le-quattro-fatiche-di-lara-che-non-le-pesano
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
12 ore

Cunti beffa l'Ambrì, costretto alla resa al supplementare

Un tocco del topscorer del Bienne al 61'01'' decide una sfida che la squadra di Cereda, sotto 2-0 al 27', era riuscita a riaprire per ben due volte
Calcio
15 ore

Un cinico Lugano spazza via l'aria di crisi

I bianconeri vincono 3-0 a Sion una sfida fondamentale in chiave classifica e riassaporano il gusto della vittoria dopo sette partite
Hockey
15 ore

La National League rinvia decisioni e riforme

La Lega attenderà la fine della stagione. I giocatori saranno maggiormente coinvolti in tutte le discussioni
Hockey
16 ore

Ambrì, stagione conclusa per Matt D'Agostini

Tempi di recupero lunghi per il 34enne canadese. Julius Nättinen riprenderà a giocare presto, una volta riassorbito l'ematoma alla coscia sinistra
PODISMO
17 ore

Niente Giro della Media Blenio nemmeno nel 2021

Per il secondo anno consecutivo la manifestazione è stata annullata a causa della pandemia di Covid-19. L'alternativa della pratica individuale
Sci freestyle
18 ore

Nicole Gasparini terza ad Airolo, Conedera e Buzzi nel Top-10

Ottimi risultati dei ticinesi nel moguls negli ultimi due appuntamenti della Raiffeisen Fis Freestyle Ski Europa Cup Airolo 2021
SCI NORDICO
19 ore

La Norvegia domina la staffetta, Svizzera settima

Solida prestazione del quartetto rossocrociato in una gara che ha visto salire sul podio mondiale anche Russia e Finlandia. Grande delusa, la Svezia solo sesta
ATLETICA LEGGERA
21 ore

Simon Ehammer sogna una medaglia nell'eptathlon

Agli Europei indoor di Torun la delegazione svizzera presenta 23 atleti. Nell'asta Angelica Moser spera di fare meglio del quarto posto del 2019
SCI ALPINO
21 ore

Feuz pronto per l'assalto alla Coppa di specialità

Il bernese ha chiuso all'ottavo posto la seconda prova cronometrata in vista delle due discese di Saalbach. Bene Weber (5.), Odermatt undicesimo
CICLISMO
22 ore

Il Tour de Suisse numero 84 da Frauenfeld ad Andermatt

Svelato il percorso della corsa nazionale in programma, pandemia permettendo, dal 6 al 13 giugno. Venerdì 11 la carovana transiterà dal Ticino
Hockey
23 ore

Il Lugano pronto a rinnovare la collaborazione con i Rockets

La società bianconera, azionista di minoranza dell'Hockey Club Biasca Sa, conferma la disponibilità a continuare la cooperazione per la stagione 2021-22
BASKET
1 gior

Sam battuta sul filo di lana, Olympic in semifinale

Il quarto di Coppa a Nosedo deciso da un 'tap-in' di Cotture, e il Friborgo supera l'ostacolo Massagno. Gubitosa: 'Siamo mancati nell'insieme'
Hockey
1 gior

Per i Rockets è un mercoledì da leoni

Nella terzultima uscita di regular-season i ragazzi di Landry e McNamara battono l'Academy e fanno un passo verso i pre-playoff. Decide tutto Loïc Vedova
Hockey
1 gior

‘Giocando come martedì, possiamo battere chiunque’

Per Trisconi, la partita di Zugo ‘ha avuto un finale amaro, ma ha ribadito che l'Ambrì da diverse partite a questa parte sta giocando bene’
Formula 1
1 gior

Aston Martin, 61 anni dopo. 'Otterremo il massimo da Vettel'

Svelata la monoposto del nuovo team britannico che torna ad affacciarsi in F1 con il campione tedesco. 'Ho grandissime attese', dice l'ex ferrarista
CALCIO
1 gior

Sion e una classifica che non mente

Marco Degennaro: ‘Al momento il nostro valore si situa tra il 7.mo e il 10.mo posto. Dopo la brutta partita con il Vaduz, occorre una riscossa contro il Lugano’
atletica
1 gior

Petrucciani, vent'anni e già quattro Europei: ‘Ho buone carte’

Il ticinese, che in Polonia correrà i 400m, tra emozione ed esperienza: ‘Così così nei precedenti Campionati, ora voglio dimostrare a me stesso di essere maturato’
Hockey
1 gior

Berna, Thomas Rüfenacht dovrà armarsi di pazienza

Il 36enne attaccante è costretto a mettere definitivamente una croce sulla stagione. Sciaroni, invece, potrebbe tornare in squadra nel mese di aprile
MOTOCICLISMO
1 gior

Il ritorno del Dottore: 'Voglio essere protagonista'

Valentino Rossi lancia la sua ventiseiesima stagione alla vigilia dei test in Qatar. 'Per lottare per il podio e riassaporare la gioia di vincere'
Olimpiadi
1 gior

Spettatori stranieri a Tokyo? Decisione entro fine marzo

Il comitato organizzatore considera l'idea di ‘chiudere’ le frontiere dei Giochi olimpici al pubblico in arrivo in Giappone dall'estero
SCI ALPINO
21.01.2021 - 15:100
Aggiornamento : 19:47

Le quattro fatiche di Lara (che non le pesano)

Gut-Behrami in stagione ha sempre chiuso nella top 11 in discesa, superG, gigante e parallelo: ‘Non sono obbligata a prende il via, è una mia libera scelta’

Lara Gut-Behrami torna sulla scena del delitto. Che nel caso specifico è però la scena del successo, ovvero Crans-Montana, dove un anno fa si era imposta in entrambe le discese libere in programma. La tappa vallesana di Coppa del mondo rappresenta l’occasione ideale per parlare con la 29.enne ticinese di forma e gioia, ma anche di fiducia e responsabilità.

Osservando dall’esterno, sembra che l’equilibrio raggiunto tra lavoro e vita privata sia più che buono...

«Sì, le cose stanno andando bene. L'estate scorsa, anzi negli ultimi anni, abbiamo lavorato molto per rimettere tutto a posto. Ora sto attraversando un buon momento e ritrovo il piacere di sciare. Spero che le cose continuino a migliorare».

Sei sempre stata percepita come un’atleta ambiziosa, coerente e determinata, anche nei momenti in cui la ruota non girava. Ora, in questa stagione, stai anche ritrovando una certa spensieratezza. Come ci sei riuscita?

«Con il lavoro. E ho la fortuna di avere un buon ambiente, con persone che mi sono state vicine per molti anni. Gli attuali risultati sono il frutto di tutto ciò. Naturalmente mi sarebbe piaciuto vincere ogni fine settimana per gli ultimi tredici anni (dal suo debutto in Coppa del mondo, ndr), ma non funziona sempre così, e questo fa parte della vita di un atleta. Ho ancora voglia di combattere, di alzarmi ogni mattina e di andare a sciare per migliorare».

In questa stagione hai preso parte a undici gare in quattro diverse discipline, senza mai chiudere al di là dell'undicesimo posto. Quanto sei contenta delle tue performance in questo momento?

«Mi sento davvero bene. Ogni corsa che chiudi in maniera positiva ti dà ancora più fiducia. Devi pensare di meno, puoi affidarti di più al tuo istinto. Inoltre, quando si sta bene ci si sente meno stanchi e si passa con spensieratezza da una disciplina all'altra».

Nel gigante ti sei anche riavvicinata al top dei valori mondiali, soprattutto recentemente con il quarto posto a Kranjska Gora.

«Nello slalom gigante ho compiuto di nuovo un passo avanti. Questo è molto positivo e il risultato di tutto il lavoro svolto in estate sulla tecnica».

Un lavoro fondamentale per ritrovare un livello di prestazioni che sembrava smarrito?

«Non si tratta solo di ritrovarlo. Ho vinto in Coppa del mondo per la prima volta nel dicembre 2008 (vittoria in superG a St. Moritz, ndr), mantenersi a questo livello per tanti anni non è così facile. Ci sono diverse fasi nella carriera di un atleta, si tratta di lavorare su se stessi ogni giorno. Nei momenti buoni come in quelli cattivi».

Quello attuale, però, è un momento positivo...

«Dall'inizio della stagione sono sempre stata nella top ten anche in slalom gigante. Questo significa che sto sciando a un livello molto alto. Naturalmente, sono orgogliosa di ciò che ho raggiunto finora, ma questo non cambia il fatto che continuerò a cercare di migliorare».

E su quale aspetto focalizzi la tua attenzione?

«C'è sempre qualcosa sulla quale porre l’attenzione. Ci sono ancora mille dettagli su cui posso lavorare. A livello sia fisico, sia mentale. O anche nella preparazione del materiale. Abbiamo sci e scarponi diversi per ogni disciplina e se il set-up è giusto in slalom gigante non significa necessariamente che lo sia pure in discesa. Senza dimenticare che esiste pure il fattore fortuna, perché dopo tutto stiamo praticando uno sport all'aperto».

Lo scorso febbraio hai vinto entrambe le discese a Crans-Montana, in maniera quasi inattesa. Quali conseguenze psicologiche hanno avuto quei due successi?

«Se avessimo avuto la possibilità di portare a termine la stagione, allora quel super weekend mi avrebbe probabilmente già aiutata. Perché da un giorno all'altro tutto sembrava di nuovo facile. Ma dopo Crans c’è stata una sola gara, poi tutto è finito a causa dell’interruzione prematura dovuta alla pandemia. Ecco perché l'effetto non è stato grande come avrebbe potuto essere. Tutto si è fermato, non abbiamo più sciato per quattro mesi. Resta il fatto che aver due vittorie in più sul palmarès rappresentava comunque un passo avanti».

Ripensi ancora a Crans-Montana 2020 di tanto in tanto?

«No».

Ma il fatto che la stazione vallesana quest’anno ospiti ancora due discese e un superG rappresenta un motivo di ottimismo?

«Il fatto di aver vinto una volta su una pista non significa che mi debba ripetere anche in futuro. In questo sport nulla viene regalato».

Significa che per te quello di Crans-Montana è un pendio come un altro?

«Sono fortunata ad aver vinto su alcune piste. Su altre, dove non sono ancora riuscito a farlo, sto cercando di avvicinarmi al successo. Sto affrontando gara dopo gara».

Quanto stress si accumula a dover gareggiare, come fai tu, praticamente ogni fine settimana?

«In primo luogo, non è che devo gareggiare, ho la possibilità di farlo e rimane una mia libera scelta. Competere in più discipline è qualcosa a cui sono sempre stata abituata. Non voglio fare solo otto gare di slalom gigante o slalom in un inverno. Sarebbe troppo poco e troppo ripetitivo per me. Sono felice che il mio corpo sia in grado di stare al passo con il programma».

È sempre stato così, oppure vi sono stati momenti nei quali hai dubitato di questa tua capacità?

«L'estate scorsa mi sono resa conto che anche fisicamente sono di nuovo pienamente pronta per lo slalom gigante, che non ho problemi con le ginocchia, per esempio. Ma mi ci è voluto un po' di tempo dopo il mio infortunio (rottura del legamento crociato e del menisco nel ginocchio sinistro, subito nel febbraio 2017 a St. Moritz, ndr). Due anni fa la situazione era diversa».

Dall'estate 2019, hai lavorato a stretto contatto con l'allenatore spagnolo Alejo Hervas. Quanto c’è dei suoi insegnamenti nei tuoi attuali successi?

«È stata una decisione super. Alejo mi ha aiutato molto a svilupparmi e a sentirmi di nuovo così bene fisicamente. Lui è certamente una tessera importante del mosaico».

I Mondiali iniziano tra due settimane e mezzo. Qual è il programma per Cortina?

«Beh, all'inizio c'è il superG. Poi l'allenamento per la discesa. Dopo di che c'è un giorno di pausa prima di iniziare l'allenamento per lo slalom gigante».

E il parallelo?

«Non so ancora se vi prenderò parte, deciderò più in là».

Siamo in piena pandemia. Quanto è presente nella tua mente il Covid-19?

«Penso soprattutto alla responsabilità che abbiamo verso le nostre famiglie. Ma naturalmente, ora i Mondiali sono all’orizzonte  sarebbe davvero stupido se qualcuno si ammalasse e tutti dovessero andare in quarantena. Potrebbe succedere da un momento all’altro. Spero davvero che tutti noi si possa superare questo momento e rimanere sani».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved