S.Gallo
3
Servette
0
fine
(2-0)
Sassuolo
1
Atalanta
0
fine
(0-0)
Berna
4
Bienne
0
fine
(2-0 : 0-0 : 2-0)
Ajoie
2
Losanna
1
fine
(0-0 : 1-1 : 0-0 : 1-0)
Davos
6
Langnau
3
fine
(3-2 : 2-1 : 1-0)
Lakers
3
Zugo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Lugano
5
Kloten
3
fine
(0-0 : 2-1 : 3-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10357
2
LucHC Lions
10208
3
Sparta Becherovka
9980
4
TrigoAce1
9862
5
thibault_gav
9820
6
FHM2223
9805
7
HC Kaski Male
9747
8
Team Belozoglu
9747
9
Team7
9647
10
Chop
9621
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
52 min

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
1 ora

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
9 ore

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
22 ore

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
22 ore

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
23 ore

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 gior

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 gior

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
1 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
1 gior

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
1 gior

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
1 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
1 gior

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
1 gior

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
22.01.2022 - 22:36

Steso il Berna in rimonta: il Lugano torna in corsa

Sotto di due reti, i bianconeri rifanno superficie e grazie alle trasformazioni di Arcobello e Loeffel trovano il sucesso ai rigori

steso-il-berna-in-rimonta-il-lugano-torna-in-corsa
Ti-Press
Varone alle prese con Walker

È un sabato sera di tensione alla Cornèr Arena, dove in scena va una partita da non perdere, per un motivo o per l’altro, tanto dal Lugano quanto dal Berna. Perché i tre punti in palio fanno gola tanto ai bianconeri, impegnati nella rincorsa all’accesso diretto ai playoff, quanto agli Orsi, dal canto loro obbligati al successo per evitare il sorpasso dell’Ambrì Piotta nella lotta per l’accesso ai pre-playoff. Vista la posta in palio, la partita inizia con entrambe le compagini logicamente guardinghe, poco propense a sbilaniarsi in avanti. La squadra che spinge di più nella prima frazione è però quella di McSorley, che si crea il maggior numero di opportunità per passare in vantaggio, in particolare quando al nono minuto e spiccioli Thürkauf con un tiro al volo su ottimo passaggio di Alatalo centra il palo alla sinistra di Wüthrich. A passare per primo, pochi minuti dopo, è però il Berna, che in una delle rare puntate a rete sblocca lo 0-0 iniziale con Kast, lasciato libero da una difesa nella circostanza mal piazzata. I primi venti minuti si esauriscono con il Lugano alla ricerca del pareggio, ma incapace di concretizzare una superiorità numerica.

I secondi venti minuti si aprono con una doccia fretta per il Lugano, che dopo nemmeno un minuto si ritrova in doppio svantaggio per effetto del raddoppio bernese siglato da Conacher su centro rasoghiaccio di Henauer. Il Lugano sembra accusare il colpo, e per qualche minuto subisce la pressione degli ospiti, che sembrano voler insistere. Ma la fase si chiude senza altre segnature per gli uomini di Lundskog. Poi, nel corso di un periodo centrale particolarmente spezzettato, i padroni di casa iniziano gradatamente a prendere il comando delle operazioni. E dopo una terza opportunità di giocare con l’uomo in più, gli uomini di McSorley trovano il modo di accorciare le distanze con un tiro di Fazzini. A quel punto i bianconeri sembrano avere una marcia in più, e Carr sfiora anche il pareggio costringendo Wüthrich a salvarsi con l’aiuto del palo. Il coach degli Orsi tira il campanello d’allarme e chiama il timeout. Ma la musica non cambia fino alla seconda pausa, tanto che Wüthrich a 32 secondi dalla seconda sirena deve fare un numero dei suoi per parare con la ‘pinza’ un tiro angolato ancora di Fazzini.

Il terzo tempo si apre con una penalità fischiata a Riva (per bastone alto); il Berna non ne cava granché, ma in uscita dal powerplay, Conacher va a impegnare Schlegel, e sulla sua respinta Varone, arrivato a rimorchio, manca clamorosamente il punto dell’1-3. Scampato il pericolo, i bianconeri tornano a spingere, andando a impegnare più volte Wüthrich (in particolare con Morini e Loeffel). Che poi, al 50’20" si salva anche con una buona dose di fortuna quando in una mischia furibonda Thürkauf a botta sicura colpisce la sua schiena. Niente da fare nemmeno stavolta: il 2-2, che a questo punto sarebbe più che meritato, non arriva. Fino a quando Thürkauf, al termine di un’altra mischia, trova il modo di infilare il disco in rete. Gol che in un primo tempo gli arbitri annullano ma per una presunta ostruzione sul portiere, ma che dopo il coach challenge chiesto dal Lugano confermano. Nei restanti 4’46" prima della terza sirena è ancora la formazione di casa a cercare con più convinzione la via del gol, ma i tempi regolamentari si chiudono senza altre segnature, ma con lo stesso autore del 2-2 sulla panchina dei penalizzati (e con Müller che proprio allo scadere rimedia 10’ disciplinari). Superiorità numerica che il Berna però non sfrutta per chiudere il match. Per decretare un vincitore della partita si rendono dunque necessari i rigori, dove a fare la differenza sono le reti di Arcobello e Loeffel (contro il solo gol di Thomas).

Lugano - Berna d.r. (0-1 1-1 1-0 0-0; 1-0) 3-2

Reti: 12’23" Kast (Praplan, Fahrni/pen. diff. contro il Lugano) 0-1. 20’58" Conacher (Henauer, Thomas) 0-2. 33’45" Fazzini 1-2. 55’14" Thürkauf 2-2. Rigori: Varone -, Arcobello 1-0; Fahrni 1-0, Fazzini 1-0; Conacher 0-1, Loeffel 2-0; Thomas 2-1, Carr 2-1; Untersander 2-1.

Lugano: Schlegel; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Wolf; Fazzini, Thürkauf, Bertaggia; Carr, Arcobello, Josephs; Boedker, Herburger, Morini; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.

Berna: Wüthrich; Untersander, Henauer; Thiry, Colin Gerber; Pinana, Beat Gerber; Hänggi; Berger, Neuenschwander, Sciaroni; Conacher, Varone, Thomas; Praplan, Fahrni, Kast; Dähler, Näf, Fuss; Bader.

Arbitri: Lemelin (Can), Borga; Altmann, Urfer.

Note: 4’646 spettatori. Penalità: 5 x 2’ più 1 x 10’ (Müller) contro il Lugano; 4 x 2’ contro il Berna. Tiri in porta: 54-34 (10-7, 19-10, 20-11, 5-5). Lugano senza Herren (infortunato), Irving e Nodari (soprannumero); Berna privo di Jeffrey, Scherwey (infortunati), Andersson, Jeremi Gerber, Moser e Kahun (ammalati). Pali: 9’02" Thürkauf, 37’11" Carr. Timeout Berna al 37’35”. Premiati quali migliori in pista Troy Jospehs e Philip Wüthrich.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved