Galles
1
Svizzera
1
2. tempo
(0-0)
Galles
1
Svizzera
1
2. tempo
(0-0)
lara-a-cuore-aperto-si-valon-mi-ha-cambiata
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
‘Vacanze romane’
4 ore

Sì, no, forse. Nel dubbio, un test...

Un Europeo in tempi di Covid richiede un grande spirito di adattamento anche all'inviato sul posto, tra cambiamenti di regole e accrediti 'ballerini'
EURO 2020
11 ore

Per la Svizzera è l’ora della verità

Alle 15 a Baku la Nazionale di Vladimir Petkovic scende in campo contro il Galles nella partita da vincere a tutti i costi
Tennis
16 ore

Parigi val bene due maratone. La finale è Djokovic-Tsitsipas

Il greco respinge l'assalto di Zverev e per la prima volta in carriera arriva all'ultimo atto di uno Slam. E ora aspetta il numero uno al mondo
Euro 2020
17 ore

Svizzera avvisata, questa Italia fa paura

Nel match d'apertura di Euro 2020 a Roma la squadra di Roberto Mancini schiaccia 3-0 la Turchia e manda un chiaro segnale agli elvetici (e non solo)
Euro 2020
20 ore

Roma si è accesa e l'Euro è pronto a partire

I tifosi di casa e gli oltre 1000 turchi arrivati nella capitale italiana per il match inaugurale hanno (finalmente) colorato la città e lanciato la festa
Calcio regionale
21 ore

La Seconda Lega entra nel vivo. Il prossimo turno ai raggi x

Presentazioni, pillole statistiche e curiosità sul prossimo turno del campionato principe in Ticino. Tutto quello che c'è da sapere
CALCIO
21 ore

Frigomosca: ‘Pronti a ripartire, anche se...’

Riprende l'attività regionale. Il tecnico del Locarno: ‘Dal profilo umano più giusto fermare tutto, da quello sportivo per noi la promozione è importante’
Ciclismo
22 ore

Kron eredita il successo nella frazione ticinese

Tour de Suisse, Rui Costa taglia il traguardo per primo nella sesta tappa. Ma il portoghese viene retrocesso per una scorrettezza nello sprint
EURO 2020
22 ore

L'Inghilterra si inginocchia e l'Uefa approva

I giocatori di Sua maestà proseguono nella loro iniziativa. È l'unica deroga della Confederazione alle norme contro manifestazioni considerate politiche
Hockey
23 ore

Damiano Ciaccio sotto i ferri: stop di otto settimane

Il portiere dei biancoblù ha rimediato una lesione al menisco del ginocchio destro durante la preparazione a secco
EURO 2020
1 gior

La Spagna ha vaccinato tutti i suoi giocatori

Decisione del governo iberico dopo i casi di positività di Sergi Busquets e Diego Llorente
CALCIO
1 gior

Il Bellinzona chiude al Comunale contro il Breitenrain

Una vittoria permetterebbe ai granata di sorpassare l'avversario e di puntare al primo posto del girone (in caso di mancato successo dell'Yf Juventus)
Hockey
1 gior

Per il neopromosso Ajoie c'è Jérôme Leduc

I giurassiani, neopromossi in National League, completano il loro pacchetto di stranieri ingaggiando il ventottenne difensore canadese dai Vienna Capitals
Tennis
1 gior

Querrey ostacolo troppo alto per Stricker

Si chiude nei quarti di finale l'avventura del 18enne bernese a Stoccarda, dopo una match-ball non capitalizzata nel secondo set
EURO 2020
1 gior

Il Covid colpisce anche la Russia, Mostovoy sostituito

L'attaccante dello Zenit trovato positivo al virus. Al suo posto è stato chiamato il difensore Roman Evegenyev
atletica
1 gior

Mille metri da record di partecipazione al Comunale

Poco meno di trecento i giovani che hanno calcato le pedane dello stadio della capitale per l'eliminatoria ticinese del MilLe Gruyère
Nuoto
1 gior

‘Pervertiti misogini’. Maddie Groves sbatte la porta ai Giochi

La nuotatrice australiana, via Instagram, lancia pesanti accuse e rinuncia alle Olimpiadi
Hockey
1 gior

Dario Rohrbach lascia l'Ambrì: giocherà con l'Ajoie

Rinnovati invece i contratti con il difensore tedesco Tobias Fohrler, l’assistente allenatore René Matte e il preparatore Lukas Oehen
Euro2020
1 gior

In viaggio verso la Città Eterna con l’influ…encer

Il racconto delle peripezie dell'inviato a Roma (dove la Svizzera avrà il suo campo base) per seguire i primi Europei di calcio itineranti della storia
ATLETICA
1 gior

A Firenze Mujinga convince sui 200. In 22''60

La bernese chiude al terzo posto in Diamond League dietro ad Asher-Smith e Ta Lou. Ricky Petrucciani quinto sui 400: 46''24 il crono del ticinese
GALLERY
Euro 2020
1 gior

Italia... nun fa’ la stupida stasera

Domani l'Europeo si aprirà in una Roma che timidamente cela una gran voglia di tornare a festeggiare: la Nazionale potrebbe essere la scintilla che manca
Tennis
1 gior

Parigi, la prima volta di Anastasia. Contro Barbora

Pavlyuchenkova supera con agio la slovena Zidansek e arriva in finale al Roland Garros. Nell'ultimo atto sfiderà la ceca Krejcikova, vincitrice del duello con Sakkari
Sci
29.09.2018 - 17:200

Lara a cuore aperto: 'Sì, Valon mi ha cambiata'

Occhi ‘a cuoricino’ e sorriso più smagliante che mai, è con l’amore dentro (per Behrami, con cui si è sposata) che la Gut ha raccontato la sua estate.

Un anno fa a Zermatt, Lara Gut si era presentata per la prima volta davanti alla stampa dopo il grave infortunio patito ai Mondiali di San Moritz. Lunedì, lo ha fatto dopo il matrimonio celebrato in luglio con Valon Behrami...
«Sì, sono ancora un’altra persona, Valon mi ha cambiata – ammette la ragazza di Comano con due occhi “stile cuoricino” e un sorriso che parlano da soli –. L’anno scorso a Zermatt arrivavo da sei mesi senza sci, nei quali in un certo senso avevo scoperto che il mondo poteva essere diverso da quello che avevo conosciuto come atleta. Ora questo lo so già da un po’, nel frattempo ho ricalibrato la mia vita sui valori e sulle persone a cui tengo davvero, perciò sì, sono molto cambiata. Per la prima volta quest’anno mi sono resa conto che essere via ad allenarmi mi toglieva tempo per stare con mio marito, con mio fratello, con la mia famiglia e quindi se la scorsa estate ero smaniosa – dopo sei mesi nei quali avevo fatto tutt’altro – di ritrovare la mia routine d’atleta, che tornasse tutto “normale”, ora invece ho capito che non voglio più quello, il “normale” di prima adesso non mi va più bene. Perché diventa lunga quando per dieci anni l’unica cosa che fai sono le gare e riduci tutto a “vinco va bene, non vinco non va bene”, senza curarti di come stai davvero. Ero arrivata al punto, prima dell’incidente, in cui non mi divertivo nemmeno più a vincere e questo non aveva nessun senso, perché il problema non era sciare o vincere, ma che non mi rendevo nemmeno più conto di quello che stavo facendo e di chi ero. Non rinnego l’atleta e rifarei tutto, perché è stato tutto necessario per arrivare dove sono adesso, però lo rifarei con una testa diversa, con più serenità, consapevole che a volte si vince e a volte si perde. Sarebbe comunque stato (e sarà) sempre difficile accettare le sconfitte per me, perché anche se andassi in partenza su una gamba ci andrei per vincere, sono fatta così, però certi momenti magari li avrei vissuti in maniera diversa ed è quello che voglio fare ora, cercare di godermela un po’ di più», anzi, ma accanto a quella parte di me ora voglio anche l’altra, la persona e grazie anche a Valon sento di aver trovato il giusto equilibrio».
E a chi pensa che la relazione con il calciatore dell’Udinese possa togliere qualcosa alla Lara Gut atleta, la 27enne risponde decisa... «Vivere davvero come persona non va a scapito dell’essere atleta, anzi, Valon mi ha cambiato la vita come persona, ma anche come atleta. Quando stai bene e sei serena è molto più facile esserlo anche come sportiva. Ci sono delle cose che da atleta non ti puoi permettere di esternare, come le paure e le frustrazioni, perché soprattutto in uno sport individuale finiscono per ritorcertisi contro. La pressione in questo senso è tanta, non ti puoi permettere di avere momenti di debolezza ma poi finisce che ti metti una maschera. Da un certo punto di vista è inevitabile, serve per proteggerti, ma non deve diventare una seconda pelle. Adesso con Valon ho la fortuna di poterla togliere questa maschera e di affrontare temi e situazioni che magari da sola non affronterei, ma in due è tutto più facile. Ad esempio penso che riuscirò a reagire meglio quando le cose in pista non andranno come vorrò, rimanendo incavolata “solo” per un’ora al posto che per tre giorni. E questo non significa che darò meno importanza alla prestazione, semplicemente sarò in grado di passare oltre più in fretta sprecando meno energie e focalizzandomi subito sugli obiettivi seguenti. In questo senso tornare a casa sarà molto importante, con Valon ho ritrovato il senso di appartenenza a un luogo tutto mio, o meglio tutto nostro».
Per una coppia formata da due atleti professionisti, è inevitabile che lo sport sia parte integrante della relazione, ma sci e calcio sono due mondi così diversi... «Ho imparato che riuscire a staccare da questo mondo (lo sci e in generale lo sport professionistico) che ti prende così tanto è fondamentale e in questo senso il fatto di praticare due discipline diverse aiuta molto. Quando tornavo a casa e vedevo mio fratello (Ian, ndr) che scia pure lui, si parlava praticamente solo di quello. Con Valon invece è diverso, anche parlando di calcio, che sempre sport rimane, per me è tutto un altro mondo del quale capisco ben poco, tanto che a volte devo fermarlo e farmi spiegare di cosa sta parlando. Ma questo mi piace molto, imparo cose nuove e lo stesso vale per lui, perché ci sono aspetti che per me sono scontati (ad esempio cos’è una ricognizione) ma che per lui rappresentano delle scoperte. È decisamente un modo diverso di parlare di sport ma molto interessante, a maggior ragione perché si tratta di due tipologie molto differenti nelle quali si ritrovano analogie così come differenze. Ad esempio il calcio è uno sport di squadra e lo sci principalmente individuale e devo ammettere che diverse cose che mi ha spiegato sulle dinamiche di una squadra mi hanno fatto riflettere e che potrei riportare nel mio mondo».
Quanto a portarci Valon in prima persona, per ora non se ne parla... «Da bambino sciava, ma penso sia più semplice che sia lui a regalarmi un pallone piuttosto che io un paio di sci, anche perché non ho intenzione di prendermi la responsabilità di portarlo a sciare e poi magari doverlo spiegare all’Udinese in caso di infortunio».
Meglio mettersi sul divano e guardarsi un bel film, forse però non quello che uscirà a fine ottobre sulla sua vittoria nella Coppa del mondo 2016, ma anche sull’infortunio... «Lo abbiamo guardato insieme ed è stato difficile, perché ho rivissuto quei momenti difficili, ma anche perché nel film mi manca Valon, in quel periodo non era ancora entrato nella mia vita, mi sono rivista sola e anche questo mi ha fatto male».

Vincere dovrà far rima anche con vivere

Dopo un’estate, la scorsa, giocoforza condizionata dall’infortunio al ginocchio, quest’anno Lara Gut è potuta tornare a svolgere una preparazione “normale”, ma non per questo identica alle precedenti... «L’anno scorso dovevo ascoltare dottori, fisioterapisti e capire come il mio corpo avrebbe reagito, quest’anno in questo senso è tornato tutto normale, dipende di nuovo tutto da me. Rispetto al passato, quando magari pensavo solo a lavorare, lavorare e lavorare, ho anche imparato ad ascoltare il mio corpo, a capire che magari è meglio fare una discesa in meno ma farla bene. In questo senso la preparazione sta andando bene, ho fatto due settimane a La Parva (Cile, ndr) con la squadra nelle quali mi sono allenata più in discesa, mentre nelle ultime settimane mi sono concentrata sul gigante per ritrovare le giuste sensazioni anche tra le porte larghe. All’inizio ho fatto un po’ di fatica, ma verso la fine cominciava ad andare meglio. Ho deciso che quest’anno mi concentrerò su gigante, superG e discesa, lasciando perdere le supercombinate, che ti portano via tante energie e giorni di allenamento. In questo modo spero di arrivare più pronta in tre discipline piuttosto che cercare di salire sul podio in quattro ma arrivarci stanca o meno preparata».
Con il gigante di Sölden del 27 ottobre partirà una stagione che a febbraio metterà in palio i titoli iridati ad Are... «Da sportiva voglio sempre migliorarmi e vincere, è normale, ma quest’anno voglio che vincere faccia rima anche con vivere. Come detto mi piacerebbe trovare il giusto equilibrio tra gare (e risultati) e vita “normale” anche durante l’inverno, dopo che ho passato una splendida estate. Mi piacerebbe riuscire a prendere il positivo dalle gare e dalle eventuali vittorie e non solo a farmi “mangiare” energie. Ho la fortuna di andare ancora in partenza con la stessa adrenalina della prima volta e voglio vivere tutto questo in maniera positiva, non guardando solo al risultato».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved