importante sulla stagione. Un discorso che vale tra l’altro anche per un’altra variabile di questa stagione, i Giochi di Pechino, dai quali rischia di rimanere escluso chi non sarà vaccinato (attualmente è prevista una quarantena di 21 giorni all’ingresso in Cina).

Da problema (si fa per dire) a soluzione, il vaccino permetterà alla Coppa del mondo di salutare la novità forse più attesa rispetto a qualche mese fa: il ritorno del pubblico a bordo pista, con il benestare dei Paesi ospitanti e come detto con certificato Covid. Ad esempio per il weekend d’apertura sulle nevi austriache gli organizzatori si aspettano oltre 15mila spettatori sulle due gare, mentre una settimana fa anche Swiss-Ski ha annunciato che le prove di Coppa del mondo delle discipline invernali disputate su suolo elvetico potranno tornare ad accogliere gli spettatori. Quanto questo potrà influire direttamente sulle prestazioni degli atleti (la maggior parte, tra cui ad esempio Lara Gut-Behrami, affermano di estraniarsi completamente dall’ambiente circostante mentre sono in pista) non si può dire, ma di certo contribuirà a rendere ancora più spettacolare la nuova stagione di Coppa del mondo.

In attesa di capire se la rivoluzione di cui si discuterà nel congresso della Fis del prossimo maggio avrà davvero luogo, con idee che spaziano dall’inserimento di un ulteriore grande evento durante il quadriennio olimpico (in sostanza una rassegna iridata nell’anno in cui non sono in programma né Mondiali né Olimpiadi), all’aumento delle prove in notturna; dalla suddivisione delle discese in due gruppi di atleti (con promozioni e retrocessioni in funzione delle prestazioni, per accorciare le gare tra i migliori e favorire anche le dirette televisive) fino all’abolizione del superG.

Ma questa è musica del futuro, per ora ci godiamo l’antipasto di Sölden, con in bocca già l’acquolina per quello che verrà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved