HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9985
2
LucHC Lions
9922
3
Sparta Becherovka
9622
4
thibault_gav
9531
5
FHM2223
9504
6
TrigoAce1
9466
7
Team Belozoglu
9431
8
Team7
9385
9
HC Kaski Male
9365
10
Poitu
9248
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
9 ore

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
11 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
12 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
15 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
16 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
17 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
17 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
18 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
20 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
21 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
21 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
22.05.2022 - 10:53
Aggiornamento: 16:23

Walter Arnold, il dialetto vive anche a Helsinki

Il ticinese abita da 52 anni a nella capitale finlandese. Ha tradotto la Kalevala, il famoso poema finnico, in dialetto airolese.

walter-arnold-il-dialetto-vive-anche-a-helsinki
+1

A Helsinki ci si può imbattere in persone che ricordano i mitici Quirino Rossi o Sergio Filippini, grandi e indimenticabili interpreti delle commedie dialettali dei bei tempi. Residente nella Capitale da ormai più di 50 anni, Walter Arnold si esprime rigorosamente ed esclusivamente in dialetto, preferibilmente quello leventinese, pur non disdegnano nemmeno quello della ferrovia.«Mia mamma era di Osco, mentre mio papà era di Lugano. Il mio bisnonno si trasferì da Basilea in Ticino e fondò la libreria internazionale in Piazza Riforma –, esordisce il 72enne –. Dopo le scuole dell’obbligo, lasciai la Svizzera e mi recai a Dallas. Per rientrare in Ticino m’imbarcai su una nave con parecchi altri studenti, da New York sino a Rotterdam, ogni giorno era una festa e vidi un annuncio dove si offrivano corsi di lingua finlandese gratuiti. A me piacevano le lingue e decisi di buttarmi in questa avventura. Dopo questa prima toccatina, trascorsi ancora un breve lasso di tempo in Ticino, prima di recarmi nel Caucaso. Viaggiai facendo autostop e passai dalla Finlandia e dalla Lapponia. Dopo un’estate trascorsa in Russia, decisi di trasferirmi a Helsinki e frequentare l’università locale. Da lì non mi sono praticamente più spostato, Helsinki è ormai la mia dimora da 52 anni. Mi sono sposato due volte, ora ho quattro figli e tre nipoti e con la mia attuale moglie festeggiamo i 36 anni di matrimonio. Ai miei figli non ho mai parlato italiano, solo in dialetto, specialmente i due più piccoli lo parlano molto bene. Mi sono integrato magnificamente in Finlandia. I finlandesi non amano disturbare gli altri, sono molto riservati e la tranquillità viene considerata un privilegio. Un vecchio detto locale recita: parlare è argento, fare silenzio è oro. Solamente nei bar, con qualche goccia di alcol di troppo, gli indigeni diventano espansivi».

Il nostro interlocutore non ha il passaporto finlandese. «Troppa burocrazia non fa per me, non ne ho bisogno, quello svizzero basta e avanza. L’unico svantaggio a non avere il passaporto locale è il fatto di non poter comprare terreni di grandissime misure o pezzi di isole ad esempio». Walter, grande amico di Jacky Marti, direttore dell’Estival Jazz e nota figura dei media ticinesi, è ancora attivo professionalmente: «Insegno nell’ambito della psicologia. Nei tempi andati praticavo danza moderna, seguii dei corsi in Giappone a fine anni 80 durante un’estate, quando ero divorziato. Oltre a impartire lezioni di danza ero maestro di tennis. La lingua finlandese? La parlo quasi perfettamente, ma l’accento straniero mi è sempre rimasto, specialmente nelle frasi lunghe ci si accorge. È curioso, una cinquantina di anni or sono, quando arrivai, la gente che da altre parti della Finlandia si recava a Helsinki cercava di usare l’accento della Capitale. Ora invece non è più così, anzi, chi arriva da regioni lontane aumenta l’accento proprio per segnalare l’orgoglio inerente alle sue radici».

La Kalevala, un lavoro durato vent’anni

È tempo di parlare del suo pazzesco impegno. «Ho tradotto la Kalevala in dialetto airolese». L’opera, che parla della grande epopea finlandese, è un famosissimo e grandioso poema di circa 700 pagine, è una raccolta di leggende inerenti all’identità finnica. «Ho impiegato una ventina di anni, durante il mio tempo libero. Oltre al libro ho prodotto una versione audio". Walter, da bambino, abitava a Lugano, ma le estati le trascorreva ad Airolo, nel quartiere di "Fiüra". «Era il mio mondo, mi piaceva essere nella natura, pescare nel fiume Ticino, si giocava con il coltellino tascabile, tutti i giorni tra i boschi e i sentieri della Leventina». La passione per il cantone d’origine è tuttora presente. «Torno 2 o 3 volte all’anno, mia sorella abita tuttora a Bogno. Lo scorso novembre ho avuto l’opportunità di vedere il derby tra Ambrì e Lugano nella nuova pista leventinese. Il mio futuro? Ormai non mi sposto più da qui, essere nonno è un grande impegno, ma i miei viaggi in Ticino continueranno sino a quando la salute me lo permetterà».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved