vertigine-rossocrociata-una-svizzera-da-far-girar-la-testa
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
3 ore

Roland Koeman esonerato, è giunta l’ora di Xavi?

Il Barcellona si è separato dal tecnico olandese dopo la sconfitta con il Rayo Vallecano. L’ex centrocampista blaugrana tra i favoriti per la successione
Calcio
15 ore

Kwadwo Duah infrange il sogno del Chiasso

I rossoblù ci credono ma l’exploit di Coppa sfuma al supplementare. La soddisfazione di Vitali: ‘Sono orgoglioso della prestazione offerta dai ragazzi’
Gallery
Calcio
17 ore

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’
RUGBY
17 ore

La demenza dopo le botte alla testa. ‘Ora sono spaventato’

Il racconto di Bobbie Goulding e di altri ex campioni vittime dei colpi ricevuti in campo. ‘Trattati come pezzi di carne, non come degli esseri umani’
Hockey
18 ore

È il momento del ritorno di Arno Del Curto. Con l’Austria

L‘ormai sessantacinquenne tecnico grigionese fungerà da assistente a Roger Bader nel quadrangolare di Jesenice. ‘Sono felice che voglia darci una mano’
VELA
19 ore

Vendée Globe, Alan Roura e il mecenate che fabbrica i sogni

Alla sua terza campagna intorno al mondo, il ginevrino sarà al timone di Hugo Boss 7, l’Imoca da 4 milioni ricevuta in dono da un personaggio misterioso
GINNASTICA
22 ore

Hitomi lascia l’ospedale. Sulle proprie gambe

La ventunenne giapponese era caduta mentre si allenava in vista della finale dei Mondiali. ‘Sono dispiaciuta di non aver potuto soddisfare le aspettative’
Hockey
22 ore

Zugo, Dario Simion sotto i ferri

L’attaccante valmaggese è stato operato a una gamba, dopo essersi tagliato martedì con un pattino di un avversario. Dovrà star fuori all’incirca due mesi
Hockey
1 gior

McSorley padrone a Sierre, non in pista ma con la pista

L’allenatore canadese del Lugano guida una cordata che ha firmato due lettere d’intenti con club e città vallesani per la costruzione di un nuovo impianto
Calcio
1 gior

Il difensore del Bayern Monaco Lucas Hernandez evita il carcere

Il Tribunale Provinciale di Madrid ha accolto il ricorso del calciatore, sospendendo l’esecuzione della pena di sei mesi per maltrattamenti
Tennis
1 gior

Tra Djokovic e l’Australian Open c’è Victoria

Lo Stato di cui Melbourne è capitale ha escluso di accordare un permesso speciale ai giocatori non vaccinati, tra i quali ci sarebbe anche il serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Spycher assicura: ‘Niente cali di tensione da parte dell’Yb’

Impegnato su tre fronti, lo Young Boys è ospite domani sera del Lugano per la Coppa. Il diesse giallonero: ‘Questo torneo permette di vincere un titolo’
Hockey
1 gior

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’
Hockey
1 gior

‘Questa boccata d’ossigeno ci voleva proprio’

Calvin Thürkauf torna sul successo (in scioltezza) del Lugano alla Cornèr Arena a spese dell’Ajoie
Hockey
1 gior

Contro l’Ajoie, i bianconeri calano il poker

Senza strafare, il Lugano mette sotto i giurassiani: alla Cornèr Arena finisce 4-1
Hockey
1 gior

Ambrì, una settimana dopo riecco i tre punti

Reduci dalle sconfitte contro Zurigo e Friborgo, i biancoblù ritrovano il successo al termine di una serata convincente, trascinati dalla linea di Bürgler
Calcio femminile
1 gior

Rossocrociate a punteggio pieno

La Svizzera ha battuto 5-0 la Croazia, ultima della classe, e mantenuto la testa del gruppo G a pari merito con l’Italia
TIRI LIBERI
1 gior

La linea verde del Lugano, l’amalgama della Sam

Ulteriori considerazioni in merito a un derby che sabato ha detto una cosa importante: il potenziale di pubblico c’è, bisogna fidelizzarlo
Gallery
Calcio
1 gior

Beatrice Girelli team manager dell’Fc Lugano

Marco Padalino assumerà il ruolo di scout (a tutti i livelli di età) per la Svizzera, Cao Ortelli confermato assistente allenatore di Mattia Croci Torti
BOCCE
1 gior

Il settimo sigillo di Davide Bianchi

A Biasca, nella finale del campionato svizzero individuale ha battuto Aramis Gianinazzi e ora si trova a 4 successi dal ‘maestro’ Brenno Poletti
ROLLER
2 gior

Un Biasca decimato e disunito inciampa nel canton Uri

I ticinesi sempre alla rincorsa della formazione di casa che trova la rete decisiva (4-3) a poco più di 2’ dal termine. Il 13 novembre trasferta a Wimmis
Mondiali Cortina 2021
15.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 15:06

Vertigine rossocrociata, una Svizzera da far girar la testa

In discesa Suter (oro), Gut-Behrami e Feuz (entrambi bronzo) hanno portato a 5 il totale delle medaglie elvetiche in appena 4 gare dei Mondiali di Cortina

“La vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare”. Già, voglia di volare, come canta Jovanotti e soprattutto come sta facendo la Svizzera ai Mondiali di Cortina, talmente belli per i colori rossocrociati da far girar la testa, dall’alto di un medagliere che dopo la prima settimana di gare (in parte troncata dal maltempo) ai piedi delle Dolomiti vede in testa lo squadrone elvetico con ben cinque medaglie conquistate nelle quattro prove di velocità, di cui due d’oro (già superate le quattro raccolte in totale due anni fa ad Are). Merito di Corinne Suter, capace dopo l’argento colto due giorni prima alle spalle di Lara Gut-Behrami nel superG, di andare a prendersi il titolo nella disciplina regina, quella discesa che nel 2019 l’aveva vista chiudere seconda in Svezia in una rassegna iridata che le aveva regalato anche il bronzo in superG e che aveva di fatto lanciato, a 24 anni, la sua scalata ai vertici del Circo Bianco (da lì in avanti ha centrato tutti i suoi 13 podi in Coppa del mondo).

Un merito che va beninteso condiviso anche con la ticinese, la quale si è giocata la possibilità di firmare una storica doppietta allargando troppo la traiettoria nella curva Delta dell’Olympia delle Tofane, dovendo così “accontentarsi” di un bronzo che rappresenta comunque la medaglia mondiale numero sette (eguagliato il record elvetico di Erika Hess) per lei che sulle nevi italiane avrà ancora due possibilità di allargare la collezione (parallelo e gigante).

E che dire di Beat Feuz, campione di classe nell’accantonare le polemiche sul tracciato (a proposito di Vertigine) e accettare il terzo posto in una prova regina che lo vedeva favorito numero uno ma che si è rivelata troppo poco discesa e troppo superG (non a caso si è imposto il fresco campione della disciplina Kriechmayr) per permettere al bernese di liberare tutti i suoi cavalli. Una prova nella quale con il quarto posto Marco Odermatt ha confermato – così come Michelle Gisin quinta il giorno prima – che la Svizzera sarà la squadra da battere anche nella seconda settimana di competizione, al via oggi con le due combinate.

La svittese: ‘È valsa la pena lottare’

«È incredibile, non dimenticherò mai tutto questo – afferma con gli occhi lucidi Corinne Suter, che sabato ha preceduto di 20 centesimi la tedesca Kira Weidle e di 37 Gut-Behrami per regalare alla Svizzera il primo titolo in discesa dal successo di Maria Walliser nel 1989 –. Sono così commossa perché so i sacrifici e tutto il lavoro che ho dovuto fare per arrivare qui. Sono successe molte cose negli ultimi anni e ora so che vale sempre la pena di battersi».

E pensare che, come ammette la stessa 26enne svittese, «venerdì ero molto affaticata, non avevo quasi dormito. Il giorno dopo invece tutto mi è sembrato facile, prima della gara ero rilassata come non mai e stavo bene, tanto che me lo sentivo che sarebbe andata bene. Forse anche il fatto di gareggiare senza pubblico mi ha aiutato, ho potuto gestire la pressione che, seppur nelle ultime settimane i risultati non erano stati molto buoni, c’era comunque. Anche l’argento in superG mi ha dato una mano a livello di fiducia».

Una fiducia tramutatasi nel secondo podio in tre giorni, sempre accompagnata da Lara Gut-Behrami… «Alla fine ognuno pensa alla propria performance, ma è bello condividere il podio con un’altra svizzera. Con Lara ci intendiamo bene e non dimentico di come mi è stata vicino quando per me le cose non andavano bene».

La ticinese: ‘Contenta, anche se...’

Dal canto suo la ticinese, pur senza nascondere un po’ di delusione per i centesimi lasciati per strada («se vedo i miei intermedi e il pezzo finale, un pelino di rammarico c’è, alla fine devo essere onesta»), si è detta «contenta di aver confermato quello che so fare, nonostante gli errori sono comunque sul podio. Inoltre Corinne ha fatto un finale strepitoso, è stata un’altra super giornata a livello di squadra».

La 29enne di Comano spiega poi come «ora andrò a casa per due giorni, poi in base a come sarò riuscita a recuperare deciderò se partecipare anche al parallelo (domani, ndr) oltre al gigante (giovedì, ndr), ma probabilmente lo farò».

Bis di Kriechmayr in una discesa un po'... super

Ha fatto girare la testa a molti la pista Vertigine dei Mondiali di Cortina. Prima della gara – tantissime le polemiche per un tracciato troppo spigoloso e lento per una discesa, come pure per i numerosi scalini (e la conseguente fatica) da affrontare per arrivare in partenza – e soprattutto durante, con diversi degli atleti più attesi incapaci di interpretare nel modo giusto un pendio mai affrontato in Coppa del mondo e secondo molti poco adatto per la prova regina della velocità. A farne le spese in particolare l’austriaco Matthias Mayer (tra i favoriti, ha mancato una porta), l’attesissimo padrone di casa Dominik Paris (quarto e arrabbiatissimo al traguardo) e pure il bernese Beat Feuz, alla fine sì capace di agguantare la medaglia di bronzo, ma lontano da quell’oro che per quanto mostrato fin qui in stagione (e non solo) gli sembrava promesso.

Però, come dichiarato dallo stesso campione (anche di classe) rossocrociato, alla fine a vincere è sempre il più veloce e domenica, come tre giorni prima nel superG iridato, il migliore si è rivelato l’austriaco Vincent Kriechmayr, che ha così firmato la doppietta. Clamorosa, ma a questo punto non poi così sorprendente, visto che come detto quest’anno la gara regina dei Mondiali è sembrata più un superG travestito da discesa e il 29enne dell’Alta Austria è attualmente il miglior interprete della disciplina, come dimostrano – oltre al freschissimo titolo – il primo posto nella classifica di specialità in Coppa del mondo (chiusa sempre al secondo rango negli ultimi tre anni) e l’argento conquistato due anni fa ai Mondiali di Are. Decisamente più inaspettato il secondo posto del 31enne tedesco Andreas Sander, mai capace di fare meglio di un quinto rango in carriera in Cdm ma al quale ai piedi delle Dolomiti è mancato un solo piccolo centesimo per laurearsi campione del mondo assieme a Kriechmayr.

Il bernese perde la gara nel tratto centrale, Odermatt ottimo quarto

Sono invece 18 i centesimi che avrebbe dovuto limare Beat Feuz per bissare il titolo conquistato nel 2017 a St. Moritz. Un ritardo accumulato dal 34enne di Schangau in particolare nella parte centrale del tracciato, dove il suo distacco da Kriechmayr – sceso tra l’altro per primo, seguito a ruota da Sanders, Feuz invece è partito per settimo – è salito fino a 73 centesimi, prima di tornare a scendere nella parte finale.

«Non sono pienamente soddisfatto della mia gara – le parole dell’atleta dell’Oberland, già terzo in discesa nel 2015 ai Mondiali di Vail/Beaver Creek –. Sono andato in partenza per vincere, ma alla fine ci sono solo tre posti sul podio e io ne occupo uno. Oltretutto al termine di una discesa non facile, girava molto, per cui sono comunque felice».

Splendido anche il quarto posto a 47 centesimi dal connazionale e quindi dal podio (+0”65 dalla vetta, come Paris) di Marco Odermatt, che ha lanciato ottimi segnali in vista delle prove tecniche di una seconda settimana che si aprirà oggi con le due combinate. Nella top-10 anche Marco Janka (9º a 1”08), mentre Niels Hintermann non ha portato a termine la prova.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved