lara-gut-behrami-campionessa-del-mondo-in-gigante
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
6 ore

A Lugano tra decisioni rinviate, emozioni e altri due punti

Acciuffati a sette decimi dalla fine, i bianconeri battono lo Zugo segnando il gol-partita al supplementare, grazie a un’azione personale di Bertaggia
Hockey
6 ore

Il secondo tempo condanna l’Ambrì Piotta

Terza sconfitta filata per i biancoblù, che contro il Rapperswil pagano il crollo nel periodo centrale
Gallery
Motociclismo
6 ore

‘Siamo riusciti a tenere il passo dei team ufficiali’

Il secondo posto al Bol d’Or lancia il finale di stagione del team Moto Ain di Roby Rolfo
Calcio femminile
7 ore

Tutto facile per la Svizzera in Moldavia

Le ragazze di Nils Nielsen si sono imposte 6-0 sulle padrone di casa nel secondo match delle qualificazioni ai Mondiali del 2023, confermando il primato
Calcio
10 ore

Razzismo: multa e partita a porte chiuse per l’Ungheria

La Fifa sanziona la federazione ‘per il comportamento di buona parte dei tifosi’ nel match di qualificazione ai Mondiali contro l’Inghilterra
Calcio
13 ore

Quattro giovani ticinesi convocate con le Nazionali

Paulina Stanic, Melissa Rondalli e Alyssa Keller chiamate per un campo di allenamento con la U15 a Tenero, Melissa Colombo con la U16 a Briga
Hockey
14 ore

Lo Zugo si tiene stretto il ticinese Dario Simion

L’attaccante ha prolungato di tre anni il contratto che lo lega alla squadra con cui, la stagione scorsa, ha vinto il titolo svizzero
Calcio
14 ore

Dalla Cambogia mire principesche sul Saint-Etienne

Il principe Norodom Ravichak, figlio del fratellastro dell’attuale re, si è detto intenzionato a rilevare il club che versa in difficoltà finanziarie da anni
SCI ALPINO
18.02.2021 - 14:380
Aggiornamento : 15:22

Lara Gut-Behrami campionessa del mondo in gigante

A Cortina terza medaglia e secondo titolo mondiale per la ticinese. Ha preceduto di due centesimi Mikaela Shiffrin e di nove l'austriaca Liensberger

Lara Gut-Behrami è la reginetta dei Mondiali di Cortina. Dopo la medaglia d'oro nel SuperG e quella di bronzo nella discesa libera, la ticinese ha conquistato il titolo iridato anche nel gigante. Al termine di una rimonta che l'ha portata dal terzo posto dopo la prima manche al gradino più alto del podio, Lara ha preceduto di appena due centesimi la statunitense Mikaela Shiffrin, la più veloce sul primo tracciato.

Per lo sci svizzero, che aspettava da vent'anni e dalla vittoria di Sonja Nef un titolo mondiale nelle porte larghe, si tratta di una giornata storica. E lo è a maggior ragione per Lara Gut-Behrami, capace di tornare sul trono del mondo dopo tutte le difficoltà (fisiche ma anche tecniche nel concatenare le curve di gigante), avute negli ultimi anni. Per lei si tratta dell'ottava medaglia mondiale della carriera. «È una vittoria incredibile – ha commentato la ticinese ai microfoni della Rsi –. Quella di conquistare una medaglia nel gigante era un'idea che continuava a frullarmi in testa. Dopo la discesa di O'Brien, che senza l'errore nel finale mi sarebbe passata davanti, ero convinta che Mikaela Shiffrin non si sarebbe lasciata sfuggire la vittoria. Nei secondi finali la stavo già applaudendo e poi è arrivata la grande sorpresa. Il solo fatto di poter fare gara pari con una campionessa come Mikaela mi riempie d'orgoglio».

La giornata rossocrociata averebbe potuto essere ancora più trionfale se Michelle Gisin (11ª al traguardo), quinta sul primo tracciato, non avesse commessa un grosso errore nella parte centrale della seconda prova, quando era in corsa per chiudere davanti all'austriaca Katharina Liensberger, in quel momento la più veloce e terza alla fine con un ritardo di nove centesimi da Gut-Behrami.

Meglio dell'obvaldese – apparsa molto delusa all'arrivo, ma comunque determinata per lo slalom di sabato – ha fatto Wendy Holdener che sul secondo tracciato ha recuperato sei posizioni per chiudere all'ottavo posto. Corinne Suter ha invece terminato al 18º posto.

Il gigante iridato di Cortina, rivelatosi molto più difficile e selettivo di quanto in molti si attendevano, è stato fatale per tante protagoniste della stagione. A partire dall'italiana Federica Brignone che ha messo fine a un Mondiale nato sotto una cattiva stella con un'uscita già sul primo tracciato. Male anche Marta Bassino, dominatrice in Coppa del mondo, ma tagliata fuori già nella manche iniziale e che non è andata al di là del 13º posto finale. Ha deluso pure la slovacca Petra Vlhova che ha chiuso proprio davanti alla Bassino. Per contro, molto brava è stata la statunitense Nina O'Brien: sul primo tracciato ha concesso appena due centesimi alla connazionale Shiffrin e sul secondo, quando sembrava dover passare davanti a Lara Gut-Behrami, a pochissime porte dal traguardo ha commesso un grossolano errore che le è costato una medaglia certa e che l'ha fatta scivolare al decimo posto.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved