l-oro-di-michelle-gisin-e-lo-slalom-della-vita
+2
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
ATLETICA
4 ore

Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo

A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
BASKET
5 ore

Una brutta Nazionale battuta a Cipro

Nelle pre-qualificazioni per Euro 25, Svizzera superata 71-63. Ciò nonostante, in caso di vittoria domenica in Irlanda passerebbe al secondo turno
CORSA D'ORIENTAMENTO
5 ore

Argento per Aebersold, diploma per Elena Roos

Ai Mondiali sprint in Danimarca, nella prova individuale la ticinese ha mancato la medaglia per un’indecisione tra il 15.mo e 16.mo punto di controllo.
CALCIO
7 ore

‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’

Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
8 ore

Hamilton: togliere spazio alle voci del passato

Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
Hockey
9 ore

Adrien Lauper confermato dai Ticino Rockets

L’attaccante trentaquattrenne militerà un’ulteriore stagione a Biasca
TENNIS
10 ore

Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa

La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
10 ore

Siebatcheu lascia lo Young Boys

Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
Hockey
10 ore

‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’

Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’
TENNIS
13 ore

Il Covid colpisce ancora, Bautista Agut costretto al forfait

Lo spagnolo, semifinalista nell’edizione 2019, aveva superato di slancio il primo turno contro l’ungherese Balazs. ‘Sintomi non gravi, decisione giusta’
Hockey
14 ore

Kevin Fiala firma con i Los Angeles Kings

L’attaccante svizzero, scambiato dai Minnesota Wild, giocherà in California le prossime sette stagioni
Calcio
15 ore

Torna Shaqiri e Chicago ritrova il successo

Buona prova dello svizzero dopo l’infortunio alla coscia
CICLISMO
16 ore

Tour de France, altre perquisizioni alla Bahrain

A Copenaghen gli investigatori passano al setaccio auto e camere d’hotel
calcio
21 ore

‘L’entusiasmo del pubblico può essere la marcia in più’

L’esperienza di Gaetano Berardi al servizio della difesa del Bellinzona. ‘È anche una scelta familiare’.
Tennis
1 gior

Nole in carrozza, Ruud e Kontaveit lasciano Londra

A Wimbledon, il norvegese battuto dal francese Humbert, l’estone (numero 2) rimandata a casa dalla tedesca Niemeier. Domani tocca a Viktorija Golubic
CALCIO FEMMINILE
1 gior

Ultimo test prima dell’Europeo, arriva l’Inghilterra

La Svizzera ospita le britanniche al Letzigrund, nella speranza di far dimenticare la scoppola subita contro la Germania (7-0)
Combinata
17.02.2022 - 17:40
Aggiornamento: 18:57

L’oro di Michelle Gisin e ‘lo slalom della vita’

Nella combinata femminile la 28enne si conferma campionessa olimpica, precedendo Wendy Holdener. ‘Lo stress fra le due discese mi ha fatto bene’

Come a Pyeongchang. Anzi meglio che a Pyeongchang, considerando che in Corea tra Gisin e Holdener si era inserita Mikaela Shiffrin. Questa volta invece la doppietta nella combinata femminile è stata perfetta, con Michelle Gisin che ha confermato la sua medaglia d’oro, mentre Holdener è salita di uno scalino dal bronzo all’argento. Terza si è invece classificata l’italiana Federica Brignone.

Gisin e Holdener potranno così fare rientro in Svizzera con due medaglie individuali al collo, giacché entrambe avevano conquistato un bronzo, rispettivamente in SuperG e in slalom speciale, mentre Gisin diventa anche la terza atleta (consecutiva) a firmare la doppietta in combinata già riuscita a Janica Kostelic (2002 e 2006) e Maria Höfl-Riesch (2010 e 2014). Non è però stato facile per la sorella minore di Dominique e Marc confermarsi, in quanto in estate aveva dovuto fare i conti con la mononucleosi. «Quest’estate non avrei mai pensato che mi sarei ritrovata in questa situazione oggi. Il fatto che durante la gara stesse nevicando mi ha portato fortuna, secondo i miei genitori», ha dichiarato alla Rsi la campionessa obvaldese.

Alla fine il distacco fra le due rossocrociate è stato di 1"05, mentre dopo la discesa Holdener (undicesima) precedeva la sua compagna (dodicesima) di un centesimo. Dal canto suo Priska Nufer (decima dopo la discesa) è uscita nello slalom, stesso destino della grande favorita Mikaela Shiffrin, nella cui Olimpiade nulla è andato per il verso giusto. Con grande lucidità e sportività l’americana ha commentato la sua Olimpiade così: «Non mi spiego questa uscita, perché la sciata c’era, ma in questo momento non provo nessuna emozione. Ai Giochi la sola cosa che ti rende felice è vincere, ma se ripenso alla mia carriera i trionfi sono stati tanti, per cui va bene così, ho avuto delusioni peggiori nella mia vita». Brignone è invece stata staccata di 1’85" dalla vincitrice, mentre la capofila dopo la discesa, l’austriaca Christine Scheyer, ha chiuso al sesto posto a tre secondi e mezzo.

In particolare la manche fra i paletti stretti di Gisin è stata di altissimo livello: «È stata una delle migliori manche di slalom della mia carriera ed è incredibile che mi sia successo proprio oggi, dopo che in discesa in un punto avevo rischiato troppo. Questa disciplina non è facile, perché bisogna essere al top in due discipline diverse, ciò che spiega l’esiguo numero di atlete al via. Non è facile cambiare stile e passare dagli sci lunghi agli sci corti in così poco tempo. Con anche le ricognizioni da fare c’era un po’ di stress ma potrebbe essere stato benefico per me».

Difficoltà confermata dall’eliminazione di Shiffrin: «Ho avuto una botta d’adrenalina quando l’ho vista uscire, ma avrei preferito combattere con lei sul tracciato. Sono fiera di aver difeso il titolo, è una cosa folle, ma ho realizzato cosa significasse soltanto fra le due discese. Ho spinto a tutta e ho dato gas da cima in fondo. La sensazione è diversa rispetto a quattro anni fa, allora avevo ipotecato la vittoria in discesa. È comunque tutta la mia squadra che ha meritato questa vittoria, dal mio ragazzo Luca De Aliprandini alla mia famiglia».

Come sempre Gisin riserva parole d’elogio anche per la sua compagna: «È fantastico che anche Wendy abbia portato il livello della sua prestazione al massimo, in particolare con una discesa sensazionale. Lì è migliorata tantissimo rispetto al primo allenamento. Nei grandi appuntamenti siamo davvero state ben ripagate dalla combinata visto che è la seconda doppietta che festeggiamo assieme, dopo quella dei Mondiali di St. Moritz del 2017 (quella volta però a ranghi invertiti, ndr)».

Holdener: ‘Buona gara, ma Michelle ha fatto ancora meglio’

Wendy Holdener non è invece riuscita a completare il suo palmarès con l’oro olimpico individuale: «Sono felice del risultato in quanto il primo allenamento di discesa era stato complicato, mentre oggi sono volata; nello slalom non sono però riuscita a trovare il limite come Michelle che ha sciato in una maniera incredibile. La mia prestazione è stata buona, la sua ancora di più. Nella parte alta dello slalom sono andata a tutto gas, poi ho fatto più fatica, ma non poteva praticamente andare meglio di così. Sono soddisfatta di questa quinta medaglia olimpica, è comunque dura essere così vicina all’oro. È bello essere in queste posizioni in eventi del genere e non vedo l’ora del Team event, nel quale vogliamo ripetere il successo di quattro anni fa». Il Team event è in programma per sabato, al quale Holdener (secondo quanto riportato dalla Rsi) dovrebbe competere in squadra con Andrea Ellenberger, Justin Murisier e Gino Caviezel.

Mai così tanti ori nello sci alpino

Intanto Holdener diventa la terza atleta svizzera a conquistare cinque medaglie ai giochi olimpici invernali dopo la collega Vreni Schneider e il bobbista Fritz Feierabend, mentre Gisin entra a fare parte dell’ottetto di pluricampioni olimpici invernali elvetici.

Ma è il risultato di tutta la squadra femminile dello sci alpino a Pechino a essere memorabile, infatti è solo la seconda volta dal 1988 (anno in cui il SuperG fece la sua comparsa nel programma olimpico) in cui almeno una svizzera è salita sul podio di ogni gara. Anche a Calgary erano arrivate sette medaglie, ma di cui solo due d’oro, contro le tre raccolte a Pechino. Pure a livello complessivo, i cinque ori raccolti dagli sciatori svizzeri (per quanto riguarda il settore alpino) rappresentano un traguardo mai raggiunto da nessun’altra nazione finora.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
combinata michelle gisin pechino 2022 wendy holdener
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved