vertigine-rossocrociata-una-svizzera-da-far-girar-la-testa
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
5 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
7 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
8 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
8 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
9 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
10 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
10 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
11 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
11 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
12 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
12 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
12 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
gallery
hockey
12 ore

Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall

La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
19 ore

I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo

Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
22 ore

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
Hockey
1 gior

Anche la Slovacchia è kappaò: la Svizzera prenota i quarti

Hischier e compagni stavolta vincono per 5-3, festeggiando il loro quarto successo in altrettante partite. La strada, adesso, è praticamente spianata
CALCIO
1 gior

‘C’è una Coppa da fotografare’: il gioioso assalto a Cornaredo

Migliaia di tifosi alla festa in onore dell’Fc Lugano, tra autografi e selfie con giocatori, staff e trofeo. Dalle 13.30 alle 17.30 un’interminabile fila
CALCIO
1 gior

Il Bellinzona può tentare l’impresa

Il Breitenrain non sarà promosso, per problemi allo stadio. Che al Comunale vanno risolti
corsa d'orientamento
1 gior

A Brè e Cademario doppietta di Cerny, vittorie di Ren e Asmus

Nello sprint hanno corso 260 atleti; nella gara lunga nei boschi si sono lanciati in 370
CICLISMO
1 gior

Grazie a Dainese, al Giro l’Italia festeggia allo sprint

Primo successo azzurro all’edizione numero 105 della corsa in rosa: a Reggio Emilia il ventiquattrenne veneto supera in rimonta il colombiano Gaviria
gallery
Altri sport
1 gior

Record di partecipanti alla 5ª TicinoMoesa: 115 atleti in canoa

Andrea Bernardi fa doppietta tra gli uomini; tra le donne vittorie di Giulia Formenton e di Hannah Müller. Il ticinese Cesare Mancini due volte 17°.
Mondiali Cortina 2021
15.02.2021 - 06:00
Aggiornamento : 15:06

Vertigine rossocrociata, una Svizzera da far girar la testa

In discesa Suter (oro), Gut-Behrami e Feuz (entrambi bronzo) hanno portato a 5 il totale delle medaglie elvetiche in appena 4 gare dei Mondiali di Cortina

“La vertigine non è paura di cadere, ma voglia di volare”. Già, voglia di volare, come canta Jovanotti e soprattutto come sta facendo la Svizzera ai Mondiali di Cortina, talmente belli per i colori rossocrociati da far girar la testa, dall’alto di un medagliere che dopo la prima settimana di gare (in parte troncata dal maltempo) ai piedi delle Dolomiti vede in testa lo squadrone elvetico con ben cinque medaglie conquistate nelle quattro prove di velocità, di cui due d’oro (già superate le quattro raccolte in totale due anni fa ad Are). Merito di Corinne Suter, capace dopo l’argento colto due giorni prima alle spalle di Lara Gut-Behrami nel superG, di andare a prendersi il titolo nella disciplina regina, quella discesa che nel 2019 l’aveva vista chiudere seconda in Svezia in una rassegna iridata che le aveva regalato anche il bronzo in superG e che aveva di fatto lanciato, a 24 anni, la sua scalata ai vertici del Circo Bianco (da lì in avanti ha centrato tutti i suoi 13 podi in Coppa del mondo).

Un merito che va beninteso condiviso anche con la ticinese, la quale si è giocata la possibilità di firmare una storica doppietta allargando troppo la traiettoria nella curva Delta dell’Olympia delle Tofane, dovendo così “accontentarsi” di un bronzo che rappresenta comunque la medaglia mondiale numero sette (eguagliato il record elvetico di Erika Hess) per lei che sulle nevi italiane avrà ancora due possibilità di allargare la collezione (parallelo e gigante).

E che dire di Beat Feuz, campione di classe nell’accantonare le polemiche sul tracciato (a proposito di Vertigine) e accettare il terzo posto in una prova regina che lo vedeva favorito numero uno ma che si è rivelata troppo poco discesa e troppo superG (non a caso si è imposto il fresco campione della disciplina Kriechmayr) per permettere al bernese di liberare tutti i suoi cavalli. Una prova nella quale con il quarto posto Marco Odermatt ha confermato – così come Michelle Gisin quinta il giorno prima – che la Svizzera sarà la squadra da battere anche nella seconda settimana di competizione, al via oggi con le due combinate.

La svittese: ‘È valsa la pena lottare’

«È incredibile, non dimenticherò mai tutto questo – afferma con gli occhi lucidi Corinne Suter, che sabato ha preceduto di 20 centesimi la tedesca Kira Weidle e di 37 Gut-Behrami per regalare alla Svizzera il primo titolo in discesa dal successo di Maria Walliser nel 1989 –. Sono così commossa perché so i sacrifici e tutto il lavoro che ho dovuto fare per arrivare qui. Sono successe molte cose negli ultimi anni e ora so che vale sempre la pena di battersi».

E pensare che, come ammette la stessa 26enne svittese, «venerdì ero molto affaticata, non avevo quasi dormito. Il giorno dopo invece tutto mi è sembrato facile, prima della gara ero rilassata come non mai e stavo bene, tanto che me lo sentivo che sarebbe andata bene. Forse anche il fatto di gareggiare senza pubblico mi ha aiutato, ho potuto gestire la pressione che, seppur nelle ultime settimane i risultati non erano stati molto buoni, c’era comunque. Anche l’argento in superG mi ha dato una mano a livello di fiducia».

Una fiducia tramutatasi nel secondo podio in tre giorni, sempre accompagnata da Lara Gut-Behrami… «Alla fine ognuno pensa alla propria performance, ma è bello condividere il podio con un’altra svizzera. Con Lara ci intendiamo bene e non dimentico di come mi è stata vicino quando per me le cose non andavano bene».

La ticinese: ‘Contenta, anche se...’

Dal canto suo la ticinese, pur senza nascondere un po’ di delusione per i centesimi lasciati per strada («se vedo i miei intermedi e il pezzo finale, un pelino di rammarico c’è, alla fine devo essere onesta»), si è detta «contenta di aver confermato quello che so fare, nonostante gli errori sono comunque sul podio. Inoltre Corinne ha fatto un finale strepitoso, è stata un’altra super giornata a livello di squadra».

La 29enne di Comano spiega poi come «ora andrò a casa per due giorni, poi in base a come sarò riuscita a recuperare deciderò se partecipare anche al parallelo (domani, ndr) oltre al gigante (giovedì, ndr), ma probabilmente lo farò».

Bis di Kriechmayr in una discesa un po'... super

Ha fatto girare la testa a molti la pista Vertigine dei Mondiali di Cortina. Prima della gara – tantissime le polemiche per un tracciato troppo spigoloso e lento per una discesa, come pure per i numerosi scalini (e la conseguente fatica) da affrontare per arrivare in partenza – e soprattutto durante, con diversi degli atleti più attesi incapaci di interpretare nel modo giusto un pendio mai affrontato in Coppa del mondo e secondo molti poco adatto per la prova regina della velocità. A farne le spese in particolare l’austriaco Matthias Mayer (tra i favoriti, ha mancato una porta), l’attesissimo padrone di casa Dominik Paris (quarto e arrabbiatissimo al traguardo) e pure il bernese Beat Feuz, alla fine sì capace di agguantare la medaglia di bronzo, ma lontano da quell’oro che per quanto mostrato fin qui in stagione (e non solo) gli sembrava promesso.

Però, come dichiarato dallo stesso campione (anche di classe) rossocrociato, alla fine a vincere è sempre il più veloce e domenica, come tre giorni prima nel superG iridato, il migliore si è rivelato l’austriaco Vincent Kriechmayr, che ha così firmato la doppietta. Clamorosa, ma a questo punto non poi così sorprendente, visto che come detto quest’anno la gara regina dei Mondiali è sembrata più un superG travestito da discesa e il 29enne dell’Alta Austria è attualmente il miglior interprete della disciplina, come dimostrano – oltre al freschissimo titolo – il primo posto nella classifica di specialità in Coppa del mondo (chiusa sempre al secondo rango negli ultimi tre anni) e l’argento conquistato due anni fa ai Mondiali di Are. Decisamente più inaspettato il secondo posto del 31enne tedesco Andreas Sander, mai capace di fare meglio di un quinto rango in carriera in Cdm ma al quale ai piedi delle Dolomiti è mancato un solo piccolo centesimo per laurearsi campione del mondo assieme a Kriechmayr.

Il bernese perde la gara nel tratto centrale, Odermatt ottimo quarto

Sono invece 18 i centesimi che avrebbe dovuto limare Beat Feuz per bissare il titolo conquistato nel 2017 a St. Moritz. Un ritardo accumulato dal 34enne di Schangau in particolare nella parte centrale del tracciato, dove il suo distacco da Kriechmayr – sceso tra l’altro per primo, seguito a ruota da Sanders, Feuz invece è partito per settimo – è salito fino a 73 centesimi, prima di tornare a scendere nella parte finale.

«Non sono pienamente soddisfatto della mia gara – le parole dell’atleta dell’Oberland, già terzo in discesa nel 2015 ai Mondiali di Vail/Beaver Creek –. Sono andato in partenza per vincere, ma alla fine ci sono solo tre posti sul podio e io ne occupo uno. Oltretutto al termine di una discesa non facile, girava molto, per cui sono comunque felice».

Splendido anche il quarto posto a 47 centesimi dal connazionale e quindi dal podio (+0”65 dalla vetta, come Paris) di Marco Odermatt, che ha lanciato ottimi segnali in vista delle prove tecniche di una seconda settimana che si aprirà oggi con le due combinate. Nella top-10 anche Marco Janka (9º a 1”08), mentre Niels Hintermann non ha portato a termine la prova.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beat feuz corinne suter cortina 2021 lara gut-behrami mondiali di sci

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved