SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
8 ore

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
10 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
11 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
14 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
15 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
15 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
16 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
17 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
19 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
20 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
20 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
21 ore

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
1 gior

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
1 gior

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
1 gior

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
1 gior

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Combinata
17.02.2022 - 17:40
Aggiornamento: 18:57

L’oro di Michelle Gisin e ‘lo slalom della vita’

Nella combinata femminile la 28enne si conferma campionessa olimpica, precedendo Wendy Holdener. ‘Lo stress fra le due discese mi ha fatto bene’

l-oro-di-michelle-gisin-e-lo-slalom-della-vita
+2

Come a Pyeongchang. Anzi meglio che a Pyeongchang, considerando che in Corea tra Gisin e Holdener si era inserita Mikaela Shiffrin. Questa volta invece la doppietta nella combinata femminile è stata perfetta, con Michelle Gisin che ha confermato la sua medaglia d’oro, mentre Holdener è salita di uno scalino dal bronzo all’argento. Terza si è invece classificata l’italiana Federica Brignone.

Gisin e Holdener potranno così fare rientro in Svizzera con due medaglie individuali al collo, giacché entrambe avevano conquistato un bronzo, rispettivamente in SuperG e in slalom speciale, mentre Gisin diventa anche la terza atleta (consecutiva) a firmare la doppietta in combinata già riuscita a Janica Kostelic (2002 e 2006) e Maria Höfl-Riesch (2010 e 2014). Non è però stato facile per la sorella minore di Dominique e Marc confermarsi, in quanto in estate aveva dovuto fare i conti con la mononucleosi. «Quest’estate non avrei mai pensato che mi sarei ritrovata in questa situazione oggi. Il fatto che durante la gara stesse nevicando mi ha portato fortuna, secondo i miei genitori», ha dichiarato alla Rsi la campionessa obvaldese.

Alla fine il distacco fra le due rossocrociate è stato di 1"05, mentre dopo la discesa Holdener (undicesima) precedeva la sua compagna (dodicesima) di un centesimo. Dal canto suo Priska Nufer (decima dopo la discesa) è uscita nello slalom, stesso destino della grande favorita Mikaela Shiffrin, nella cui Olimpiade nulla è andato per il verso giusto. Con grande lucidità e sportività l’americana ha commentato la sua Olimpiade così: «Non mi spiego questa uscita, perché la sciata c’era, ma in questo momento non provo nessuna emozione. Ai Giochi la sola cosa che ti rende felice è vincere, ma se ripenso alla mia carriera i trionfi sono stati tanti, per cui va bene così, ho avuto delusioni peggiori nella mia vita». Brignone è invece stata staccata di 1’85" dalla vincitrice, mentre la capofila dopo la discesa, l’austriaca Christine Scheyer, ha chiuso al sesto posto a tre secondi e mezzo.

In particolare la manche fra i paletti stretti di Gisin è stata di altissimo livello: «È stata una delle migliori manche di slalom della mia carriera ed è incredibile che mi sia successo proprio oggi, dopo che in discesa in un punto avevo rischiato troppo. Questa disciplina non è facile, perché bisogna essere al top in due discipline diverse, ciò che spiega l’esiguo numero di atlete al via. Non è facile cambiare stile e passare dagli sci lunghi agli sci corti in così poco tempo. Con anche le ricognizioni da fare c’era un po’ di stress ma potrebbe essere stato benefico per me».

Difficoltà confermata dall’eliminazione di Shiffrin: «Ho avuto una botta d’adrenalina quando l’ho vista uscire, ma avrei preferito combattere con lei sul tracciato. Sono fiera di aver difeso il titolo, è una cosa folle, ma ho realizzato cosa significasse soltanto fra le due discese. Ho spinto a tutta e ho dato gas da cima in fondo. La sensazione è diversa rispetto a quattro anni fa, allora avevo ipotecato la vittoria in discesa. È comunque tutta la mia squadra che ha meritato questa vittoria, dal mio ragazzo Luca De Aliprandini alla mia famiglia».

Come sempre Gisin riserva parole d’elogio anche per la sua compagna: «È fantastico che anche Wendy abbia portato il livello della sua prestazione al massimo, in particolare con una discesa sensazionale. Lì è migliorata tantissimo rispetto al primo allenamento. Nei grandi appuntamenti siamo davvero state ben ripagate dalla combinata visto che è la seconda doppietta che festeggiamo assieme, dopo quella dei Mondiali di St. Moritz del 2017 (quella volta però a ranghi invertiti, ndr)».

Holdener: ‘Buona gara, ma Michelle ha fatto ancora meglio’

Wendy Holdener non è invece riuscita a completare il suo palmarès con l’oro olimpico individuale: «Sono felice del risultato in quanto il primo allenamento di discesa era stato complicato, mentre oggi sono volata; nello slalom non sono però riuscita a trovare il limite come Michelle che ha sciato in una maniera incredibile. La mia prestazione è stata buona, la sua ancora di più. Nella parte alta dello slalom sono andata a tutto gas, poi ho fatto più fatica, ma non poteva praticamente andare meglio di così. Sono soddisfatta di questa quinta medaglia olimpica, è comunque dura essere così vicina all’oro. È bello essere in queste posizioni in eventi del genere e non vedo l’ora del Team event, nel quale vogliamo ripetere il successo di quattro anni fa». Il Team event è in programma per sabato, al quale Holdener (secondo quanto riportato dalla Rsi) dovrebbe competere in squadra con Andrea Ellenberger, Justin Murisier e Gino Caviezel.

Mai così tanti ori nello sci alpino

Intanto Holdener diventa la terza atleta svizzera a conquistare cinque medaglie ai giochi olimpici invernali dopo la collega Vreni Schneider e il bobbista Fritz Feierabend, mentre Gisin entra a fare parte dell’ottetto di pluricampioni olimpici invernali elvetici.

Ma è il risultato di tutta la squadra femminile dello sci alpino a Pechino a essere memorabile, infatti è solo la seconda volta dal 1988 (anno in cui il SuperG fece la sua comparsa nel programma olimpico) in cui almeno una svizzera è salita sul podio di ogni gara. Anche a Calgary erano arrivate sette medaglie, ma di cui solo due d’oro, contro le tre raccolte a Pechino. Pure a livello complessivo, i cinque ori raccolti dagli sciatori svizzeri (per quanto riguarda il settore alpino) rappresentano un traguardo mai raggiunto da nessun’altra nazione finora.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved