HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5515
2
HC Aspi Capitals
5490
3
HC Kaski Male
5443
4
HC TUT-TUT
5387
5
AmStars
5236
6
LucHC Lions
5235
7
Artemisia
5199
8
ASIA TEAM
5199
9
Team Belozoglu
5196
10
GregBeaud
5183
ULTIME NOTIZIE Sport
I Mondiali dal divano
3 ore

Vengo anch’io: no, tu no!

Scopriamo come stanno vivendo la rassegna iridata gli assenti
IL DOPOPARTITA
8 ore

L’Ambrì, il pessimo affare e la rabbia. ‘È ora di intervenire’

Le porte dello spogliatoio restano chiuse a lungo alla Gottardo Arena dopo la sconfitta col Losanna. Cereda: ‘Io ho detto poco, hanno parlato i giocatori’
il dopopartita
8 ore

Altra lezione allo Zugo grazie a ‘Due tempi ottimi e Schlegel’

Dopo il 6-1 rifilato in casa, i bianconeri fanno il bis imponendosi 4-1 alla Bossard Arena, grazie a una partenza a razzo. Morini: ‘Vittoria meritata’.
Hockey
9 ore

Lugano, prestazione convincente, Zugo annichilito

Quinta vittoria in sei incontri: i bianconeri confermano i progressi delle ultime settimane, vincendo 4-1
Qatar 2022
10 ore

Derby britannico all’Inghilterra

Troppo forte la squadra di Southgate per il Galles: agli ottavi, Kane e compagni troveranno l’Olanda
Hockey
10 ore

Il Losanna sbanca la Gottardo Arena

L’Ambrì recupera uno (sfortunato) doppio svantaggio, ma non basta per vincere: i vodesi vincono 3-2 e scavalcano i biancoblù in classifica
Qatar 2022
10 ore

Gli Usa battono l’Iran e conquistano gli ottavi di finale

Nello scontro diretto gli americani affronteranno l’Olanda, per l’Inghilterra c’è invece il Senegal
Qatar 2022
12 ore

Una corsa contro il tempo per Xherdan e Noah

A Doha si lavora per il recupero di Shaqiri e Okafor in vista della sfida alla Serbia di venerdì
biathlon
13 ore

Niklas Hartweg sul podio nella prima gara stagionale

Il 22enne elvetico conquista il secondo posto nella gara di Kontiolahti in Finlandia, battuto solo dalla svedese Martin Ponsiluoma
Qatar 2022
13 ore

Il Qatar perde anche la terza

Tutto facile per l’Olanda, che chiude la prima fase superando 2-0 i deludentissimi padroni di casa
Qatar 2022
14 ore

Senegal avanti con merito

Gli africani sconfiggono 2-1 un Ecuador troppo rinunciatario e accedono agli ottavi di finale
Atletica
14 ore

La terza tappa di Coppa Ticino di cross a Delorenzi e Stampanoni

In Capriasca cinquina per l’Us Ascona, poker per Us Capriaschese e Ga Bellinzona
hockey
19.09.2022 - 18:14

‘Sono qui per segnare e per la famiglia’

Brett Connolly, arrivato sabato a Lugano dopo la nascita del secondogenito, è motivato ad aiutare la squadra e non disdegnerebbe fermarsi a lungo

di Daniele Neri
sono-qui-per-segnare-e-per-la-famiglia
Ti-Press/Gianinazzi
Prime pattinate alla Cornèr Arena

Stamattina il primo allenamento in maglia bianconera per Brett Connolly, il nuovo attaccante straniero messo sotto contratto pochi giorni fa dal Lugano. L’impossibilità di vedere presto nuovamente in pista Daniel Carr, alle prese con il long Covid, ha infatti indotto Hnat Domenichelli a ingaggiare un ottavo "import". Il 30enne canadese, Campbell River (Columbia Britannica) il suo luogo di nascita, è arrivato in Ticino sabato scorso, dopo una settimana molto intensa, vista la nascita del secondo figlio. «Ho trascorso quattro giorni all’ospedale con mia moglie – racconta Connolly durante la sua prima intervista con la stampa ticinese –, cosa che non mi ha permesso di scendere in pista con una certa regolarità, ma durante tutta l’estate mi sono allenato intensamente, in prospettiva di una chiamata da parte di una franchigia di Nhl per un training camp, per cui mi sento in forma. Per un mese vivrò da solo a Lugano, ma poi mi raggiungerà mia moglie». Dopo 600 partite disputate in Nhl con diverse squadre, vincendo con i Washington Capitals nella stagione 2017-18 la Stanley Cup, hai deciso di varcare per la prima volta l’Atlantico per venire a giocare in Europa, come mai proprio a Lugano? «Quando il Lugano mi ha contattato, stavo valutando le diverse opportunità che avevo in Nordamerica, ma la possibilità di venire a Lugano mi ha stuzzicato assai e ho deciso molto velocemente. Ho parlato con diversi giocatori che hanno disputato questo campionato, tra cui due vostre buone conoscenze come Ryan Spooner e naturalmente Taylor Chorney. Siamo buoni amici e ci siamo visti ancora di recente. Tutti mi hanno parlato molto bene della squadra, della società, dei tifosi, dell’organizzazione e della città. Nella mia decisione finale l’aspetto familiare è stato molto importante».

Nella passata stagione, la possente ala destra (191 cm x 90 kg) ha militato nei Rockford Ice Hogs, farm team dei Chicago Blackhawks in Ahl (37 partite, 35 punti) e si descrive così: «Sono un attaccante con un buon tiro e molto efficace davanti alla porta. Spero di segnare molte reti, per dare il mio contributo alla squadra. A differenza del Canada, dove le piste sono più piccole, qui c’è molto spazio. Meglio così, dovrò solo abituarmici il più presto possibile».

Insomma, una nuova esperienza, dopo una lunga carriera nella lega più importante del mondo: «Chiaramente quando si parte dall’Nhl rimane quella sensazione un po’ agrodolce, ma non si può vivere di ricordi. Adesso il mio presente sportivo continua qui in Svizzera, in un campionato che conosco poco, ma del quale ho sentito parlare soltanto bene. Ripeto, vedo un futuro in Svizzera per me, ma soprattutto per la mia famiglia, ma voglio godermi questa esperienza al massimo. In Nordamerica avrei dovuto lottare per un posto in squadra, qui l’apporto degli stranieri è molto sentito, devo dimostrare tutto il mio talento. Poi prenderò stagione per stagione».

Il suo debutto domani non è certo, come conferma l’allenatore Chris McSorley: «Prenderemo una decisione solo all’ultimo momento. A parte Carr, tutti gli stranieri sono pronti. Anche Connolly si è allenato bene, è motivato, ha voglia di giocare e di rendersi utile. È un giocatore con molta personalità, che potrà fare solo bene allo spogliatoio, è pure molto tecnico, per cui le piste più grandi lo favoriscono. In ogni partita abbiamo la possibilità di schierare sei giocatori d’importazione, chi è ammalato, infortunato, fuori forma o stanco andrà in tribuna. Sono contento di avere più possibilità, in quanto la concorrenza interna è positiva».

Il line up per l’incontro con lo Zurigo dovrebbe essere lo stesso sceso in pista con l’Ajoie, quindi con la conferma di Koskinen in porta, ma, come ha spiegato McSorley, nel corso della stagione ci sarà sicuramente anche spazio per Schlegel: «Per 18 volte nella stagione – spiega il coach canadese – giocheremo due giorni di fila. Quindi l’avvicendamento del portiere sarà automatico, dunque avremo bisogno di tutti e quattro i portieri, gli infortuni e i cali di forma sono spesso dietro l’angolo. Non possiamo farci trovare spiazzati».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved