SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
8 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
14 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
15 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
18 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
19 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
19 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
20 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
20 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
21 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
23 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
23 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
1 gior

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
1 gior

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
2 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
2 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
06.12.2022 - 23:18

Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’

Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva

shaqiri-dobbiamo-solo-chiedere-scusa-alla-gente

Difficile per i giocatori e il tecnico trovare le parole per spiegare in qualche modo una contro-prestazione senza precedenti. Fra i primi a esprimere la propria incredulità per la batosta subita dal Portogallo, e per la conseguente ennesima eliminazione agli ottavi di finale, c’è Xherdan Shaqiri: «I nostri piani non hanno funzionato, abbiamo subito davvero troppe reti. Posso solo chiedere scusa alla gente a casa. Quello mostrato oggi (ieri ndr) non era il nostro vero volto, ma questo è il calcio. Dobbiamo comunque riconoscere pure i meriti del Portogallo: a questo livello ogni errore viene pagato caro». Quando gli si chiede con quanto anticipo lui e i suoi compagni hanno saputo che la Svizzera avrebbe giocato col quasi del tutto inedito modulo a tre difensori, l’attaccante dei Chicago Fire risponde senza esitazione: «Soltanto oggi, poco prima di scendere in campo».

Deluso per come le cose, dopo un buon inizio, si sono messe è il difensore del Machester City Manuel Akanji: «Peccato, perché avevamo iniziato bene, avevamo tutto sotto controllo. Ma non si può assolutamente subire gol come abbiamo fatto noi in occasione delle prime due reti portoghesi. A quel punto, tutto in teoria era ancora aperto, ma poi nella ripresa sono emerse stanchezza e delusione e sono giunte purtroppo molte altre reti lusitane». Il principale indiziato per la débacle elvetica è ovviamente il tecnico Murat Yakin, al quale dopo l’umiliante batosta subita si rimprovera soprattutto la scelta, al momento delle convocazioni, di rinunciare a diversi difensori. Infatti è bastata l’indisponibilità di un solo elemento per ritrovarsi costretto a rivoluzionare la difesa e passare dal modulo a quattro a quello a tre. «Purtroppo né Schär né Elvedi erano al 100% della forma», ha detto il selezionatore. «Il Portogallo è stato molto migliore di noi, ed è stata una serata storta, non abbiamo vinto neanche un duello. Abbiamo provato a recuperare il febbricitante Widmer, ma purtroppo non ce l’abbiamo fatta. Siamo tristi, ma non importa cosa io senta in questo momento. Certo il Portogallo è un avversario tosto, portato a dominare. Molte cose non hanno funzionato per noi oggi, ma non ho nulla da rimproverare alla mia squadra, i ragazzi ci hanno provato in tutti i modi. Il nostro piano era molto chiaro, ma purtroppo non ha funzionato».

Non si nega ai microfoni, e alle critiche, nemmeno Yann Sommer, a cui è toccato vivere in prima persona la peggiore sconfitta elvetica nella storia dei Mondiali: «Siamo delusi. Volevamo regalare una bella serata al nostro Paese, però purtroppo né io né la squadra siamo stati capaci di offrire una buona performance. Ora, appena finita la partita, è difficile dire cosa non abbia funzionato. Nel primo tempo, siamo stati molto imprecisi quando avevamo il pallone fra i piedi. I nostri avversari hanno avuto molte occasioni e ci hanno messo parecchio sotto pressione. Sono deluso per noi, per lo staff e per il nostro Paese, ma ora dobbiamo andare avanti». Intenzionato a chiedere perdono ai tifosi è anche Remo Freuler, come tutti autore di una prova incolore. «Difficile parlare di questa partita», dice il centrocampista del Nottingham Forest. «Oggi non siamo praticamente scesi in campo, chiediamo scusa ai nostri sostenitori. Avevamo già giocato a tre in difesa», aggiunge l’ex atalantino quasi a voler scagionare l’allenatore per le scelte tattiche. «Sul primo gol dovevamo difendere meglio, come sempre va detto quando prendi una rete su corner. Il problema, ad ogni modo, per me non risiede nel modulo con tre difensori. Non era la vera Svizzera, non si può giocare così male in una gara tanto importante. Siamo stati pessimi nei duelli, dove giungevamo sempre in ritardo. Non vedi l’ora di giocare partite simili, e poi, quando ti ci ritrovi, non riesci a combinare nulla di buono. Ci dispiace molto, noi giocatori siamo i primi colpevoli ».

Severo nell’analisi pure Denis Zakaria: «La delusione è enorme, specie perché volevamo davvero scrivere un pezzo di storia. Purtroppo, però, non siamo stati all’altezza della situazione. Abbiamo provato a cambiare in corso d’opera il sistema difensivo, ma non ha funzionato. Abbiamo sofferto per l’intera durata del match. Dovremo analizzare questa contro-prestazione, ma ora è dura trovare le parole giuste, è difficile riuscire a spiegare la situazione in modo razionale». Indulgente con Murat Yakin è il ticinese Pier Tami, direttore delle squadre nazionali: «Mi dispiace per i ragazzi, che ci credevano davvero. Abbiamo corso troppo poco contro una squadra molto più fresca di noi. Era come se avessimo in campo un giocatore in meno, a livello di chilometri percorsi. Il modulo, comunque, c’entra poco, eravamo inferiori sotto ogni unto di vista. Per me Yakin è stato bravissimo, ricordiamoci che ci ha portato ai Mondiali, cosa che non era per nulla scontata».

Infine, due parole sul match da parte di un avversario, cioè il difensore lusitano Raphael Guerreiro, a cui non pare vero di aver vinto un ottavo di finale mondiale in maniera così tranquilla: «Non credevamo certo di imbatterci in una partita così facile, ma abbiamo comunque dimostrato di essere una grande squadra, impedendo alla Svizzera di giocare. Abbiamo controllato in pratica ogni pallone dell’incontro, dall’inizio alla fine, non lasciando ai rossocrociati alcuna occasione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved