Giappone
2
Spagna
1
fine
(0-1)
Costa Rica
2
Germania
4
2. tempo
(0-1)
Berna
4
Langnau
2
3. tempo
(0-2 : 2-0 : 2-0)
Losanna
2
Bienne
4
3. tempo
(1-1 : 1-2 : 0-1)
Ginevra
2
Zugo
3
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 1-2)
GCK Lions
6
Winterthur
2
3. tempo
(1-1 : 2-1 : 3-0)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5769
2
HC Aspi Capitals
5696
3
HC Kaski Male
5643
4
HC TUT-TUT
5576
5
Team Belozoglu
5471
6
HCbierrafeu
5470
7
LucHC Lions
5469
8
GregBeaud
5448
9
HC Klo10Flies
5436
10
Chop
5413
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
5 min

Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan

Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
2 ore

Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario

L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
3 ore

Per la Svizzera è giunta l’ora della verità

Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
3 ore

Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo

Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
3 ore

Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio

La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
4 ore

Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel

Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
SPORTS AWARDS
5 ore

Noè, Lara e gli altri dei di Olimpia tra i finalisti di Zurigo

Anche i due ticinesi nominati per la serata di Gala dell’11 dicembre, dove verranno eletti i successori di Marco Odermatt e Belinda Bencic
Ciclismo
6 ore

I Giochi cancellano i Campi Elisi: nel 2024 arrivo a Nizza

Presentata un’anteprima dell’edizione di una Grande Boucle che sarà nell’ombra delle Olimpiadi. E che per la prima volta scatterà dall’Italia, da Firenze
Qatar 2022
9 ore

Elvedi e Sommer non si sono allenati

Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
16 ore

I segreti dei suoi occhi

Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
23 ore

In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez

Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
1 gior

Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento

Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
1 gior

L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale

I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
1 gior

Pelé di nuovo ricoverato

O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
1 gior

Remco Evenepoel al Giro, per lui niente Tour

Il campione del mondo belga ha fatto la sua scelta, anche in considerazione del fatto che in Italia avrà a disposizione 70 km a cronometro
CICLISMO
1 gior

Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion

Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
1 gior

In silenzio Xhaka e Shaqiri

L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
1 gior

La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi

Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior

Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere

Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
27.01.2022 - 22:13

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica

due-guizzi-di-josephs-decidono-il-sesto-e-ultimo-derby
Arcobello, Morini e Fazzini festeggiano così il gol del pareggio, al 15’38’’ (Ti-Press/Golay)

È il canadese Troy Josephs il principale protagonista nel derby numero 245 della storia. In un giovedì sul ghiaccio della Cornèr Arena che si apre subito con una sorpresa: costretto a far senza l’infortunato Niklas Schlegel, McSorley decide infatti di rinnovare la fiducia a quel Thibault Fatton entrato in pista in fretta e furia all’inizio del quarto minuto martedì a Zugo per sostituire il portiere titolare, rinunciando così a schierare il canadese Irving, preservando di fatto il quartetto di giocatori stranieri all’attacco. In un lineup in cui la principale novità è l’inversione nei blocchi tra Fazzini e Boedker, con il primo che per l’occasione torna a far coppia con Mark Arcobello. Sul fronte Ambrì, invece, dopo la buona prova dell’altra sera a Zurigo Luca Cereda decide di riproporre praticamente il medesimo lineup, pur se il coach biancoblù sceglie di girare a 7 difensori e 13 attaccanti, con Incir che torna in formazione nel ruolo di tredicesimo attaccante.

Non appena gli arbitri buttano il puck sul ghiaccio, la partita comincia subito ad animarsi. E ben presto fioccano le prime occasioni: sul fronte bianconero è Loeffel a provare a sganciarsi, ma il servizio di Boedker non arriva. Poi tocca a Kostner andare vicinissimo al gol, imitato poco dopo da un doppio tentativo di Boedker prima e Bertaggia poi. Finché, al 6‘18‘’, il risultato si sblocca davvero: ingaggio vinto dal Lugano nel terzo biancoblù, ma il tiro di Wolf si spegne sui pattini di Moses, e l’involontaria sponda del numero 35 si trasforma nel migliore degli assist per Brandon McMillan, che parte solo soletto ad affrontare Fatton, superato con un micidiale polsino nell’angolo. I bianconeri provano subito a rimediare, e al 9’45’’ si ritrovano con un uomo in più per una trattenuta fischiata a Fischer, penalità che scivola via senza grossi pericoli per Conz. Il pericolo vero, invece, lo corre poco dopo Fatton, quando il Lugano non riesce a liberare il proprio terzo, e un tocco illuminante di Zwerger smarca Pestoni davanti alla porta, e il topscorer biancoblù colpisce un clamoroso palo a botta sicura, al 13’04’’. Poi, però, un errore lo commette anche l’Ambrì, che pasticcia all’altezza della blu, con Bürgler che non riesce ad agganciare il puck, e il Lugano con tre tocchi ‘di prima’ arriva in porta: Fazzini per Morini e da lì ad Arcobello, il quale ruba il tempo all’incolpevole Conz: è l’1-1 al 15’38’’. Gli uomini di McSorley continuano a premere, e al 17’48’’ i biancoblù devono far fronte a un’altra inferiorità numerica, che riescono nuovamente a superare senza apprensioni.

Apprensioni che, invece, colpiscono Thibault Fatton subito in avvio di periodo centrale: il ventenne portiere neocastellano esce dietro la propria gabbia e tentenna al momento di giocare il disco e per poco non si fa beffare dal solito McMillan. Oltretutto, rischiando in un secondo tempo di toccare nella propria porta con il bastone il secondo tentativo di Trisconi. Sul fronte opposto, invece, è Herburger a provarci, ma in mezzo a quattro biancoblù l’austriaco non riesce a concludere. Un po’ la stessa cosa che capita al 25’50’’ a Peter Regin, partito in break dopo che lui e McMillan avevano preso in contropiede Arcobello e Loeffel, ma il ritorno del capitano statunitense del Lugano davanti a Fatton è decisivo. Così un paio di minuti dopo, sul fronte biancoblù, è decisivo Benjamin Conz, che sceglie benissimo il tempo per uscire dai pali e tuffarsi in anticipo su un Arcobello che non riesce a controllare bene un astuto disco buttato in avanti da Alatalo. Al 34‘36’’, invece, gli uomini di Cereda beneficiano della loro prima superiorità numerica. Che per undici secondi è pure doppia, quando Riva colpisce al volo Kostner, mentre sulla panchina dei cattivi già c’è Guerra per una trattenuta. Tuttavia, non solo i biancoblù non riescono a sfruttare l’occasione, nonostante una ghiottissima occasione capitata a Heim, ma a 1’28’’ dalla fine della seconda sanzione si fanno colpire in contropiede: fa tutto Troy Josephs, che dopo aver tolto il puck dal bastone di McMillan in zona offensiva, risale tutta la pista e dopo aver superato Fora con una finta mette il puck dove Conz non può arrivare.

Una nuova penalità sul fronte del Lugano (a Loeffel, per sgambetto, al 38‘43’’) permette ai biancoblù di chiudere il secondo tempo e iniziare il terzo con un uomo in più. Nonostante un’altra buona occasione sul conto dell’attivissimo Heim, l’Ambrì non riesce a sfruttare l’opportunità. E poco dopo Conz è costretto a dire di no a due riprese ai tentativi di Fazzini. Il numero 1 biancoblù, però, al 42’42’’ nulla può su un altro tocco di Josephs: slap dalla linea blu di Loeffel, poi con il corpo il canadese numero 19 tocca imparabilmente davanti al giurassiano, il quale poi se la prende con il proprio bastone, provando a frantumarlo sulla porta. Nonostante i padroni di casa trovino ancora un quarto gol con Arcobello (in powerplay, al 54’01’’) è il punto del 3-1 quello che decide il sesto derby. Che, a questo punto, potrebbe anche essere l’ultimo di questa stagione.

Lugano - Ambrì Piotta (1-1 1-0 2-0) 4-1

Reti: 6’18" McMillan 0-1. 15’38" Arcobello (Morini, Fazzini) 1-1. 36’57" Josephs (esp. Riva!) 2-1. 42’42" Josephs (Loeffel, Müller) 3-1. 54’01" Arcobello (Thürkauf, Carr/esp. McMillan) 4-1.

Lugano: Fatton; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Wolf; Carr, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Arcobello, Morini; Boedker, Herburger, Bertaggia; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.

Ambrì Piotta: Conz; Hietanen, Burren; Fora, Isacco Dotti; Fohrler, Zaccheo Dotti; Fischer; Trisconi, Kostner, Bianchi; Moses, Regin, McMillan; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, Zwerger.

Arbitri: Stricker, Hürlimann; Steenstra (Can), Wolf.

Note: 5’669 spettatori. Penalità: 7 x 2’ più 2 x 10’ (Traber, Walker) contro il Lugano; 8 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 40-24 (12-11, 9-12, 18-2). Lugano privo di Fadani, Herren, Schlegel (infortunati), Irving, Nodari (soprannumero). Ambrì senza Hächler (infortunato), D’Agostini, Dal Pian, Neuenschwander e Pezzullo (soprannumero). Palo di Pestoni al 13’04”. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Troy Josephs e Noele Trisconi.

Leggi anche:

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved