TSITSIPAS S. (GRE)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
1
2 set
(3-6 : 6-5)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
13 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
15 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
17 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
21 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
22 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
22 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
1 gior

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
1 gior

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
28.11.2022 - 13:09
Aggiornamento: 14:21

Folle pareggio fra Camerun e Serbia

Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G

folle-pareggio-fra-camerun-e-serbia

Un Camerun scosso dalla clamorosa cacciata del portiere Onana, allontanato dal selezionatore Song con l’avallo del presidente federale Eto’o, riesce a girare una partita che pareva già irrimediabilmente persa. Il portiere dell’Inter avrebbe reagito male ad alcune osservazioni formulate dal Ct a proposito del suo stile nel parare. Tensioni che, almeno nei primi minuti, parevano non aver destabilizzato l’ambiente: gli africani infatti, dopo aver tremato per un palo colpito da Mitrovic all’11’ e un gol divorato dalla stessa punta serba 5 minuti più tardi, erano addirittura riusciti a passare in vantaggio col difensore Castelletto (padre friulano e madre camerunese), lasciato troppo solo in area in occasione di un corner (28’). I balcanici parevano incapaci di reagire, ma poi, quando si stavano giocando ormai i minuti di recupero del primo tempo, riuscivano a segnare addirittura due reti. Dapprima col difensore Pavlovic, che staccava imperiosamente di testa su una punizione calciata benissimo da Tadic, e poi col laziale Milinkovic-Savic, che approfittava di una leggerezza del napoletano Anguissa e con un bel sinistro sul primo palo infilava Epassy, non del tutto incolpevole.

Dopo il riposo e il terzo gol serbo, firmato da Mitrovic al 53’ dopo un torello nell’area camerunese, i giochi parevano ormai chiusi: gli africani erano in balia degli eventi, del tutto incapaci di influire in qualche modo sul gioco. Ma poi improvvisamente – come era successo ai serbi sul finire del primo tempo – si risvegliavano e nel giro di tre minuti riaprivano il match con due gol che ristabilivano la parità. Il clamoroso calo di attenzione degli uomini di Stojkovic permetteva dapprima ad Aboubakar (63’) e poi a Choupo-Moting (66’), entrambi in contropiede, di iscrivere i propri nomi nel tabellino dei marcatori. Troppo alta, e applicata male dai serbi, la tattica del fuorigioco. Nei minuti che restavano da giocare, a farsi più pericolosi erano gli slavi, incapaci però di trovare un nuovo vantaggio. Dragan Stojkovic provava con alcune sostituzioni a ridisegnare la squadra nella speranza di cambiare l’inerzia del match (usciva fra l’altro il Milinkovic-Savic di movimento) – e altrettanto faceva Song –, ma il rocambolesco 3-3 rimaneva il risultato finale, per la gioia della Svizzera che, contro la Serbia il 2 dicembre, per qualificarsi potrà permettersi anche di pareggiare.

Camerun - Serbia 3-3 (1-2)

Al-Janoub Stadium, Al-Wakrah. Arbitro Abdulla (UAE) 39’789 spettatori

Reti: 29’ Castelletto 1-0. 45’ Pavlovic 1-1. 45’ Sergej Milinkovic-Savic 1-2. 53’ Aleksandar Mitrovic 1-3. 64’ Aboubakar 2-3. 66’ Choupo-Moting 3-3.

Camerun: Epassy; Fai, Castelletto, Nkoulou, Tolo; Anguissa (81’ Gouet), Kunde (67’ Ondoua), Hongla (55’ Aboubakar); Mbeumo (81’ Mbeumo), Choupo-Moting, Toko Ekambi (67’ Bassogog).

Serbia: Vanja Milinkovic-Savic; Milenkovic, Veljkovic (78’ Babic), Pavlovic (56’ Stefan Mitrovic); Zivkovic (78’ Radonjic), Lukic, Maksimovic, Kostic (92’ Djuricic); Tadic, Aleksandar Mitrovic, Sergej Milinkovic-Savic (78’ Grujic).

Ammoniti: 24’ Nkoulou. 93’ Milenkovic.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved