HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10265
2
LucHC Lions
10118
3
Sparta Becherovka
9862
4
FHM2223
9769
5
TrigoAce1
9727
6
Team Belozoglu
9686
7
thibault_gav
9678
8
HC Kaski Male
9654
9
Team7
9603
10
Chop
9481
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
50 min

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
1 ora

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
1 ora

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
1 ora

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
2 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
2 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
16 ore

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
17 ore

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
19 ore

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
20 ore

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
21 ore

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
22 ore

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
25.02.2022 - 22:10

Lugano, la beffa è servita. E porta la firma di Suri

In vantaggio fino al 45’, i bianconeri si fanno rimontare nell’epilogo. A decidere tutto è il classico gol dell’ex, in shorthand, a tre minuti dalla fine

lugano-la-beffa-e-servita-e-porta-la-firma-di-suri
Ti-Press/Crinari
Luca Fazzini cerca di sfuggire a Simion e Schlumpf

Il venerdì finisce davvero in malo modo. Brutto epilogo di una serata che si apre con l’entrata nella Hall of Fame del club bianconero di altri due altri illustri ex, ovvero Silvano Corti e Andy Ton, e in cui il Lugano appena mette piede sul ghiaccio parte subito a tutta. Tanto lavoro, dischi sulla porta e subito una grossa occasione, al secondo minuto, con Morini che si ritrova tutto solo davanti a Genoni, ma non riesce a spiazzarlo. Morini che poi, invece, al 4’47’’ (quando in panchina c’è Bachofner, il quale deve scontare una penalità per sgambetto inflitta allo stesso portiere dello Zugo), prende la sua rivincita, colpendo al volo un disco ballonzolanete davanti a Genoni dopo un centro dalla sinistra di Boedker. Allo Zugo, però, bastano tre minutini per tornare a galla: penalità per trattenuta inflitta a Bertaggia, e disco sulla porta di Hansson che si perde nel traffico, e per il liberissimo Zehnder è un gioco da ragazzi centrare la porta vuota. Gli ospiti provano a insistere, ancora in superiorità numerica (per un contestato bastone alto di Loeffel), con Carr che deve sostituirsi a Fatton davanti alla linea di porta. La risposta del Lugano è perentoria: Leuenberger perde malamente un puck nel terzo difensivo del Lugano, cogliendo impreparati i suoi compagni: Morini tocca il disco in avanti per Fazzini, il quale si presenta solo soletto sul fronte offensivo e con un missile dei suoi lascia Genoni di stucco: è il 2-1 al 14‘14’’.

Quel gol di vantaggio gli uomini di McSorley provano a costruire, in un secondo tempo equilibrato e combattuto, ma certamente non dei più spettacolari. Con lo Zugo che in avvio (al 3’) colpisce un clamoroso palo con Marco Müller (Fatton non avrebbe neppure il tempo di reagire), ma con il Lugano che continua a manovrare dischi, anche se sul fronte offensivo le occasioni non sono di quelle ghiottissime, eccezion fatta per quelle capitate sul bastone di un intraprendente Morini, di Carr e, soprattutto, nel finale, di Arcobello. Un gol di vantaggio, però, nell‘hockey è nulla: ecco perché in avvio di terzo tempo i ticinesi si rimettono a spingere, con Herburger che si trova subito per le mani una buona occasione. Invece, al 45’51’’ è lo Zugo a colpire: il solito Hansson riceve il disco e con esso un sacco di spazio davanti a sé, con Fatton che nell’occasione si fa sorprendere. Il pareggio ospite non spegne l’energia del Lugano, che non smette di lavorare e a sei minuti e mezzo dal termine si crea una ghiotta opportunità, quando Kovar si fa spedir fuori per quattro minuti dopo una bastonata in faccia a Herburger. Il powerplay però fatica a ingranare, e quando finalmente i bianconeri sembrano piazzati, un puck malgestito da Fazzini dà il via al più classico dei contropiede, con Reto Suri (sì, proprio lui) che si presenta davanti a Fatton e lo beffa, al 56’39’’. Dura davvero, perdere così.

Lugano - Zugo (2-1 0-0 0-1) 2-3
Reti:
4’47’’ Morini (Boedker, Alatalo/esp. Bachofner per Genoni) 1-0. 8’56’’ Zehnder (Hansson, Senteler/esp. Bertaggia) 1-1. 14’14’’ Fazzini (Morini) 2-1. 45’51’’ Hansson (Senteler) 2-2. 56’39’’ Suri (Leuenberger/esp. Kovar!) 2-3.
Lugano: Fatton; Loeffel, Müller; Guerra, Alatalo; Chiesa, Wolf; Näser; Fazzini, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Josephs; Boedker, Herburger, Bertaggia; Stoffel, Walker, Vedova; Traber.
Zugo: Genoni; Schlumpf, Kreis; Stalder, Hansson; Djoos, Cadonau; Gross; Marco Müller, Lander, Herzog; Simion, Kovar, Hofmann; Suri, Senteler, Zehnder; Allenspach, Leuenberger, Bachofner.
Arbitri: Stolc (Slc), Hürlimann; Schlegel, Stalder.
Note: 4’988 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro il Lugano; 5 x 2’ contro lo Zugo. Tiri in porta: 35-25 (13-11, 13-8, 9-6). Lugano privo di Herren, Schlegel, Fadan (infortunati), Riva (ammalato) e Irving (straniero in soprannumero); Zugo senza Martschini (infortunato), Hollenstein (ammalato) e Klingberg (straniero in soprannumero). Al 43’42’’ palo colpito da Müller. Lugano senza portiere dal 58’45’’ e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Giovanni Morini e Leonardo Genoni.

Leggi anche:

A Lugano il passato che ritorna. Ton: ‘Quel record cadrà’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved