CERUNDOLO F. (ARG)
0
NADAL R. (ESP)
1
2 set
(4-6 : 2-3)
AUGER-ALIASSIME F. (CAN)
0
CRESSY M. (USA)
0
1 set
(5-5)
RITSCHARD A. (USA)
TSITSIPAS S. (GRE)
18:30
 
e-un-ottimo-lugano-e-il-servette-lo-deve-rincorrere
Keystone
Daniel Carr sempre pericolosissimo dalle parti di Descloux
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
1 ora

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
3 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
4 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
4 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
12 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
17 ore

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
19 ore

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
22 ore

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
22 ore

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
22 ore

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
23 ore

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
23 ore

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
23 ore

Lucas Leiva torna in Brasile

Il 35enne centrocampista giocherà nel Gremio
Triathlon
1 gior

Sasha Caterina si mette in evidenza ai Mondiali di Montreal

Con il contributo del triatleta ticinese la giovane squadra svizzera conclude sesta e si guadagna il pass per le Olimpiadi di Parigi
Calcio
1 gior

Il Bellinzona sfida in amichevole il Lugano II

A Giubiasco mercoledì sera prima uscita stagionale per entrambe le squadre
hockey inline
1 gior

Il Malcantone finisce in bellezza, il Sayaluca avanza

I primi battono il Bienne Seelanders di misura, i luganesi puniscono Givisiez I e II
TENNIS
1 gior

Wimbledon, eliminata in entrata Ylena In-Albon

La rossocrociata, al debutto in un torneo dello Slam, è stata sconfitta al primo turno da Alison Riske
18.03.2022 - 22:21
di Grégoire Macheret

È un ottimo Lugano, e il Servette lo deve rincorrere

Alle Vernets si respira aria da playoff, con i bianconeri che espugnano Ginevra portandosi in vantaggio nella serie. Decisivi i gol di Arcobello e Carr

Un venerdì di quelli intensi, sul ghiaccio delle Vernets. Dove tra Ginevra Servette e Lugano si comincia subito a tutta, dopo un primissimo check bello duro di Richard su Thürkauf, che resta a terra e poi si rialza, distribuendo a sua volta due cariche ai danni del numero 71 dei granata, ma sulla seconda gli arbitri optano per l‘ostruzione. Così, dopo appena 41 secondi i ticinesi sono già soltanto in quattro davanti al miglior powerplay della Lega. Il Lugano si piega ma non si spezza, sotto la pressione ginevrina, e una volta superato il pericolo va a sua volta vicino al vantaggio, con Descloux che riesce a chiudere d’istito sullo stesso Thürkauf. In pista c’è grande intensità, con il Ginevra che spinge. E proprio mentre il Lugano per la prima volta chiude il Servette nel proprio terzo, un crosscheck di Traber davanti a Descloux costringe nuovamente i suoi a giocare in inferiorità numerica. È il preludio al vantaggio ticinese: il Servette perde il controllo del puck mentre sta costruendo in powerplay, grande intuizione di Chiesa il cui passaggio per Arcobello è perfetto, e il topscorer bianconero scarica il puck sul primo palo, sorprendendo Descloux: 0-1 in shorthand all’8’17’’. Il vantaggio mette le ali al Lugano, che insiste per sfruttare il ‘momentum‘, ed è così che arriva anche un secondo gol, al 13’23’’: tuttavia, sul tiro dalla blu Loeffel in mezzo al traffico e Bertaggia tocca mentre Morini prova a ostruire la vista al portiere, ma sul limite dell’area di porta finisce addosso a Descloux, e gli arbitri se ne accorgono dopo il coach challenge chiesto dallo staff tecnico del Servette, e si vedono così costretti ad annullare il gol. Però il Lugano c’è: e su un bellissimo tocco di Abdelkader, Carr s’inventa un numero da circo, ma in qualche modo il portiere del Servette riesce a chiudere. Poi, un paio di minuti dopo, Descloux deve ringraziare il palo alla sua sinistra, che al 17’15’’ ferma un tentativo di Abdelkader. Il problema è però che, a un minutino dalla pausa, Morini ferma col bastone un tentativo di allungo di Moy, e i bianconeri per la terza volta si ritrovano in inferiorità numerica: in quell’occasione il Ginevra riesce a colpire, con un gran tiro di Vatanen al 19’43’’ su cui Schlegel non può arrivare.

Tra le fila del Lugano, però, ci sono due giocatori come Thürkauf e Carr in grado d‘infiammare la partita in qualsiasi momento. Ed è ciò che capita al 25’47’’, quando il possente numero 97 riconquista un disco dietro la porta di Descloux, il quale a due riprese è costretto a superarsi per sbarrargli la strada. Sulla seconda deviazione, però, il canadese numero 7 è più lesto di Völlmin e in due battute riesce a mettere il disco in gol. Sul piano offensivo i ticinesi sono ormai i più attivi, e poco dopo lo dimostra il tentativo di Prince. Rispetto al primo tempo in pista c‘è meno ritmo, anche perché il gioco è più spezzettato, e in pista cominciano le provocazioni. Come al 34’30’’, quando Abdelkader riesce a togliere dal ghiaccio Tömmernes dopo un battibecco davanti alla porta. Poco dopo, però, per un colpo di bastone Maurer si fa buttar fuori a sua volta per una bastonata al solito Thürkauf, e per 47’’ il Lugano può giocare a 4 contro 3, senza cavarne nulla. Anzi, sul rientro di Tömmernes dalla panchina Schlegel è costretto a uscire dalla sua zona per anticipare lo svedese. Il Lugano però risponde con Fazzini, il cui slap su assist di Arcobello scalda il guantone di Descloux.

Il terzo tempo si apre con una bruttissimo episodio: in lotta per il disco con Tömmernes, Abdelkader scivola e batte violentemente il capo contro la balaustra. Il numero 96 bianconero resta a lungo al suolo, prima di venir accompagnato negli spogliatoi (per fortuna solo temporaneamente) da Daniel Carr. Alla ripresa, il Servette comincia subito a premere in un clima sempre più da playoff, con i giocatori che non perdono occasione per battibeccare. L’occasione più ghiotta, però, nel corso del sesto minuto capita sul bastone di Stoffel, che prende in velocità due avversari e per poco non batte Descloux tra i gambali. Al settimo, invece, è Schlegel a compiere il miracolo su un tiro di Tömmernes a botta sicura. Il Ginevra preme, ma il Lugano non molla. E a cinque minuti abbondanti dal termine, Alessio Bertaggia in backhand colpisce un clamoroso palo a portiere battuto. Bertaggia che prova a ripetersi a due minuti e mezzo dal sessantesimo, in contropiede, ma i padroni di casa riescono a salvarsi, per poi abbozzare l’assalto finale, con Descloux che lascia la gabbia a cinquanta secondi dalla fine, in un epilogo appassionante e coinvolgente. Ma soprattutto, senza più reti.

Ginevra Servette - Lugano (1-1 0-1 0-0) 1-2
Reti:
8’07’’ Arcobello (Chiesa/esp. Traber!) 0-1. 19’43’’ Vatanen (Tömmernes, Filppula/esp. Morini) 1-1. 25’47’’ Carr (Thürkauf, Guerra) 1-2.
Ginevra Servette: Descloux; Karrer, Tömmernes; Maurer, Vatanen; Le Coultre, Jacquemet; Völlmin; Rod, Richard, Vermin; Winnik, Filppula, Jooris; Miranda, Pouliot, Moy; Smirnovs, Berthon, Antonietti; Riat.
Lugano: Schlegel; Wolf, Loeffel; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Abdelkader, Thürkauf, Carr; Fazzini, Arcobello, Prince; Bertaggia, Herburger, Morini; Vedova, Tschumi, Stoffel; Traber.
Arbitri: Stricker, Tscherrig; Burgy, Steenstra (Can).
Note: 4’927 spettatori. Penalità: 2 x 2’ contro il Ginevra Servette; 4 x 2’ contro il Lugano. Tiri in porta: 45-33 (18-9, 6-16, 21-8). Ginevra Servette senza Tanner, Charlin, Patry (infortunati), Vouillamoz, Mercier, Shiyanov, Cavalleri e Smons (in soprannumero); Lugano privo di Herren (ammalato), Josephs, Müller, Walker (infortunati), Markkanen, Irving, Boedker e Chiquet (in soprannumero). Al13’23’’ rete annullata a Loeffel (ostruzione di Morini sul portiere) dopo coach challenge chiamato dal Servette. Al 17’15’’ palo colpito da Abdelkader. Ginevra senza portiere dal 59’05’’ e fino al termine. Premiati quali migliori giocatori in pista Sami Vatanen e Niklas Schlegel.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved