BERANKIS R. (LTU)
1
NADAL R. (ESP)
2
4 set
(4-6 : 4-6 : 6-4 : 2-5)
GALFI D./YASTREMSKA D.
0
BENCIC B./SANDERS S.
1
2 set
(2-6 : 4-3)
bormio-un-bel-commerciante-pizzoccheri-e-plastica-naturale
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
1 ora

‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’

Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
2 ore

Hamilton: togliere spazio alle voci del passato

Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
Hockey
3 ore

Adrien Lauper confermato dai Ticino Rockets

L’attaccante trentaquattrenne militerà un’ulteriore stagione a Biasca
TENNIS
3 ore

Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa

La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
3 ore

Siebatcheu lascia lo Young Boys

Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
Hockey
4 ore

‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’

Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’
TENNIS
7 ore

Il Covid colpisce ancora, Bautista Agut costretto al forfait

Lo spagnolo, semifinalista nell’edizione 2019, aveva superato di slancio il primo turno contro l’ungherese Balazs. ‘Sintomi non gravi, decisione giusta’
Hockey
8 ore

Kevin Fiala firma con i Los Angeles Kings

L’attaccante svizzero, scambiato dai Minnesota Wild, giocherà in California le prossime sette stagioni
Calcio
9 ore

Torna Shaqiri e Chicago ritrova il successo

Buona prova dello svizzero dopo l’infortunio alla coscia
CICLISMO
10 ore

Tour de France, altre perquisizioni alla Bahrain

A Copenaghen gli investigatori passano al setaccio auto e camere d’hotel
calcio
15 ore

‘L’entusiasmo del pubblico può essere la marcia in più’

L’esperienza di Gaetano Berardi al servizio della difesa del Bellinzona. ‘È anche una scelta familiare’.
Tennis
22 ore

Nole in carrozza, Ruud e Kontaveit lasciano Londra

A Wimbledon, il norvegese battuto dal francese Humbert, l’estone (numero 2) rimandata a casa dalla tedesca Niemeier. Domani tocca a Viktorija Golubic
CALCIO FEMMINILE
23 ore

Ultimo test prima dell’Europeo, arriva l’Inghilterra

La Svizzera ospita le britanniche al Letzigrund, nella speranza di far dimenticare la scoppola subita contro la Germania (7-0)
ATLETICA
1 gior

Del Ponte e Petrucciani nei 26 per Eugene

Swiss Athletics ha confermato la selezione per i Mondiali in programma dal 15 al 24 luglio nell’Oregon
Tennis
1 gior

Wimbledon, Raducanu eliminata in 2 set

Ottima prova della francese Garcia
30.12.2020 - 21:07
di Vito Calabretta

Bormio: un bel commerciante, pizzoccheri e plastica naturale

Il racconto di due giornate nella località dell'Alta Valtellina a cavallo tra il supergigante e la discesa validi per la Coppa del mondo di sci

Mi trovo casualmente di fronte all’arrivo della pista Stelvio, a Bormio, mentre gli atleti rientrano al riposo dalla gara di supergigante, salutati dagli sparuti presenti in una località di villeggiatura decimata dalle restrizioni sanitarie. Si sta già lavorando alla discesa libera del giorno dopo, giù a fondo pista e in particolare all’elettronica e all’illuminazione. Con il mio giovane collega iniziamo a informarci sulle possibilità di vedere la gara, infiammate con vigore le nostre patologie di sciatori atavici. Le restrizioni che ci vengono enunciate sono sanitarie: mascherine, distanza di sicurezza, stare sempre all’aperto anche per prendere un caffè (è buono anche a dieci gradi sotto zero in un bicchierino di carta). Io incomincio a osare e mi annuncio per un accredito all’ufficio stampa dove vengo accolto da una coppia di burocrate ben accompagnate le quali, con toni fermamente ostili, mi pregano di andare via nonostante io evochi un esame sierologico negativo. Cerco un altro caffè (ogni caffè contiene anche la speranza di capire qualcosa). Mi intrufolo in un elegante androne di albergo il cui logo ingloba una croce bianca su campo rosso. Vengo subito intercettato dal titolare, comprendo che la porta era aperta per errore e il lucchetto infatti viene subito chiuso dietro di noi. Anziché però essere cacciati, comprendiamo di essere in uno dei centri di accoglienza della squadra nazionale svizzera («io sono amico di molti di loro perché ci correvo insieme negli anni settanta») e che «un piatto di pizzoccheri non si rifiuta», con la dovuta prudenza sanitaria. Non è un burocrate ma un intelligente commerciante come molti che incontro da giorni in Alta Valtellina. Restiamo d’accordo per un incontro l’indomani e cerco di capire da quale punto seguire meglio la gara. Dopo un paio d’ore di perlustrazione, sul bordo di uno dei passaggi cruciali della pista, mi rendo conto, grazie a uno scambio con due dipendenti della Rossignol, di essere di fronte alla uscita di servizio degli atleti della squadra nazionale italiana. Ottengo consigli su dove posizionarmi anche da un operatore di pista, al quale chiedo come va il lavoro di preparazione: «Bene, stamattina abbiamo iniziato alle quattro».

A quel punto la logistica è decisa e la mattina dopo sono accanto a un furgone sul cui finestrino leggo: D. Paris. Mi chiedo se gli sciatori vengono condotti alla partenza con l’auto di servizio o se si arrangiano come accadeva quando, bambino, venni fotografato accanto a un polpaccio di Erwin Stricker, grande più o meno quanto me (il polpaccio). Noto un paio di Nordica lunghi 212 centimetri e mi chiedo se possono essere quelli di Paris che vedrò uscire poco prima dell’inizio della gara, metterli in spalla, inforcarli e sedersi sulla seggiovia per andare a correre. Gli auguro una buona gara e mi risponde: «Speriamo, grazie». Altri lo salutano e lo incoraggiano. I suoi polpacci sono più coperti di quelli del suo glorioso corregionale («cavallo pazzo» era la definizione tecnica di Stricker), le sue spalle ammirevoli.

La gara è contrassegnata da alcuni punti di tensione. Ryan Cochran-Siegle è oggetto di forte pressione per i tempi registrati in prova e per la vittoria in supergigante; continua a ripetere che si sente veloce ma una libera non la ha mai vinta. Rischia due volte la caduta nel passaggio di peso in volo e si piazza settimo in una gara nella quale i primi sette stanno in 30 centesimi di secondo e i primi tre in 6. Vi è poi tensione sugli austriaci Vincent Kriechmayr (secondo il giorno prima) e su Matthias Mayer. La squadra svizzera può esprimere più di una carta vincente ma non si sa bene quale (un po’ come gli austriaci) mentre molta pressione viene fatta anche sugli italiani Dominik Paris, reduce da un infortunio, e Christof Innerhofer che sembra allontanarsi dal periodo di maggior efficienza e in super-G ha fatto una brutta gara.

Vince Mayer, poi Kriechmayr, Kryenbuehl, Paris e Caviezel.

Noi siamo interessati a cosa succede nella realtà di quella esasperazione di sollecitazioni che l’industria mediatica trasmette continuamente attraverso le riproduzioni video e che rende gli sciatori figure poco umane. Ricordo anche un film dedicato a Lara Gut nel quale Niccolò Castelli insisteva sulla dimensione onirica, in un certo senso di trascendenza, con effetti suggestivi e forieri di interrogativi. Vedendo gli atleti scendere nel vero, la naturalità plastica si riscatta dal riduzionismo immaginifico. Gli sciatori sono più belli, bravi e umani atleti che producono un fluido posturale ammirevole e le vibrazioni degli sci sulla pista producono un suono non paragonabile a ciò che i microfoni deformano per sensazionalismo.

Le varie componenti, plastica, dinamica, sonora, ritmica e metrica meriterebbero interpretazioni adeguate.

Finita la gara mi dirigo ai pattuiti pizzoccheri e discuto ancora con l’albergatore, contento per la prestazione del vincitore e degli svizzeri, in particolare i giovani Kryenbuehl e Odermatt. Poi mi dice che è venuto recentemente in Ticino a vedere il Fiore di Pietra progettato da Mario Botta: «Ha una relazione intensa con la Valtellina e con la Banca Popolare», mi dice. «È una persona simpatica e scaltra», gli rispondo e lui: «Sicuramente un tipo intelligente». È proprio un bel commerciante.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bormio coppa del mondo sci alpino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved