HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 min

Maxim Noreau finisce sui francobolli. In Sierra Leone

Il difensore canadese ex Ambrì ha la sua faccia su un bollo da cinquanta centesimi in Africa. ‘Perché? Davvero non lo so, ma nessuno mi ha chiesto nulla’
Atletica
1 ora

In Polonia gli elvetici fanno la loro bella figura

A Torun, nel meeting valido per l’Indoor Gold Tour, Ditaji Kambundji centra il limite per gli Europei, mentre Elmer firma il miglior tempo della carriera
Calcio
1 ora

Mondiale per club, è il Real il secondo finalista

Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
3 ore

A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini

Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
3 ore

Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’

In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
5 ore

Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino

Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
5 ore

Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire

La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
7 ore

Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente

Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
7 ore

Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’

A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
7 ore

Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti

Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
CURLING
9 ore

La Chicchera non se ne va da Chiasso

Podio tutto momò nella decima edizione della coppa andata in scena nello stesso weekend del Carnevale Nebiopoli
Sci
10 ore

Fallimento elvetico nel superG iridato vinto dalla Bassino

Soltanto sesta Lara Gut-Behrami, che era campionessa in carica. Decimo posto per Michelle Gisin, 13a la Hälen, 20a la Suter, 22a la Flury
Calcio
11 ore

Hoffenheim, a Matarazzo la panchina di Breitenreiter

Condannato dalla sconfitta 5-2 subita dal Bochum, l’ex tecnico dello Zurigo - licenziato lunedì - lascia il posto all’ex allenatore dello Stoccarda
IL DOPOPARTITA
laR
 
30.11.2022 - 00:05
Aggiornamento: 19:56

L’Ambrì, il pessimo affare e la rabbia. ‘È ora di intervenire’

Le porte dello spogliatoio restano chiuse a lungo alla Gottardo Arena dopo la sconfitta col Losanna. Cereda: ‘Io ho detto poco, hanno parlato i giocatori’

l-ambri-il-pessimo-affare-e-la-rabbia-e-ora-di-intervenire
Ti-Press/Crinari
Inti Pestoni e il suo Ambrì si aspettavano tutt’altra cosa

Ambrì – Sarà anche vero che la fortuna bisogna cercarsela, e quando la buona sorte non vuol saperne non c’è molto che si possa fare, se non provarci comunque. In effetti l’Ambrì ci prova, ma non con l’intensità che ci si attenderebbe in uno scontro diretto che vale più di tre semplici punti. E se è vero che la serata parte male, con tre pali uno più clamoroso dell’altro (pur se il secondo, sul missile di Heed, Bürgler lo sfrutta per segnare il primo gol), il martedì biancoblù finisce anche peggio, con i ragazzi di Cereda che scivolano d’un botto al penultimo posto.

Tuttavia, è comunque un risultato inatteso guardando a cosa riescono a fare i ticinesi in una prima parte di secondo tempo arrembante, lanciata dal citato 2-1 di Bürgler ma soprattutto dal pareggio di un Chlapik che dopo aver beffato tra i gambali Punnenovs (poi tolto di mezzo da Ward tre minuti dopo) lancia un urlo davvero liberatorio. Sembra l’inizio di un’altra partita, invece non lo è. Perché l’energia del momento s’esaurisce lì, con i vodesi che nel terzo tempo aspettano gli avversari al varco, e le opportunità da gol leventinesi si contano sulle dita di una mano. A quel punto, Cereda sorprende un po’ tutti buttando nuovamente all’aria le linee, e dopo che già nel periodo di mezzo Zwerger sparisce dalle scene, Fischer viene persino schierato in attacco, in un lineup che continua a mutare, finché nel finale viene scombinata persino la ‘paradesturm’ Pestoni, Spacek, Chlapik riassemblata alla fine del primo periodo. «Sono arrabbiato – dice, deciso, Luca Cereda – perché a parte nei primi dieci minuti del secondo tempo non abbiamo giocato con coraggio e carattere. Troppo poco! Ecco perché ho deciso di smuovere un po’ le acque, piazzando pure Fischer all’attacco: Zwerger è una persona in difficoltà ancor prima di essere un giocatore in difficoltà e faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per aiutarlo. Non sono preoccupato, ma è ora d’intervenire: non tutti hanno ancora capito come devono lottare».

Nel post partita, le porte dello spogliatoio biancoblù rimangono chiuse a lungo. «Cos’ho detto? Io non ho detto molto – aggiunge Cereda –. Sono i giocatori ad aver parlato molto più a lungo del solito tra di loro. È un buon primo passo, per la squadra. Io ho semplicemente detto loro: ‘Ci vediamo domani sul ghiaccio’».

Del resto, i giocatori sanno cosa debbono fare. «Se c’è una cosa che dobbiamo rimproverarci è che non abbiamo giocato allo stesso livello delle ultime due partite – dice, dal canto suo, capitan Daniele Grassi –. Il lavoro da fare è sempre lo stesso: dobbiamo giocare più come una squadra, già dalla prossima partita: questa per me è l’unica ricetta che funziona».

L’ANNOTAZIONE

Pagine di storia, anche per restare curiosi

Sapevate che sessantanove anni fa come ieri, il 29 novembre 1953, l’Ambrì giocava la sua prima partita in Lega nazionale A? E che nel cosiddetto hockey moderno, con Lugano e Friborgo l’Ambrì è una delle sole tre squadre a non aver mai vissuto il dramma (sportivo) della retrocessione? Queste, e molte altre cose le si possono scoprire nell’ultima fatica dell’instancabile Brenno Canevascini e di Sandro Regusci e Luca Dattrino, i quali hanno dato alle stampe un volume realizzato in concomitanza con il nuovo traguardo della società biancoblù, dal titolo "Hcap 85 anni: e la storia continua...", pubblicato da Fontana Edizioni. «Il cui ricavato – spiega il presidente Filippo Lombardi – verrà interamente devoluto al settore giovanile biancoblù e alle Hcap Girls, fresche di promozione nella massima serie».

Un volume celebrativo fatto di cifre, curiosità e persino d’interviste («con l’ausilio della realtà aumentata – spiega l’editore Raoul Fontana –. Inquadrando con il telefonino le immagini corredate dal simbolo di una telecamerina, sul cellulare partirà il relativo video») che ripercorre gli 85 anni di vita dell’Ambrì «partendo da quel famoso giorno in cui a Giornico (nel 2011, ndr) il club si è interrogato sul proprio futuro», dice Luca Dattrino. «Un prodotto nuovo, diverso – gli fa eco Sandro Regusci –. Perché grazie alla statistica si possono scoprire tante cose: l’importante è essere curiosi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved