josephs-e-arcobello-risolvono-a-modo-loro-la-sfida
Keystone
Esultano Morini e Arcobello: il sesto derby stagionale è bianconero
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
6 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
9 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
9 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
9 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
11 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
11 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
11 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
12 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
13 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
13 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
28.01.2022 - 00:05

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.

Lugano – Cinque su sei per il Lugano, che fa suo anche l’ultimo derby della stagione regolare 2021/22. Uscendo alla distanza e risolvendo, dopo due tempi di sostanziale equilibrio, quella che per entrambe le squadre rappresentava la partita della speranza. A deciderlo, il derby numero 245 della storia, sono Arcobello e, soprattutto, Josephs, autori entrambi di una doppietta. Ma anche McSorley, che opta per puntare su Fatton tra i pali lasciando in tribuna Irving per non dover metter mano al quartetto di stranieri di movimento. Scelta che, a bocce ferme, si rivela pagante, visto che, appunto, tutte le reti bianconere sono d’importazione. E di marca straniera è pure il gol degli ospiti, quello che di fatto accende il sesto capitolo dell’eterna sfida tra Lugano e Ambrì Piotta. La firma è quella di McMillan, che dopo una sterile fiammata iniziale per parte (Kostner sul fronte biancoblù e a cura dell’accoppiata Bertaggia-Boedker su quello bianconero), al 6’18” apre le marcature. L’ala canadese è lesta a raccogliere un rebound difensivo sullo stinco di Moses per catapultarsi all’altro capo della pista e battere Fatton. Quella rete sembra poter mettere le ali ai piedi dei biancoblù, che subito dopo seminano di nuovo il panico nelle retrovie dei padroni di casa. Prima con Bürgler, e poi con Pestoni, la cui sassata, al 13’04”, va a colpire il palo a portiere battuto.

Un’indecisione in uscita dal terzo difensivo (il primo vero errore di cui si macchiano i leventinesi) consente però a Fazzini di imbastire l’azione che con due passaggi libera Arcobello per il gol dell’1-1 che sancisce il parziale alla prima pausa.

Il periodo centrale si apre con un altro brivido per la retroguardia bianconera, quando un’uscita azzardata di Fatton dietro la sua porta per poco non viene sfruttata da McMillan per il nuovo vantaggio ai biancoblù, che nei minuti iniziali di questa frazione sembrano avere più benzina nelle gambe. Ma è solo un’impressione, perché col passare dei minuti cresce anche di intensità (e qualità) il gioco della compagine di McSorley.

Uno dei momenti chiave del sesto derby stagionale si verifica nel finale del secondo tempo. Quando prima Guerra e poco dopo Riva si fanno spedire sulla panchina dei penalizzati: due penalità quasi consecutive (con 11” a 5 contro 3) che fruttano unicamente una grossa occasione (di Heim) agli ospiti, ma che un gol lo partoriscono comunque. A firmarlo è però il Lugano, con Jospehs che raccolto un disco respinto da Fatton, parte a testa bassa e va a battere Conz sul versante opposto della pista.

Non bastasse la rete in shorthand, l’Ambrì incassa poi un altro durissimo colpo, quando al 42’25” un tiro di Loeffel sporcato ad Jospehs porta il parziale sul 3-1: quella doppietta che il numero 19 bianconero piazza a cavallo della seconda pausa vale quasi come un’ipoteca per gli uomini di McSorley. Sebbene a quel punto la partita abbia perso gran parte della sua suspence, gli ospiti non vogliono saperne di arrendersi, e continuano a macinare gioco. Ma col passare dei minuti stanchezza e frustrazione prendono il sopravvento: la partita si fa spigolosa, e i giocatori dell’Ambrì perdono un po’ il bandolo della matassa, gravandosi di diverse penalità. Quanto basta ad Arcobello per classare la pendenza con il punto del 4-1, prima di un finale in cui i nervi saltano del tutto, sfociando in una bagarre collettiva (i più attivi sono Traber e Walker da una parte e Heim e Fohrler dall’altra).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
derby hc ambrì piotta hc lugano hockey national league

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved