decide-un-gol-di-rajala-e-il-lugano-mastica-amaro
Arcobello anticipa tutti in tuffo e mette il primo disco alle spalle di Van Pottelberghe (Ti-Press/Gianinazzi)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Serie A
1 ora

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
8 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
10 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
11 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
11 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
12 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
13 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
13 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
14 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
14 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
15 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
15 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
15 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
gallery
hockey
15 ore

Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall

La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
22 ore

I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo

Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
1 gior

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
16.01.2022 - 18:10
Aggiornamento : 20:59

Decide un gol di Rajala, e il Lugano mastica amaro

Weekend a secco per i bianconeri di Chris McSorley, beffati nel finale da un tiro del finlandese del Bienne dopo lo scivolone della sera prima a Zugo

Nemmeno ventiquattr’ore dopo la cocente disfatta sul ghiaccio di Zugo e il Lugano di McSorley è già in pista in cerca di riscatto, in un’altra sfida delicata contro il Bienne, che Chris McSorley decide di affrontare con la medesima squadra vista all’opera la sera prima.
Il pomeriggio alla Cornèr Arena si apre subito con un episodio davvero curioso: al 3’24’’ Arcobello mette un puck sulla porta ospite, e nonostante quel disco finisca sul lato posteriore della gabbia, improvvisamente (e assai improbabilmente, da quella posizione) finisce in gol, con Daniel Carr che è l’unico ad alzare subito le mani al cielo, davanti a un incredulo Van Pottelberghe. Basta però dare un’occhiata alle immagini per capire cos’è successo: sotto la pressione di Troy Josephs, Gaëtan Haas s’appoggia alla gabbia quel tanto che basta per farla alzare, permettendo così al puck di transitarvi sotto.

Al gol, quello vero, è però soltanto questione di (poco) tempo, in un avvio di partita in cui è il Lugano a far girare il disco e a spingere con insistenza sulla porta ospite: appoggio dalla blu di Romain Loeffel, Van Pottelberghe si fa sorprendere e rilascia il disco davanti ad Arcobello, che è lesto a infilare: è l’1-0 al 6’12’’. Con il passare del tempo, però, anche il Bienne comincia a farsi vedere sul fronte offensivo, e dopo aver dovuto chiudere la porta in faccia a Hofer, negli istanti finali Schlegel deve dire di no a un pericoloso doppio tentativo di Lööv e Brunner.

Nel periodo centrale il Lugano si mette subito a fare pressione: prima ci prova Fazzini, il cui tiro non è però quello che lui vorrebbe, poi è il turno di Morini. Il Bienne, però, trascinato dalla linea di Brunner, Cunti e Künzle non sta certo a guardare, anche se il Lugano dietro non si fa mai prendere in velocità, con i seeländer che il più delle volte sono costretti a girare al largo, lontani dallo slot. Salvo in un’occasione, quella che porta al gol del pareggio, al 34’37’’, quando gli ospiti prendono i ticinesi in velocità, e Mike Künzle solo soletto sul secondo palo deve solo appoggiare in rete il tocco di Stampfli. Invece di subire il colpo, però, il Lugano non si scompone. E dopo aver superato indenne una penalità inflitta a Morini, proprio grazie a un puck riconquistato dall’attaccante numero 23 riesce a trovare il modo di riportarsi in vantaggio, grazie all’involontaria complicità del portiere bernese: dopo un primo tentativo del citato Morini e un secondo di Thürkauf, Van Pottelberghe non sa di avere il disco sotto i suoi gambali, e mentre si gira per controllare dov’è finito quel puck, in pratica lo consegna all’accorrente Arcobello, che firma il 2-1 al 37’59’’.

Non appena comincia il terzo tempo, il Bienne prova subito a buttarsi all’attacco, al cospetto di un Lugano che a differenza dei bernesi, a riposo la sera prima, deve anche fare i conti con la gestione delle energie. E per Schlegel cominciano ad arrivare i pericoli: prima Lööv, poi Grossmann, quindi Sallinen. E alla fine arriva anche il pareggio, durante una penalità fischiata a Josephs per una trattenuta davvero inutile in zona offensiva: è il 47’21’’ quando il portiere bianconero deve capitolare su una conclusione dalla distanza di Yakovenko. Com’era già successo in occasione dell’1-1, però, i ticinesi non si scoraggiano e si rimettono al lavoro. Al 53‘20’’, però, una seconda penalità sul conto di Josephs (per un bastone alto ai danni di Künzle che ha fatto discutere) offre una nuova opportunità agli uomini di Anti Törmanen, che si portano per la prima volta in vantaggio grazie a un polsino chirurgico di Rajala, nel “sette”. E quel gol, pesantissimo, è quello che tutto decide. Nonostante il Lugano nel finale, poco prima di una penalità inflitta a Lööv, con un paio di conclusioni ravvicinate, su tutta quella di Herburger, arrivi a un niente dal pareggio in extremis. Ciò che rende la sconfitta ancora più dura.

Lugano - Bienne (1-0 1-1 0-2) 2-3
Reti: 6’12’’ Arcobello (Loeffel, Carr) 1-0. 34’37’’ Künzle (Stampfli, Cunti) 37’59’’ Arcobello (Thürkauf, Morini) 2-1. 47’21’’ Yakovenko (Sallinen, Rajala/esp. Josephs) 2-2. 54’24’’ Rajala (Yakovenko, Haas/esp. Josephs) 2-3.
Lugano: Niklas Schlegel; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Wolf; Nodari; Josephs, Arcobello, Carr; Morini, Herburger, Boedker; Fazzini, Thürkauf, Bertaggia; Traber, Walker, Stoffel; Vedova.
Bienne: Van Pottelberghe; Stampfli, Lööv; Grossmann, Yakovenko; Forster, Schneeberger; Delémont; Hischier, Haas, Rajala; Hofer, Sallinen, Kessler; Kohler, Froidevaux, Trettenes; Brunner, Cunti, Künzle.
Arbitri: Wiegand, Ströbel; Dominik Schlegel, Kehrli.
Note: 3’602 spettatori. Penalità: 6 x 2’ + penalità di partita (Loeffel, al 60’00’’) contro il Lugano; 3 x 2’ contro il Bienne. Tiri: 31-34 (13-10, 12-9, 6-15). Lugano privo di Herren (infortunato), Guerra (ammalato) e Leland (straniero in soprannumero); Bienne senza Fey, Rathgeb, Hügli (infortunati), Tanner (in soprannumero), Korpikoski e Karaffa (ammalati). Al 59’29’’ timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere dal 57’46’’ al 58’47’’ e dal 59’21’’ fino al termine. Premiati a fine partita Mark Arcobello e Viktor Lööv.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved