Verona
1
Lazio
1
2. tempo
(0-1)
Monza
Sampdoria
20:45
 
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
3 ore

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
4 ore

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
4 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
6 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
14 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
20 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
20 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
23 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 gior

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
1 gior

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
23.11.2022 - 18:26
Aggiornamento: 18:52

Il Brasile conta ancora molto su Neymar

Il Brasile per andare a caccia del sesto trionfo dovrà affrontare una grande (e consueta) pressione e sperare in buon apporto della stella del Psg

Ats, a cura di Red.Sport
il-brasile-conta-ancora-molto-su-neymar
L’atmosfera alla vigilia è distesa

Neymar il Qatar lo conosce bene, visto che da quando è approdato al Paris Saint-Germain nel 2017, con la sua squadra si reca regolarmente nel piccolo emirato mediorientale per sostenere dei campi d’allenamento. Potrebbe quindi essere il luogo ideale per permettere al brasiliano, già piuttosto contestato, per assicurarsi un posto d’onore negli annali come trascinatore di una Nazionale a caccia della sua sesta stella da esibire sulla maglia.

Spesso criticato per un’etica del lavoro non irreprensibile, Neymar ha ricevuto con i suoi compagni due moniti da Argentina – del suo amico e compagno di squadra Lionel Messi – e Germania su quali conseguenze inaspettate possa avere un debutto mondiale fallito. E i verdeoro dovranno fare molta attenzione a una Serbia che sulla carta è un osso molto duro.

Un successo atteso da molto tempo

Tuttavia la pressione, per certi versi asfissiante, dei media brasiliani che osservano con occhi attentissimi ogni sessione d’allenamento al Grand Hamad Stadium di Doha, dovrebbe far sì che la Seleçao non prenda sottogamba il debutto iridato. Inoltre lo stesso Neymar ha dimostrato un ottimo stato di forma finora in Ligue 1, con 11 gol e 9 assist in 14 partite.

Neymar è il leader indiscusso della nazionale brasiliana. L’allenatore Tite ha costruito la sua squadra attorno a un giocatore eccezionale. È un onore e una pressione per il successo. «Da quando è arrivato in Nazionale, il peso è stato sulle sue spalle. Non si può fare a meno di questo con le sue capacità. Ma è in grado di gestirlo», dice il difensore Marquinhos, che come Neymar gioca nel Paris Saint-Germain.

I brasiliani si presentano al torneo come i principali favoriti, ma anche come una nazione calcistica che ha aspettato 20 anni per il suo prossimo titolo di Coppa del Mondo – una piccola eternità per i sudamericani. Gli anni dell’era Neymar non sono stati molto fortunati in termini di trionfi della squadra, con i titoli alla Confederations Cup nel 2013 e la vittoria ai Giochi Olimpici del 2016 in casa a Rio de Janeiro.

Sono due successi che non possono compensare il più grande imbarazzo nella storia della Coppa del Mondo del Brasile. Il Brasile deve ancora riscattare la sconfitta per 1-7 subita dalla Germania nella semifinale del 2014. E la riabilitazione non significa altro che vincere il titolo. Se dovesse riuscirci, Neymar dovrebbe anche eguagliare i 77 gol di Pelé con la maglia della nazionale.

Neymar per la differenza

Anche se negli ultimi anni il Brasile è stato più volte al di sotto delle aspettative nei tornei più importanti, non si può dubitare di Neymar. «Con un Neymar in forma, abbiamo ottime possibilità di vincere la Coppa del Mondo – afferma l’ex internazionale e vincitore della Coppa del Mondo 2002 Cafu –, è un giocatore che fa davvero la differenza».

Neymar è eccezionale sotto molti aspetti. Polarizza per il modo in cui subisce i falli, per il modo in cui provoca gli avversari, ma anche per le sue feste o, più recentemente, per le sue dichiarazioni politiche. Il fatto che abbia sostenuto alle elezioni presidenziali il politico di estrema destra Jair Bolsonaro, che non è stato rieletto, è stato risentito da alcuni dei suoi fan nella sua nazione. Gli avrebbe anche voluto dedicare il suo primo gol in Coppa del Mondo a Bolsonaro.

A partire dal calcio d’inizio contro la Serbia nel Lusail Stadium che ospiterà anche la finale, il passato dovrebbe essere dimenticato. Solo con un Neymar forte il Brasile può conquistare la sesta stella.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved