due-guizzi-di-josephs-decidono-il-sesto-e-ultimo-derby
Arcobello, Morini e Fazzini festeggiano così il gol del pareggio, al 15’38’’ (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Serie A
1 ora

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
8 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
10 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
11 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
11 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
12 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
13 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
13 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
14 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
14 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
15 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
15 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
15 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
gallery
hockey
15 ore

Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall

La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
22 ore

I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo

Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
1 gior

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
Hockey
1 gior

Anche la Slovacchia è kappaò: la Svizzera prenota i quarti

Hischier e compagni stavolta vincono per 5-3, festeggiando il loro quarto successo in altrettante partite. La strada, adesso, è praticamente spianata
CALCIO
1 gior

‘C’è una Coppa da fotografare’: il gioioso assalto a Cornaredo

Migliaia di tifosi alla festa in onore dell’Fc Lugano, tra autografi e selfie con giocatori, staff e trofeo. Dalle 13.30 alle 17.30 un’interminabile fila
CALCIO
1 gior

Il Bellinzona può tentare l’impresa

Il Breitenrain non sarà promosso, per problemi allo stadio. Che al Comunale vanno risolti
27.01.2022 - 22:13

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica

È il canadese Troy Josephs il principale protagonista nel derby numero 245 della storia. In un giovedì sul ghiaccio della Cornèr Arena che si apre subito con una sorpresa: costretto a far senza l’infortunato Niklas Schlegel, McSorley decide infatti di rinnovare la fiducia a quel Thibault Fatton entrato in pista in fretta e furia all’inizio del quarto minuto martedì a Zugo per sostituire il portiere titolare, rinunciando così a schierare il canadese Irving, preservando di fatto il quartetto di giocatori stranieri all’attacco. In un lineup in cui la principale novità è l’inversione nei blocchi tra Fazzini e Boedker, con il primo che per l’occasione torna a far coppia con Mark Arcobello. Sul fronte Ambrì, invece, dopo la buona prova dell’altra sera a Zurigo Luca Cereda decide di riproporre praticamente il medesimo lineup, pur se il coach biancoblù sceglie di girare a 7 difensori e 13 attaccanti, con Incir che torna in formazione nel ruolo di tredicesimo attaccante.

Non appena gli arbitri buttano il puck sul ghiaccio, la partita comincia subito ad animarsi. E ben presto fioccano le prime occasioni: sul fronte bianconero è Loeffel a provare a sganciarsi, ma il servizio di Boedker non arriva. Poi tocca a Kostner andare vicinissimo al gol, imitato poco dopo da un doppio tentativo di Boedker prima e Bertaggia poi. Finché, al 6‘18‘’, il risultato si sblocca davvero: ingaggio vinto dal Lugano nel terzo biancoblù, ma il tiro di Wolf si spegne sui pattini di Moses, e l’involontaria sponda del numero 35 si trasforma nel migliore degli assist per Brandon McMillan, che parte solo soletto ad affrontare Fatton, superato con un micidiale polsino nell’angolo. I bianconeri provano subito a rimediare, e al 9’45’’ si ritrovano con un uomo in più per una trattenuta fischiata a Fischer, penalità che scivola via senza grossi pericoli per Conz. Il pericolo vero, invece, lo corre poco dopo Fatton, quando il Lugano non riesce a liberare il proprio terzo, e un tocco illuminante di Zwerger smarca Pestoni davanti alla porta, e il topscorer biancoblù colpisce un clamoroso palo a botta sicura, al 13’04’’. Poi, però, un errore lo commette anche l’Ambrì, che pasticcia all’altezza della blu, con Bürgler che non riesce ad agganciare il puck, e il Lugano con tre tocchi ‘di prima’ arriva in porta: Fazzini per Morini e da lì ad Arcobello, il quale ruba il tempo all’incolpevole Conz: è l’1-1 al 15’38’’. Gli uomini di McSorley continuano a premere, e al 17’48’’ i biancoblù devono far fronte a un’altra inferiorità numerica, che riescono nuovamente a superare senza apprensioni.

Apprensioni che, invece, colpiscono Thibault Fatton subito in avvio di periodo centrale: il ventenne portiere neocastellano esce dietro la propria gabbia e tentenna al momento di giocare il disco e per poco non si fa beffare dal solito McMillan. Oltretutto, rischiando in un secondo tempo di toccare nella propria porta con il bastone il secondo tentativo di Trisconi. Sul fronte opposto, invece, è Herburger a provarci, ma in mezzo a quattro biancoblù l’austriaco non riesce a concludere. Un po’ la stessa cosa che capita al 25’50’’ a Peter Regin, partito in break dopo che lui e McMillan avevano preso in contropiede Arcobello e Loeffel, ma il ritorno del capitano statunitense del Lugano davanti a Fatton è decisivo. Così un paio di minuti dopo, sul fronte biancoblù, è decisivo Benjamin Conz, che sceglie benissimo il tempo per uscire dai pali e tuffarsi in anticipo su un Arcobello che non riesce a controllare bene un astuto disco buttato in avanti da Alatalo. Al 34‘36’’, invece, gli uomini di Cereda beneficiano della loro prima superiorità numerica. Che per undici secondi è pure doppia, quando Riva colpisce al volo Kostner, mentre sulla panchina dei cattivi già c’è Guerra per una trattenuta. Tuttavia, non solo i biancoblù non riescono a sfruttare l’occasione, nonostante una ghiottissima occasione capitata a Heim, ma a 1’28’’ dalla fine della seconda sanzione si fanno colpire in contropiede: fa tutto Troy Josephs, che dopo aver tolto il puck dal bastone di McMillan in zona offensiva, risale tutta la pista e dopo aver superato Fora con una finta mette il puck dove Conz non può arrivare.

Una nuova penalità sul fronte del Lugano (a Loeffel, per sgambetto, al 38‘43’’) permette ai biancoblù di chiudere il secondo tempo e iniziare il terzo con un uomo in più. Nonostante un’altra buona occasione sul conto dell’attivissimo Heim, l’Ambrì non riesce a sfruttare l’opportunità. E poco dopo Conz è costretto a dire di no a due riprese ai tentativi di Fazzini. Il numero 1 biancoblù, però, al 42’42’’ nulla può su un altro tocco di Josephs: slap dalla linea blu di Loeffel, poi con il corpo il canadese numero 19 tocca imparabilmente davanti al giurassiano, il quale poi se la prende con il proprio bastone, provando a frantumarlo sulla porta. Nonostante i padroni di casa trovino ancora un quarto gol con Arcobello (in powerplay, al 54’01’’) è il punto del 3-1 quello che decide il sesto derby. Che, a questo punto, potrebbe anche essere l’ultimo di questa stagione.

Lugano - Ambrì Piotta (1-1 1-0 2-0) 4-1

Reti: 6’18" McMillan 0-1. 15’38" Arcobello (Morini, Fazzini) 1-1. 36’57" Josephs (esp. Riva!) 2-1. 42’42" Josephs (Loeffel, Müller) 3-1. 54’01" Arcobello (Thürkauf, Carr/esp. McMillan) 4-1.

Lugano: Fatton; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Wolf; Carr, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Arcobello, Morini; Boedker, Herburger, Bertaggia; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.

Ambrì Piotta: Conz; Hietanen, Burren; Fora, Isacco Dotti; Fohrler, Zaccheo Dotti; Fischer; Trisconi, Kostner, Bianchi; Moses, Regin, McMillan; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, Zwerger.

Arbitri: Stricker, Hürlimann; Steenstra (Can), Wolf.

Note: 5’669 spettatori. Penalità: 7 x 2’ più 2 x 10’ (Traber, Walker) contro il Lugano; 8 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 40-24 (12-11, 9-12, 18-2). Lugano privo di Fadani, Herren, Schlegel (infortunati), Irving, Nodari (soprannumero). Ambrì senza Hächler (infortunato), D’Agostini, Dal Pian, Neuenschwander e Pezzullo (soprannumero). Palo di Pestoni al 13’04”. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Troy Josephs e Noele Trisconi.

Leggi anche:

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chris mcsorley cornèr arena derby hc lugano hcap luca cereda lugano ambrì

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved