FALLERT F./JEBENS H.
STRICKER D./WENGER D.
13:05
 
lugano-la-beffa-e-servita-e-porta-la-firma-di-suri
Ti-Press/Crinari
Luca Fazzini cerca di sfuggire a Simion e Schlumpf
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
PALLANUOTO
1 ora

Sconfitti al Lido, gli Sharks sono con le spalle al muro

Nei quarti di finale dei playoff, il Lugano è stato battuto in rimonta dal Carouge. Domani a Ginevra gara 2. Obbligo di vincere per prolungare la stagione
CALCIO
1 ora

In Qatar sarà introdotto il fuorigioco semi-automatico

La Fifa ha approvato la nuova tecnologia che consente di stabilire la posizione di palla e giocatore in ogni momento. Non sostituirà il giudizio arbitrale
CICLISMO
7 ore

Comincia il Tour fra sospetti e Covid

Timori vecchi e nuovi attorno alla corsa più famosa al mondo che scatta oggi a Copenaghen
ATLETICA
14 ore

Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo

A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
BASKET
14 ore

Una brutta Nazionale battuta a Cipro

Nelle pre-qualificazioni per Euro 25, Svizzera superata 71-63. Ciò nonostante, in caso di vittoria domenica in Irlanda passerebbe al secondo turno
CORSA D'ORIENTAMENTO
15 ore

Argento per Aebersold, diploma per Elena Roos

Ai Mondiali sprint in Danimarca, nella prova individuale la ticinese ha mancato la medaglia per un’indecisione tra il 15.mo e 16.mo punto di controllo.
CALCIO
17 ore

‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’

Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
18 ore

Hamilton: togliere spazio alle voci del passato

Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
Hockey
19 ore

Adrien Lauper confermato dai Ticino Rockets

L’attaccante trentaquattrenne militerà un’ulteriore stagione a Biasca
TENNIS
19 ore

Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa

La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
19 ore

Siebatcheu lascia lo Young Boys

Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
Hockey
20 ore

‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’

Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’
25.02.2022 - 22:10

Lugano, la beffa è servita. E porta la firma di Suri

In vantaggio fino al 45’, i bianconeri si fanno rimontare nell’epilogo. A decidere tutto è il classico gol dell’ex, in shorthand, a tre minuti dalla fine

Il venerdì finisce davvero in malo modo. Brutto epilogo di una serata che si apre con l’entrata nella Hall of Fame del club bianconero di altri due altri illustri ex, ovvero Silvano Corti e Andy Ton, e in cui il Lugano appena mette piede sul ghiaccio parte subito a tutta. Tanto lavoro, dischi sulla porta e subito una grossa occasione, al secondo minuto, con Morini che si ritrova tutto solo davanti a Genoni, ma non riesce a spiazzarlo. Morini che poi, invece, al 4’47’’ (quando in panchina c’è Bachofner, il quale deve scontare una penalità per sgambetto inflitta allo stesso portiere dello Zugo), prende la sua rivincita, colpendo al volo un disco ballonzolanete davanti a Genoni dopo un centro dalla sinistra di Boedker. Allo Zugo, però, bastano tre minutini per tornare a galla: penalità per trattenuta inflitta a Bertaggia, e disco sulla porta di Hansson che si perde nel traffico, e per il liberissimo Zehnder è un gioco da ragazzi centrare la porta vuota. Gli ospiti provano a insistere, ancora in superiorità numerica (per un contestato bastone alto di Loeffel), con Carr che deve sostituirsi a Fatton davanti alla linea di porta. La risposta del Lugano è perentoria: Leuenberger perde malamente un puck nel terzo difensivo del Lugano, cogliendo impreparati i suoi compagni: Morini tocca il disco in avanti per Fazzini, il quale si presenta solo soletto sul fronte offensivo e con un missile dei suoi lascia Genoni di stucco: è il 2-1 al 14‘14’’.

Quel gol di vantaggio gli uomini di McSorley provano a costruire, in un secondo tempo equilibrato e combattuto, ma certamente non dei più spettacolari. Con lo Zugo che in avvio (al 3’) colpisce un clamoroso palo con Marco Müller (Fatton non avrebbe neppure il tempo di reagire), ma con il Lugano che continua a manovrare dischi, anche se sul fronte offensivo le occasioni non sono di quelle ghiottissime, eccezion fatta per quelle capitate sul bastone di un intraprendente Morini, di Carr e, soprattutto, nel finale, di Arcobello. Un gol di vantaggio, però, nell‘hockey è nulla: ecco perché in avvio di terzo tempo i ticinesi si rimettono a spingere, con Herburger che si trova subito per le mani una buona occasione. Invece, al 45’51’’ è lo Zugo a colpire: il solito Hansson riceve il disco e con esso un sacco di spazio davanti a sé, con Fatton che nell’occasione si fa sorprendere. Il pareggio ospite non spegne l’energia del Lugano, che non smette di lavorare e a sei minuti e mezzo dal termine si crea una ghiotta opportunità, quando Kovar si fa spedir fuori per quattro minuti dopo una bastonata in faccia a Herburger. Il powerplay però fatica a ingranare, e quando finalmente i bianconeri sembrano piazzati, un puck malgestito da Fazzini dà il via al più classico dei contropiede, con Reto Suri (sì, proprio lui) che si presenta davanti a Fatton e lo beffa, al 56’39’’. Dura davvero, perdere così.

Lugano - Zugo (2-1 0-0 0-1) 2-3
Reti:
4’47’’ Morini (Boedker, Alatalo/esp. Bachofner per Genoni) 1-0. 8’56’’ Zehnder (Hansson, Senteler/esp. Bertaggia) 1-1. 14’14’’ Fazzini (Morini) 2-1. 45’51’’ Hansson (Senteler) 2-2. 56’39’’ Suri (Leuenberger/esp. Kovar!) 2-3.
Lugano: Fatton; Loeffel, Müller; Guerra, Alatalo; Chiesa, Wolf; Näser; Fazzini, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Josephs; Boedker, Herburger, Bertaggia; Stoffel, Walker, Vedova; Traber.
Zugo: Genoni; Schlumpf, Kreis; Stalder, Hansson; Djoos, Cadonau; Gross; Marco Müller, Lander, Herzog; Simion, Kovar, Hofmann; Suri, Senteler, Zehnder; Allenspach, Leuenberger, Bachofner.
Arbitri: Stolc (Slc), Hürlimann; Schlegel, Stalder.
Note: 4’988 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro il Lugano; 5 x 2’ contro lo Zugo. Tiri in porta: 35-25 (13-11, 13-8, 9-6). Lugano privo di Herren, Schlegel, Fadan (infortunati), Riva (ammalato) e Irving (straniero in soprannumero); Zugo senza Martschini (infortunato), Hollenstein (ammalato) e Klingberg (straniero in soprannumero). Al 43’42’’ palo colpito da Müller. Lugano senza portiere dal 58’45’’ e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Giovanni Morini e Leonardo Genoni.

Leggi anche:

A Lugano il passato che ritorna. Ton: ‘Quel record cadrà’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chris mcsorley cornèr arena evz hc lugano hcl lugano zugo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved