Congo Dr
1
Marocco
1
fine
(1-0)
Mali
0
Tunisia
1
fine
(0-1)
Cameroon
0
Algeria
1
fine
(0-1)
Ghana
0
Nigeria
0
fine
(0-0)
Egitto
1
Senegal
0
fine
(1-0)
Senegal
1
Egitto
0
fine
(1-0 : 0-0 : 0-0)
Nigeria
1
Ghana
1
fine
(1-1)
Algeria
1
Cameroon
2
fine
(0-1)
Marocco
4
Congo Dr
1
fine
(2-0)
Tunisia
0
Mali
0
fine
(0-0)
Olanda
3
Usa
1
fine
(2-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
12 min

Una Svizzera che cresce di pari passo con l’ambizione

A 48 ore dall’ottavo di finale, nel clan rossocrociato tutti sono convinti che quella con il Portogallo rimane una sfida in bilico
Hockey
1 ora

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau, Saarela, Michaelis e Rowe col Davos
HOCKEY
15 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
15 ore

A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis

Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
15 ore

L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride

Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
15 ore

Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince

I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
SCI ALPINO
18 ore

Solo sei centesimi separano Kilde da Odermatt

Sulla Bird of Prey di Beaver Creek la vittoria è andata al norvegese. Terzo posto per il canadese Crawford. Noni Feuz e Hintermann
QATAR 2022
19 ore

Olanda troppo quadrata, gli Stati Uniti si arrendono

Finisce 3-1 per gli Oranje il primo ottavo di finale dei Mondiali. Decisivo Dumfries con due assist e un gol
Bob
1 gior

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
1 gior

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
1 gior

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
1 gior

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
1 gior

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
1 gior

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
1 gior

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
1 gior

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
1 gior

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
1 gior

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
1 gior

Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’

Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
Altri sport
1 gior

Il Ticino torna da Losanna con sette medaglie al collo

Buon risultato d’assieme per i judoka di casa nostra in una competizione a cui accedevano soltanto i migliori atleti del ranking nazionale
BASKET
1 gior

Due trasferte in Romandia per Spinelli e Tigers

Il Massagno non deve scherzare contro il Nyon, mentre un Lugano con qualche assente di troppo sarà ospite del Ginevra
Mondiali Cortina 2021
15.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 15:06

Vertigine rossocrociata, una Svizzera da far girar la testa

In discesa Suter (oro), Gut-Behrami e Feuz (entrambi bronzo) hanno portato a 5 il totale delle medaglie elvetiche in appena 4 gare dei Mondiali di Cortina

vertigine-rossocrociata-una-svizzera-da-far-girar-la-testa

“La vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare”. Già, voglia di volare, come canta Jovanotti e soprattutto come sta facendo la Svizzera ai Mondiali di Cortina, talmente belli per i colori rossocrociati da far girar la testa, dall’alto di un medagliere che dopo la prima settimana di gare (in parte troncata dal maltempo) ai piedi delle Dolomiti vede in testa lo squadrone elvetico con ben cinque medaglie conquistate nelle quattro prove di velocità, di cui due d’oro (già superate le quattro raccolte in totale due anni fa ad Are). Merito di Corinne Suter, capace dopo l’argento colto due giorni prima alle spalle di Lara Gut-Behrami nel superG, di andare a prendersi il titolo nella disciplina regina, quella discesa che nel 2019 l’aveva vista chiudere seconda in Svezia in una rassegna iridata che le aveva regalato anche il bronzo in superG e che aveva di fatto lanciato, a 24 anni, la sua scalata ai vertici del Circo Bianco (da lì in avanti ha centrato tutti i suoi 13 podi in Coppa del mondo).

Un merito che va beninteso condiviso anche con la ticinese, la quale si è giocata la possibilità di firmare una storica doppietta allargando troppo la traiettoria nella curva Delta dell’Olympia delle Tofane, dovendo così “accontentarsi” di un bronzo che rappresenta comunque la medaglia mondiale numero sette (eguagliato il record elvetico di Erika Hess) per lei che sulle nevi italiane avrà ancora due possibilità di allargare la collezione (parallelo e gigante).

E che dire di Beat Feuz, campione di classe nell’accantonare le polemiche sul tracciato (a proposito di Vertigine) e accettare il terzo posto in una prova regina che lo vedeva favorito numero uno ma che si è rivelata troppo poco discesa e troppo superG (non a caso si è imposto il fresco campione della disciplina Kriechmayr) per permettere al bernese di liberare tutti i suoi cavalli. Una prova nella quale con il quarto posto Marco Odermatt ha confermato – così come Michelle Gisin quinta il giorno prima – che la Svizzera sarà la squadra da battere anche nella seconda settimana di competizione, al via oggi con le due combinate.

La svittese: ‘È valsa la pena lottare’

«È incredibile, non dimenticherò mai tutto questo – afferma con gli occhi lucidi Corinne Suter, che sabato ha preceduto di 20 centesimi la tedesca Kira Weidle e di 37 Gut-Behrami per regalare alla Svizzera il primo titolo in discesa dal successo di Maria Walliser nel 1989 –. Sono così commossa perché so i sacrifici e tutto il lavoro che ho dovuto fare per arrivare qui. Sono successe molte cose negli ultimi anni e ora so che vale sempre la pena di battersi».

E pensare che, come ammette la stessa 26enne svittese, «venerdì ero molto affaticata, non avevo quasi dormito. Il giorno dopo invece tutto mi è sembrato facile, prima della gara ero rilassata come non mai e stavo bene, tanto che me lo sentivo che sarebbe andata bene. Forse anche il fatto di gareggiare senza pubblico mi ha aiutato, ho potuto gestire la pressione che, seppur nelle ultime settimane i risultati non erano stati molto buoni, c’era comunque. Anche l’argento in superG mi ha dato una mano a livello di fiducia».

Una fiducia tramutatasi nel secondo podio in tre giorni, sempre accompagnata da Lara Gut-Behrami… «Alla fine ognuno pensa alla propria performance, ma è bello condividere il podio con un’altra svizzera. Con Lara ci intendiamo bene e non dimentico di come mi è stata vicino quando per me le cose non andavano bene».

La ticinese: ‘Contenta, anche se...’

Dal canto suo la ticinese, pur senza nascondere un po’ di delusione per i centesimi lasciati per strada («se vedo i miei intermedi e il pezzo finale, un pelino di rammarico c’è, alla fine devo essere onesta»), si è detta «contenta di aver confermato quello che so fare, nonostante gli errori sono comunque sul podio. Inoltre Corinne ha fatto un finale strepitoso, è stata un’altra super giornata a livello di squadra».

La 29enne di Comano spiega poi come «ora andrò a casa per due giorni, poi in base a come sarò riuscita a recuperare deciderò se partecipare anche al parallelo (domani, ndr) oltre al gigante (giovedì, ndr), ma probabilmente lo farò».

Bis di Kriechmayr in una discesa un po'... super

Ha fatto girare la testa a molti la pista Vertigine dei Mondiali di Cortina. Prima della gara – tantissime le polemiche per un tracciato troppo spigoloso e lento per una discesa, come pure per i numerosi scalini (e la conseguente fatica) da affrontare per arrivare in partenza – e soprattutto durante, con diversi degli atleti più attesi incapaci di interpretare nel modo giusto un pendio mai affrontato in Coppa del mondo e secondo molti poco adatto per la prova regina della velocità. A farne le spese in particolare l’austriaco Matthias Mayer (tra i favoriti, ha mancato una porta), l’attesissimo padrone di casa Dominik Paris (quarto e arrabbiatissimo al traguardo) e pure il bernese Beat Feuz, alla fine sì capace di agguantare la medaglia di bronzo, ma lontano da quell’oro che per quanto mostrato fin qui in stagione (e non solo) gli sembrava promesso.

Però, come dichiarato dallo stesso campione (anche di classe) rossocrociato, alla fine a vincere è sempre il più veloce e domenica, come tre giorni prima nel superG iridato, il migliore si è rivelato l’austriaco Vincent Kriechmayr, che ha così firmato la doppietta. Clamorosa, ma a questo punto non poi così sorprendente, visto che come detto quest’anno la gara regina dei Mondiali è sembrata più un superG travestito da discesa e il 29enne dell’Alta Austria è attualmente il miglior interprete della disciplina, come dimostrano – oltre al freschissimo titolo – il primo posto nella classifica di specialità in Coppa del mondo (chiusa sempre al secondo rango negli ultimi tre anni) e l’argento conquistato due anni fa ai Mondiali di Are. Decisamente più inaspettato il secondo posto del 31enne tedesco Andreas Sander, mai capace di fare meglio di un quinto rango in carriera in Cdm ma al quale ai piedi delle Dolomiti è mancato un solo piccolo centesimo per laurearsi campione del mondo assieme a Kriechmayr.

Il bernese perde la gara nel tratto centrale, Odermatt ottimo quarto

Sono invece 18 i centesimi che avrebbe dovuto limare Beat Feuz per bissare il titolo conquistato nel 2017 a St. Moritz. Un ritardo accumulato dal 34enne di Schangau in particolare nella parte centrale del tracciato, dove il suo distacco da Kriechmayr – sceso tra l’altro per primo, seguito a ruota da Sanders, Feuz invece è partito per settimo – è salito fino a 73 centesimi, prima di tornare a scendere nella parte finale.

«Non sono pienamente soddisfatto della mia gara – le parole dell’atleta dell’Oberland, già terzo in discesa nel 2015 ai Mondiali di Vail/Beaver Creek –. Sono andato in partenza per vincere, ma alla fine ci sono solo tre posti sul podio e io ne occupo uno. Oltretutto al termine di una discesa non facile, girava molto, per cui sono comunque felice».

Splendido anche il quarto posto a 47 centesimi dal connazionale e quindi dal podio (+0”65 dalla vetta, come Paris) di Marco Odermatt, che ha lanciato ottimi segnali in vista delle prove tecniche di una seconda settimana che si aprirà oggi con le due combinate. Nella top-10 anche Marco Janka (9º a 1”08), mentre Niels Hintermann non ha portato a termine la prova.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved