GOLUBIC V. (SUI)
0
DODIN O. (FRA)
0
1 set
(3-4)
Germania
1
Danimarca
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
Gran Bretagna
0
Stati Uniti
3
fine
(0-0 : 0-1 : 0-2)
Repubblica Ceca
Lettonia
19:20
 
a-zugo-per-il-lugano-non-e-davvero-serata
Josephs mostra i muscoli, ma non basta: piuttosto mancano le reti (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
15 min

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
40 min

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
57 min

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
1 ora

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
2 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
2 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
2 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
3 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
gallery
hockey
3 ore

Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall

La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
9 ore

I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo

Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
12 ore

Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne

Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
Hockey
20 ore

Anche la Slovacchia è kappaò: la Svizzera prenota i quarti

Hischier e compagni stavolta vincono per 5-3, festeggiando il loro quarto successo in altrettante partite. La strada, adesso, è praticamente spianata
15.01.2022 - 22:05

A Zugo per il Lugano non è davvero serata

Quattro reti nel solo secondo tempo, contro un avversario a cui riesce praticamente tutto, segnano le sorti dei bianconeri sul ghiaccio dei campioni

Quattro reti in un solo tempo affossano il Lugano. Che sull’ostica pista di Zugo decide di ripresentarsi sul ghiaccio con la medesima formazione sconfitta mercoledì sera dallo Zurigo, mentre i campioni svizzeri ritrovano invece il loro leader offensivo Lino Martschini, schierato a fianco di Kovar e del ticinese Simion. Dovrà invece ancora pazientare un poco Grégory Hofmann prima di festeggiare il suo ritorno sulle piste svizzere, dopo la sua improvvisa partenza da Columbus.

Lugano parte subito forte, ed è immediatamente pericoloso con Fazzini, che fa subito venire i brividi a Hollenstein. Ma proprio mentre i bianconeri sembrano in grado di dettare il ritmo alla partita, arriva l’occasione più clamorosa di tutte, già al quarto minuto, ed è sul conto dello Zugo: dimenticato da tutti davanti a Schlegel, Dario Simion viene liberato da un astuto tocco di Djoos, ma riesce nell’impresa di colpire clamorosamente i due pali, con altrettante conclusioni, nell’incredulità generale. Per gli svizzerocentrali l’appuntamento con il gol è però solo rinviato: un appoggio fuori misura di Kreis finisce contro la balaustra e si trasforma nel migliore degli assist per lo svedese Klingberg, che ribadisce in rete a botta sicura. E lo Zugo non smette di spingere, con Marco Müller, futuro bianconero fra qualche mese, che avrebbe sul bastone il disco buono per radddoppiare, ma manca l’opportunità. Poi la partita torna a farsi equilibrata, e il Lugano che va alla pausa sotto di una rete è perfettamente in partita.

Per i ticinesi, però, le cose precipitano nel periodo centrale. Già nel secondo minuto, quando Loeffel si fa sorprendere da un tocco un po‘ corto dietro la porta di Mirco Müller, e Klingberg si avventa sul puck come il più letale dei cecchini, battendo Schlegel sul palo più distante dopo l’aggiramento della gabbia. Non passano che trentanove secondi e lo Zugo si porta subito sul 3-0: Alatalo e Riva non si capiscono sulla linea blu offensiva, e dopo il vano tentativo di recupero del ticinese, il tiro fuori bersaglio di Leuenberger trova nuovamente un aiutino dalle assi di fondo, esattamente come in occasione dell’1-0 di Klingberg, e Suri brucia Schlegel sul tempo. È il gol di troppo per il portiere zurighese, rilevato tra i pali dal giovane Fatton. Il Lugano darà tutt’altra impressione di chi si lascia andare, ma nel finale è comunque costretto a sprofondare nuovamente sotto i colpi di uno Zugo che segna altre due volte in poco meno di cinquanta secondi: prima il 4-0 di Herzog al 33’45’’, in powerplay, che sfrutta un fortuito tocco col pattino di Wolf, poi il 5-0 di Lander dopo involontaria deviazione di Morini...

Inutile dire che, a quel punto, la partita è ampiamente giocata. Per un Lugano che domani pomeriggio proverà subito a rifarsi sul ghiaccio della Cornèr Arena contro il Bienne, in un duello che avrà quasi il peso di un esame di riparazione.

Zugo - Lugano (1-0 4-0 0-0) 5-0
Reti:
5’37’’ Klingberg (Kreis) 1-0. 21’34’’ Klingberg 2-0. 22’13’’ Suri (De Nisco) 3-0. 33’45’’ Herzog (Zehnder) 4-0. 34’33’’ Lander (Allenspach) 5-0.
Zugo: Hollenstein; Schlumpf, Kreis; Cadonau, Djoos; Hansson, Wüthrich; Nussbaumer; Martschini, Kovar, Simion; Klingberg, Senteler, Zehnder; Marco Müller, Lander, Herzog; Suri, Leuenberger, De Nisco; Allenspach.
Lugano: Schlegel (dal 22’13’’ Fatton); Loeffel, Mirco Müller; Alatalo, Riva; Nodari, Wolf; Chiesa; Fazzini, Thürkauf, Bertaggia; Carr, Arcobello, Josephs; Morini, Herburger, Boedker; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.
Arbitri: Piechaczek (Ger), Dipietro; Obwegeser, Meusy.
Note: 4’098 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro lo Zugo; 5 x 2’ contro il Lugano. Tiri in porta: 42-40 (10-11, 18-10, 14-19). Zugo privo di Bachofner, Stadler, Gross (infortunati) e Hofmann (in soprannumero); Lugano senza Herren (infortunato), Guerra (ammalato) e Leland (straniero in soprannumero). Pali: 29’10’’ Thürkauf, 39’40’’ Fazzini. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Carl Klingberg e Thibault Fatton.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bossardarena evz gregory hofmann hc lugano hcl zugo lugano

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved